La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Anno Pastorale 2007-2008: Lo Spirito Santo e noi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Anno Pastorale 2007-2008: Lo Spirito Santo e noi."— Transcript della presentazione:

1 Anno Pastorale : Lo Spirito Santo e noi

2 Allora gli apostoli, gli anziani e tutta la Chiesa decisero di eleggere alcuni di loro e di inviarli ad Antiochia insieme a Paolo e Barnaba Giuda chiamato Barsabba e Sila, uomini tenuti in grande considerazione tra i fratelli. E consegnarono loro la seguente lettera: Gli apostoli e gli anziani ai fratelli di Antiochia, di Siria e di Cilicia che provengono dai pagani, salute! Abbiamo saputo che alcuni da parte nostra, ai quali non avevamo dato nessun incarico, sono venuti a turbarvi con i loro discorsi sconvolgendo i vostri animi. Abbiamo perciò deciso tutti daccordo di eleggere alcune persone e inviarle a voi insieme ai nostri carissimi Barnaba e Paolo, uomini che hanno votato la loro vita al nome del nostro Signore Gesù Cristo. Abbiamo mandato dunque Giuda e Sila, che vi riferiranno anchessi queste stesse cose a voce. Abbiamo deciso, lo Spirito Santo e noi, di non imporvi nessun altro obbligo al di fuori di queste cose necessarie: astenervi dalle carni offerte agli idoli, dal sangue, dagli animali soffocati e dalla impudicizia. Farete cosa buona perciò a guardarvi da queste cose. State bene. (At 15,22 ss) Come la Chiesa primitiva si riunì a Gerusalemme per discutere, così il Consiglio Pastorale si riunisce per discutere; A quel tempo largomento erano le norme per accettare i pagani nella Chiesa, oggi gli argomenti del Consiglio riguardano lazione Pastorale cioè: come far incontrare Gesù Cristo e gli uomini doggi; Le decisioni furono prese allunanimità e tenendo conto dei segni che lo Spirito Santo aveva mandato nella vita dei primi cristiani. Il C.P.P. dovrebbe utilizzare lo stesso stile, cioè: saper leggere i segni dei tempi ed assecondare le azioni dello Spirito Santo.

3 Come lo Spirito interviene nel Consiglio Pastorale 1. Spirito di sapienza 2. Spirito di intelligenza, 3. Spirito di consiglio 4. Spirito di fortezza, 5. Spirito di conoscenza 6. Spirito di timore del Signore 7. Spirito di accoglienza 8. Spirito di umiltà 9. Spirito di pace 10. Spirito di unità 1. Quando si devono valutare i risultati dellazione pastorale 2. Quando si devono programmare le attività pastorali 3. Quando si devono considerare le possibilità di riuscita 4. Quando si devono affrontare situazioni difficili 5. Quando si deve individuare la verità 6. Quando si ascolta insieme la Parola di Dio 7. Quando si vuole creare una comunità aperta alla novità 8. Quando si accolgono le parole dei piccoli, dei semplici 9. Quando si vogliono ricomporre le controversie 10. In ogni momento perché lunità è il fine di tutta la pastorale, di tutto il Vangelo, di tutta la vita di Gesù.

4 LO SPIRITO DI UNITA Dal Vangelo di Giovanni 17, 1 ss Così parlò Gesù. Io prego per loro; non prego per il mondo, ma per coloro che mi hai dato, perché sono tuoi. Tutte le cose mie sono tue e tutte le cose tue sono mie, e io sono glorificato in loro. Io non sono più nel mondo; essi invece sono nel mondo, e io vengo a te. Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perché siano una cosa sola, come noi. Non prego solo per questi, ma anche per quelli che per la loro parola crederanno in me; perché tutti siano una sola cosa. Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anchessi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato. E la gloria che tu hai dato a me, io lho data a loro, perché siano come noi una cosa sola. Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nellunità e il mondo sappia che tu mi hai mandato e li hai amati come hai amato me. La moltitudine di coloro che erano venuti alla fede aveva un cuore solo e unanima sola e nessuno diceva sua proprietà quello che gli apparteneva, ma ogni cosa era fra loro comune. Con grande forza gli apostoli rendevano testimonianza della risurrezione del Signore Gesù e tutti essi godevano di grande simpatia. Nessuno infatti tra loro era bisognoso, perché quanti possedevano campi o case li vendevano, portavano limporto di ciò che era stato venduto e lo deponevano ai piedi degli apostoli; e poi veniva distribuito a ciascuno secondo il bisogno. Dagli Atti degli Apostoli 4,32 ss

5 E giunta lora, Padre per me ai miei amici ho detto che questa è la vita: conoscere te e il Figlio tuo, Cristo Gesù. Tu mi hai mandato ai figli tuoi la tua parola è verità e il mondo creda che tu mi hai mandato e li hai amati come ami me. Io sono in loro e tu in me e sian perfetti nellunità e il loro cuore sia pieno di gioia la gioia vera viene da te. E GIUNTA LORA DI CRESCERE come credenti ed assumersi le proprie responsabilità ecclesiali perché ANCHE I LAICI possono svolgere alcuni servizi pastorali, avendo ricevuto nel Battesimo i doni dello Spirito Santo.

6 TUTTI I BATTEZZATI SONO CORRESPONSABILI PER LEDIFICAZIONE DELLA CHIESA Hanno la responsabilità di gestire i beni che sono a loro affidati. Quali beni? La chiesa, il patronato, la scuola materna ma anche e soprattutto le risorse umane i ragazzi, i giovani, gli anziani… La tentazione è sentirsi in una posizione di POTERE. Per difendersi da questa tentazione occorre che il potere sia condiviso, sia nelle mani della Comunità e che i tutti i battezzati lavorino per la Comunità con spirito di SERVIZIO.

7 PARROCCHIA è: Comunità che si fonda sullEUCARISTIA e mediante questa è legata a tutta la Chiesa Famiglia di Dio, animata dallo Spirito di Unità PARROCCHIA = parola greca composta da Para (presso, vicino) e Oikeo (abitare) quindi può voler dire abito vicino oppure insieme di case vicine ad una chiesa.

8 PIETRE SINGOLE NON FORMANO NULLA PIETRE UNITE COSTRUISCONO LA CHIESA

9 SE LA PARROCCHIA E PARAGONABILE A UNA CHIESA e LE PERSONE SONO COME LE PIETRE VIVE IL CONSIGLIO PASTORALE PUO ESSERE PARAGONATO A UNA SQUADRA DI OPERAI CHE TENTANO DI ORGANIZZARE I LAVORI DI COSTRUZIONE, VALORIZZANDO OGNI MATERIALE

10 I membri del C.P.P. non sono persone con speciali virtù o particolari titoli di studio… SONO PERSONE SENSIBILI ALLA VITA DELLA PARROCCHIA, STIMATI E VOTATI DALLA GENTE PER LA LORO UMANITA E IL LORO IMPEGNO DISINTERESSATO Ogni comunità ha bisogno di un nucleo che laiuti crescere nellunità e ad agire come un corpo solo. Questo nucleo è il Consiglio Pastorale. Il CPP è unimmagine in formato ridotto della parrocchia, in cui sono presenti fedeli di diverse età e con diverse esigenze.

11 FORMARE IL CONSIGLIO PASTORALE PERCHE NO PERCHE SI Perché non ha nessun potere Perché nascono sempre discussioni e divisioni Perché non cè gente disponibile a partecipare Perché è previsto dal Programma della Diocesi Per organizzare meglio le attività, senza sovrapposizioni di date Perché anche i laici possano esprimere le loro idee, le proposte, le loro critiche Perché entri gente nuova e rinnovi la vita parrocchiale Perché ogni gruppo sia al corrente di quello che fanno gli altri gruppi Perché il Parroco non sia lasciato solo quando deve fare determinate scelte pastorali.

12 CONSIGLIO PASTORALE COSA E COSA NON E - PUNTO DI RACCORDO TRA TUTTE LE REALTÀ PRESENTI IN PARROCCHIA - SEGNO DELLESISTENZA DI UNA COMUNITÀ CRISTIANA ORGANIZZATA - STRUMENTO DI UNITÀ TRA TUTTI I GRUPPI PRESENTI IN PARROCCHIA - PUNTO DI RACCORDO TRA TUTTE LE REALTÀ PRESENTI IN PARROCCHIA - SEGNO DELLESISTENZA DI UNA COMUNITÀ CRISTIANA ORGANIZZATA - STRUMENTO DI UNITÀ TRA TUTTI I GRUPPI PRESENTI IN PARROCCHIA - COMITATO DI GESTIONE DELLA PARROCCHIA - CONSIGLIO AFFARI ECONOMICI - GRUPPO PER LA SOLUZIONE DI PROBLEMI URGENTI - GRUPPO RELIGIOSO E DI FORMAZIONE - GRUPPO CHE ORGANIZZA GITE, SAGRE, PELLEGRINAGGI, RESTAURI

13 SI OCCUPA DI FEDE quindi che venga fatta la catechesi ai piccoli, agli adulti, alle famiglie; CULTO quindi che vengano organizzate con decoro le Celebrazioni Liturgiche, le Messe, le Processioni, i tempi forti: Avvento, Natale,Quaresima, Pasqua; CARITA quindi che vengano aiutati i poveri, le Missioni, i Malati, gli Anziani CONSIGLIO PASTORALE DOVREBBE PORSI DOMANDE COME: Qual è il tono complessivo della nostra Comunità? In che modo la nostra Comunità può annunciare il Vangelo alluomo di oggi e collaborare a costruire una società più giusta e fraterna? Che cosa lo Spirito Santo sta chiedendo alla nostra Comunità? Come progettare la vita parrocchiale coinvolgendo e creando comunione tra tutte le persone e con Dio?

14 FINALITA del C.P.P. - concordare il calendario delle attività pastorali - affrontare problemi che superano le competenze dei singoli gruppi o settori - suscitare la partecipazione attiva di tutti i membri e le associazioni della Parrocchia - realizzare il Piano pastorale proposto annualmente dalla Diocesi, adattandolo alle possibilità della parrocchia - verificare i frutti delle attività che si sono svolte nel corso dellanno pastorale ACR Cate chi smo Festeggiamenti Lettori Scuola Materna Patronato Cantori Altri C.P.P. Affari Econo- mici Caritas

15 PERSONAGGI del Consiglio Pastorale PARROCO LAICI CONSIGLIARE i laici in modo che i piani pastorali riescano meglio e le decisioni siano condivise. Egli resta sempre libero di accettare le proposte formulate dalla maggioranza o quelle della minoranza dei laici in CPP. CONSIGLIARE il parroco nel senso di fargli presente le esigenze e le potenzialità delle famiglie, dei giovani, della società. Alcuni del CPP devono rappresentare la Parrocchia nel Coordinamento Vicariale.

16 STILE del CONSIGLIO PASTORALE - DIALOGARE cioè ascoltare e comunicare, con ordine. - Non ci devono essere VINCITORI e VINTI ma tutti hanno diritto di parola perché lo Spirito Santo parla attraverso le parole di uomini, a volte i più semplici e umili. - E consentita la CRITICA COSTRUTTIVA anche se la Chiesa non è una società di tipo politico-democratico e la comunione ecclesiale deve rispettare la natura gerarchica. CONSIGLIO Parroco PARROCO Consiglio

17 COMPOSIZIONE del C.P.P. Membri di DIRITTO: il Parroco, il Sacerdote Aiutante, il presidente parrocchiale dellA.C. (3) Membri ELETTI dalla Comunità (5) Rappresentanti dei GRUPPI e STRUTTURE(10) Membri di FIDUCIA del Parroco(3) TOTALE 21 persone

18 DURATA del MANDATO: 5 anni - se un consigliere non partecipa per 3 volte consecutive alle riunioni del C.P.P., decade e viene sostituito o dal primo dei non eletti o da un altro membro del gruppo di appartenenza RIUNIONI 4 allanno: - a settembre (inizio-programmazione anno pastorale) - Avvento - Quaresima - a giugno (conclusione-verifica attività pastorali svolte)

19 REGOLE ELETTORI ELETTI Possono votare coloro che: hanno compiuto 16 anni partecipano alla vita della parrocchia sono disponibili a lavorare insieme per il bene della parrocchia Possono far parte del C.P.P. coloro che: Abbiano compiuto 18 anni Non facciano parte di Consigli Comunali, Provinciali, Regionali, o dirigano Organi Politici, ecc.

20 PERCORSO per il RINNOVO del C.P.P. 1. PRE-ELEZIONI cioè raccolta delle possibili candidature 2. DESIGNAZIONI cioè indicazione dei rappresentanti da parte di ogni Gruppo presente in Parrocchia 3. ELEZIONI cioè votazione e scutinio 4. COMUNICAZIONE del nuovo C.P.P. allordinario diocesano che darà il mandato ecclesiale 5. Prima RIUNIONE del nuovo C.P.P. per la scelta del Vice-presidente e del Segretario 6. PRESENTAZIONE del nuovo C.P.P. alla Comunità

21


Scaricare ppt "Anno Pastorale 2007-2008: Lo Spirito Santo e noi."

Presentazioni simili


Annunci Google