La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC1 Relazione medico-paziente!

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC1 Relazione medico-paziente!"— Transcript della presentazione:

1 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC1 Relazione medico-paziente!

2 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC2 Voi medici dovreste aggiornarvi ascoltando quello che dicono di voi i malati nelle sale daspetto dei vostri ambulatori I miei pazienti

3 Ruolo del M. di F. Egli se educato ad osservare, rappresenta il medico sentinella per arginare questa patologia comportamentale. 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC3

4 Lintervento che il MdF è chiamato a svolgere non è certo un approccio clinico –farmacologico, quanto invece un atteggiamento di osservazione e rilievo di quelle sfumature comportamentali a rischio per se e per gli altri. 03/01/20144Dr.Turi Valore ASSIMEFAC

5 Le società scentifiche a livello internazionale invocano come primo attore il Medico di Famiglia, che ha un rapporto privilegiato con il paziente, ed è chiamato a trasmettere il concetto di prevenzione come atto primario di cure 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC5

6 Questo atteggiamento riporta il MMG moderno ad un ruolo che sembrava superato, coiè al ruolo del confidente Il paziente a rischio sia in prevenzione primaria sia secondaria, necessita di un approccio sistematico ed empatico. Necessita di un colloquio che lo metta in grado di sviluppare serenamente una propria consapevolezza della malattia e della necessità di prevenire le complicanze 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC6

7 Il ruolo del MMG si è profondamente modificato, oggi si confronta con un paziente spesso preparato sulla sua patologia e per questo meno disposto ad accettare la prescrizione. 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC7

8 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC8 La comunicazione medico – paziente era basata su un rapporto di tipo professionale, nel quale il malato era parte subordinata, tenuto ad avere la stessa visione specialistica della realtà del medico

9 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC9 La medicina deve essere progettuale e non professionale

10 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC10 la relazione medico-paziente e centrale e non rimane rinchiusa nel campo delletica e della deontologia, o della buona educazione, ma partecipa alla dinamica del processo di cura.

11 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC11 medico paziente medico paziente accettare i limiti del medico e della medicina comprendere cosa è realisticamente possibile avere superare i pregiudizi porre attenzione alla relazione medico-paz. III Fase Criticismo questo medico non vale molto mi cura male perché non sono …. questo non ha niente mi fa solo perdere tempo II Fase Scetticismo S. da General HospitalSindrome di SalgariI Fase Esotismo La dialettica dei rapporti Riccardo Colasanti, Salvatore Geraci

12 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC12 Rapporto medico-paziente linguaggio, cultura, aspettative, sociologia sanitaria Impermeabilità diagnostica : il paziente resta distante,si sente studiato, analizzato, ma non interpretato

13 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC13 RELAZIONE Recupero della Relazione Medico-malatoè l unico mezzo per raggiungere la Compliance

14 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC14 MedicoPaziente Difficoltà comunicativa Difficoltà interpretativa Livelli di incomprensione medico-paziente: Livelli di incomprensione medico-paziente: difficoltà nella comunicazione di fenomeni che difficoltà nella comunicazione di fenomeni che avvengono in uno spazio privato, interiore. avvengono in uno spazio privato, interiore. difficoltà nella comprensione dei linguaggi difficoltà nella comprensione dei linguaggi (significato semantico e valore del significato) (significato semantico e valore del significato) difficoltà nella traduzione dei simboli extralinguistici difficoltà nella traduzione dei simboli extralinguistici diversità antropologiche, diversità antropologiche, ideologiche e religiose ideologiche e religiose

15 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC15 Il bravo comunicatore Non è tanto un buon oratore, quanto un buon ascoltatore Coglie i messaggi non verbali E capace di un ascolto attivo Sa decodificare i messaggi di feedback del paziente

16 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC16 La comunicazione non verbale Opinione comune dei medici: Questa tecnica pesa poco, certamente meno della comunicazione verbale. Invece... Comunica un segnale di ascolto, di comprensione,interesse… o il suo contrario

17 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC17 Nella comunicazione non cè un rapporto lineare ma circolare. Il ricevente non ha un ruolo passivo. Cè un reciproco invio di messaggi di ritorno

18 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC18 La nuova semeiotica è basata non solo sullosservazione, ma sullascoltare e anche sul dire

19 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC19 Nel rapporto medico-paziente Cosa fare Come fare Quando fare

20 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC20 Cosa fare 1.Primi secondi di ascolto: interpretazione intuitiva 2.Verso del vettore diagnostico: dove mi devo dirigere? 3.Intensità del vettore diagnostico: con quanta urgenza mi devo muovere? 4.I due protagonisti (non) si conoscono di persona: (non) hanno una storia comune alle spalle 5.Il medico ascoltando il paziente costruisce modelli mentali costituiti da conoscenze, credenze, emozioni 6.Nel creare inferenze il medico è influenzato dallordine nel quale le informazioni gli vengono presentate 7.Il medico tratta i concetti diagnostici come rappresentazioni mentali di oggetti temporalmente connotati 8.Il medico usa deduzione e induzione eliminative 9.Il medico instaura una relazione negoziale (Da Bernabè Benincasa Danti Il processo diagnostico in Caimi-Tombesi Medicina Generale UTET 2003)

21 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC21 Come fare migliorare le proprie competenze nella gestione del colloquio clinico; migliorare la capacità di ascolto nella relazione medico-paziente; acquisire capacità di osservazione,ascolto e di parola, nello stile relazionale del medico;

22 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC22 sviluppare abilità comunicative che consentono il trasferimento delle competenze acquisite. acquisire consapevolezza rispetto alle fasi del progetto decisionale per attivare interventi terapeutici efficaci e condivisi;

23 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC23 PERCEZIONE DEL BISOGNO DIVERSI MODI DI INTENDERE LA MALATTIA E LA SALUTE DIVERSA CONCEZIONE DELLA PREVENZIONE E DI CONCEZIONE DEL RISCHIO SCARSA O DISTORTA CONSAPEVOLEZZA DEI PROPRI DIRITTI DEFICIT DI INFORMAZIONE DIFFICOLTOSA PERCEZIONE DEL SERVIZIO ADEGUATO AL PROPRIO BISOGNO BARRIERE DI LINGUAGGIO E DI CULTURA MODELLI CULTURALI E COMPORTAMENTALI

24 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC24 Griglia di Hellman Cosa è accaduto? Perché è accaduto? Perché è accaduto a me?

25 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC25 Griglia di Hellman Perché ora? Quali sono le sue conseguenze? Che cosa accadrebbe se non si facesse nulla? Che cosa si dovrebbe fare?

26 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC26 Linsuccesso terapeutico spesso deriva dalla mancata accettazione dellintervento, Perché! o comunicato male o in maniera insufficiente o percepito come superficiale.

27 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC27 Una comunicazione diventa efficace quando cè una reciproca consapevolezza di responsabilità.

28 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC28 Responsabilità! è Fare perché si sa. Si sa come. Si sa quando.

29 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC29 E necessario migliorare il livello di consapevolezza del paziente rispetto al tipo e allefficacia dell intervento

30 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC30 Il paziente va coinvolto nelle procedure decisionali!

31 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC31 Il rapporto che cambia Il vecchio medico Lavorava secondo scienza e coscienza Il nuovo medico Lavora secondo scienza e coscienza e con la partecipazione consapevole del paziente

32 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC32 Prevenzione I fallimenti della prevenzione vengono successivamente socializzati con costi elevatissimi per la comunità, sia in termini economici che sanitari. LItalia investe 11 in prevenzione la Gemania 130

33 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC33

34 03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC34 Grazie!


Scaricare ppt "03/01/2014Dr.Turi Valore ASSIMEFAC1 Relazione medico-paziente!"

Presentazioni simili


Annunci Google