La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO DI AGGIORNAMENTO 19 – 20 gennaio 2006 Produzione alimentare e Promozione della Salute: OLIO E LATTE A CONFRONTO NELLECONOMIA GLOBALIZZATA OLIO: il.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO DI AGGIORNAMENTO 19 – 20 gennaio 2006 Produzione alimentare e Promozione della Salute: OLIO E LATTE A CONFRONTO NELLECONOMIA GLOBALIZZATA OLIO: il."— Transcript della presentazione:

1 CORSO DI AGGIORNAMENTO 19 – 20 gennaio 2006 Produzione alimentare e Promozione della Salute: OLIO E LATTE A CONFRONTO NELLECONOMIA GLOBALIZZATA OLIO: il ruolo dei Servizi Sanitari nel controllo e nellindirizzo Dott. ssa Marilena Rocchi Dipartimento di Prevenzione ASL LATINA - Servizio Igiene Alimenti e Nutrizioni

2 Il Dipartimento di Prevenzione (DP), quale distinta articolazione del Servizio sanitario nazionale, è stato istituito dall art. 7 del D. Lgs. 502/ 1992, così come modificato dall'art. 8 del D. D Lgs. 517/ Precedentemente, le attività di prevenzione erano fondamentalmente disciplinate dalla Legge 833/ 78 istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.). Al DP sono attribuite le funzioni svolte dai Servizi delle USL ai sensi dell art. 16 (servizi veterinari), dell art. 20 (attività di prevenzione) e dell art. 21 (organizzazione dei servizi di prevenzione) della Legge 833/ 78

3 IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE E la macrostruttura tecnico funzionale dellAzienda Sanitaria Locale (A.S.L.) che garantisce la tutela della salute collettiva, perseguendo obiettivi di promozione della salute, di prevenzione delle malattie e delle disabilità, miglioramento della qualità della vita. A tal fine il D.P. promuove azioni volte ad individuare e rimuovere le cause di nocività e malattia di origine ambientale, umana ed animale mediante iniziative coordinate con i Distretti e gli altri Dipartimenti delle A.S.L e Aziende Ospedaliere

4 IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE In ambiente di vita e di lavoro attraverso lindividuazione e la rimozione dei fattori di rischio, linformazione e la formazione della collettività, anche in collaborazione con altri Enti ed Istituzioni pubbliche, garantisce la promozione della salute attraverso: la profilassi delle malattie infettive e diffusive; la tutela della collettività e dei singoli dai rischi infortunistici e sanitari in ambiente di vita; la tutela della collettività e dei singoli dai rischi infortunistici e sanitari connessi con gli ambienti di lavoro; la sanità pubblica veterinaria; la tutela igienico sanitaria degli alimenti; la sorveglianza e la prevenzione nutrizionale.

5 ORGAZZAZIONE DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE AREA DI SANITA PUBBLICA Servizio Igiene e Sanità Pubblica Servizio igiene degli Alimenti e Nutrizione AREA DELLA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO E SICUREZZA Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro AREA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Servizio Sanità Animale Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Servizio Igiene degli Allevamenti di origine animale Area Igiene degli Alimenti Area Igiene della Nutrizione

6 IL D.M. del 16 ottobre 1998 APPROVAZIONE DELLE LINEE GUIDA CONCERNENTI LORGANIZZAZIONE DEL SIAN (Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione) NELLAMBITO DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE SANITARIE LOCALI Compete all AREA IGIENE DEGLI ALIMENTI il controllo sulla qualità e sicurezza degli alimenti, tramite la verifica della filiera alimentare dalla produzione alla consumazione, per prevenire i casi di intossicazione e/o tossinfezione di origine alimentare. Compete allAREA IGIENE DELLA NUTRIZIONE la prevenzione delle malattie causate da una non corretta alimentazione, sia mediante interventi di educazione alimentare, sia con la promozione alla adozione di adeguate scelte dietetiche nellambito della ristorazione collettiva ed individuale.

7 Il Servizio Igiene Alimenti ha il compito di effettuare specifici controlli anche sullalimento OLIO dal momento della spremitura al momento del consumo finale.

8 PRINCIPALI NORME CHE REGOLANO LA PRODUZIONE E LA COMMERCIALIZZAZIONE DELLOLIO DI OLIVA ESISTONO DUE TIPI DI NORMATIVE IN CONTINUO AGGIORNAMENTO ED APPROFONDIMENTO SIA COMUNITARIE CHE NAZIONALI : LE PRIME A CARATTERE GENERALE VALIDE PER TUTTE LE ATTIVITA DI GENERE ALIMENTARE LE SECONDE SPECIFICHE PER LOLIO

9 NORMATIVA GENERALE ITALIANA LEGGE 30 aprile 1962 n. 283 Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande D.P.R. 26 marzo 1980 n. 327 Regolamento di esecuzione della Legge n. 283/62 e s.m.i. in materia di disciplina igienica della produzione e vendita di sostanze alimentari e bevande D.Lgs 25 gennaio 1992 n. 108 Attuazione della Direttiva 89/109/CEE concernente i materiali e gli oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari D.Lgs 27 gennaio 1992 n. 109 Attuazione della Direttiva 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti letichettatura, la presentazione, la pubblicità dei prodotti alimentari D.Lgs 16 febbraio 1993 n. 77 Attuazione della Direttiva 90/496/CEE concernente letichettatura nutrizionale dei prodotti alimentari D.Lgs 3 marzo 1993 n. 123 Attuazione della Direttiva 89/397/CEE relativa al controllo ufficiale microbiologico dei prodotti alimentari D.Lgs 25 maggio 1997 n. 155 Attuazione della Direttiva 93/43/CEE e 96/3/CE concernente ligiene dei prodotti alimentari D.Lgs 26 maggio 1997 n. 156 Attuazione della Direttiva 93/99/CEE concernente misure supplementari in merito al controllo ufficiale dei prodotti alimentari

10 NORMATIVA GENERALE EUROPEA REGOLAMENTO (CE) n. 178/2002 a)stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare b)istituisce lAutorità Europea per la Sicurezza Alimentare c)fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare REGOLAMENTO (CE) n. 852/2004 Rettifica del precedente regolamento con modifiche ed integrazioni.

11 NORME E REGOLAMENTI ITALIANI SPECIFICI SULLA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DELLOLIO DI OLIVA R.D.L. 15 OTTOBRE 1925 n Repressioni delle frodi nella preparazione e nel commercio di prodotti agrari art. 20 il nome di OLIO o di OLIO DI OLIVA è riservato al prodotto della lavorazione delloliva (olèa europea), senza aggiunta di sostanze estranee LEGGE 13 NOVEMBRE 1960 n Norme per la classificazione e la vendita degli oli doliva art. 1 – è olio doliva commestibile lolio doliva che contiene non più del 4% in peso di acidità espressa come acido oleico e che allesame organolettico non riveli odori disgustosi, come di rancido, di putrido, di fumo, di muffa, di verme e simili. LEGGE 05 FEBBRAIO 1992 n Disciplina per il riconoscimento della denominazione di origine controllata degli oli di oliva vergini ed extravergini. Su specifici disciplinari di produzione

12 REGOLAMENTI EUROPEI SPECIFICI PER LA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DELLOLIO DI OLIVA REGOLAMENTO CE n del 2001 – che modifica il regolamento CEE n. 136/1966 e regolamento CE n. 1638/98 in ordine alla proroga del regime di aiuto ed alla qualità dellolio di oliva Introduce la nuova classificazione degli oli di oliva e degli oli di sansa di oliva in base all acidità libera. (in vigore dal 01 novembre 2003)

13 TIPO DI OLIO DI OLIVA Reg. CE 1513/2001 ACIDITA LIBERA espressa in gr. di acido oleico per 100 gr. di olio Oli di oliva vergini - procedimenti meccanici - Olio Extravergine di Oliva< 0,8 gr Olio di oliva Vergine< 2 gr Olio di oliva Lampante> 2 gr Olio di Oliva raffinato (ottenuto dalla raffinazione dellolio di oliva vergine) < 0,3 gr Olio di Oliva (composto di olio di oliva raffinato e olio di oliva vergine) < 1 gr Olio di Sansa di Oliva greggio (olio derivato dalla sansa di oliva) Olio di Sansa di Oliva raffinato (ottenuto dalla raffinazione dellolio di sansa di oliva greggio) < 0,3 gr Olio di Sansa di Oliva (composto da olio di sansa di oliva raffinato e olio di oliva vergine) < 1 gr

14 REGOLAMENTO CE 796 DEL 2002 Modifica del regolamento CEE n. 2568/91 relativo alle caratteristiche degli oli di oliva e degli oli di sansa di oliva nonché ai metodi di analisi ad essi attinenti REGOLAMENTO CE 1019 DEL 2002 Norme di commercializzazione dellolio di oliva

15 Etichettatura e tracciabilità Lolio al consumo deve essere venduto in contenitori di capacità massima di 5 litri, muniti di tappo di chiusura a perdere Letichetta deve riportare il marchio commerciale, il tipo di olio, il procedimento di spremitura, la data entro la quale va preferibilmente consumato il prodotto Leventuale DOP o IGP se concesso Non è ad oggi obbligatoria, linformazione nutrizionale e la provenienza delle olive.

16 L ULIVO COLTIVATO SIN DALLANTICHITA NEI PAESI DEL BACINO DEL MEDITERRANEO SI DIFFONDE NEI SECOLI ANCHE NEL NUOVO MONDO (AMERICHE ED AUSTRALLIA) LA REGIONE ITALIANA CON IL MAGGIOR NUMERO DI PIANTE DI ULIVO E LA PUGLIA IL LAZIO OCCUPA IL QUINTO POSTO DI QUESTA CLASSIFICA

17 OLIO Nel nostro paese esistono aziende olivicole In Italia si stima siano migliaia di frantoi in attività, e circa 700 le imprese impegnate nelle attività di imbottigliamento con alcune migliaia di etichette, molte delle quali hanno una presenza locale, mentre i marchi più noti a livello nazionale e internazionale si contano sulle dita di due mani. Una buona parte dellolio prodotto viene venduta direttamente dal produttore al consumatore Il fenomeno si verifica soprattutto nelle regioni di maggiore produzione Tale commercio, di tipo porta a porta, non e sempre oggetto di controlli igienico_sanitari tali da assicurare al consumatore un prodotto sano e di qualità

18 QUALITA DELLOLIO LA QUALITA DELLOLIO VIENE DETERMINATA ATTRAVERSO ANALISI SPECIFICHE FINALIZZATE A DETERMINARE 1.IL GRADO DI ACIDITA 2.IL NUMERO DEI PEROSSIDI 3.IL TENORE DI CERE 4.LA PERCENTUALE DI ACIDI SATURI IN POSIZIONE 2 DEL TRIGLICERIDE 5.K 232, K 270, DELTA K CON SPETTROFOTOMETRIA OLTRE ALLANALISI SENSORIALE DENOMINATA PANEL TEST

19 LACCERTAMENTO DELLA QUALITA DI UN OLIO DI OLIVA, AVVIENE QUINDI ATTRAVERSO ANALISI SIA CHIMICHE CHE ORGANOLETTICHE. IL SOLO RISPETTO DI LEGGE DEI PARAMETRI CHIMICI, COMUNQUE, NON GARANTISCE LA BUONA QUALITA DI UN OLIO, IN QUANTO PUO NON RISULTARE GRADITO AL CONSUMATORE DAL PUNTO DI VISTA ORGANOLETTICO (GUSTO, AROMA, FRAGRANZA)

20 IL QDA O PANEL TEST LANALISI DESCRITTIVA, QUANTITATIVA (QDA) O PANEL TEST CONTEMPLATA NEL REGOLAMENTO CE n DEL 1991 SI BASA: 1.SULLA SELEZIONE DI UN GRUPPO DI PERSONE, DA 8 A 12, PARTICOLARMENTE ALLENATE AL RICONOSCIMENTO DELLE CARATTERISTICHE DI PREGI O DIFETTI PRESENTI NELLOLIO DA TESTARE 2.SULLUTILIZZO DA PARTE DI TUTTI I DEGUSTATORI DI UN LESSICO DI RIFERIMENTO PER LA DESCRIZIONE DELLE NOTE SENSORIALI PERCEPITE, SIA PIACEVOLI CHE SGRADEVOLI 3.SULLA ELABORAZIONE STATISTICA DELLA VALUTAZIONE DI OGNI SINGOLO DEGUSTATORE NEL DESCRIVERE LE SENSAZIONI PERCEPITE

21 ATTIVITA DEL SIAN Attività di controllo: principalmente presso le attività di molitura (frantoi ed industrie di trasformazione ed imbottigliamento) campionamenti per la verifica della corretta etichettatura e per il controllo della composizione quali/quantitativa dellolio (presso produttori e al commercio) Azioni successive: In presenza di gravi carenze igienico-sanitarie la chiusura dellesercizio con provvedimento sindacale o contestuale (art. 8 del D.Lgs. 507/99) Prescrizioni di adeguamento in base al D.Lgs 155/97 Emissioni di sanzioni di tipo amministrativo e/o penale

22 Nellambito dellASL di Latina le difformità più frequentemente rilevate sono state: 1.Mancanza di autorizzazione sanitaria (art 2 L. 283/62) 2.Carenza dei requisiti strutturali o degli impianti (art. 28 D.P.R. 327/80) 3.Carenza igienico sanitaria in materia di pulizia dei locali e delle attrezzature (art. 29 D.P.R. 327/80) 4.Mancanza del piano di autocontrollo o sua mancata attuazione (D.Lgs. 155/97)

23 Nellambito dei controlli sui campioni di olio le criticità più frequentemente rilevate sono state : Non corrispondenza del campione ai componenti dichiarati in etichetta (art.li 3 e 16 del D.Lgs 109/92). Le sanzioni previste sono di tipo penale

24 Un esempio della verifica della qualità dellolio Si è pensato di controllare la qualità dellolio appena molito nei frantoi appartenenti a piccole aziende locali in genere a conduzione familiare, distribuite nella provincia di Latina Sono stati visitati 34 frantoi nei quali sono stati prelevati con cadenza mensile, nel periodo novembre marzo, complessivamente 170 campioni di olio E stato contemporaneamente distribuito un questionario per ottenere una serie di dati sui metodi di coltivazione, sui tempi e modi di raccolta delle olive e sulle modalità di trattamento e spremitura delle stesse.

25 I campioni sono stati analizzati nei laboratori dellARPA Lazio di Latina secondo le metodiche prescritte dai regolamenti CE. Lolio, valutato con il parametro della acidità nel 77% dei campioni rientrava nella classificazione di olio extravergine, nel 18% veniva classificato come olio di oliva vergine, il restante 5% risultava essere olio di oliva vergine lampante. Il risultato dellindagine porta a escludere, considerando che i medesimi campioni non sono stati sottoposti al panel test, che sicuramente avrebbe abbassato le percentuali di qualità complessiva, che anche lolio fatto in casa non garantisce il consumatore.

26 RISULTATO Poiché la qualità di un olio dipende: dal terreno dal tipo di oliva dal tipo di trattamento effettuato dal periodo e modalità di raccolta dal contenitore con il quale si trasportano le olive al frantoio dal tempo di stoccaggio prima della molitura dai macchinari e le attrezzature utilizzate nel frantoio dalla modalità e tempo di conservazione dellolio

27 è compito del SERVIZIO IGIENE ALIMENTI coinvolgere ed indirizzare le associazioni di categoria (coltivatori, addetti ai frantoi, grossisti, commercianti ecc.) a produrre olio di qualità mediante attento e puntuale controllo di tutta la filiera, dalla raccolta al consumo finale ATTRAVERSO…....

28 …. I COLTIVATORI, CHE SONO TENUTI A: 1.Tenere le registrazioni riguardanti: a) luso di qualsiasi prodotto fitosanitario o biocida; b)linsorgenza di qualsiasi malattia o infestazione che possa incidere sulla sicurezza del prodotto (olio); c)I risultati delle analisi sui campioni prelevati dalla pianta (olivo) o altri campioni che abbiano rilevanza per la salute umana 2.Rispettare: a)i tempi di carenza tra i trattamenti e la raccolta delle olive; b)lepoca di raccolta; 1.Non raccogliere le olive spontaneamente cadute; 2.Trasportare velocemente le olive raccolte (max 2 o 3 giorni) al frantoio in idonei contenitori (evitare luso dei sacchi)

29

30

31

32 … GLI ADDETTI ALLA MOLITURA, CHE SONO TENUTI A: -Verificare il rispetto dei tempi di carenza tra la raccolta e la consegna al frantoio -Verificare lidoneità e la congruità del modo di conferimento delle olive al frantoio (dai mezzi ai contenitori utilizzati per la raccolta) -Stoccare le olive in locali idonei -Verificare che le macchine e le attrezzature utilizzate per la spremitura siano idonee alluso -Verificare che gli ambienti di lavoro siano in buono stato di pulizia e manutenzione

33

34 … GLI ADDETTI ALLA COMMERCIALIZZAZIONE, CHE SONO TENUTI A: assicurare un corretto stoccaggio in depositi asciutti, areati e poco illuminati garantire la vendita nei tempi e modi previsti

35

36 AL SERVIZIO IGIENE DELLA NUTRIZIONE PREMESSO CHE: Lolio di oliva fa parte integrante della cosiddetta Dieta Mediterranea, adottata fino alla metà del secolo scorso dalle popolazioni dei Paesi del bacino del Mediterraneo. La dieta è caratterizzata da prevalente consumo di alimenti come pane, pasta, legumi, frutta ed ortaggi, modico consumo di pesce, carne e formaggi. Lutilizzo dellolio di oliva come principale fonte di grassi

37 Lolio di oliva, pur prodotto in notevoli quantità, rappresenta solo il 5% del consumo di grassi vegetali a livello mondiale, nonostante le notevoli caratteristiche chimiche ed organolettiche che lo rendono un alimento estremamente salutare nella dieta di tutti i giorni. SPETTA IL COMPITO, tra gli altri, DI DIFFONDERE NELLA POPOLAZIONE, LA CULTURA DELLUTILIZZO DELLOLIO DI OLIVA COME BASE DEI GRASSI DI CONDIMENTO ALIMENTARE.

38 FINE Dott. ssa Marilena Rocchi Dipartimento di Prevenzione ASL LATINA – Servizio Igiene Alimenti e Nutrizioni


Scaricare ppt "CORSO DI AGGIORNAMENTO 19 – 20 gennaio 2006 Produzione alimentare e Promozione della Salute: OLIO E LATTE A CONFRONTO NELLECONOMIA GLOBALIZZATA OLIO: il."

Presentazioni simili


Annunci Google