La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

F. Braido Allergy & Respiratory Diseases Department University of Genoa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "F. Braido Allergy & Respiratory Diseases Department University of Genoa."— Transcript della presentazione:

1 F. Braido Allergy & Respiratory Diseases Department University of Genoa

2 RINITE ALLERGICA RINOSINUSITE POLIPOSI CONGIUNTIVITE OTITE DISTURBI DEL SONNO ASMA

3 Rinite Asma

4 Associazione asma e rinite: dati epidemiologici Studi trasversali:Studi trasversali: –70% (Ciprandi et al Int. Arch. Allergy Immunol.) –90% ( Kapsali et al J. Allergy and Clin. Immunology) Dei pazienti asmatici allergici soffrono di rinite.

5 Leynaert B, et al., JACI 2000; 106: S201-5 Prevalenza di asma nei pazienti rinitici: % Lasma è significativamente più frequente nei soggetti rinitici

6 ASMA Fino al 40% dei pazienti con Rinite Allergica hanno Asma Oltre l80% dei pazienti con Asma hanno Rinite Allergica RINITE ALLERGICA Paziente che si presenta con sintomi rinitici ASMA ASMA e RINITE ALLERGICA Paziente che si presenta con sintomi asmatici

7 Is the prevalence of adult asthma and allergic rhinitis still increasing? Results of an italian study Verlato G., et al. Verlato G., et al. JACI % 21% 15% 9.0% 6876 pts P<0.01 NS, P= ASMA RINITE

8 Allergic inflammation is due to the release of mediators as a consequence of the interaction between allergen and allergen-specific IgE antibodies bound to mast cells and/or basophils Allergen IgE

9 La cascata allergica Secrezioni nasali, starnutazione Secrezioni nasali, starnutazione Broncocostrizione Broncocostrizione Edema/arros. cute Edema/arros. cute Congestione nasale Congestione nasale Risposta broncospastica Risposta broncospastica tardiva tardiva Orticaria Orticaria Stiintomi allergici immediati Sintomi della fase ritardata Eosinfili Mastociti FcRI Allergene Th2 APC Linfocita CD80/86 CD28 IL-4 IL-13 VCAM-1 IL-3, IL-5 GM-CSF IstaminaLeucotrieneProstaglandine Bradikinina, PAF B B Lymphocyte IgE Leucotrieni

10 Rapporti tra rinite ed asma: quali sono gli aspetti fisiopatologici? 1 - L infiammazione nasale è presente negli asmatici (con/senza sintomi nasali)? 2- Nella rinite è presente infiammazione bronchiale ? 3- L allergia è una malattia sistemica ?

11 Biopsie nasali nell asmatico Gaga et al, Clin Exp Allergy Cellule positive per campo EG2CD4CD8 controls A + R - A+ R+

12 Rapporti tra rinite ed asma: quali sono gli aspetti fisiopatologici? 1- L infiammazione nasale è presente negli asmatici (con/senza sintomi nasali)? 2- Nella rinite è presente infiammazione bronchiale? 3- L allergia è una malattia sistemica ?

13 Cell./mm 2 outin Stagione pollinica EG1+ CD45RO+ CD8+ CD4+ Biopsie bronchiali nei pazienti con rinite stagionale Chakir et al, Allergy Clin Immunol 2000

14 Rapporti tra rinite ed asma: quali sono gli aspetti fisiopatologici? 1- L infiammazione nasale è presente negli asmatici (con/senza sintomi nasali)? 2- Nella rinite è presente infiammazione bronchiale ? 3- L allergia è una malattia sistemica?

15 Infiammazione bronchiale a seguito di challenge nasale Braunstahl et al, J Allergy Clin Immunol 2001 Eosinofili / mm 2 % vasi ICAM BMK+ cell. nella lamina propria T0T +24 hr Tempo dal challenge vasi ICAM T0T +24 hr controls AR patients Tempo dal challenge

16 La rinite è un fattore di rischio per lasma The Copenhagen Allergy Study Linneberg et al, Allergy Incidenza dellasma (%) polline ep. dom. acaro rinite al basale no 734 pazienti anni dal 1990 al 1998

17 La rinite è un fattore di rischio per lasma The Copenhagen Allergy Study Linneberg et al, Allergy incidence of asthma (%) pollineanimaleacaro rinite al basale sì no OR=8.1 OR=18.9 OR=46.5

18 % con asma No rinite Prevalenza dellasma nei pazienti rinitici Leynaert et al, J Allergy Clin Immunol 2004

19 % con asma no rinite SAR Prevalenza dellasma nei pazienti rinitici Leynaert et al, J Allergy Clin Immunol 2004 p<0.001

20 % con asma No rinite SAR PAR Prevalenza dellasma nei pazienti rinitici Leynaert et al, J Allergy Clin Immunol 2004 p=0.004 p<0.001

21 % con asma No rhinite SAR PAR SAR + PAR Prevalenza dellasma nei pazienti rinitici Leynaert et al, J Allergy Clin Immunol 2004 p<0.001 p=0.004 p=0.002

22 C.Lombardi, G.Passalacqua et al, Resp Med 2001

23 Evoluzione della malattia C. Lombardi, G. Passalacqua et al, Resp Med 2001

24 Rinite - Sinusite Asma bronchiale Stimolazione allergenica bronchiale Eosinofili IL-5 Basofili Degranulazione mastocitaria Eosinofili ICAM-1 VCAM-1 Stimolazione allergenica nasale Riflesso naso-bronchi Allergene Gocciolamento retronasale Citochine Perdita della funzione filtrante Infezione virale Midollo osseo Precursori

25 Shaaban, Lancet 2008 La rinite allergica è fattore di rischio per lo sviluppo di asma

26 The Th1/Th2 paradigm 16th edition, 2004, p.1924 Harrisons. Principles of Internal Medicine (adapted from Romagnani, 1999)

27 Mechanism of Airway Inflammation in Allergy and its markers

28 Human effector CD4+ T cells before 2000

29 Human effector CD4+ T cells in 2010Human effector CD4+ T cells TODAY CD161

30 Helper T cell differentiation. J J OShea, W E Paul Science 2010;327: Non IgE-mediated Allergy (Evolution to chronicity) IgE-mediated Respiratory Allergy FLEXIBILITY AND PLASTICITY Th17 cells can switch in vivo to pathogenetic Th17/Th1, Th17/Th2 or Th1 cells by using tissue IL-12 in the absence of any parallel upgrowth of Treg cells

31 Clinical Asthma Phenotypes and associated pathophysiological mechanisms Clinical Asthma Phenotype Requirement For Th2 cells Requirement For Th17 cells Mechanisms or Effector cells Allergic Yes Yes Th2 /Th17 associated molecules, IL-25, Il-33, TSLP Eo, MC, Ba, NKT cells Viral Infection No Variable IL-13, IL-17, IFN-a Alveolar Macrophages NKT cells Air Pollution, Smoke Diesel Particles, Ozone No Yes IL-17, Oxidative stress Neutrophils, NKT cells Aspirin No No Loss of PGE2, Leukotrienes Obesity No No Oxidative stress? Severe, CCS resistant No Yes IL-17, Neutrophils, NKT cells Exercise, Cold air No No/Yes Changes in mucosal osmolarity Cytokines? Intrinsic No No Smooth Muscle Irritability? From Kim HY et al, Nat Immunol, 2010 (modified)

32

33 Allergic Rhinitis and Asthma ad hoc survey: Clinical and Psychological perspectives F. Braido, I. Baiardini, S. Brandi, A. Porcu, G.W. Canonica Allergy and Respiratory Diseases, DIMI, Genoa University, Genoa, Italy 27.8% of asthmatic patients experience three or less rhinitic symptoms, 41% from 4 to 6 symptoms, 31.2 % more than 6 symptoms. These symptoms deeply interfere with daily life causing sleep problems (87.3%), lack of concentration (78.9%), difficulties in spare time (71.8%) and sport (71.7%). 504 asthmatic patients Clin Exp Allergy May;37(5):

34 Braido et al. Clin Exp Allergy 2007 In presenza di sintomi rinitici, peggiora la vostra asma? Indagine ad hoc su rinite allergica ed asma (504 pazienti asmatici )

35

36

37

38 La rinite non trattata aumenta il rischio di attacchi asmatici e ricoveri per asma. Bousquet, Clin Exp Allergy 2005 Asma Asma + rinite

39 La rinite allergica raddoppia il rischio di visite al pronto soccorso in pazienti con asma bronchiale Analisi Post hoc degli accessi al pronto soccorso in pazienti asmatici con e senza rinite allergica concomitante in un arco di tempo di 52 settimane. % pazienti Patienti con asma + rinite allergica (n = 893) Patienti con asma (n = 597) p = Adattato da Bousquet J et coll. Poster presentato allEuropean Academy of Allergology and Clinical Immunology (EAACI), Giugno 12–16, 2004, Amsterdam. Poster 141.

40

41 Differenze nei domini riguardanti la qualità della vita tra pazienti controllati e non controllati I pazienti con unasma controllata (ACT >20) hanno una migliore qualità della vita rispetto ai soggetti non controllati p=0.047 p< p<0.001

42 ACT vs GS GS ACT

43 La presenza di sintomi rinitici influenza la qualità della vita del paziente asmatico?

44 Differenze nei domini del Rhinasthma sulla base del livello di sintomi rinitici come misurati dal T5SS Per quanto riguarda le vie aeree superiori, la qualità della vita è quasi ottimale (6) nei pazienti privi di sintomi, mentre nei pazienti sintomatici trattati e non la qualità della vita è intorno a 35, indicando una considerevole riduzione del proprio benessere p< p=0.001 p=0.07

45 La rinite influenza la qualità della vita nei pazienti controllati? Anche se il controllo dell'asma viene raggiunto, la presenza di sintomi rinitici peggiora la qualità della vita del paziente

46 Quale è l'importanza relativa di controllo e di rinite, sintomi nellinfluenzare i differenti domini della qualità della vita? Regressione Logistica

47 GOAL: Quality of life in controlled asthma patients (analisi post hoc dello studio GOAL) Bateman ED et al., ERJ 2007 La qualità della vita migliora raggiungendo livelli ottimali. Pazienti con un punteggio > 6: 61% con SSFC vs. 52% con FP).

48 Una qualità della vita ottimale è stata raggiunta da 78/209 (37.32%) pazienti Il controllo dellasma è significativamente associato con una qualità della vita ottimale ( 2 =49.599; p<0.001). I pazienti ben controllati e totalmte controllati differiscono significativamente nel raggiungimento della qualità della vita ottimale ( 2 = 7.617; p < 0.006). Braido et Al PLOsone 2012

49 Rhinitis & Asthma Patients Perspective RAPP scoring is simple: sum of responses to each item Braido et Al Submitted

50 ROC analyses, using RHINASTHMA GS score 20 as criterion measure, to determine the RAPP score that indicates optimal HRQoL. Scoring A cut-off point of 15 demonstrated the best sensitivity (88.3%) and specificity (84.6%) in discriminating the achievement of an optimal HRQoL, with a percentage of correctly classified patients of 87.3% Braido et Al Submitted

51 Optimal QoL

52 Percentuale media di pazienti Controllati al termine della fase incrementale studio GOAL % di pazienti controllatti Modified by Bateman et al, ARJCCM % (42-19) Controllo Totale 63.6% (71-51) Buon Controllo

53 Percentuale media di pazienti Controllati al termine dello studio GOAL % di pazienti controllatti Modified by Bateman et al, ARJCCM % (50-29) Controllo Totale 71.6% (78-62) Buon Controllo

54

55

56 Miglioramento delliperreattività bronchiale Lundback B.& Dahl R. Allergy 2007; 62: (data from ref Lundback B. et al. Resp Med 2006; 100: 2-10) Lundback B.& Dahl R. Allergy 2007; 62: (data from ref Lundback B. et al. Resp Med 2006; 100: 2-10)

57 Lundback B. et al. Respiratory Medicine 2009; 103: RISULTATI A 3 ANNI Andamento temporale delle modificazioni della media geometrica della PC 20 (mg/ml) La terapia continuativa ha infine comportato un continuo e progressivo miglioramento delliperreattività bronchiale La terapia continuativa ha infine comportato un continuo e progressivo miglioramento delliperreattività bronchiale

58 Severe Refractory Asthma Patients who remain difficult to control despite an extensive reevaluation of diagnosis, management, and an observational period of at least 6 months by an asthma specialist Chanez P et al. JACI 2007

59 Evaluation of patients with Refractory Asthma Proceedings on Refractory Asthma AJRCCM 2000

60 Naso Bronchi Antiistaminici Profilassi ambientale Immunoterapia specifica NCS ICS

61 Antihistamines properties EAACI ARIA Criteria

62

63 Evaluation of patients with Refractory Asthma Proceedings on Refractory Asthma AJRCCM 2000

64

65 122 patients The level of asthma control results to be inversely correlated to the presence of sleep disturbances Patients with good control report less frequent and less severe sleep disturbances compared to uncontrolled subjects. A significant percentage of subjects (11-20%) having achieved total control of asthma still report sleep disturbances, that contribute to increase the impact of the disease and to impair quality of life

66

67

68

69 Patients with Chronic Night-time Rhinitis Symptoms are More Likely to Snore Sleep ProblemOdds Ratio for Chronic Nighttime Rhinitis Symptoms P Value Snoring Never or rarely Occasional (1-3 nights/week) Habitual (>3 nights/week) < Chronic excessive daytime sleepiness Chronic non-restorative sleep2.2< Patients with chronic nighttime rhinitis symptoms were 2 times more likely to be a habitual snorer Young et al. J Allergy Clin Immunol. 1997;99:S757.

70 Patients with Congestion Due to Allergy are More Likely to Snore AHIOdds Ratio for Congestion Due to Allergy P Value <5, non-snorer, no SDB <5, habitual snorer 5-15 > NS 0.04 Patients with congestion due to allergy were 50% more likely to be a habitual snorer than patients without congestion Young et al. J Allergy Clin Immunol. 1997;99:S757. AHI=apnea/hypopnea index, determined as the total number of apnea and hypopnea episodes (assessed by polysomnography) divided by hours of sleep.

71 Nasal Congestion in Patients with SAR is Associated with Obstructive Sleep Apneas* *5 men with SAR. McNicholas et al. Am Rev Respir Dis. 1982;126:625. Increase in obstructive sleep apneas/hour Increase in nasal resistance (%) Apneas were longer and more frequent in patients with obstruction than in those without obstruction

72 3488 pazienti asmatici Paziente : lamenta sintomi rinitici ?Si in 3153 pazienti (90,3%) MMG : ritiene che il suo paziente soffre di rinite?68,6% 1553 MMG

73 Nellultimo mese si è svegliato di notte perché non respirava bene a causa di Campione totale di 3488 pazienti Rinite = 58.5% Asma = STOP BANG > 3 = 53,9%

74

75 F. Braido Allergy & Respiratory Diseases Department University of Genoa


Scaricare ppt "F. Braido Allergy & Respiratory Diseases Department University of Genoa."

Presentazioni simili


Annunci Google