La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VITA COMUNQUE ! FINO ALLULTIMO COMUNICAZIONE E RELAZIONE COL PAZIENTE NELLACCOGLIENZA IN HOSPICE SABATO 26 MAGGIO 2007 NEGRAR G.V.ROMANELLI-SICP VENETO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VITA COMUNQUE ! FINO ALLULTIMO COMUNICAZIONE E RELAZIONE COL PAZIENTE NELLACCOGLIENZA IN HOSPICE SABATO 26 MAGGIO 2007 NEGRAR G.V.ROMANELLI-SICP VENETO."— Transcript della presentazione:

1 VITA COMUNQUE ! FINO ALLULTIMO COMUNICAZIONE E RELAZIONE COL PAZIENTE NELLACCOGLIENZA IN HOSPICE SABATO 26 MAGGIO 2007 NEGRAR G.V.ROMANELLI-SICP VENETO

2 MEDICINA PALLIATIVA LINSIEME DELLE CURE PRESTATE ALLA PERSONA SOFFERENTE CON LINTENTO PRIMARIO DI SALVAGUARDARE IL PIU POSSIBILE LA QUALITA DELLA VITA E CHE SI FONDA PROPRIO SUL CONCETTO CHE, QUANDO NON CE PIU NIENTE DA FARE PER LA MALATTIA, TUTTO CE ANCORA DA FARE PER CURARE E PRENDERSI CURA DI CHI STA MALE E ALLEVIARE LE SUE SOFFERENZE

3 LE CURE PALLIATIVE… Affermano la vita e considerano la morte come evento naturale Non accelerano né ritardano la morte Provvedono al sollievo del dolore e degli altri sintomi Sono attente agli aspetti fisici, psicologici e spirituali Offrono un sistema di supporto per aiutare i malati a vivere il più attivamente possibile fino alla morte Offrono un sistema di supporto per aiutare la famiglia durante la malattia ed il lutto Documento Commissione Ministeriale Cure Palliative

4 MEDICINA PALLIATIVA TO CURE TO CARE

5 DOLORE TOTALE SOFFERENZA FISICA SOFFERENZA PSICOLOGICA SOFFERENZA SOCIALE SOFFERENZA SPIRITUALE

6 I PRESUPPOSTI DELLA MEDICINA PALLIATIVA ACCOMPAGNARE CONDIVIDERE COMPATIRE

7 ….È un lavoro di squadra!….

8 … allinizio 2 barche spoglie si avvicinano…

9 … si avverte un senso di imbarazzo e di diffidenza…

10 ….non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare…. (seneca)

11 …è impossibile conoscere gli uomini senza conoscere la forza delle parole… (freud)

12 La "congiura del silenzio" è funzionale a chi assiste il malato terminale più che a chi è assistito

13 Allinizio può sentirsi costretto o isolato…

14 …Non interrompere mai la comunicazione…

15 Non deve mai sentirsi solo e ignorato

16 Non pretendiamo che siano tutti degli eroi!

17 Favoriamo lo spazio per la riflessione e la spiritualità

18 Favoriamo lo spazio per la religiosità

19 accettare i giorni bui, in cui tutto è difficile da sopportare

20 ..accettare i momenti in cui la relazione diventa difficile come è difficile attraversare il deserto…

21 … accettare i momenti in cui tutto viene messo in discussione e gli animi ribollono come un mare agitato…

22 ..accettare i momenti in cui la relazione non è più possibile perché il pensiero si distorce nel delirio..

23 …se tutto è andato per il meglio, poter volare uniti, almeno per un tratto di strada….

24 Favoriamo il raccoglimento e lo sviluppo delle loro fantasie, fino a lasciarli volare verso il loro sole!!

25 La tenerezza Virtù qualificante dellaccompagnamento Quando il ragionamento è perturbato, come accade negli stadi di disturbo mentale della persona anziana, sembra che permanga una sorta di conoscenza affettiva. Amare ed essere amati restano, anche in questi momenti, i gesti della vita. Lo slancio del cuore va sostenuto. E perciò lammalato grave va incoraggiato a manifestare la propria capacità di amare; ma soprattutto deve essere amato.

26 La tenerezza Virtù qualificante dellaccompagnamento Infine nelle ultime ore, quando lo stato di grande indebolimento si accentua e le parole diventano povere ed insufficienti, i malati si sentono molto pacificati se si trovano in un clima di dolcezza. È il tempo di semplificare le cose, il tempo della tenerezza affidata allo sguardo e al contatto fisico. Ch. Jomain, Vivere fino all'ultimo istante, Milano 1986

27 IL MALATO TERMINALE RESTA UNA PERSONA E IN QUANTO TALE CAPACE FINO ALLULTIMO, SE POSTO IN CONDIZIONE DI ESSERE INSERITO IN UNA RELAZIONE, DI FARE DELLA PROPRIA VITA UNESPERIENZA DI CRESCITA E DI COMPIMENTO

28 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "VITA COMUNQUE ! FINO ALLULTIMO COMUNICAZIONE E RELAZIONE COL PAZIENTE NELLACCOGLIENZA IN HOSPICE SABATO 26 MAGGIO 2007 NEGRAR G.V.ROMANELLI-SICP VENETO."

Presentazioni simili


Annunci Google