La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

27 GENNAIO 2009 S.MESSA nel Parrocchia S.Maria Assunta -Madonnetta di Sarcedo-

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "27 GENNAIO 2009 S.MESSA nel Parrocchia S.Maria Assunta -Madonnetta di Sarcedo-"— Transcript della presentazione:

1 27 GENNAIO 2009 S.MESSA nel Parrocchia S.Maria Assunta -Madonnetta di Sarcedo-

2 27 GENNAIO : IL GIORNO della MEMORIA Il 27 gennaio si celebra La Giornata della Memoria. E una giornata speciale, una giornata dedicata al ricordo della Shoah, lo sterminio del popolo ebraico. Una giornata per ricordare che tanti anni fa, durante la seconda guerra mondiale, milioni di uomini, donne e bambini sono stati perseguitati con le leggi razziali e poi strappati alla loro vita e portati nei lager da dove, solo in pochi sono tornati. E un pezzo agghiacciante della nostra storia ed è importante non dimenticarla

3 Atto Penitenziale

4 AUSCHWITZ …..Scusa Signore,se bussiamo alle porte del tuo cuore siamo noi….

5 DEPORTAZIONE Scusa, Signore, se chiediamo mendicanti dellamore, un ristoro da Te….

6 I LAGER ….Così la foglia quando è stanca cade giù…ma poi la terra ha una vita sempre in più…….

7 … così la gente quando è stanca vuole Te.. e Tu, Signore,hai una vita sempre in più…sempre in più!

8 Scusa, Signore,se entriamo nella reggia della luce..…siamo noi…..

9 Scusa Signore, se sediamo alla mensa del tuo corpo per saziarci di Te……

10 Scusa,Signore, quando usciamo dalla strada del tuo amore…siamo noi …

11 Scusa, Signore, se ci vedi solo allora del perdono ritornare da Te…..

12

13 2 Re 25, 1-7

14 Salmo Responsoriale Ripetiamo insieme:

15 Lungo i fiumi di Babilonia sedevamo in pianto ricordandoci di Sion. Sospese ai pioppi di quella terra tenevamo le nostre cetre.

16 Sì, là ci chiesero parole di canto quelli che ci avevano deportati, canzoni di giubilo quelli che ci tenevano oppressi:Cantateci dei canti di Sion.Come cantare i canti del Signore in terra straniera?

17 Se mi dimenticassi di te Gerusalemme, sinaridisca la mia destra;sattacchi al palato la mia lingua, se non mi ricordassi di te; se non ponessi Gerusalemme al di sopra di ogni mia gioia.

18

19 Matteo 27, 39-50

20 Lettura di un brano tratto dal romanzo Di Elie Wiesel

21 La notte Ho visto altre impiccagioni, ma non ho mai visto un condannato piangere, perché già da molto tempo questi corpi inariditi avevano dimenticato il sapore amaro delle lacrime. Tranne che una volta. L'Oberkapo del 52° commando dei cavi era un olandese: un gigante di più di due metri. Settecento detenuti lavoravano ai suoi ordini e tutti l'amavano come un fratello. Mai nessuno aveva ricevuto uno schiaffo dalla sua mano, un'ingiuria dalla sua bocca. Aveva al suo servizio un ragazzino un pipel, come lo chiamavamo noi. Un bambino dal volto fine e bello, incredibile in quel campo. (A Buna i pipel erano odiati: spesso si mostravano più crudeli degli adulti. Ho visto un giorno uno di loro, di tredici anni, picchiare il padre perché non aveva fatto bene il letto. Mentre il vecchio piangeva sommessamente l'altro urlava: «Se non smetti subito di piangere non ti porterò più il pane. Capito?». Ma il piccolo servitore dell'olandese era adorato da tutti. Aveva il volto di un angelo infelice). Un giorno la centrale elettrica di Buna saltò. Chiamata sul posto la Gestapo concluse trattarsi di sabotaggio. Si scoprì una traccia: portava al blocco dell'Oberkapo olandese. E lì, dopo una perquisizione, fu trovata una notevole quantità di armi. L'Oberkapo fu arrestato subito. Fu torturato per settimane, ma inutilmente: non fece alcun nome. Venne trasferito ad Auschwitz e di lui non si senti più parlare. Ma il suo piccolo pipel era rimasto nel campo, in prigione. Messo alla tortura restò anche lui muto. Allora le S.S. lo condannarono a morte, insieme a due detenuti presso i quali erano state scoperte altre armi.

22

23 Un giorno che tornavamo dal lavoro vedemmo tre forche drizzate sul piazzale dell'appello: tre corvi neri. Appello. Le S.S. intorno a noi con le mitragliatrici puntate: la tradizionale cerimonia. Tre condannati incatenati, e fra loro il piccolo pipel, l'angelo dagli occhi tristi. Le S.S. sembravano più preoccupate. Più inquiete del solito. Impiccare un ragazzo davanti a migliaia di spettatori non era un affare da poco. Il capo del campo lesse il verdetto. Tutti gli occhi erano fissati sul bambino. Era livido, quasi calmo, e si mordeva le labbra. L'ombra della forca lo copriva. Il Lagerkapo si rifiutò questa volta di servire da boia. Tre S.S. lo sostituirono. I tre condannati salirono insieme sulle loro seggiole. I tre colli vennero introdotti contemporaneamente nei nodi scorsoi. - Viva la libertà! - gridarono i due adulti. Il piccolo, lui, taceva.

24

25 - Dov'è il Buon Dio? Dov'e? - domandò qualcuno dietro di me. A un cenno del capo del campo le tre seggiole vennero tolte. Silenzio assoluto. All'orizzonte il sole tramontava. Scopritevi! - urlò il capo del campo. La sua voce era rauca. Quanto a noi, noi piangevamo. - Copritevi! Poi cominciò la sfilata. I due adulti non vivevano più. La lingua pendula, ingrossata, bluastra. Ma la terza corda non era immobile: anche se lievemente il bambino viveva ancora... Più di una mezz'ora restò così, a lottare fra la vita e la morte, agonizzando sotto i nostri occhi. E noi dovevamo guardarlo bene in faccia. Era ancora vivo quando gli passai davanti. La lingua era ancora rossa, gli occhi non ancora spenti. Dietro di me udii il solito uomo domandare: - Dov'è dunque Dio? E io sentivo in me una voce che gli rispondeva: - Dov'è? Eccolo: è appeso lì, a quella forca... Quella sera la zuppa aveva un sapore di cadavere.

26

27 Canto: Ceri tu alla croce di Gesù?

28 Primo Levi

29 Nato nel 1919 a Torino, da genitori di religione ebraica, Primo Levi si diploma nel al liceo classico e si iscrive al corso di laurea in chimica presso la facoltà di Scienze dellUniversità di Torino.. Comincia così la sua carriera di chimico, che lo porta a vivere a Milano, fino alloccupazione tedesca: il 13 dicembre del '43 viene catturato e successivamente trasferito al campo di raccolta di Fossoli, dove comincia la sua odissea. Nel giro di poco tempo, infatti, il campo viene preso in gestione dai tedeschi, che convogliano tutti i prigionieri ad Auschwitz. È il 22 febbraio del '44: data che nella vita di Levi segna il confine tra un "prima" e un "dopo". Lautore è deportato a Monowitz, vicino Auschwitz, in un campo di lavoro i cui prigionieri sono al servizio di una fabbrica di gomma Primo Levi è tra i pochissimi a far ritorno dai campi di concentramento.. Quale testimone di tante assurdità, sente il dovere di raccontare, descrivere lindescrivibile, affinchè tutti sappiano, tutti si domandino un perché, tutti interroghino la propria coscienza: comincia a scrivere, elaborando così il suo dolore, il suo annientamento, il suo avventuroso ritorno a casa..Tra le sue opere ricordiamo Se questo è un uomo e La tregua. L11 aprile del 1987 Primo Levi muore suicida. Dirà di lui Claudio Toscani: «Lultimo appello di Primo Levi non dice non dimenticatemi, bensì non dimenticate».

30

31 Voi che vivete sicuri Nelle vostre tiepide case; Voi che trovate tornando a sera Il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un uomo Che lavora nel fango Che non conosce pace Che lotta per mezzo pane Che muore per un sì e per un no. Considerate se questa è una donna, Senza capelli e senza nome Senza più forza di ricordare Vuoti gli occhi e freddo il grembo Come una rana d'inverno: Meditate che questo è stato: Vi comando queste parole: Scolpitele nel vostro cuore Stando in casa andando per via, Coricandovi alzandovi; Ripetetele ai vostri figli: O vi si sfaccia la casa, La malattia vi impedisca, I vostri cari torcano il viso da voi. Primo Levi

32

33 Etty Hillesum

34 Etty Hillesum nasce nel 1914 in Olanda da una famiglia della borghesia intellettuale ebraica. Ragazza brillante, intensa, con la passione della letteratura e della filosofia, si laurea in giurisprudenza e si iscrive quindi alla facoltà di lingue slave; quando intraprende lo studio della psicologia, divampa la seconda guerra mondiale e con essa la persecuzione del popolo ebraico. Durante gli ultimi due anni della sua vita, scrive un diario personale che abbraccia tutto il 1941 e il 1942, anni di guerra e di oppressione per lOlanda, ma per Etty un periodo di crescita e, paradossalmente, di liberazione individuale. Seguendo quindi un proprio itinerario, Etty matura una sensibilità religiosa che da ai suoi scritti una grande dimensione spirituale e si avvia sulla strada del dono di sé a Dio ed ai fratelli, nel suo caso il popolo ebraico, la cui sorte sceglie di condividere pienamente. Muore ad Auschwitz nel novembre del 1943.

35

36 Mio Dio, cercherò di non appesantire l'oggi con le mie preoccupazioni per il domani. Cercherò di aiutarti perchè tu non venga distrutto dentro di me. Tu non puoi aiutare noi, ma siamo noi a dover aiutare te, e così aiutiamo noi stessi. L'unica cosa che possiamo salvare di questi tempi, e anche l'unica che veramente conti, è un piccolo pezzo di te in noi. Sembra che tu non possa far molto per modificare le circostanze attuali. Io non chiamo in causa la tua responsabilità, più tardi sarai tu a dichiarare responsabili noi. E quasi ad ogni battito del mio cuore, cresce la mia certezza: tu non puoi aiutarci, ma tocca a noi aiutare te, difendere fino all'ultimo la tua casa in noi. Cfr da Etty Hillesum

37 Elisa Springer

38 Elisa Springer è nata a Vienna nel 1918, in una famiglia di commercianti di origine ungherese. E' sopravvissuta ad Auschwitz e altri lager nazisti come Berger, Belsen e Therezin. Dopo essere stata liberata, nel Maggio del 1945, nel 1946, si trasferisce in Italia in provincia di Taranto.. Dopo aver dovuto tenere nascosta per decenni la sua vicenda di ebrea perseguitata, scrisse, con laiuto del figlio medico, Silvio, la sua autobiografia, «Il silenzio dei vivi». E morta a Matera nel 2004.

39

40

41 da Il silenzio dei vivi

42 Elie Wiesel

43 Elie Wiesel nacque nel 1928, in un villaggio all'epoca in territorio ungherese, attualmente in Romania. Nell'estate del 1944 Elie Wiesel, i genitori e le tre sorelle, furono deportati, insieme a tutti gli ebrei della zona, nel campo di sterminio di Auschwitz. Al loro arrivo il sedicenne Wiesel e suo padre furono selezionati per i lavori pesanti e inviati nella fabbrica di gomma del vicino villaggio di Buna.Lui e suo padre riuscirono a sopravvivere fino al gennaio 1945, quando i sovietici si avvicinarono ad Auschwitz e il campo fu rapidamente evacuato. Padre, madre e la sorella più piccola, non riuscirono a sopravvivere agli ultimi mesi di prigionia. Viene trasferito in Francia, in un orfanotrofio. Dopo pochi anni, nel 1949, si iscrive alla Sorbonne a Parigi. Incomincia un carriera giornalistica collaborando con riviste e giornali francesi.Vive attualmente a Boston..

44

45

46

47 Mai dimenticherò quella notte, la prima notte nel campo, che ha fatto della mia vita una lunga notte e per sette volte sprangata. Mai dimenticherò quel fumo. Mai dimenticherò i piccoli volti dei bambini di cui avevo visto i corpi trasformarsi in volute di fumo sotto un cielo muto. Mai dimenticherò quelle fiamme che bruciarono per sempre la mia Fede. Mai dimenticherò quel silenzio notturno che mi ha tolto per leternità il desiderio di vivere. Mai dimenticherò quegli istanti che assassinarono il mio Dio e la mia anima, e i miei sogni, che presero il volto del deserto. Mai dimenticherò tutto ciò, anche se fossi condannato a vivere quanto Dio stesso. Mai. Elie Wiesel "La notte

48 Offertorio

49 Consacrazione

50 Padre Nostro….

51 Il segno della pace…..

52 Testimonianza di Stefania sul suo Pellegrinaggio ad

53

54 Tutti noi sappiamo, cosè accaduto ad Auschwitz e in tutti gli altri campi di sterminio che noi oggi vogliamo ricordare nel giorno della memoria. Ma perché? Perché un uomo di nome Hitler considerava il popolo ebreo una razza inferiore? Perché doveva a tutti i costi essere annientata? A queste domande hanno potuto rispondere solo i pochi sopravvissuti che con grande coraggio hanno gridato al mondo e a una generazione che non sapeva niente, tutto il loro dolore. Ora il mondo sa, e vuole ricordare proprio per non dimenticare. Il mio desiderio di andare a visitare quei luoghi si è avverato lo scorso agosto. Vi posso assicurare che non è stato per niente facile; sentirne parlare è un conto, ma varcare il cancello del primo campo di sterminio con la scritta il lavoro rende liberi, è stato devastante per il cuore e la mente.

55

56 Arrivati al campo, il sole cominciava a scaldarci, cera ad attenderci una guida che ci ha fornito delle cuffiette e ci ha raccomandato di fare silenzio in rispetto del luogo. Al di là della rete vedevo tanti stabili costruiti con piccoli mattoni rossi, e mi chiedevo: tutto qua? Magari fosse stato tutto lì! Ancora pochi passi ed ero allinterno del campo. Laria si fece tesa, pesante, e il sole non ci riscaldava più.

57

58 La guida cominciò a descriverci tutti gli orrori, le persecuzioni che hanno dovuto subire i deportati; in quei cortili arrivarono a migliaia e subito venivano smistati : uomini che potevano servire venivano risparmiati, giovani donne venivano sottoposte ad esperimenti scientifici che di scientifico non avevano davvero niente, mentre anziani e bambini venivano avviati verso le camere a gas, e poi i loro corpi gettati e bruciati nei forni crematori per cancellarne tutte le tracce. Che posto maledetto !!Stanze piene di scarpe, scarpette, montagne di capelli, occhiali, pigiami e oggetti a loro cari. Appesi alle pareti, file interminabili di fotografie di uomini con gli sguardi persi nel vuoto. Niente sorrisi, niente battiti di cuore che sussultano di emozioni, niente gioia, ma solo disperazione, odio, dolore, lacrime...non più vivere ma sopravvivere. Prima di fare questo viaggio,mi ero preparata con cura un pezzo di stoffa bianca, scrivendo per non dimenticare. Lo volevo deporre a nome mio e di tutti i giovani della nostra parrocchia, sul muro della morte, ma trovandomi davanti le mie mani iniziarono a sudare, e stringendo forte quel pezzo di stoffa mi emozionavo sempre di più, allora mia mamma e Michela l hanno deposto per tutti noi.

59

60 Ci hanno spiegato che con il passare del tempo, Auschwitz era diventato insufficiente per contenere tutte quelle persone, diventate ormai solo numeri per la macchina di sterminio del reich. I tedeschi allora fecero costruire un campo molto più grande: Birkenau, unimmensa distesa con tantissime baracche in legno, dove la sopravvivenza era a dir poco disumana. Tutto questo era una vera fabbrica della morte da cui il nome Shoà (sterminio), il peggior genocidio che sia mai avvenuto al mondo. Furono circa sei milioni i deportati e circa sei milioni i morti. Attorno a me tanti volti increduli e occhi pieni di lacrime. Come è potuto accadere? Il mio ultimo sguardo prima di uscire si è soffermato nuovamente su quel cancello e su quella scritta; pensando a tutti quei sogni, a tutte quelle speranze infrante e a quelle povera gente, la quale libertà la potevano trovare solo attraverso la morte. Solo così potevano essere finalmente liberi! Purtroppo ancora oggi nel mondo si fanno le guerre e si continua a morire di fame, per l egoismo di chi ha il potere, ma noi giovani possiamo cancellare questo male, attraverso la cultura, il rispetto, il dialogo e l amicizia, e con il sorriso di chi sa amare e rispettare la vita !

61 A Birkenau, il Portone della morte, non si richiuderà più sulla memoria, il binario che lattraversa, non si fermerà più sulla rampa, ma si frantumerà, disperdendosi, davanti allaltare delle coscienze e della conoscenza, davanti ai ceri della preghiera e ai fiori del riscatto. Lì, in quel punto, si incontreranno i giovani liberi, i ragazzi della pace, e lì ad Auschwitz-Birkenau, dalle ceneri sparse fra le zolle, continuerà a nascere la nostra vita! Elisa Springer: Il silenzio dei vivi

62 "Dio dei nostri padri, tu hai scelto Abramo e i suoi discendenti per portare il tuo Nome fra i popoli. Siamo profondamente rattristati per il comportamento di coloro che nel corso della storia hanno provocato sofferenze a questi tuoi figli e chiedendo il Tuo perdono vogliamo impegnarci in una fratellanza sincera con il popolo dell'Alleanza" La preghiera di papa Giovanni Paolo II al muro del pianto


Scaricare ppt "27 GENNAIO 2009 S.MESSA nel Parrocchia S.Maria Assunta -Madonnetta di Sarcedo-"

Presentazioni simili


Annunci Google