La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Classificare le Scienze Umane: il caso Filosofia - Padova 2 febbraio 2007 Cristiana Bettella* e Massimiliano Carrara^ * Dipartimento di Filosofia, Università

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Classificare le Scienze Umane: il caso Filosofia - Padova 2 febbraio 2007 Cristiana Bettella* e Massimiliano Carrara^ * Dipartimento di Filosofia, Università"— Transcript della presentazione:

1 Classificare le Scienze Umane: il caso Filosofia - Padova 2 febbraio 2007 Cristiana Bettella* e Massimiliano Carrara^ * Dipartimento di Filosofia, Università di Padova e ISKOI ^ Dipartimento di Filosofia, Università di Padova Classificatori con il cuore da ontologi Ovvero, sul perché la Biblioteca del Dipartimento di Filosofia dellUniversità di Padova somiglia così tanto ad una macedonia con troppo mango e poca mela

2 Per cominciare: largomento facile facile (?) (P1) Lattività dei classificatori consiste nel produrre ontologie per (alcuni) sistemi informativi (P2) Lattività degli ontologi consiste nel produrre ontologie (P3) Lattività di produrre ontologie per (alcuni) sistemi informativi è parte dellattività di produrre ontologie _________________________________ (C) Lattività dei classificatori è parte dellattività degli ontologi

3 Obiettivi (1, 2) (1) Mostrare che alcuni dei termini dellargomento facile facile sono ambigui. (2) Mostrare che - data una certa semantica di ontologia e ontologie - largomento non è fondato, ie: non tutte le premesse sono vere.

4 Obiettivi (3) (3) Sulla base di (1, 2) fornire una diagnosi ad un problema piuttosto frequente nelle biblioteche di ricerca, nello specifico della Biblioteca di Filosofia dellUniversità di Padova: lestremo dettaglio nella copertura di alcuni temi/settori e/o periodi storici e l estrema carenza di copertura di altri temi/settori e/o periodi storici

5 Mango e mela: su (3) Con (3) si vuole fornire una diagnosi del perché nella nostra biblioteca si trova, ed è a scaffale, ad esempio, questo testo sulla vita di un importantissimo filosofo (?): Il riformatore della Trappa: vita di Armand-Jean de Rancé di Anna Maria Caneva ; prefazione di Gregorio Penco Infilato a scaffale in: B.785.R3.Z7C IL MANGO Ma un testo di filosofia della scienza, come ad esempio quello di Imre Lakatos: La metodologia dei programmi di ricerca scientifici Non solo non è a scaffale, ma non cè proprio nella Biblioteca del Dipartimento di Filosofia di PD!!! LA MELA

6 Cominciamo dallobiettivo (1): ovvero cominciamo con il mostrare che alcuni dei termini utilizzati nell argomento facile facile sono ambigui. Partiamo da alcuni chiarimenti preliminari.

7 (I chiarimento) Su classificatori e bibliotecari, 1 Un primo chiarimento. La prima premessa dellargomento facile facile dice: (P1) Lattività dei classificatori consiste nel produrre ontologie per dei sistemi informativi Ma, un bibliotecario è un classificatore. Infatti:

8 (I chiarimento) Su bibliotecari e classificatori, 2 (P1) Se il classificatore classifica e (P2) classificare è ripartire, ordinare per classi e un (P3) Un bibliotecario ripartisce, ordina per classi libri e riviste __________________________________ (C) Un bibliotecario è un classificatore. Possiamo allora sostituire il termine classificatore con il termine bibliotecario ed ottenere che la nostra (P1):

9 (I chiarimento) Su bibliotecari e classificatori, 3 (P1) Lattività dei bibliotecari consiste nel produrre ontologie per dei sistemi informativi

10 (II chiarimento) Sui modi di dire Sistema informativo Ma cosa vuol dire che i bibliotecari producono ontologie per i sistemi informativi?

11 (II chiarimento) Sui modi di dire Sistema informativo Sistema informativo è un termine equivoco. Grossomodo, da una parte: (1) è stato usato per riferirsi a quella parte delle information sciences (e studies), delle scienze cognitive e della linguistica che sono raggruppate allinterno di aree di ricerca come linformation technology, la knowledge representation, e la computational linguistics

12 (II chiarimento) Sui modi di dire Sistema informativo Dallaltra: (2) il termine sistema informativo è stato adoperato per individuare specifici sistemi informativi: ad esempio una particolare base di dati, una particolare base di conoscenza, una specifica software application per il data processing. Qui facciamo riferimento SOLO a questo secondo uso. Questo è anche luso prevalente di sistemi informativi nellespressione ontologia per i sistemi informativi.

13 (II chiarimento) Sui modi di dire Sistema informativo Nello specifico, una caratterizzazione più o meno in uso è quella di pensare lontologia per i sistemi informativi come un qualche tipo speciale di base di conoscenza dove, per base di conoscenza intendiamo un centralized repository for information: a public library, a database of related information about a particular subject … Quindi, una biblioteca

14 (II chiarimento) Sui modi di dire Sistema informativo è una base di conoscenza ovvero un sistema informativo

15 Problema: (P) Cosa sintende quando si dice che le ontologie sono tipi speciali di basi di conoscenza?

16 (III chiarimento) Sui modi di dire ontologie per i sistemi informativi, 1 Giaretta e Guarino in Ontology and Knowledge Bases (IOS Press, 1995) avevano classificato 7 modi dintendere lespressione ontologia nei lavori di ontologia per i sistemi informativi. Se erano 7 nel Lelenco è questo...:

17 (III chiarimento) Sui modi di dire ontologie per i sistemi informativi, 2 1. Ontologia come una disciplina filosofica (con la O maiuscola) 2. Ontologia come un sistema concettuale informale 3. Ontologia come una descrizione semantica formale 4. Ontologia come specificazione di una concettualizzazione 5. Ontologia come rappresentazione di un sistema concettuale per mezzo di una teoria logica 1. caratterizzata da un certo numero di proprietà formali o 2. caratterizzata da un certo numero di scopi specifici. 6. Ontologia come il vocabolario adoperato da una teoria logica 7. Ontologia come specificazione ad un meta-livello di una teoria logica.

18 Ontologia isa base di conoscenza (di un qualche tipo)? Per i nostri scopi ci basterà qui osservare che le ontologie dellontology engineering sono tipi speciali di basi di conoscenza, perché la base di conoscenza è, semplificando, molto classificata, dettagliata, distinta: Adottiamo qui la concezione (4) – a soli fine esplicativi – di ontologia sopra fornita: sono la specificazione di una concettualizzazione [Gruber 1993]

19 Ontologia isa base di conoscenza? Unontologia per i sistemi informativi è una particolare classificazione di un sistema informativo e una sua concettualizzazione (una concettualizzazione del sistema informativo) Quindi:

20 Bibliotecario isa Onto-Engineer (P1) Se il bibliotecario è un classificatore e i classificatori classificano i libri di una biblioteca e (P2) una biblioteca è una base di conoscenza con degli oggetti da classificare e (P3) se classificare oggetti di una base di conoscenza per mezzo di una specifica concettualizzazione significa fare dellontology engineering ______________________________________ (C) Un classificatore fa dellontology engineering.

21 O ntologia Fra le caratterizzazione inoltre che: Lontology engineering usa lOntologia con la O maiuscola (quella che fanno i filosofi) per costruire ontologie [Guarino, Giaretta 1995]

22 Sui molti, molti modi di dire Ontologia Siamo così arrivati ad analizzare la nostra seconda premessa: (P2) Lattività degli ontologi consiste nel produrre ontologie. In filosofia, produrre ontologie significa rispondere alla domanda: (1) Che cosa cè? Che cosa esiste?

23 Sui molti, molti modi di dire Ontologia Quine, un filosofo analitico, risponde a (1) dicendo: (2) Tutto e (2) per lui vuole dire: Tutto ciò che cè Questa è una risposta certamente condivisibile e, tuttavia, rispondere a (1) con (2) non è adeguato, anche se ovviamente corretto.

24 Sui molti, molti modi di dire Ontologia Insoddisfazione. Ciò che gli ontologi vogliono è caratterizzare questo tutto producendo una lista di categorie ontologiche che non escluda nulla di tutto ciò che cè Chiamiamo questo primo senso in cui si può produrre unontologia: generalista

25 Varietà di generalisti Ci sono almeno due modi di fare ontologia in questo primo senso: Il primo modo consiste nel produrre un sistema di categorie ontologiche che alcuni, ad es. la Thomasson (in Fiction and Metaphysics, Cambridge 1999), distinguono in:

26 Varietà di generalisti Sistemi mono- dimensionali -> Quando le singole categorie sono generate a partire da ununica relazione ontologica (ad es. la relazione di indipendenza ontologica) Sistemi multi- dimensionali -> Quando le singole categorie sono generate a partire da più relazioni ontologiche (ad es. più relazioni di dipendenza) Il riferimento è a più dimensioni (ad. es. stati mentali e entità fisiche)

27 Sistemi mono-dimensionali (1) Quello aristotelico sarebbe, secondo Hoffman e Rosekrantz (quando si parla di Aristotele bisogna sempre attribuire la responsabilità a qualcun altro!!), un sistema categoriale monodimensionale perché basato sulla sola relazione di indipendenza ontologica: Se lesistenza di x implica (entails) lesistenza di y, e non viceversa, allora y è indipendente da x Per Aristotele solo le sostanze individuali esistono indipendentemente; ogni altro tipo di entità esistente dipende da queste realtà fondamentali.

28 Alcune cose esistono separatamente altre no; quelle che esistono separatamente sono sostanze (Aristotele, Metaph. 1070b a1)

29 Sistemi mono-dimensionali (3) Un sistema mono-dimensionale può essere: In parallelo Gerarchicamente ordinato ad albero

30 Sistemi mono-dimensionali in parallelo Quelli di Aristotele sono sistemi categoriali mono-dimensionali in parallelo. Le categorie aristoteliche sarebbero un esempio di questo tipo di sistema perché non cè un genere sommo (lessere) di cui esse siano specificazioni (così almeno la pensa Berti 2002).

31 Sistemi mono-dimensionali ad albero in stile pirroniano (Chisholm 1996)

32 Sistemi mono-dimensionali ad albero Contrariamente ai sistemi in parallelo, quelli ad albero sono sistemi di genere e specie, dove ogni categoria ontologica è o un genere o una specie.

33 Sistemi multi-dimensionali (Thomasson 1999) Dove una categoria è definita sia in relazione al genere di dipendenza da entità spazio-temporali che in relazione al genere di dipendenza da stati mentali La categoria cui appartengono le sinfonie comprende entità che sono genericamente dipendenti da entità reali e storicamente dipendenti da stati mentali

34 a, dove a sta per la nostra sinfonia, dipende genericamente da un ente reale quando necessariamente se a esiste, allora esiste qualche ente reale (qualche esecuzione); a dipende storicamente da b quando necessariamente, per ogni istante t in cui a esiste, b esiste a t o è esistito ad un t che precede t (lattività mentale del compositore)

35 Buoni sistemi categoriali: proprietà (a) Esaustivi, ovvero dovrebbero ripartire tutto ciò che cè o che potrebbe esserci – e (b) dovrebbero essere costituiti da categorie che, per ogni livello, sono fra loro mutuamente esclusive: perché un sistema categoriale sia correttamente formulato due entità non possono appartenere a due categorie ontologiche differenti dello stesso livello.

36 Sistemi categoriali ontologici e Filosofia Si dubita: che sia possibile fondare in modo adeguato distinzioni categoriali che sia possibile fornire una lista di categorie esaustiva o che le categorie del sistema siano mutuamente esclusive

37 Tematicisti (1) Se – come evidenziato – un primo senso di produrre ontologie consiste nel fornire un sistema di categorie ontologiche, un secondo è quello di cercare di stabilire ciò che realmente cè [...] procedendo passo passo e argomentando a favore o contro lammissione nellontologia di certi tipi di enti, siano questi numeri, universali, atti di coscienza, o oggetti finzionali [Thomasson 1999: 115]

38 Tematicisti (2) Esistono i fatti? E prima ancora ci si è chiesto, ma ancora ci si continua a chiedere: Esistono gli universali?

39 Tematicisti (3) Prendiamo, ad esempio, il caso dei fatti. Alcuni sostengono di avere buoni argomenti per eliminare tali entità dallinventario del mondo o per ridurle ad altre entità, ritenute ontologicamente basilari, come ad esempio individui, proprietà e relazioni; altri contestano la sensatezza stessa della nozione di fatto. Chi si occupa di ontologia in questa prospettiva non è interessato a produrre un sistema completo, quanto a produrne delle parti che ritiene fondamentali o ad analizzare un particolare tipo di entità – i numeri ad esempio – cercando argomenti a favore o contro lammissione di quel particolare tipo di entità nellinventario del mondo.

40 Tematicisti (4) Si può dire che questo modo di fare ontologia procede per temi e si può chiamare tematicista lontologo che lo adotta Il tematicista ha solitamente un atteggiamento parsimonioso sui tipi di entità da ammettere

41 Tematicisti (5) Lapproccio tematico è di gran lunga il più diffuso in filosofia analitica, dove lanalisi filosofica è connessa con lanalisi linguistica e lintroduzione di categorie ontologiche dipende spesso da questultima. Si dice ad esempio che: (*) Dina è bella è vero perché vi è un individuo di nome Dina e questo individuo ha la proprietà di essere bello. Ciò dicendo si ritiene che (*) sia reso vero proprio da ciò che, allapparenza, lo rende vero, ovvero – nel caso specifico – un individuo ed una proprietà connessi nel modo detto dallenunciato.

42 Tematicisti (6) Le categorie ontologiche usate nella formulazione delle condizioni di verità di un enunciato dipendono dalla sua forma logica. Ad un enunciato come (*) si attribuisce solitamente la forma: Pa dove P è un simbolo per una proprietà ed a per un individuo.

43 Ontologia; Ontology Engineering Ora: a chi fanno riferimento i signori dellontological engineering quando parlano di Ontologia con la O maiuscola? Al generalista o al tematicista? A quale tipo di generalista: a quello multidimensionale o a quello monodimensionale? Se a quello monodimensionale, a quello in parallelo o a quello gerarchicamente ordinato?

44 Semplificando (molto): Ontologia; Classificazione Le classificazioni bibliografiche sono sistemi di categorie ontologiche nel primo senso, dove Le categorie genericamente dipendono dalla storicità del canone disciplinare

45 Semplificando (molto) ancora su Ontologia e Classificazione Sono ontologie generaliste, mono (DDC; LCC; UDC (?) o multi dimensionali (BC2; ICC; ILC (?) Alcuni dubitano che le classificazioni bibliografiche siano o possano essere sistemi categoriali buoni se con sistema categoriale buono intendiamo ammettere le proprietà dellesaustività e della mutua esclusività categoriale

46 È vero che: (P3) Lattività di produrre ontologie per dei sistemi informativi è parte dellattività di produrre ontologie? e che (C) Lattività dei classificatori è parte dellattività degli ontologi?

47 Se con: (P1) Lattività dei classificatori consiste nel produrre ontologie per (alcuni) sistemi informativi i classificatori intendono riferirsi ad unontologia generalista e, daltra parte, con produrre ontologie in: (P2) Lattività degli ontologi consiste nel produrre ontologie ci si riferisce ad un approccio ontologico tematico allora: (P3) Lattività di produrre ontologie per (alcuni) sistemi informativi è parte dellattività di produrre ontologie è falsa. Infatti, lattività di produrre ontologie generali NON è parte (degli intenti) dellattività di produrre ontologie temantiche.

48 Quindi il nostro argomento facile facile è infondato.

49 Conclusioni sugli obiettivi (1, 2) Insomma, se chi produce ontologie per i sistemi informativi ha in mente un modo generalista di produrre ontologie e chi produce ontologie è invece un tematicista, la premessa (3) dellargomento facile facile è falsa, e largomento non è fondato.

50 Velocemente: Obiettivo (3) Sulla base di (1, 2) possiamo adesso fornire una diagnosi al problema del mango e della mela: perché sono presenti alcuni settori così esotici, mango e mancano libri che coprono settori di base in filosofia.

51 Mango, mele e frutti di bosco: la diagnosi I generalisti classificatori/bibliotecari assumono, derivano una ontologia generalista mono/multidiensionale, in parallelo o gerarchicamente ordinata MA I generalisti classificatori/bibliotecari derivano come loro lontologia degli esperti a cui si affidano nel e per lo sviluppo del sistema informativo/biblioteca

52 Mango, mele (e frutti di bosco): la diagnosi Gli esperti hanno un cuore da ontologi, MA da ontologi tematicisti e non da ontologi generalisti. Di più, non hanno in mente alcun sistema mono/multidiensionale, in parallelo o gerarchicamente ordinato. Per questo spesso le biblioteche sono macedonie con troppo mango e poca mela.

53 Un esempio: tanto per non fare nomi La Biblioteca del Dipartimento di Filosofia dellUniversità di Padova ha assunto la classe B Philosophy. Psychology. Religion (1910! della ontologia generalista della Classificazione della Library of Congress (LCC), assumendo anche Lontologia filosofica della LCC > Filosofi; Classi di Filosofi; Discipline; Concetti, Soggetti con Filosofia (parola); Soggetti che corrispondono a intestazioni classificatorie proprie della LC per la filosofia I suoi generalisti classificatori/bibliotecari hanno – più o meno intenzionalmente – declinato la classe B della generalista LCC ai modelli tematicisti dei loro esperti

54 Un esempio (1) Tema/Settore: Filosofia del Linguaggio Nella LCC: (2) Language and Languages – Philosophy (per Philosophy of Language; Linguistic Philosophy) è intestazione di soggetto ed è intesa come disciplina filosofica Appartengono al nodo (2), in ordine gerarchico:

55 (2) Language and Languages – Philosophy. Generalista LCC (LCSH in Philosophy. Thesaurus) Ineffable, The Language and Ethics Language and Logic Ambiguity Analysis (Philosophy) Logical athomism Proposition (Logic) Logical Positivism Ordinary-Language philosophy Private Language Etc. Meaning Etc.

56 (2) Language and Languages – Philosophy. Tematicista (Massimiliano) Kent Bach. Thought and Reference. Clarendon Press, Oxford, M.G Michael Devitt, editor. The Blackwell guide to philosophy of language. Blackwell Philosophy Guides. Blackwell, Oxford, Michael Dummett. Frege: philosophy of Language. Duckworth, London, M.H Gareth Evans. The Varieties of Reference. Clarendon Press, Oxford, M.G Gareth Evans. Collected Papers. Clarendon Press, Oxford, M.G Jerry A. Fodor and Ernest Lepore. Holism: a shoppers guide. Blackwell, Oxford, M.G Etc. Per lo Scaffale Filosofia del Linguaggio (100 documenti)

57 (2) Language and Languages – Philosophy. Tematicista Massimiliano > Generalista Cristiana > Generalista LCC Filosofi G. Evans J. A Fodor P. Geach E. Lepore J. R. Searle D. Davidson P. Grice J. Perry S. Kripke G. Evans D. Kaplan H. Putnam Etc. Discipline Logic Knowledge, Theory of Metaphysics Ontology Etc.

58 (2) Language and Languages – Philosophy. Tematicista Massimiliano > Generalista Cristiana > Generalista LCC Concetti Events Fiction Government-binding theory (Linguistics) Government-binding theory (Linguistics) Indexicality Holism Meaning Reference Speech Acts Truth Etc.

59 (2) Language and Languages – Philosophy. Tematicista Massimiliano ? > Generalista Cristiana ? > Generalista LCC ? (con la perdita del tema e del cuore …) Filosofi G. Evans: B.105.R25.E93; P.106.E93 J. A Fodor: B.945.F633 P. Geach: BC.50.G43 E. Lepore: BC.108.L47 J. R. Searle: B.945.S43 Etc. Discipline Knowledge, Theory of: BD; BF Logic: BC Concetti Description:B105.D4; BF463.D47; B105.R25 BC199.M6 Meaning: B105.R25; BC.108 Reference; B105.R25; B840 P; P325.5.R44 Truth: BC, BD Etc.

60 Congedandosi Produrre una ontologia tematicista per la filosofia e non per lesperto tematicista [?] Produrre una ontologia generalista per la filosofia dove lesperto tematicista possa riconoscere lesistenza dei suoi temi in modo appropriato [?]


Scaricare ppt "Classificare le Scienze Umane: il caso Filosofia - Padova 2 febbraio 2007 Cristiana Bettella* e Massimiliano Carrara^ * Dipartimento di Filosofia, Università"

Presentazioni simili


Annunci Google