La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LItalia e lAbruzzo Localizzazione dellarea di studio prescelta BARONIA DI CARAPELLE Parco Nazionale Gran Sasso-Monti della Laga LAquila.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LItalia e lAbruzzo Localizzazione dellarea di studio prescelta BARONIA DI CARAPELLE Parco Nazionale Gran Sasso-Monti della Laga LAquila."— Transcript della presentazione:

1

2 LItalia e lAbruzzo

3 Localizzazione dellarea di studio prescelta BARONIA DI CARAPELLE Parco Nazionale Gran Sasso-Monti della Laga LAquila

4 LA BARONIA DI CARAPELLE E un territorio compreso nel Parco Nazionale del Gran Sasso-Monti della Laga E costituito da otto comuni: - Castel del Monte - Santo Stefano di Sessanio - Calascio - Castelvecchio Calvisio - Carapelle Calvisio - Villa Santa Lucia degli Abruzzi - Ofena - Capestrano

5 MARGINALITA Indicatori di marginalità utilizzati: Demografia Servizi Attività produttive Livello di vita

6 LA MARGINALITA DEMOGRAFIA: Popolazione residente

7 LA MARGINALITA DEMOGRAFIA: Densità di popolazione

8 LA MARGINALIA DEMOGRAFIA: lindice di vecchiaia

9 LA MARGINALITA IL SISTEMA PRODUTTIVO: E stato qualificato come: medio per il comune di Ofena, debole per tutti gli altri; DOTAZIONE DI SERVIZI: fortemente compromessa; LIVELLO DI VITA: intermedio per Capestrano, basso per tutti gli altri comuni

10 LA MARGINALITA LINDICATORE SINTETICO DI MARGINALITA DEFINISCE I COMUNI DELLAREA PRESCELTA COME Capestrano e Castel del Monte semimarginali Tutti gli altri sono marginali Nella regione in Abruzzo la Comunità Montana della zona è terza come marginalità

11 IDENTITA forte Storica Antropologica Culturale Ambientale

12 STORICA Neolitico Unità dItalia Medioevo Italico-romana

13 IDENTITA AMBIENTALE Paesaggio Architettura Centri storici

14 IDENTITA Antropologica Culturale Tradizione religiosa Gastronomia Agricoltura Zootecnia

15 Agricoltura Zootecnia Varietà autoctone Gastronomia Allevamento ovino Prodotti Tipici

16 LAGRICOTURA BIOLGICA

17 Levoluzione dellagricoltura biologica e/o multifunzionale nel territorio -In generale la presenza di agricoltura biologica nel territorio è poco percepita, ne sanno qualcosa solo quelli che la praticano, molti, quasi tutti, si definiscono biologici naturalmente. - Da alcune interviste in particolare si denota la carenza di assistenza tecnica su questo tema: non si sa esattamente cosa significa fare agricoltura biologica -Non viene vista come una tecnica agricola innovativa ma semplicemente come un non fare o un ritorno ai metodi di una volta.

18 Il ruolo delle imprese nelle attività produttive, di accumulazione e di innovazione -Produzione bio. Lunica innovazione apportata dal biologico, percepita da molti, è nelle tecniche di difesa delle colture. Per il resto non si sa proprio cosa sia. Addirittura lazienda biologica di punta della zona ammette che è nella commercializzazione la novità del biologico, più che nella tecnica agronomica.

19 Il grado di correlazione tra le produzioni realizzate e la vocazione del territorio Cè una diffusa percezione sulla tipicità dei prodotti locali. Indipendentemente dalla presenza o dallo sviluppo dellagricoltura biologica tutti gli intervistati pensano di produrre o di avere in zona un buon serbatoio di prodotti tipici, tra questi cereali: frumento tenero Solina; farro; legumi: lenticchia di Santo Stefano di Sessanio, cicerchia; olio di oliva;

20 I processi di integrazione intersettoriali e intra- settoriali Lunica forma di interazione che viene in mente a tutti è quella con i ristoranti che consumano i prodotti locali. In diverse interviste si fa riferimento alla mancanza di figure rappresentative del territorio, tutti si sentono poco rappresentati, anzi, un po orfani. Emerge in modo costante la scarsa attiutudine degli operatori, ma anche degli amministratori a fare sistema.

21 Le relazioni interpersonali e gli aspetti istituzionali Il primo dato che emerge in modo netto è la totale mancanza di collegamento e di rapporti tra gruppi di interesse ed istituzioni locali, anzi, i primi non esistono affatto. Si è appena costituita lassociazione degli operatori turistici di S. Stefano di Sessanio. Quasi tutti gli intervistati percepiscono il binomio agricoltura-turismo come una risorsa e parecchi sollecitano degli studi per avere una maggiore quantità e qualità di materiale su cui lavorare Ancora una volta viene rimarcato lo scollamento tra la produzione locale ed il consumo: tutte le produzioni della zona perdono la loro identità e non rimangono sul posto a disposizione di uneventuale offerta turistica.

22 Valutazione integrata dellarea pilota (analisi SWOT) OPPORTUNITA In generale tutta lagricoltura della zona è ad un basso livello di input cosa che dovrebbe favorire la conversione allagricoltura biologica. La Baronia, è particolarmente ricca di varietà autoctone (legumi, olio, cereali) dalle quali si ottengono ottimi prodotti tipici. Tipico-Biologico-Autoctono potrebbe essere il motto per lo sviluppo della zona

23 Valutazione integrata dellarea pilota (analisi SWOT) OPPORTUNITA La mancanza su buona parte del territorio, soprattutto in quella più in quota, di detrattori ambientali. I centri storici molto ben conservati, in alcuni casi perfettamente integri. Presenza di un elemento unificante a livello decisionale politico rappresentato dalla Comunità Montana, una sua più incisiva presenza potrebbe sostituire la mancanza, sentita da molti, di leader politici rappresentativi dellarea.

24 Valutazione integrata dellarea pilota (analisi SWOT) OPPORTUNITA La zootecnia può mettere a disposizione degli agricoltori biologici notevoli quantità di sostanza organica. La disponibilità, nella zona di valle, dellacqua di irrigazione distribuita con condotte in pressione. Attualmente lacqua è utilizzata solo per la produzione di foraggi (mais e erba medica), questa risorsa potrebbe essere anche utilizzata per una redditizia orticoltura biologica.

25 Valutazione integrata dellarea pilota (analisi SWOT) VINCOLI Un vincolo, avvertito soprattutto in riferimento ai terreni di monte, è quello della loro scarsa fertilità, della limitata profondità e delleccesso di scheletro. Per tutta la zona è fortemente limitante la brevità della stagione vegetativa ll vincolo maggiore da punto di vista strutturale, emerso con chiarezza da tutte le interviste, è quello del frazionamento fondiario.

26 Valutazione integrata dellarea pilota (analisi SWOT) VINCOLI Viene sentita come una occasione persa limpossibilità di trasformare o manipolare in loco le materie prime di origine agricola: latte, olio, cereali, legumi. Lagroindustria è lontana e le produzioni locali diventano anonime nel grande fiume delle produzioni di massa. Mancano le strutture ricettive (agriturismi, ristoranti, bed&brekfast, alberghi) in grado di sostenere flussi turistici più sostenuti degli attuali, anche se il rapporto tra operatori agrituristici ed albergatori è in linea con quello regionale

27 Valutazione integrata dellarea pilota (analisi SWOT) VINCOLI Scarsa ricaduta dei programmi di sostegno comunitari sulla economia della zona (Leader). Esistono forti sbilanciamenti nella programmazione del PSR regionale in relazione a specifici settori dellagricoltura e dello sviluppo rurale.


Scaricare ppt "LItalia e lAbruzzo Localizzazione dellarea di studio prescelta BARONIA DI CARAPELLE Parco Nazionale Gran Sasso-Monti della Laga LAquila."

Presentazioni simili


Annunci Google