La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dr. Alberto Laffranchi Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano Gruppo Me.Te.C.O. Medicine e Terapie Complementari in Oncologia Mail:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dr. Alberto Laffranchi Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano Gruppo Me.Te.C.O. Medicine e Terapie Complementari in Oncologia Mail:"— Transcript della presentazione:

1 Dr. Alberto Laffranchi Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano Gruppo Me.Te.C.O. Medicine e Terapie Complementari in Oncologia Mail: LINTESTINO RITROVATO Novità in clinica e terapia Torino 11/12 Maggio 2013

2 Il colesterolo è una sostanza grassa che si trova in tutto lorganismo ed è fondamentale per il normale funzionamento delle cellule. Serve allorganismo per produrre gli ormoni, per costruire le pareti delle cellule e per altri processi importanti. Lorganismo è in grado di produrre tutto il colesterolo necessario (colesterolo endogeno), ma questo si trova anche in alcuni alimenti.

3 Il colesterolo Il colesterolo low density lipoprotein cholesterol (LDL-C) e high-density (HDL-C) sono considerati un importantissimo "termometro" del rischio cardiovascolare. rischio cardiovascolare Ai suoi valori è infatti legata la probabilità teorica di subire una malattia correlata all'aterosclerosi, come l'angina pectoris, l'infarto miocardico, l'ictus o la claudicatio intermittensaterosclerosiangina pectorisictus claudicatio intermittens

4 Quando si vuole mantenere il cuore in buona salute Negli Stati Uniti come in altri paesi industrializzati i disturbi cardiaci sono la causa principale di morte in entrambi i sessi. Per mantenere il cuore in buona salute occorre tenere in considerazione sia la dieta sia il proprio patrimonio genetico ; la salute del cuore, inoltre, può dipendere dai farmaci che si assumono.

5 Chi soffre di ipercolesterolemia? Leggendo attentamente la letteratura medica di anni fa, trovate la seguente risposta: tutti gli uomini di mezza età il cui colesterolo è oltre i 240 con altri fattori di rischio, come fumare o il sovrappeso. Dopo la Cholesterol Consensus Conference del 1984 i parametri cambiarono: tutti (maschi e femmine) con il colesterolo sopra i 200 possono ricevere la temuta diagnosi e la prescrizione dei relativi farmaci. Recentemente, quel valore è ulteriormente sceso a 180.

6 Calcolatore del Rischio Cardiovascolare sono tratte dallo Studio di K.M. Anderson e coll. che costituisce uno 'Scientific Statement' della American Heart Association.K.M. Anderson e coll.

7 Calcolo del Rischio Cardiovascolare in base alla PAS: per 5 anni I suoi RISULTATI confrontati con quelli medi di un uomo di 56 anni Fattore al Dati medi M e F Pressione Sist. 130 mmHg 130 mmHg Colesterolo 218 mg/dl 214 mg/dl 229 mg/dl HDL 57 mg/dl 44 mg/dl 58 mg/dl Età 56 anni Fumo No No Diabete No No I.V.S. No No Rischio 3.68 % 5.25 % Complimenti! Il suo rischio e' al di sotto della media. Rischio stessi parametri donna 2.11 % 2.23 %

8 Calcolo del Rischio Cardiovascolare in base alla PAS: per 5 anni I suoi RISULTATI confrontati con quelli medi di un uomo di 56 anni Fattore al Dati medi M e F Pressione Sist. 130 mmHg 130 mmHg Colesterolo 218 mg/dl 214 mg/dl 229 mg/dl HDL 57 mg/dl 44 mg/dl 58 mg/dl Età 56 anni Fumo Sì No Diabete No No I.V.S. No No Rischio 6.42 % 5.25 % Complimenti! Il suo rischio e' al di sotto della media. Rischio stessi parametri donna 3.95 % 2.23 %

9 Calcolo del Rischio Cardiovascolare in base alla PAS: per 5 anni I suoi RISULTATI confrontati con quelli medi di un uomo di 56 anni Fattore al Dati medi Pressione Sistolica 130 mmHg 130 mmHg Colesterolo 300 mg/dl 214 mg/dl 229 mg/dl HDL 57 mg/dl 44 mg/dl 58 mg/dl Età 56 anni Fumo No No Diabete No No I.V.S. No No Rischio 5.86 % 5.25 % Complimenti! Il suo rischio e' al di sotto della media. Rischio Nella Donna 2.11 % 2.23 % 3.57 %

10 Calcolo del Rischio Cardiovascolare in base alla PAS: per 5 anni I suoi RISULTATI confrontati con quelli medi di un uomo di M e F 56 anni Fattore al Dati medi Pressione Sistolica 130 mmHg 130 mmHg Colesterolo 218 mg/dl 214 mg/dl 229 mg/dl HDL 40 mg/dl 44 mg/dl 58 mg/dl Età 56 anni Fumo No No Diabete No No I.V.S. No No Rischio 6.15 % 5.25 % Complimenti! Il suo rischio e' al di sotto della media. Rischio stessi parametri donna 3.76 % 2.23 %

11 Si può abbassare il colesterolo? Esistono diversi farmaci in grado di abbassare il colesterolo, uno dei fattori fondamentali per la salute del cuore. colesterolo Tra questi farmaci, i principali sono le statine. statine

12 Le più Utilizzate: Lovastatina (Rextat®, …)Lovastatina (Rextat®, …), PravastatinaPravastatina (Pravaselect®, Selectin®, …), SimvastatinaSimvastatina (Sivastin®, Sinvacor®, …), FluvastatinaFluvastatina (Lescol, Lipaxan®, …), AtorvastatinaAtorvastatina (Torvast®, Totalip®), Rosuvastatina

13 limitando la sintesi del colesterolo endogeno.colesterolo endogeno In particolare questi farmaci vanno a bloccare l'attività di un enzima chiamato HMG-CoA reduttasi (Hidrossi-Metil-Glutaril-Coenzima A- reduttasi),HMG-CoA fondamentale nei processi di sintesi del colesterolo soprattutto a livello epatico.sintesi del colesterolo

14 Tra questi altri benefici ci sarebbe la diminuzione del rischio di: artrite e fratture, alcuni tipi di tumore,tumore demenza e morbo di Alzheimer,morbo di Alzheimer patologie renalipatologie renali. Le statine, inoltre, potrebbero essere utili per tenere sotto controllo la risposta immunitaria dopo i trapianti. Tutte azioni da verificare mediante studi controllati.

15 Specie negli anziani che presentano maggiore rischio cardiovascolare ! Sono noti i più comuni effetti collaterali delle statine : dolori muscolari, rash cutanei, insonnia, polineuropatie, epatopatie e miopatie Ma è altresì noto che tra le complicanze si può manifestare anche unimportante trombocitopenia [Groneberg, 2001; Aster, 2007].

16 Alterazioni della funzionalità epatica e dolori muscolari rientrano tra gli effetti indesiderati più comuni. L'impiego delle statine è controindicato negli alcolisti, in gravidanza, in allattamento, nei bambini e nei pazienti con disfunzioni epatiche. Non vanno inoltre associate ai fibrati, farmaci ipolipidemizzanti utili per abbassare i livelli di trigliceridi nel sangue, per il rischio di miopatia, rabdomiolisi ed insufficienza renale. gravidanzaallattamentofibrati farmaci ipolipidemizzantirabdomiolisi Anche sforzi fisici importanti possono aumentare il rischio di danni muscolari.

17 Prudenza per un uso meno sistematico e generalizzato delle statine emerge dalla segnalazione del rischio aumentato di emorragie cerebrali in ragione del loro effetto antitrombotico e fibrinolitico [Goldstein, 2009; Westover, 2011].

18 Gli autori utilizzando il modello matematico di Markov, considerando anche letà dei pazienti, la sede del sanguinamento se sopra o sottotentoriale e le sue dimensioni. Si sono chiesti se la potenziale complicanza di emorragie cerebrali in soggetti che nellanamesi hanno già lamentato episodi vascolari cerebrali fosse maggiore del beneficio atteso dalla profilassi con statine.

19 Mediamente la recidiva di sanguinamento si ha 14% dei casi con luso delle statine aumenterebbe al 22% Questo significa che in un caso su tre la recidiva sarebbe imputabile alle statine. [Goldstein, 2009; Westover, 2011].

20 Gli autori concludono che la mancata profilassi con statine favorirebbe la sopravvivenza dei pazienti che, avendo già avuto un episodio emorragico cerebrale, presentano un aumentato rischio di recidiva vascolare. Le statine aumentano la percentuale di rischio di recidiva soprattutto quando la pregressa emorragia cerebrale fosse risultata sovra- tentoriale. [Goldstein, 2009; Westover, 2011].

21 Anche se i dati non sono ancora supportati da uno studio randomizzato sono però tali da suggerire di evitare le statine nei pazienti con storia di emorragia cerebrale sovra-tentoriale. Il meccanismo dazione delle statine è generalmente noto ma le variazioni individuali delle complicanze dovrebbero suggerire una maggiore criticità nella loro prescrizione almeno nei pazienti che abbiano già lamentato episodi vascolari cerebrali sovra-tentoriali Bibliografia Groneberg DA. Simvastatin-induced thrombocytopenia. Am J Hematol 2001;67:277 Aster RH. Drug-induced immune thrombocytopenia. N Engl J Med 2007;357:580–587 Goldstein LB, et al. Hemorrhagic stroke in the stroke prevention by aggressive reduction in cholesterol levels study. Neurology Jun 10;70(24 Pt 2): Epub 2007 Dec 12. Westover MB, et al Statin use following intracerebral hemorrhage: a decision analysis Arch Neurol Jan 10

22 Danni epatici. In alcuni casi, le statine possono far aumentare gli enzimi epatici. Se è considerevole, si interrompe la terapia. Altri farmaci per il controllo del colesterolo, come il gemfibrozil e la niacina, fanno aumentare ancor di più il rischio di problemi epatici nei pazienti in terapia con le statine. A SEI MESI DALLINIZIO DELLA CURA CON LE STATINE è UTILE RICONTROLLARE LA FUNZIONALITA EPATICA. SUCESSIVAMENTE ANNUALMENTE.

23 Problemi muscolari. Le statine possono causare dolore e fastidio ai muscoli ( miopatia da statine ). Più la dose è alta, più aumenta il rischio di soffrire di problemi muscolari. Nei casi più gravi, le cellule dei muscoli possono rompersi ( rabdomiolisi ) e rilasciare nel sangue una proteina, la mioglobina, con danno renale.

24 Lassunzione contemporanea delle statine e di altri farmaci può far aumentare il rischio di rabdomiolisi: tra questi altri farmaci ricordiamo il gemfibrozil, leritromicina, gli antimicotici, il nefazodone, le ciclosporine e la niacina. Tra i segnali premonitori: Crampi o fastidi muscolari

25 Non ci sono prove a supporto della modifica apportata dallAIFA alla regola di rimborso stabilita dalla precedente Nota 13, che di fatto spinge i medici usare sempre le Statine senza distinguere i pazienti in base al grado di rischio.

26 Pazienti senza malattie CCV e con un rischio a 5 anni <5%. Ogni morte vascolare e non vascolare in tutti i partecipanti Gruppo Statine 129 (31+98)Su pz. Nei gruppi di controllo 127 (40+87)su

27 Riservare questi trattamenti cronici solo a pazienti con rischio CCV realmente elevato, informando correttamente i cittadini. Molti di quelli con rischio medio o basso, infatti, non sarebbero entusiasti di scambiare semplicemente un grave effetto avverso con un altro o una causa di morte con unaltra, senza chiare prove di benefici netti.

28 RESEARCH LETTER ONLINE FIRST Limit to Benefits of Large Reductions in Low-Density Lipoprotein Cholesterol Levels: Use of Fractional Polynomials to Assess the Effect of Low-Density Lipoprotein Cholesterol Level Reduction in Metaregression of Large Statin Randomized Trials JAMA INTERN MED PUBLISHED ONLINE APRIL 29, 2013 WWW. JAMAINTERNALMED.COM Hisato Takagi, MD, PhD Takuya Umemoto, MD, PhD for the ALICE (All-Literature Investigation of Cardiovascular Evidence) Group

29 A recent metaregression of 25 large statin randomized trials involving participants and major vascular events reported a significant reduction in the risk of major vascular events associated with a reduction in low-density lipoprotein cholesterol (LDL-C) level. The question that naturally follows is whether there is a threshold for the benefit of LDL level reduction that can be achieved with statins or whether greater reductions in LDL level would bring greater reductions in vascular events.

30 Our fractional polynomials metaregression suggests almost no additional benefit in the use of statins beyond a 40 mg/dL decrease in LDL-C level in preventing major vascular events.

31 Relation between logarithmic relative risk for major vascular events and mean absolute reduction in low-density lipoprotein cholesterol (LDL-C) level. The area of each circle is proportional to the precision (inverse variance) of the relative risk. Black line, linear model; red curve, best-fitting fractional polynomials model. To convert LDL-C from milligrams per deciliter to millimoles per liter, multiply by

32 Alternative alle Statine La Dieta Integratori La Fitoterapia LOmeopatia Esperienza personale

33 Studio DIANA 5 Dati preliminari Disegno dello studio e dati a Dicembre N= 651 N= 801 N= 804

34 Variabile Stadio I (912) Stadio IIA (556) Stadio IIB (218) Stadio IIIA (276) Circonferenza vita (cm)83,4 ± 12,384,3 ± 12,185,0 ± 12,786,3 ± 12,5 Glicemia (mg/dL)92,2 ± 15,993,3 ± 18,692,6 ± 13,793,8 ± 15,1 Colesterolo tot, (mg/dL)207,0 ± 37,5208,1± 35,8210,0 ± 36,4213,5 ± 40,7 HDL (mg/dL)64,3 ± 16,662,3 ± 15,260,8 ± 15,662,2 ± 16,0 LDL (mg/dL)123,8 ± 36,4124,7 ± 35,6127,3 ± 35,6129,3 ± 38,6 Trigliceridi (mg/dL)97,9 ± 65,8103,6 ± 65,7109,4 ± 57,5108,4 ± 70,2 Insulina (μU/mL)7,5 ± 4,78,4 ± 10,19,3 ± 8,29,5 ± 12,8 Sindrome metabolica (%) ,1 45,1 17,8 34,1 44,2 21,7 26,6 51,8 21,6 31,9 47,5 20,6 Caratteristiche metaboliche ed ormonali della popolazione DIANA5 al baseline stratificando per stadio della malattia (1962 donne), in rosso le differenze statisticamente significative

35 G1 (236)G2 (965)G3 (691) ER-ER+ER-ER+ER-ER+ Età52,9 ± 7,753,3 ± 7,652,8 ± 7,951,6 ± 8,050,7 ± 8,850,9 ± 8,4 Peso (Kg)69,2 ± 0,765,7 ± 11,463,0 ± 11,166,2 ± 12,366,7 ± 13,366,8 ± 12,2 BMI (Kg/m 2 )26,7 ± 4,625,5 ± 4,524,7 ± 4,825,7 ± 4,925,9 ± 5,225,8 ± 4,9 M. Grassa tot. (Kg)22,3 ± 6,022,0 ± 8,119,4 ± 6,722,2 ± 8,523,0 ± 9,422,7 ± 9,0 M. Magra tot. (Kg)44,7 ± 4,143,5 ± 4,442,3 ± 3,443,9 ± 4,643,3 ± 4,844,1 ± 4,6 M. Muscolo tot. (Kg)42,4 ± 3,941,3 ± 4,2 40,2 ± 3,341,7 ± 4,341,2 ± 4,641,9 ± 4,4 Acqua totale (Kg)32,7 ± 3,031,9 ± 3,231,0 ± 2,532,1 ± 3,431,7 ± 3,632,3 ± 3,4 Met. basale (Cal)1340 ± ± ± ± ± ± 144 Circonf. vita (cm)87,6 ± 12,584,2 ± 11,381,6 ± 11,883,8 ± 12,384,7 ± 13,085,1 ± 12,4 Glicemia (mg/dL)101,4 ± 16,791,7 ± 15,589,2 ± 11,293,2 ± 16,791,1 ± 15,493,5 ± 17,5 Colest. Tot. (mg/dL)184,0 ± 32,1204,3± 35,9210,9 ± 41,0206,5± 37,8220,2± 35,6209,5 ± 36,6 HDL (mg/dL)61,1 ± 10,563,0 ± 17,065,3 ± 15,862,9 ± 16,263,8 ± 15,762,5 ± 15,3 LDL (mg/dL)106,7 ± 33,1122,7 ± 33,4126,9 ± 34,8122,8 ± 36,7137,7 ± 38,3125,7 ± 35,9 Trigl. (mg/dL)76,5 ± 19,698,4 ± 50,092,9 ± 40,7102,6 ± 70,095,1 ± 52,0107,3 ± 67,8 Insulina (μU/mL)8,6 ± 2,77,5 ± 4,37,3 ± 3,88,2 ± 8,68,2 ± 7,28,5 ± 8,2 Caratteristiche della popolazione DIANA 5 al baseline stratificando per G (1892 donne),

36 Differenza (n=574) Differenza (n=517) P* Glicemia (mg/dl)-1,32+1,300,09 Colest. Tot. (mg/dl)-8,23-4,750,04 HDL (mg/dl)+0,74-0,510,76 LDL (mg/dl)-6,28-4,600,33 Trigliceridi (mg/dl)-16,9-8,830,03 Insulina (μU/ml)**-3,0-0,50,02 SHBG (nmol/l)**+14,5-4,70,00 Risultati Confronto randomizzato al termine del primo anno (n:1091) *P aggiustato per età, stadio e BMI baseline (anova) ** 97 donne

37 Le raccomandazioni dietetiche si basano generalmente su questi punti: - ridurre l'apporto energetico totale nei soggetti in sovrappeso; - ridurre i grassi totali della dieta a meno del 30% dell'energia - totale; - ridurre l'apporto di acidi grassi saturi (alimenti di origine animale) a meno del 10% dell'energia totale; ricordiamo infatti che una dieta ricca di grassi saturi può aumentare la colesterolemia del 15-25%; tale incremento è la conseguenza del deposito di grassi nel fegato, da cui deriva una maggior quantit à di Acetil-CoA disponibile per la sintesi epatica di colesterolo; aspetto spesso sottovalutato,grassi saturi la riduzione dei grassi saturi nella dieta risulta quindi addirittura pi ù importante della semplice riduzione del colesterolo alimentare.

38 ridurre, possibilmente eliminare, gli alimenti ricchi di oli idrogenati (presenti nella margarina ed in molti prodotti da forno);margarina ridurre il consumo di carboidrati ad alto indice glicemico (alimenti particolarmente dolci, come quelli da pasticceria ed alcuni tipi di frutta); incoraggiare il consumo di acido oleico (presente nell'olio di oliva) e linoleico (presente nel pesce); incoraggiare l'uso di carboidrati complessi; aumentare il consumo di frutta (ad eccezione di banane, fichi, uva, cachi e frutta disidratata), vegetali e legumi; moderare l'apporto di sale.carboidrati ad alto indice glicemicoacido oleicoolio di olivalinoleicopescecarboidrati complessifichi uvacachilegumisale

39 Alternative alle Statine Gli integratori Diversi studi hanno dimostrato che le fibre solubili - contenute in buone quantità nei legumi, nell'avena e nella sua crusca, nelle mele, negli agrumi e nelle carote - abbassano i livelli di colesterolo LDL e trigliceridi.fibre solubililegumiavenacruscamelecarotecolesterolo LDLtrigliceridi Come tutti gli integratori, ovviamente, le fibre possono risultare utili soltanto se assunte nel contesto di un regime alimentare sobrio ed equilibrato.

40 Alternative alle Statine Gli integratori In questa categoria rientrano prodotti come i semi di psillio, il glucomannano, la pectina, la gomma di guar e quella karaya. Gli integratori di fibra possono limitare l'assorbimento di farmaci assunti a breve distanza da essi e, specie se utilizzati ad alte dosi, possono determinare flatulenza e sensazione di gonfiore addominale.semi di psillioglucomannanopectinagomma di guarkarayaflatulenza gonfiore addominale DOSAGGIO quotidiano normalmente consigliato: grammi al giorno, divisi in dosi da assumersi poco prima dei pasti insieme ad abbondante acqua.

41 Chitosano Polisaccaride ricavato dal guscio dei gamberetti e di altri crostacei di mare. Il chitosano si comporta, di fatto, come un integratore di fibra, limitando l'assorbimento intestinale del colesterolo, dei grassi e di altri nutrienti.crostaceinutrienti

42 I betaglucani sono dei polisaccaridi contenuti nella crusca di alcuni cereali, come l'avena e l'orzo, e nel comune lievito di birra (Saccharomyces cerevisiae).orzobirra Le frazioni solubili vengono commercializzate come integratori di fibra e possono aiutare a ridurre i livelli di colesterolo LDL.

43 lecitina di soia La su efficacia nel ridurre la colesterolemia è stata dimostrata più volte; analogo discorso per le proteine ricavate dai semi di questo legume. Sostituire in almeno due o tre occasioni settimanali la carne con alimenti a base di soia (tofu, tempeh, miso) può quindi essere d'aiuto per controllare i livelli di colesterolo.carnesoiatempehmiso

44 Riflessione sulluso degli integratori alimentari L'eccessivo consumo di integratori e alimenti derivati dalla soia potrebbe abbassare leggermente i livelli di testosterone nell'uomo, a causa dell'elevato apporto di fitoestrogeni.testosteronefitoestrogeni La dieta e l'integrazione devono quindi essere sempre all'insegna della moderazione; anche l'eccesso di acqua, d'altronde, può essere letale.

45 Integratore alimentare di origine vegetale Una dose da 40 g contiene: riso integrale (oryza sativa - grani) 26,73 g, agave (Agave Americana L. - frutto) 9,32 g, complesso mineral-vitaminico (vitamina A, acido ascorbico, pirofosfato ferrico, vitamina D, VITAMINA E, tiamina, riboflavina, niacina, piridossina, acido folico, VITAMINA B12, biotina, d-calcio pantotenato, ossido di zinco, calcio), aquamin 636 mg (alga lithothamnion calcareum), miglio(panicum miliaceum - grani) 716 mg cavolo (brassica oleracea - pianta intera) 652 mg, topinambur (heliantus tuberosus - tuberi) 40 mg,

46 Integratore alimentare di origine vegetale gomma guar (cyamopsis tetragonoloba(l.) taub.- semi) 300 mg, carota (daucus carota - radice) 200 mg, alga spirulina 200 mg, canapa (cannabis sativa l. - semi) 200 mg, zucca (cucurbita maxima - frutto) 51 mg, patata (ipomea batatas (l.) lamb. - tubero) 48 mg, prezzemolo (petroselinum sativum - parti aeree) 40 mg, barbabietola (beta vulgaris - frutti) 40 mg, pomodori (solanum lycopersicum - frutti) 40 mg, estratto di acerola (malpighia glabra - frutti) 40 mg,

47 Integratore alimentare di origine vegetale Miscela di bacche e frutti 40mg: mirtillo (vaccinium ulginosum - bacche) 0,05 mg, mirtillo rosso (vaccinium vitis idaea - bacche) 0,05 mg, ribes nero (ribes nigrum - bacche) 0,05mg, aronia (aronia melanocarpa - bacche) 0,05 mg, uva (vitis vinifera - frutti) 0,05 mg, melograno (punica granatum - frutti) 0,05 mg, visciola (prunus idaeus - frutto) 0,05 mg, mirtillo (Vaccinium angustifollum - bacche) 0,05 mg, mirtillo rosso (Vaccinium oxycoccos - bacche) 0,05 mg, sambuco (sambucus nigra - bacche) 0,05 mg,, lamponi (rubus idaeus - bacche) 0,05 mg, lamponi neri (rubus occidentalls - bacche) 0,05mg,

48 Integratore alimentare di origine vegetale patata (Solanum tuberosum - tubero) 31.2 mg, bardana (arctium lappa - radice) 20 mg, cavolo (brassica oleracea var.capitata - foglie) 20 mg, coda di gatto (amaranthus caudatus, semi) 20 mg, quinoa (Chenopodium quinoa Willd. - semi) 20 mg, alga (porphyra tenera kjellman - foglie) 8 mg, broccoli (Brassica oleracea var. italica - foglie) 4 mg, spinaci (spinacia oleracea - foglie) 4 mg, funghi shiitake (lentinula edodes) 4mg, funghi reishi (Grifola frondosa) 4 mg, funghi agaricus (Agaricus blazei) 4 mg, alga (clorella regularis - foglie) 4 mg, estratto di té verde (camellia sinensis foglie) 4 mg.

49 Modulazione metabolica di un pasto sostitutivo vegetale, crudo ed integrale Autori: Autori: L. Vigna, R. De Giuseppe, C. Novembrino, F. de Liso, D. Sommaruga, F. Bamonti L. Vigna, R. De Giuseppe, C. Novembrino, F. de Liso, D. Sommaruga, F. Bamonti Istituto: Istituto: 1) Dip Medicina Preventiva Clinica e del Lavoro, U.O. Medicina del Lavoro I e 2) Dip. Scienze Mediche, Università degli Studi di Milano, Fondazione IRCCS Ca Granda, Ospedale Maggiore Policlinico, Milano 1) Dip Medicina Preventiva Clinica e del Lavoro, U.O. Medicina del Lavoro I e 2) Dip. Scienze Mediche, Università degli Studi di Milano, Fondazione IRCCS Ca Granda, Ospedale Maggiore Policlinico, Milano

50 Lobesità è strettamente correlata a cambiamenti endocrini e metabolici tra cui iperinsulinemia e dislipidemia, condizioni che contribuiscono ad aumentare il rischio di insorgenza di patologie cardiovascolari. Lobesità è strettamente correlata a cambiamenti endocrini e metabolici tra cui iperinsulinemia e dislipidemia, condizioni che contribuiscono ad aumentare il rischio di insorgenza di patologie cardiovascolari. Tra i vari interventi correttivi, il sostitutivo del pasto è tra le prescrizioni mediche più comuni. Tra i vari interventi correttivi, il sostitutivo del pasto è tra le prescrizioni mediche più comuni.

51 Allo scopo di valutare la modulazione metabolica in acuto di un nuovo prodotto commerciale (XY ®), costituito principalmente da vegetali crudi integrali liofilizzati con basso indice glicemico (riso integrale al 60%), sono stati arruolati 15 soggetti volontari sovrappeso/obesi (3M/12F, età media 48,9±10,3 anni; BMI (Body Mass Index) o I.M.C. (Indice di Massa Corporea) 30,3±6 Kg/m2) afferenti al Centro Obesità della Clinica del Lavoro.

52 > 40 Sovrappeso di 3° grado Grave obeso Sovrappeso di 2° grado Obeso Sovrappeso di 1° grado Sovrappeso 18,5-25 Normopeso Normale < 18,5 Sottopeso Magro Il B.M.I. (Body Mass Index) o I.M.C. (Indice di Massa Corporea) È un indice che mette in rapporto il peso corporeo con l'altezza Peso corporeo espresso in kilogrammi diviso Altezza in metri al quadrato. Esempio: Se il tuo peso è 80 kg e l'altezza è 160 cm il tuo B.M.I. sarà: 80 : (1,6 x 1,6) = 31,25

53 I soggetti sono stati sottoposti a tre prelievi di sangue per misurare le concentrazioni sieriche di glucosio, insulina e trigliceridi: I soggetti sono stati sottoposti a tre prelievi di sangue per misurare le concentrazioni sieriche di glucosio, insulina e trigliceridi: a digiuno (B), a digiuno (B), due ore dopo il pasto sostitutivo (PS; 40g di xy ® in 300mL di acqua, 140 Kcal) e due ore dopo il pasto sostitutivo (PS; 40g di xy ® in 300mL di acqua, 140 Kcal) e due ore dopo un pasto standard di dieta mediterranea (PP; Kcal, 60% glucidi, 25% protidi e 15% lipidi). due ore dopo un pasto standard di dieta mediterranea (PP; Kcal, 60% glucidi, 25% protidi e 15% lipidi).

54

55 Omeopatia e ipercolesterolemia: Olea europea MG 1DH 50 gtt 1-2 volte al giorno* un quarto d'ora prima dei pasti Juniperus communis MG 1 DH 50 gtt 1-3 volte al giorno* un quarto d'ora prima dei pasti *In entrambi i casi, lo schema terapeutico prevede cure di due mesi intervallate da un riposo di un mese fino alla normalizzazione delle analisi cliniche.

56 Fitoterapia e ipercolesterolemia Aglio E.S. titolato in allina min 1% 350 mg/cps, 1-2 cps tre volte al dì Aglio Garcinia E.S. titolato in acido idrossicitrico min 50% mg/die Garcinia Glucomannano Polvere micronizzata 2-3 g/die Glucomannano Carciofo E.S. titolato in acido caffeilchinico min 13% max 18%: mg/die da assumere 30 min prima dei pasti Carciofo

57 Metabolism Aug;57(8): Combination of simvastatin with berberine improves the lipid- lowering efficacy. Kong WJ, Wei J, Zuo ZY, Wang YM, Song DQ, You XF, Zhao LX, Pan HN, Jiang JD. Department of Pharmacology, Institute of Medicinal Biotechnology, Chinese Academy of Medical Sciences and Peking Union Medical College, Beijing , China.

58 La berberina associata alla frazione flavonolignanica del Silybum marianum (silimarina) da origine ad un farmaco con brevetto di formula con: mg di estratto secco standardizzato e titolato all85% di Berbers aristata DC. radice pari a 500 mg di berberina cloridrato; mg di Silybum marianum L. frutt estratto secco standardizzato e titolato al 65% pari a flavanolignani 68 mg; - In pazienti dislipidemici ha ridotto - il colesterolo totale del 29%; - l LDL del 25 %; - i TRIGLICERIDI del 35%;

59 - se si trattano animali (ratti) ipercolesterolemici con una statina riduci il colesterolo del 28.3%; 2- se li tratti con la berberina lo riduci del 26.8%; 3- se li tratti con entrambi il colesterolo viene ridotto del 46.2% (dato altamente significativo, p<0.01). Per ottenere dati simili (- 40% circa di colesterolo) nellanimale bisogna dare il doppio di una dose normale di statina. Se la stessa cosa si fa su pazienti ipercolesterolemici (63) i 2 insieme riducono il colesterolo del 32% circa contro un 25% circa se li somministri da soli; stesso medesimo ridultato per i trigliceridi. I dati suggeriscono quindi lassociazione dei 2 per: – ridurre il dosaggio di statina richiesto per ottenere leffetto sperato (per ridurne gli effetti collaterali) – trattare un soggetto che altrimenti necessiterebbe di dosaggi di statina troppo alti e quindi tossici. Quindi berberina e statine insieme costituiscono un nuovo modo per trattare le ipercolesterolemie.

60 ESPERIENZA PERSONALE POLICOSONALI 5 mg ottenuti dalla cera del riso. BETASITOSTEROLI (40%) 50 mg, RISO ROSSO FERMENTATO due frazione una 0.4% Brevettata 350 mg, laltra 1,5% 100 mg. Una compressa dopo pranzo. BERBERIS ARISTATA 588 mg, RISO Rosso Fer 200 mg, CANNA DA ZUCCHERO 10 mg E PEPE NERO 5 mg. Una compressa a fine cena Su 12 pazienti trattati per un anno, tutti in cura con Statine (simvastatina) da almeno 2 anni, le statine sono state sospese di colpo per dolori muscolari e dopo due giorni di wash out si è iniziata la nuova cura. A tre mesi dallinizio della cura: i valori della colestorolemia (Còlesterolo totale, LDL e HDL) erano del tutto sovrapponibili a quelli del trattamento con statine, ma persistevano i dolori muscolari. A sei mesi i valori restavano sovrapponibili, mentre si è osservata una progressiva riduzione dei dolori muscolari eccetto che in una paziente (che ha abbandonato), a 12 mesi i valori ematici erano sempre sovrapponibili, ma si è osservata la risoluzione piena dei fastidi muscolari.

61 Fine Vi ringrazio Vi ringrazio Per la cortese Attenzione


Scaricare ppt "Dr. Alberto Laffranchi Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano Gruppo Me.Te.C.O. Medicine e Terapie Complementari in Oncologia Mail:"

Presentazioni simili


Annunci Google