La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TRAUMI DELLO SCHELETRO EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TRAUMI DELLO SCHELETRO EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE."— Transcript della presentazione:

1 TRAUMI DELLO SCHELETRO EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE

2 CONTUSIONE FRATTURA DISTORSIONE LUSSAZIONE FRATTURA FRATTURA- LUSSAZIONE TRAUMA DIRETTO TRAUMA INDIRETTO

3 I traumi dello scheletro sono molto fre- quenti soprattutto in caso di incidenti stradali, infortuni sul lavoro, infortuni sportivi ed in genere in tutte le cadute accidentali. Le lesioni più importanti sono: DISTORSIONE LUSSAZIONE FRATTURA

4 DISTORSIONE La distorsione e lo spostamento momen- taneo e violento di un osso, a livello del- la sua articolazione, dovuto allesagera- zione di uno dei normali movimenti del- larticolazione stessa. Come si manifesta: Dolore violento e localizzato allar- ticolazione interessata dal trauma.

5 Gonfiore immediato e progressivo per fuoriuscita di liquidi e di sangue. I movimenti dellarticolazione col- pita sono dolorosi ma possibili. COSA FARE: Sospettare sempre una frattura e quindi recarsi in ospedale per acc- ertamenti.

6 Mettere a riposo completo lartico- lazione colpita, possibilmente in po- sizione sollevata. Immergere subito larticolazione in- teressata in acqua fredda ( almeno mezzora ). Appena disponibile, applicare ghiac- cio per molto tempo ( ad intervalli per 48 ore ).

7 Non applicare fasciature troppo strette ( aumentano il dolore ). Non usare pomate ( soprattutto immediatamente dopo il trauma ). LUSSAZIONI Le lussazioni più frequenti sono: di spalla di gomito, di mandibola e dellanca.

8 COME SI MANIFESTA: Dolore acuto e localizzato al momento della lesione che poi va diminuendo e diffondendosi a tutta la zona dellarti- colazione colpita Il dolore aumenta al minimo movimento Impossibilità assoluta di usare larticol. Si modifica il profilo naturale dellarti- colazione colpita, con presenza di rilievi e affossamenti che normalmente non so- no presenti.

9 LUSSAZIONE E CARATTERIZZATA DA UNA PERDITA COMPLETA E IRREVERSIBILE DEI NORMALI RAPPORTI ARTICOLARI CLINICAMENTE: DEFORMITA, ATTEGGIAMENTO OBBLIGATO DELLARTO, DOLORE, IMPOTENZA FUNZIONALE TRATTAMENTO: VA SEMPRE RIDOTTA AL PIU PRESTO POSSIBILE E MAI OLTRE LE 24 ORE SUCCESSIVAMENTE VA IMMOBILIZZATA

10 DISTORSIONE

11 LUSSAZIONE

12 FRATTURE SONO CARATTERIZZATE DA UNA SOLUZIONE DI CONTINUO DI UN SEGMENTO SCHELETRICO POSSONO ESSERE CHIUSE ED ESPOSTE A SECONDA DELLINTEGRITA DELLA SUPERFICIE CUTANEA EPIFISARIE, METAFISARIE E DIAFISARIE A SECONDA DEL LIVELLO DELLA FRATTURA ARTICOLARI ED EXTRARTICOLARI A SECONDA CHE INTERESSINO O MENO LARTICOLAZIONE

13 FRATTURE A SECONDA DELLA DIREZIONE DELLA RIMA DI FRATTURA: a)TRASVERSE; b) OBLIQUE; c) OBLIQUO-SPIROIDI; d) CON TERZO FRAMMENTO; e) PLURIFRAMMENTARIE

14 FRATTURE A SECONDA DELLO SPOSTAMENTO DEI FRAMMENTI: AD LATUS, AD LONGITUDINEM, AD AXIM, AD PERIPHERIAM

15 FRATTURE CLINICAMENTE: DEFORMITA, ATTEGGIAMENTO DELLARTO, DOLORE, TUMEFAZIONE, IMPOTENZA FUNZIONALE ALTRI SEGNI CLINICI DI CERTEZZA DELLA PRESENZA DI FRATTURA (DI CUI NON E CONSIGLIATA LA LORO RICERCA IN SENSO ASSOLUTO) SONO: CREPITIO OSSEO, DOLORE ACUTO E LOCALIZZATO, SI MODIFICA IL PROFILO NATURALE.

16 COME SI MANIFESTA. Dolore intenso e localizzato alla zona fratturata che aumenta al minimo mov. Se si tratta di fratture degli arti, si nota spesso una posizione non naturale dell- arto interessato dalla frattura. Gonfiore e presenza di lividi e di soli- to piuttosto tardiva. Se si tratta di una frattura esposta, sono visibili i monconi ossei nella ferita, in questo caso e spesso presente emorragia

17 COSA FARE: Lasciare linfortunato nella posizione in cui si trova. Chiamare soccorso 118. Ogni frattura, anche se solo sospetta, deve essere immobilizzata. Devono essere immobilizzate, insieme al punto di frattura, anche le articola- zioni che precedono e che seguono la zona interessata per evitare che i mon- coni fratturati si possano spostare ris- chiando ulteriori lesioni a vasi e nervi

18 Mettere il ghiaccio sul punto di frattura. Se frattura esposta, proteggere la ferita con materiale pulito ( possi- bilmente garze sterili, MAI cotone NON usare alcool, se ce emorra- gia fermarla.

19 PERICOLI DELLE FRATTURE: Stato di shock. Lesioni ai vasi sanguigni e ai ner- vi che si trovano vicino allosso fratturato. Lesioni agli organi interni ( nelle fratture al torace, bacino, cranio). Infezioni ( frequenti nelle fratture esposte ).

20

21 TRAUMI ALLA COLONNA VERTEBRALE La colonna vertebrale e formata dallinsieme delle vertebre; questa struttura ossea ha fondamental- mente due compiti: Permettere la stazione eretta, il movimento ed il cammino. Proteggere le strutture nervose contenute nel canale midollare.

22 La frattura della colonna vertebrale e quindi uno tra i più gravi traumi dello scheletro. Una frattura in questa parte dellorganismo, infatti, compromette sempre, in modo più o meno importante, una delle funzioni della colonna, cioè il mantenimento della stazione eretta ( stare in piedi, piegarsi ecc.. ) inoltre, se la frattura provoca lo spostamento di qualche frammento di osso allinterno del canale midollare, si instaura una

23 Lesione del midollo spinale e, di conseguenza, una perdita della sensibilità e della capacità di movimento di una parte dellorganismo. ( esattamente della parte che si trova al di sotto del punto di lesione del midollo spinale ).

24 COME SI MANIFESTA: Dolore alla colonna vertebrale. Perdita completa o parziale del movimento. Perdita della sensibilità. Perdita della capacità di controlla- re lemissione di feci e urine

25 BISOGNA SEMPRE SOSPETTARE UNA LESIONE ALLA COLONNA SE LINFORTUNATO: Ha subito un trauma violento alla schiena E caduto dallalto E stato coinvolto in un incidente stradale Lamenta dolori alla schiena in seguito a trauma Lamenta formicolio, scosse elettriche o sen- so di caldo o freddo soprattutto alle estre- mità degli arti in seguito a trauma.

26 COSA FARE: Chiamare soccorso ( 118 ) Fondamentale e impedire qualsiasi movim- ento della colonna vertebrale Immobilizzare la testa così come si trova, con le proprie mani, e mantenerla immo- bile fino allarrivo dei soccorsi nulla deve essere messo sotto la testa Coprire linfortunato con una coperta NON dare da bere NON muoverlo dalla posizione in cui si trova

27

28


Scaricare ppt "TRAUMI DELLO SCHELETRO EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE."

Presentazioni simili


Annunci Google