La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Surrealismo è un movimento culturale che ha coinvolto arti visive, letteratura e cinema Nacque ufficialmente in Francia nel 1924, in seguito alla pubblicazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Surrealismo è un movimento culturale che ha coinvolto arti visive, letteratura e cinema Nacque ufficialmente in Francia nel 1924, in seguito alla pubblicazione."— Transcript della presentazione:

1

2 Il Surrealismo è un movimento culturale che ha coinvolto arti visive, letteratura e cinema Nacque ufficialmente in Francia nel 1924, in seguito alla pubblicazione del Manifeste Surréaliste di Andrè Breton La sua fine si colloca tra la Seconda guerra mondiale nel 1945 e la morte di Breton nel 1966 È di gran lunga il più longevo fra le avanguardie storiche Erede e continuatore del Dadaismo Il principale teorico fu il poeta André Breton, influenzato dalla lettura dellInterpretazione dei sogni di FreudAndré Breton considera inaccettabile il fatto che il sogno e l'inconscio avessero avuto poco spazio nella civiltà moderna fonda un nuovo movimento artistico in cui il subconscio avesse un ruolo centrale

3 Rispecchia contraddizioni e smarrimento di un momento di cambiamenti epocali Prende le mosse da una critica radicale alla razionalità cosciente Afferma la superiorità e la potenza immaginativa dellinconscio, via daccesso ad un mondo al di là della realtà (sur-reale). È la più 'onirica' delle manifestazioni artistiche, creando immagini nitide e reali ma accostandole tra di loro senza alcun nesso logico. Si manifestò come ribellione alle convenzioni culturali e sociali: "Trasformare il mondo, ha detto Marx, cambiare la vita, ha detto Rimbaud. Queste due parole d'ordine sono per noi una sola. André Breton.

4 Del Dadaismo permangono : *la spregiudicatezza delluso dei materiali * latteggiamento titanico di sfida ai vuoti valori della società borghese *sprezzante non curanza per il gusto dellepoca. Il Dadaismo ha soppresso larte senza crearla [Debor] Il Surrealismo ha creato larte senza sopprimerla [Breton]

5 Manifeste Surréaliste Andrè Breton

6 Automatismo psichico puro con il quale ci si propone di esprimere, sia verbalmente che in ogni altro modo, il funzionamento reale del pensiero, in assenza di qualsiasi controllo esercitato dalla ragione, al di fuori di ogni preoccupazione estetica o morale. Il Surrealismo si fonda sull'idea di un grado di realtà superiore connesso a certe forme d'associazione finora trascurate, sull'onnipotenza del sogno, sul gioco disinteressato del pensiero. Tende a liquidare definitivamente tutti gli altri meccanismi psichici e a sostituirsi ad essi nella risoluzione dei principali problemi della vita

7 I temi sono principalmente: *visioni oniriche; *recupero della prolifica immaginazione infantile; *la malattia mentale come rivelatrice di verità; *l'abolizione della logica in favore dell'automatismo; Il sonno è uno stato di coscienza che viene elevato allo statuto di legittima realtà, al pari della veglia, vista come un fenomeno di interferenza La combinazione di realtà e subconscio genera una Realtà Assoluta chiamata Surrealtà. L'automatismo, d'ispirazione freudiana, consiste nel lasciar fluire parole o immagini senza che esse passino per il filtro dell'organizzazione razionale di senso si creano delle immagini inquietanti ma rivelatrici di desideri nascosti non censurati, o paure. Il manoscritto originale è stato battuto all'asta da Sotheby's a Parigi nel maggio 2008, per un valore di circa euro.

8 Laffermata superiorità dellinconscio sulla ragione Il concetto di arte come comunicazione dellinconscio, libera da qualsiasi forma di repressione del super-io Il procedimento tecnico, che deve essere un irrazionale stesura del linguaggio immaginifico e onirico dellinconscio La necessaria assenza di fini morali o moralistici e di obiettivi o condizionamenti estetici Larte non viene rifiutata o negata, ma semplicemente eliminata dal momento creativo. Lobiettivo è ritornare ad una pre-arte, ad una arte prima, senza però percorrere a ritroso il percorso di evoluzione formale. Per certi versi, allinterno della produzione surrealista si possono trovare influenze simboliste. Il Surrealismo è un movimento che pratica unarte figurativa e non astratta Vuole trasfigurare la realtà, ma non negarla. Possiamo suddividere la tecnica surrealista in due grosse categorie: *quella degli accostamenti inconsuenti *quella delle deformazioni irreali.

9 Strenuo sostenitore delle avanguardie, Max Ernst – dopo aver aderito al Dadaismo e ancora prima allespressionismo – fu tra i firmatari del Manifesto del Surrealismo pittorico. Fu definito il più surrealista dei surrealisti Sebbene siano spesso presenti figure familiari o addirittura oggetti tridimensionali raccolti qua e là, questi sono associati e combinati senza logica. Ernst fece uso dei materiali più disparati, con la sola condizione che fossero strumenti al servizio dellimmagine e MAI protagonisti, che fossero OGGETTO e MAI soggetto La tecnica più importante da lui inventata è il frottage che ha come base un comune gioco grafico,

10

11 Quando il presente intorno a noi diventa ignobile, tanto più dobbiamo guardare le stelle

12 Nasce a Barcellona il 20 aprile 1893 Nel 1910 si stabilisce per un lungo periodo in campagna, nella proprietà familiare di Montroig Studia presso la Scuola di Belle Arti di Barcellona Si reca a Parigi dove conosce il connazionale Picasso e frequenta il circolo Dada di Tristan Tzara Durante l'estate 1923, inizia a Montroig " Terra arata" che segna il suo passaggio al Surrealismo Profondamente colpito dalla guerra di Spagna esegue nel 1937, una pittura murale per il padiglione della Spagna repubblicana all'Esposizione internazionale di Parigi "Il falciatore" Con l'occupazione tedesca di Parigi, rientra in Spagna e vive in assoluta solitudine, rifiutando esplicitamente ogni partecipazione a manifestazioni artistiche organizzate dal regime franchista All'inizio degli anni Sessanta si recherà altre due volte negli Stati Uniti, dove verrà influenzato dalla pittura informale americana. Il 25 dicembre del 1983, all'età di novant'anni muore a Palma di Maiorca e viene sepolto a Barcellona.

13 Olio su tela 1923 Museum Solomn- Guggenheim.

14

15 Olio su tela Albright-Knox Art Gallery

16 Pittura inizialmente plastica, fatta di linee sinuose Rappresentazione in chiave organica di elementi naturali e scene della vita comune Progressivamente si avvia ad una semplificazione che giunge all Astrattismo lirico, al suo personale Surrealismo fatto di *Linee leggere *campiture di colore piatte su sfondi omogenei *forme prive di volume, fantastiche, di rara suggestione espressiva Rilettura fiabesca di una realtà idealizzata attraverso un tono fantastico declina verso il grottesco: il segno si fa più nervoso, il colore si incupisce accogliendo rossi violenti, neri, verdi Verso gli anni '40 elabora un nuovo linguaggio di impronta calligrafica, vicino alla pittografia ispirata agli ideogrammi cinesi una serie di gouaches : * i segni si assottigliano, assumendo un carattere eminentemente grafico *lo sfondo diventa lo spazio rarefatto in cui si librano armoniosi elementi filiformi un universo della surrealtà magico, trasparente, onirico, di marcato simbolismo allucinatorio.

17 Olio su tela – collezione privata.

18 Opera a cavallo tra un metafisico bisogno di astrazione e un MAI dimenticato amore per la materia Senza dimenticarli Mirò supera nel suo surrealismo fantastico elementi come: *il rapporto carnale e sensuale con la materia *il legame istintuale con la sua terra, Barcellona *il confronto con i modelli della primitiva tradizione artistica, non solo spagnola Bisogna superare il dato plastico per giungere alla poesia, ed entrare nel mondo fiabesco dove il desiderio e la realtà si incontrano e si identificano.

19 Il poeta dei sogni* I sogni non vogliono farvi dormire; al contrario, vi vogliono svegliare. ~

20 Nasce a Lessines, in Belgio, il 21 novembre 1898 Nel 1912, sua madre Adeline si suicida gettandosi nel fiume Sambre a Châtelet e venne ritrovata annegata, con la testa avvolta dalla camicia da notte. Nel 1916 si iscrive all'Accademia di Belle Arti di Bruxelles e si appassiona sempre di più alle ricerche futuriste. La visione di un quadro di De Chirico lo porta verso la pittura Surrealista Nel 1925 aderisce al gruppo surrealista di Bruxelles, composto da Camille Goemans, Marcel Lecomte e Paul Nougé. Il primo quadro surrealista di Renè Magritte è "Le Jockey perdu Nel 1927 tiene la sua prima mostra personale presso la galleria Le Centaure di Bruxelles, dove espone ben 61 opere. Negli anni a seguire, perlopiù trascorsi tra Parigi e Belgio, la produzione di Magritte è costante e continua Morirà a Bruxelles il 15 agosto 1967.

21

22 Importante nella mia pittura è ciò che essa mostra. Renè Magritte

23 Come il soffio del vento solleva il pulviscolo, la pittura solleva il sapere. Il gesto pittorico, con Magritte, non è più inteso esclusivamente come abilità tecnica, ma come trasmissione del pensiero attraverso un piano estetico. Il pittore, oltre a saper pensare deve far pensare.

24 GLI ACCOSTAMENTI INCONSUETI rappresentano fondamentalmente il principio basilare, assieme alle deformazioni irreali, della pittura di Magritte. Magritte dipinge spesso elementi contrastanti tra loro, che portano chi guarda il dipinto ad interrogarsi e a cercare una personale riflessione o interpretazione in merito.

25

26

27

28 1936: la svolta di Magritte e il sogno in dormiveglia*

29 Limportanza del Titolo In Magritte hanno grande importanza anche i titoli delle opere. La loro funzione è quella di impedire la percezione realistica dell'opera. Lo scopo di Magritte è, come già detto, quello di stimolare e mettere in moto la fantasia e limmaginazione dellosservatore.

30 Ogni mattina mi sveglio e, guardandomi allo specchio, provo sempre lo stesso ed immenso piacere: quello di essere Salvador Dalì."

31 Nasce a Figueres in Catalogna l'11 maggio 1904 trascorre l'infanzia tra Figueres e Cadaqués Dopo la scuola elementare, frequenta le superiori presso il collegio degli Hermanos Maristas e nell'Istituto di Figueres dove segue anche le lezioni del professore Juan Nuñez alla Scuola Comunale di Disegno. Nel 1919 Dalì partecipa, per la prima volta, ad una mostra collettiva allestita presso la Sociedad de Conciertos di Figueres fonda, con un gruppo di compagni di scuola, la rivista "Studium", su cui pubblica alcuni articoli su pittori classici, su Goya, El Greco Dopo la morte della madre si trasferisce a Madrid alla Residencia de Estudiantes e frequenta la Scuola Speciale di Pittura, Scultura e Incisione (Accademia di San Fernando). Dopo le prime esperienze artistiche percorse nell'area del Novecentismo, dell'impressionismo e del futurismo, comincia a dipingere tele cubiste Nel 1925 fa la sua prima mostra personale a Barcellona Nel 1927 per la prima volta va a Parigi dove incontra Picasso e lanno successivo tramite Mirò entra in contatto con i Surrealisti Nel 1940 si rifugia negli Stati Uniti dove resterà per circa un ventennio Muore nella natale Figueres il 23 gennaio del 1989 per un colpo apoplettico.

32 Abile disegnatore tecnico Il talento artistico di Dalì ha trovato espressione in svariati ambiti, tra cui il cinema, la scultura e la fotografia, e lo ha portato a collaborare con artisti di ogni tipo. Faceva risalire il suo " amore per tutto ciò che è dorato ed eccessivo, la mia passione per il lusso e la mia predilezione per gli abiti orientali " ad una auto-attribuita "discendenza araba", sostenendo che i suoi antenati discendevano dai Mori. Le immagini fissate sulla tela nascono dal torbido agitarsi del suo inconscio e delle sue paranoie e riescono a prendere forma pittorica solo grazie alla razionalizzazione del delirio Durante lintera giornata, seduto davanti al cavalletto, fissavo la tela come un medium per vederne sorgere gli elementi della mia immaginazione. Quando le immagini si collocavano esattamente nel quadro io le dipingevo immediatamente, a caldo. Ma a volte dovevo aspettare delle ore e restare in ozio con il pennello immobile in mano prima di vedere nascere qualcosa.

33 Lartista sintetizza il processo di riproduzione impersonale dei fenomeni deliranti in una formula matematica : Paranoico = molle Critico=duro Attribuisce consistenza plastica agli elementi che hanno significato temporale, consistenza rigida a quelli con significato spaziale Anche nellopere più coinvolgenti si percepisce un certo distacco sublime nel quale il momento critico prende il sopravvento Il delirio si concretizza in immagini raccapriccianti, esseri ripugnanti, animali mostruosi

34

35 "Lunica differenza tra me e un pazzo è costituita dal fatto che io non sono pazzo" Una delle principali caratteristiche pittoriche di Salvador Dalì è rappresentata dallelaborazione della teoria del cosiddetto metodo paranoico- critico. I due motori più violenti che fanno funzionare il cervello artistico di Salvator Dalì sono: primo, la libido, listinto sessuale; secondo langoscia della morte.

36

37

38

39

40 Per il teatro realizzò la scenografia per la rappresentazione della commedia romantica di García Lorca Mariana Pineda nel 1927 Nel 1939 per la messa in scena di Baccanale,un balletto realizzato sulle note dell'opera Tannhäuser di Richard Wagner del 1845 Seguirono la realizzazione delle scene per Labirinto del 1941 e per Il cappello a tre punte del 1949 Fu co-autore del film surrealista di Luis Buñuel Un chien andalou Dalì lavorò anche con altri celebri cineasti come Alfred Hitchcock; la più conosciuta delle sue realizzazioni è forse la sequenza del sogno di Io ti salverò 1945, film che affronta il tema della psicanalisi. Collaborò anche alla produzione di un cartone animato della Disney, Destino. Il film, completato solo nel 2003 da Baker Bloodworth e Roy Disney, contiene immagini oniriche di strani personaggi che volano e camminano in giro.

41 Dalì fu attivo anche nel mondo della moda e in quello della fotografia. Nell'ambito della moda è nota la sua collaborazione con la stilista italiana Elsa Schiaparelli Nel 1950 insieme a Christian Dior creò un singolare "abito per l'anno 2045". Tra i fotografi con cui collaborò si ricordano Man Ray, Cecil Beaton e Philippe Halsman. In ambito architettonico si dedicò alla costruzione della sua casa di Port Lligat, nei pressi di Cadaqués, e del padiglione surrealista chiamato Sogno di Venere per l'Esposizione universale del 1939 Fu molto attivo nelle arti grafiche, realizzando incisioni e litografie In campo musicale, Dalì venne ammaliato dallo stile surrealista del cantante rock Alice Cooper al punto da creargli, come segno di apprezzamento per la sua vena creativa, un microfono molto particolare: una scultura che riproduceva le fattezze della Venere di Milo Rimase affascinato dal cambiamento dei modelli di riferimento che nel corso del XX secolo accompagnarono la nascita della meccanica quantistica e nel 1958 scrisse il suo Manifesto Antimaterico : " Durante il periodo surrealista volevo creare l'iconografia del mondo interiore e del mondo del meraviglioso concepiti da mio padre Freud. Oggi, invece, il mondo esteriore e quello della fisica hanno superato quello della psicologia. oggi mio padre è il Dottor Heisenberg."

42

43


Scaricare ppt "Il Surrealismo è un movimento culturale che ha coinvolto arti visive, letteratura e cinema Nacque ufficialmente in Francia nel 1924, in seguito alla pubblicazione."

Presentazioni simili


Annunci Google