La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cooperazione Territoriale Europea 2007- 2013 Programma Spazio Alpino INFO-DAY Spazio Alpino Torino, 25 marzo 2010 INFO-DAY Spazio Alpino Torino, 25 marzo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cooperazione Territoriale Europea 2007- 2013 Programma Spazio Alpino INFO-DAY Spazio Alpino Torino, 25 marzo 2010 INFO-DAY Spazio Alpino Torino, 25 marzo."— Transcript della presentazione:

1 Cooperazione Territoriale Europea Programma Spazio Alpino INFO-DAY Spazio Alpino Torino, 25 marzo 2010 INFO-DAY Spazio Alpino Torino, 25 marzo 2010

2 Alpine Space Programme 2007– 2013

3 Project generation Perchè? uso rete ACPs ricerca di partner potenziali Estemporaneo ai bandi Elaborazione e sviluppo proposta progettuale Ottenere informazioni e feedback (commento) dal programma elaborazione di una proposta più coerente con ToRs e PO Come? 1) Invio e pubblicazione di un` idea progettuale -project idea- (vedi ACP: commento informale coerenza idea con strategia e obiettivi programmawww.alpine-space.eu 2) Partecipazione Infodays, Workshops transnazionali (vedi informazioni e networking 3) Contatto diretto/bilaterale con ACP

4 ACP F ACP CH ACP SLO ACP D ACP A PP I PP A PP F PP D PP I PP SLO PP A PP F PP A Rete europea JTS Idea progettuale ACP I Project generation Networking ACP-JTS PP CH ACP FL

5 Definizione dei Terms of Reference (ToR) Apertura del bando Valutazione tecnica delle EoI Expression of Interest (EoI) Pre selezione Invio delle proposte progettuali Valutazione delle proposte Preparazione 2a fase Selezione 1a fase Giugno 2010 Dicembre 2010 Ottobre 2010 Febbraio 2011 Aprile 2010 Maggio ° Bando Alpine Space

6 Informazioni generali Dimensioni finanziarie: Budget medio per progetto di 2 M/3 M totali. Finanziamento pubblico: Cofinanziamento FESR 76% basato sul principio dei public funds. Durata max del progetto: 36 mesi.

7 Principio del LP Responsabilità del LP - Principio del LP E responsabile verso la MA per tutto il Partenariato ART. 20 Reg.1080/06 In particolare il LP ha la responsabilità della presentazione, attuazione e chiusura del progetto; il LP si assume le seguenti responsabilità: - di quanto dichiarato in AF (anche delleffettiva esistenza del cofinanziamento) - di concludere il PA con tutti i PP per garantire una corretta attuazione e corretta gestione transnazionale del progetto. - di utilizzare appropriati mezzi di divulgazione dei risultati progettuali. - di utilizzare i fondi esclusivamente per lattuazione delle attività concordate fra i PP di progetto. - assicura un puntuale trasferimento dei fondi FESR ai PP - è il soggetto deputato ai recuperi, in caso di irregolarità delle somme dichiarate.

8 Chi può partecipare Enti Pubblici territoriali con sede nellArea di Cooperazione Enti Assimilabili ad enti pubblici con sede nellArea di Cooperazione Enti privati (profit e non profit) con sede nellArea di Cooperazione. Enti pubblici nazionali o Agenzie pubbliche nazionali con sede al di fuori dellarea di cooperazione ma con competenza sullintero territorio nazionale. Flexibility Option (art 21 Reg 1080/06): altri PP situati al di fuori dellarea di cooperazione (ma parte degli Stati partecipanti al Programma, sino ad un massimo del 20% del budget di progetto. * obbligo per tutti (sia Pubblici che privati) di applicare regole di evidenza pubblica (in Italia Codice Unico Appalti) e la normativa sugli aiuti di stato (regime De Minimis)

9 Rilevanza transnazionale dellidea progetto. Obiettivi progettuali in coerenza con gli obiettivi del Programma Attività progettuale e loro localizzazione Principali OUTPUT e RISULTATI, loro utilizzo Descrizione del Partenariato Budget totale previsto Indicazione del possibile LP Expression of Interest (I Step ) Informazioni richieste:

10 CANDIDATURA Attenzione ai Terms of Reference! Rispettare le tempistiche Verificare richieste nazionali Verificare leffettivo coinvolgimento dei PP anche in fase di definizione dellidea progetto. Verificare il cofinaziamento nazionale dei PP. Chiara indicazione delle attività progettuali con distinzione fra output e risultati Identificare azioni pilota e area pilota e descrizione della loro rilevanza ai fini progettuali Sviluppo di un Piano di Comunicazione AUTOVALUTAZIONE !

11 PP Italiani 100% Finanziamento pubblico 76% finanziamento FESR 24% finanziamento CIPE

12 Cosa è finanziabile: regole di eleggibilità 5 voci di budget: Staff External experts and services Investments General expenses Financial charges and guarantee costs Flessibilità 20% o x budget shifts

13 Staff Personale contrattato per le attività progettuali. Regole particolari: 1 – Costo dei dipendenti pubblici In genere non è ammissibile. Imputabile solo se viene dimostrato che lincarico sul progetto esula dalle funzioni ordinarie svolte per lente. 2 – Personale già a contratto Imputabile solo se esiste specifica nota dincarico che attribuisca lo staff al progetto. 3 – Lavoro volontario Non ammissibile.

14 External Experts Prestazioni di servizi* (es. Controlli di primo Livello, Project Management) Contratti di fornitura* (acquisto di prodotti) SPECIFICITA Catering e cene: eleggibili solo se si tratta di evento pubblico previsto in Application Form. Le bevande alcoliche sono eleggibili solo in alcuni Stati (riferirsi alle normative nazionali). * Art. 3 del Dlgs. 163/06 Codice Unico Appalti

15 Spese di viaggio StaffExternal ExpertsImputabili alla voce Staff o External Experts Sono applicabili le regole delle rispettive amministrazioni pubbliche Mezzo trasporto: criterio delleconomicità Costi di alloggio: criterio del prezzo medio (senza limite di categoria). Meetings: devono avvenire nellarea del Programma (eccezioni: Bruxelles o meetings già previsti in AF) Viaggi sotto i 400 Km: voli aerei solo se il mezzo più economico

16 Investments* Equipments (costo di acquisto, consegna, installazione, manutenzione) Imputabile per quote di ammortamento (tranne nel caso in cui esaurisca la durata entro la fine del progetto) - Mobile Eq.(es PC) - Immobile Eq. (es stazioni di monitoraggio) Small scale infrastructures (per azioni pilota) Verranno approvati solo in casi eccezionali. Si dovrà dimostrare limpatto transnazionale e il costo\beneficio dellinfrastruttura. *solo se menzionate nella sezione 5.3 dellAF

17 General expenses DIRETTE (Direct costs) Devono essere direttamente correlate alle attività del progetto e riconducibili ad un WP – effettivamente avvenute e quietanzate. Es. Spese di telefono – elettricità - riscaldamento –affitto dellufficio tecnico. INDIRETTE (Overhead costs) Non ammissibili (es. portineria)

18 Financial charges and guarantee costs Ammissibili: Costi per transazioni finanziarie fra PPs Spese per conti bancari dedicati Fidejussioni (se richieste dagli organi di programma) Non Ammissibili: Finanziamenti di eventi culturali (nemmeno one-off) Interessi su debiti Multe IVA (se recuperabile) …

19 Richieste nazionali italiane Italian National Requirements I Step 1 CVs dei PP nazionali (sia PP che LP) II Step... comunicati in seguito

20 CRITERI DI AMMISSIBILITA Requisiti formali CRITERI DI VALUTAZIONE..i principali: -Strategia progettuale: coerenza gli obiettivi stabiliti dai consigli di Libona-Goteborg (crescita competitiva- creazione di nuovi posti di lavoro – sviluppo sostenibile) e con I principi guida del Programma -Attività-output-risultati: concretezza, rilevanza di output e risultati e loro utilizzo, coerenza -Partenariato: copertura geografica, livelli di cooperazione, PP adatto al raggiungimento degli obiettivi progettuali (esperienza del LP e rilevanza del Partenariato), approccio integrato e multisettoriale Expression of Interest (I Step)

21 Processo di selezione progetti Progetto Valutazioni Nazionali Valutazione transnazionale Valutazione Finale Network ACPs IT-F-D-AT-CH-SL-FL JTS Application Package National Requirements Application Package Decisione Task Force Info al LP

22 Documenti di riferimento Reg. 1083\06 Reg. 1080\06 Reg. 1828\06 Programma Operativo (20 settembre 2007). PIH- Programme Implementation Handbook. Vademecum per progettisti Italiani. Programma Spazio Alpino: analisi di medio periodo.

23 COORDINAMENTO NAZIONALE SPAZIO ALPINO PRESIDENZA COMITATO NAZIONALE Regione Lombardia Direzione Generale Territorio e Urbanistica Via Sassetti, 32/ Milano Tel Fax U.O. Pianificazione territoriale e urbana Dirigente Arch. Gian Angelo BRAVO u.o.o. Programmi europei per il territorio Responsabile Dott. Fabio GIROTTO VICE PRESIDENZA COMITATO NAZIONALE Regione Autonoma Valle dAosta Presidenza della Regione Dipartimento politiche strutturali e affari europei P.zza Accademia di S. Anselmo, 2 – Aosta Tel Fax Servizio Cooperazione territoriale Dirigente Dott. Rudy Sandi Referente regionale per il Programma Dott. Remo Chuc ACP – ALPINE CONTACT POINT ITALIA c/o Regione Lombardia Via Sassetti, 32/2 - Milano Tel fax Internet

24 Per Informazioni: M. Cristina Palamini ACP Italy- Regione Lombardia


Scaricare ppt "Cooperazione Territoriale Europea 2007- 2013 Programma Spazio Alpino INFO-DAY Spazio Alpino Torino, 25 marzo 2010 INFO-DAY Spazio Alpino Torino, 25 marzo."

Presentazioni simili


Annunci Google