La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG O EKG) NORMALE Giuseppe Biondi Zoccai Divisione di Cardiologia, Università di Torino

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG O EKG) NORMALE Giuseppe Biondi Zoccai Divisione di Cardiologia, Università di Torino"— Transcript della presentazione:

1 ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG O EKG) NORMALE Giuseppe Biondi Zoccai Divisione di Cardiologia, Università di Torino

2 Electrocardiography is the graphical display of electrical potential differences of an electric field originating in the heart as recorded at the body surface. ECG continues to be the most commonly used laboratory procedure for the diagnosis of heart disease. The procedure is safe, simple, and reproducible; the record lends itself to serial studies; and the relative cost is minimal. Circulation 2001;104:3169 –3178

3 Registrazione Galvanometro: strumento che registra la differenza di potenziale tra 2 elettrodi (positivo e negativo) Derivazione: linsieme di 2 elettrodi applicati in un campo elettrico Asse della derivazione: linea immaginaria che unisce i due elettrodi Derivazione bipolare: entrambi gli elettrodi sono situati nel campo Derivazione unipolare: lelettrodo negativo (chiamato indifferente) è a potenziale zero; lelettrodo positivo è chiamato esplorante

4 ELETTROCARDIOGRAFIA POSIZIONE DEGLI ELETTRODI

5 V1 4° SPAZIO INTERCOSTALE, MARGINOSTERNALE DESTRA V2 4° SPAZIO INTERCOSTALE, MARGINOSTERNALE SINISTRA V3 A META TRA V2 E V4 V4 5° SPAZIO INTERCOSTALE, EMICLAVEARE V5 STESSO LIVELLO DI V4, ASCELLARE ANTERIORE V6 STESSO LIVELLO DI V4, ASCELLARE MEDIA

6 Derivazioni bipolari e unipolari Friedman 1-4

7 ECG 4 REGOLE ELETTRODI IN SEDE CORRETTA BUON CONTATTO CON CUTE (sfregare la cute sino ad arrossamento, no pasta ) NO FILTRI COGNOME NOME, DATA, ORA

8 ELETTROCARDIOGRAMMA STANDARD 12 Derivazioni 6 dagli arti periferiche (piano frontale): – 3 bipolari: D1, D2, D3 – 3 unipolari: aVR, aVL, aVF 6 precordiali unipolari (piano orizzontale): V1, V2, V3, V4, V5, V6

9 Derivazioni Bipolari D1 (Lead I) registra il potenziale tra il braccio destro e quello sinistro (positivo) D2 (Lead II) registra il potenziale tra il braccio destro e la gamba sinistra D3 (Lead III) registra il potenziale tra il braccio sinistro e la gamba sinistra

10 Derivazioni Unipolari aVR registra il potenziale dal braccio destro aVL registra il potenziale dal braccio sinistro aVF registra il potenziale dalla gamba sinistra

11

12 Derivazioni Precordiali (unipolari)

13 P: la deflessione prodotta dalla attivazione atriale. QRS: linsieme delle deflessioni prodotte dallattivazione dei ventricoli; si dividono in: Qogni deflessione iniziale negativa Rogni deflessione positiva Sogni deflessione negativa che segue londa R. Runa eventuale seconda deflessione positiva. QSuna unica deflessione negativa Si utilizzano lettere maiuscole (Q,R,S) per indicare le deflessioni di ampiezza superiore ai 5 mm, lettere minuscole (q,r,s) per quelle di ampiezza inferiore. T: la deflessione prodotta dalla ripolarizzazione ventricolare. U: la deflessione che può seguire la onda T. DENOMINAZIONI DELLE ONDE

14 P-Q o P-R: dallinizio della P, allinizio del QRS S-T dalla fine del QRS allinizio della T Q-T dallinizio del QRS alla fine della T DENOMINAZIONI DEGLI INTERVALLI

15 ECG Il segnale elettrico è proporzionale alla massa di cellule miocardiche la P è piccola in confronto al QRS perché la massa atriale è molto minore di quella ventricolare

16 ECG: REGISTRAZIONE standardIl segnale può venire amplificato a piacere, ma lo standard è 1 mm (1 quadratino) = 0,1 mV standard èLo scorrimento della carta (monitor) è regolabile a piacere, ma lo standard è 25 mm al secondo 25 mm al secondo, il che significa che 1 mm (1 quadratino) = 0,04 sec.

17

18 PERCHE ONDE POSITIVE e NEGATIVE?

19 PROCESSO DI ATTIVAZIONE FASE 4 (quiescenza) corrente DURANTE DEPOLARIZZAZIONE FIBRA COMPLETAMENTE DEPOLARIZZATA

20

21 Quando la depolarizzazione si muove verso il polo positivo, lungo la stessa direzione dellasse della derivazione, sullecg si osserva una deflessione positiva

22 Quando la depolarizzazione ha una direzione obliqua rispetto allasse della derivazione, sullecg si avrà una deflessione positiva meno marcata

23 Se la depolarizzazione ha direzione perpendicolare non si osservano deflessioni

24 Quando infine la depolarizzazione è diretta verso il polo negativo, avrò deflessioni più o meno negative in relazione alla direzione della depolarizzazione rispetto allasse della derivazione.

25 Rapporto tra processo di depolarizzazione (attivazione) di atri e ventricoli e onde dellECG

26 Tempi (in centesimi di secondo) di depolarizzazione (attivazione) di atri e ventricoli

27

28 ATTIVAZIONE (depolarizzazione) ATRIALE

29 ATTIVAZIONE (depolarizzazione) DEI VENTRICOLI

30 1.Onde atriali s/n Sinusali s/n Durata, ampiezza, forma 2.Rapporto onde atriali /QRS (1/1 2/1, nessun rapporto…) 3.Intervallo P-Q: durata 4.QRS durata, asse onde Q anomale, ampiezza onde R/S 5.Segmento S-T isoelettrico? 6.Onda T positiva dove QRS positivo? 7.Intervallo QT: durata 8.Onde U? Come si legge un ECG

31 MISURE ELETTROCARDIOGRAFICHE a = ampiezza (mV) d = durata (sec.) 0.20 msec 0,08 msec varia con FC Linea isoelettrica

32 Asse QRS

33 Rappresenta la direzione del fronte di attivazione media delle fibre cardiache Come si determina : 1.Stabilire in quale derivazione frontale la somma algebrica delle deflessioni del QRS si avvicina maggiormente a zero lasse sarà allincirca ad angolo retto rispetto a questa derivazione 2.Esaminare il QRS nella derivazione perpendicolare rispetto a quella in cui la somma algebrica era prossima allo zero; dovrà avere una deflessione dominante positiva o negativa se è positiva, lasse si dirigerà in questa derivazione, se è negativa, si dirigerà in senso opposto 3.Ritornare alla prima derivazione: la somma algebrica è precisamente zero? –Se è leggermente positiva, lasse dovrà in parte dirigersi verso questa derivazione modificare la stima iniziale di circa 15° verso la direzione considerata per prima –Se è leggermente negativa, lasse dovrà in parte dirigersi in direzione opposta modificare la stima iniziale di circa 15° in direzione opposta rispetto a quella considerata per prima –Se è esattamente zero, lasse è corretto. LASSE ELETTRICO DEL QRS (1)

34 Normale: compreso tra –30° e +90° LASSE ELETTRICO DEL QRS (2)

35

36

37

38

39 RIPOLARIZZAZIONE NORMALE

40 Intervallo QT e Frequenza Cardiaca: QT corretto (QTc) Intervallo QT e Frequenza Cardiaca: QT corretto (QTc) QTc > 440ms M, > 460 F QTc = QT RR (in sec.) Formula di Bazett:

41 NOMOGRAMMA DURATA INTERVALLO QT in rapporto a FREQUENZA

42 SORGENTI DI ERRORE POSIZIONAMENTO DEGLI ELETTRODI (IN PARTICOLARE PRECORDIALI) FATTORI DI CALIBRAZIONE ERRATI (Mv e sec.) INTERFERENZE ELETTRICHE (50 HZ E POTENZIALI MUSCOLARI) OSCILLAZIONI DELLA LINEA ISOELETTRICA

43 ARTEFATTI: TREMORI MUSCOLARI

44 ARTEFATTI: INTERFERENZA DA 50 Hz

45 ARTEFATTI: cattivo contatto elettrodo-cute

46 DESTROCARDIA TECNICA

47 VARIANTI NORMALI anni 15 Aritmia sinusale fasica

48 VARIANTI NORMALI Wandering pacemaker

49 ESERCIZI

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

73 Derivazioni bipolari D1 (Lead I) registra il potenziale tra il braccio destro e quello sinistro, designato come polo positivo

74 Derivazioni bipolari D2 (Lead II) registra il potenziale tra il braccio destro e la gamba sinistra

75 Derivazioni bipolari D3 (Lead III) registra il potenziale tra il braccio sinistro e la gamba sinistra

76 Derivazioni unipolari aVR registra il potenziale tra il braccio destro e il punto medio della linea che unisce il braccio sinistro e gamba sinistra

77 Derivazioni unipolari aVL registra il potenziale tra il braccio sinistro e il punto medio della linea che unisce il braccio destro e la gamba sinistra

78 Derivazioni unipolari aVF registra il potenziale tra la gamba sinistra e il punto medio della linea che unisce il braccio sinistro e il braccio destro

79 Operators recording ECGs should ensure that chest leads are placed in the proper position and electrodes make good skin contact to minimize artifacts. Standard settings of 25 mm per sec and 10 mm per mV should be used Circulation 2001;104:3169 –3178

80 velocità carta 25 mm/sec 1mm = 40 msec velocità carta 50 mm/sec 1mm = 20 msec velocità carta 10 mm/sec 1mm = 100 msec

81 PER SAPERNE di PIU

82 La cellula a riposo è polarizzata (interno neg., esterno pos.) Membrana cellulare: alta resistenza Friedman 1-1

83 Se la cellula viene stimolata, la resistenza della membrana si abbassa. Le cariche elettriche + migrano allinterno e le cariche - allesterno: Depolarizzazione o Attivazione Friedman 1-2

84 Durante la depolarizzazione, istante per istante cè un confinetra porzione di fibrocellula a riposo e porzione depolarizzata. Al fronte di attivazione avremo una serie di dipoli lungo tutta la superficie cellulare (tridimensionale!). Questa serie di dipoli può essere rappresentata da un singolo dipolo equivalente Friedman 1-2

85 Depolarizzazione o Attivazione di una fibrocellula o fascio muscolare Friedman 1-2

86 Depolarizzazione o Attivazione di un fascio muscolare Friedman 1-2

87 Ripolarizzazione di un fascio muscolare Friedman 1-3

88 Registrazione Galvanometro: strumento che registra la differenza di potenziale tra 2 elettrodi (positivo e negativo) Derivazione: linsieme di 2 elettrodi applicati in un campo elettrico Asse della derivazione: linea immaginaria che unisce i due elettrodi Derivazione bipolare: entrambi gli elettrodi sono situati nel campo Derivazione unipolare: lelettrodo negativo (chiamato indifferente) è a potenziale zero; lelettrodo positivo è chiamato esplorante

89 Registrazione Elettrogramma: registrazione di forze elettriche generate da più cellule muscolari (fascio muscolare –strip) Elettrocardiogramma: registrazione dellattività elettrica generata dal cuore Per convenzione, le forze positive generano una deflessione allinsù; quelle negative, allingiù

90 Derivazioni bipolari e unipolari Friedman 1-4

91 Potenziali registrati da derivazioni unipolari durante depolarizzazione e ripolarizzazione E EN elettrodo endocardico E EP elettrodo epicardico Friedman 1-5

92 Effetto della distanza tra elettrodo esplorante e ampiezza della deflessione registrata Friedman 1-6

93 Relazione tra asse della derivazione e grandezza della deflessione registrata Friedman 1-7

94 Stimolazione simultanea di 2 fasci muscolari nella stessa direzione Friedman 1-8

95 Stimolazione simultanea di 2 fasci muscolari in direzione opposta Friedman 1-9

96 Deflessione intrinseca Friedman 1-10

97 Fattori che alterano la ripolarizzazione Friedman 1-11

98 Ischemia Friedman 1-12

99 Lesione subepicardica Friedman 1-13

100 Lesione subepicardica Friedman 1-14

101 Lesione subendocardica Friedman 1-15

102 Thank you for your attention For any correspondence: For these and further slides on these topics feel free to visit the metcardio.org website:


Scaricare ppt "ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG O EKG) NORMALE Giuseppe Biondi Zoccai Divisione di Cardiologia, Università di Torino"

Presentazioni simili


Annunci Google