La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.inadolescenza.it INSIEME LA SICUREZZA Giovani e guida: tra rischio e piacere Dipartimento di Prevenzione - Dipartimento Patologie Dipendenze – Alcologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.inadolescenza.it INSIEME LA SICUREZZA Giovani e guida: tra rischio e piacere Dipartimento di Prevenzione - Dipartimento Patologie Dipendenze – Alcologia."— Transcript della presentazione:

1 INSIEME LA SICUREZZA Giovani e guida: tra rischio e piacere Dipartimento di Prevenzione - Dipartimento Patologie Dipendenze – Alcologia – Promozione della Salute In collaborazione Steadycam, Onda 1, Corpo dei Vigili Urbani Gabriella Garra

2 Gli incidenti stradali in Italia sono la principale causa di morte e di disabilità nella popolazione sotto i 40 anni, il 25% dei decessi per tale causa interessa i ragazzi con meno di 23 anni. Dal 2007, secondo la fonte ISTAT-ACI, il rapporto di mortalità (RM) è in diminuzione, la riduzione registrata è legata ad una serie di fattori : 1.normative più rigorose in materia di sicurezza stradale 2.maggiori controlli sulle strade 3.maggiore efficienza dei servizi di primo soccorso e delle strutture sanitarie in genere 4.iniziative formative e campagne educative per la diffusione di comportamenti alla guida corretti

3 3 In Italia, in generale in Europa, il problema rimane estremamente grave in termini di rischio di morte, invalidità permanente, con conseguenti costi sociali ed economici rilevanti. Gli incidenti stradali più gravi sono spesso provocati dallalcol: oltre un terzo della mortalità sulle strade è attribuibile alla guida in stato di ebbrezza.

4 Il Progetto CCM Guadagnare salute in adolescenza: Insieme per la sicurezza …. e la sua storia....

5 5 Insieme per la sicurezza Moltiplichiamo le azioni preventive Obiettivi generali: 1.diffondere la cultura della sicurezza alla guida attraverso la riduzione di comportamenti a rischio 2.progettare e organizzare interventi di prevenzione degli incidenti stradali in contesti aggregativi ed educativi/formativi

6 6 Obiettivi specifici: 1. individuare i moltiplicatori dell'azione preventiva che operano nei contesti del divertimento e in quelli educativi/formativi 2. favorire l'individuazione di strategie comunicative adeguate 3. creare alleanze al fine di costruire una rete territoriale tra operatori della sanità e moltiplicatori dellazione preventiva 4. sensibilizzare e informare guidatori e utilizzatori della strada (passeggeri) sui comportamenti a rischio alla guida 5. favorire la realizzazione di iniziative di sensibilizzazione e di informazione nei luoghi del divertimento.

7 7 Alcol e guida Giovani e guida: tra rischio e piacere Alcuni dati Fonte: ACI – CENSIS, 2010

8 8 Alcol e guida Giovani e guida: tra rischio e piacere Alcuni dati Un intervistato su dieci ha dichiarato di aver guidato dopo aver bevuto almeno due unità alcoliche nellora precedente. Labitudine a guidare in stato di ebbrezza è decisamente più frequente negli uomini che nelle donne. *) tra le persone che nellultimo mese hanno bevuto e guidato e che hanno dichiarato di aver guidato entro unora dopo aver bevuto due o più unità di bevanda alcolica Fonte: PASSI, 2009.

9 9 Alcol e guida Giovani e guida: tra rischio e piacere Fonte: ACI – CENSIS, 2010 I controlli per la guida in stato di ebbrezza crescono sensibilmente, rappresentano però ancora solo una piccola percentuale delle patenti attive.

10 10 Cosa accade in Piemonte… luoghi divertimento (aggiornamento ) La Regione partecipante alla rete interregionale SAFE-NIGHT La rete piemontese è costituita dai diversi progetti : 1.PIN - ASL TO2 2. Vivi la notte - ASL TO3 3. Buonanotte - ASL TO3 4. SommerAgibile - ASL TO4 5. TAT - ASL CN 1 6. Sicura la notte - ASL VCO 7. Sicurezza in festa - Quadrante BI-NO-VC-VCO 8. Non tutto in una notte - ASL BI 9. Drop in safer tour ASL BI TESTI E CONTESTI Ricerca intervento rave

11 11 Cosa accade a Torino…contesti educativi (aggiornamento maggio 2011) PEGASO Peer education MIND the Gap Occhi alla linea di confine NON GIRO CON CHI E SU DI GIRI Peer education UNPLUGGED Modulo breve per insegnanti PESAV e PROGETTO TUTOR ALCOL e GUIDA: tutto quello che occorre sapere per cavarsela senza rischi DUEPUNTOZERO Video di prevenzione Peer support

12 La rete in costruzione oggi …. 1 Scuola IIS BOSELLI insegnante Maria Toninello (classe III ) 2 Scuola IIS EINSTEIN insegnanti Antonella Astolfi (4 L) e Enza Mannina (4 B) 3 Scuola I. FELLINIinsegnate Laura Garino (classe II) 4 Scuola AVOGADROinsegnate Antonio Mandarano (1B-1F-1A) 5 Scuola SACRA FAMIGLIA insegnati Chiara Garavello (V ginnasio) Emanuela Piantelli (IIC) Diego Cravero (triennio) Roberta Raso (2 - 3 media) 6 Scuola BOSSO insegnante Antonella Comoli (IV E)

13 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE A. AVOGADRO Elettrotecnica - Informatica - Meccanica - Liceo Scientifico Tecnologico Progetto: EDUCAZIONE STRADALE Sito SICUREZZA STRADALE Sito RISCHI DA NUOVE TECNOLOGIE Sito SICUREZZA SCUOLA in questa pagina potete vedere tutti i nostri prodotti AUDIOVISIVI: YOUTUBE AVOVIDEOTORINO Professore referente: MANDARANO Antonio referente scolastico dei progetti: sicurezza Stradale, Rischi da Nuove tecnologie e Sicurezza a Scuola Indirizzo: IIS A.Avogadro corso S.Maurizio, Torino Tel:

14 14 Il progetto Giugno settembre 2011 Ottobre - dicembre 2011 Formazione 18 e 25 ottobre 2011 gennaio – aprile 2012 Maggio – giugno 2012 Maggio 2012 Inserimento nei POF Presentazione dettagliata del progetto ai dirigenti scolastici Formazione degli insegnanti e distribuzione a ciascun docente del Materiale relativo al Progetto Insieme X la sicurezza. realizzazione da parte degli insegnanti del percorso educativo proposto col supporto di sussidi didattici specifici, documentato con apposita scheda scuola. Somministrazione ai ragazzi dei questionari pre e post intervento. Consegna dei questionari e della scheda scuola allASL Possibile partecipazione alla Manifestazione finale del Progetto SASA in cui anche le scuole partecipanti al progetto Insieme X la Sicurezza espongono i loro elaborati Le fasi del Progetto Insieme X la sicurezza

15 15 Cosa vogliamo fare insieme Lavorare insieme per individuare le modalità comunicative / relazionali efficaci per lavorare con i ragazzi sul tema della sicurezza

16 16 Cosa vogliamo fare insieme Equipe dell ASL Dipartimento di Prevenzione Dipartimento Patologie Dipendenze Alcologia Promozione della Salute In collaborazione con Steadycam Onda 1 Corpo dei Vigili Urbani

17 17 Corso di formazione 18 e 25 ottobre 2011 Consegna del materiale relativo al Progetto Insieme X la sicurezza. In fase di allestimento materiali cartacei - Multimediali e video Gennaio aprile 2012 realizzazione da parte degli insegnanti del percorso educativo proposto, annotato con apposita scheda scuola. Somministrazione ai ragazzi dei questionari pre e post intervento. Maggio giugno 2012 Consegna dei questionari e della scheda scuola allASL Possibile partecipazione alla Manifestazione finale del Progetto SASA in cui anche le scuole partecipanti al progetto Insieme X la Sicurezza espongono i loro elaborati

18 18 Per ulteriori informazioni ASL TO1 Dipartimento Integrato della Prevenzione SSD Epidemiologia ed Educazione Sanitaria tel fax


Scaricare ppt "Www.inadolescenza.it INSIEME LA SICUREZZA Giovani e guida: tra rischio e piacere Dipartimento di Prevenzione - Dipartimento Patologie Dipendenze – Alcologia."

Presentazioni simili


Annunci Google