La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto di media education Insegnare ai nativi digitali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto di media education Insegnare ai nativi digitali."— Transcript della presentazione:

1

2 Progetto di media education Insegnare ai nativi digitali

3 Fuori, sopra, di fianco o dentro? Un racconto emblematico di biografia famigliare …novità …attrattività …inclusività/esclusività …fascino …pervasività

4 Di cosa stiamo parlando? La scuola non può ignorare il ruolo delle comunicazioni sociali, a cominciare dalla vita degli studenti, che dai media ricevono una mole di informazioni, con giudizi e pregiudizi, ben superiore a quella che attingono in classe. I media costituiscono una sorta di scuola parallela ben più persuasiva e seducente. Alla scuola, ancora una volta, spetta fornire agli studenti gli strumenti critici che ne facciano utenti liberi e responsabili. E unalfabetizzazione, un leggere e scrivere di genere più raffinato ma non meno fondamentale.[1][1] [1] Direttorio CEI Comunicazione e Missione 2004, N° 80 POSSIAMO AVERE ANCHE RESISTENZE, e non sarebbe la prima volta! …e ora tu, per benevolenza verso questa invenzione, hai esposto il contrario del suo vero effetto. Essa infatti impoverirà la memoria di chi lo usa, e le cose saranno richiamate con segni esterni invece che dallinteriorità del pensiero. Chi userà di questa invenzione? I dotti? No, tutti potranno usarla perché per mezzo suo arriverà a tutti e così tutti si crederanno dotti, mentre non conoscono nulla, ma ne hanno solo sentito parlare ( Fedro – Platone a proposito della scrittura)

5 Nuova alfabetizzazione Non è una solo o tanto una questione di tecnologia….i nativi digitali ci battono! E piuttosto una questione di SENSO, il senso della grande passione che accompagna luomo dal papiro al silicio : COMUNICARE

6 Una socializzazione orizzontale? - senza padri né madri? - bambino competente e tiranno! - 72% degli adolescenti chiede consigli al web prima e al posto di genitori ed insegnanti - Autorevolezza riconosciuta alla fonte tecnologica - Circolarità senza verticalità delle relazioni educative: evanescenza del riferimento autorevole - Non un soggetto educativo ma uno spazio emotivo affascinante e pervasivo. E la ragione?

7 ri – prendere posizione Senza sudditanza Senza superficialità Senza pigrizia Il corpo insegnante non dovrà rinchiudersi in se stesso come una cittadella assediata dallirruzione della cultura mediatica esterna alla scuola, ignorata e disdegnata dal mondo intellettuale. La conoscenza di questa cultura è necessaria(…)e gli insegnanti, anziché ignorare le serie televisive, mentre i loro allievi se ne nutrono, potrebbero mostrare che queste, con le loro convenzioni e visioni stereotipate, parlano, come la tragedia ed il romanzo, delle aspirazioni, delle paure e delle ossessioni delle nostre vite[1]. [1] Edgar Morin. La testa ben fatta,Milano 2000, pagg [1]

8 Cosa è una competenza mediale? 1. leggere i media Leggere e comprendere criticamente i media, superando la loro opacità mediante la conoscenza della grammatica, una alfabetizzatine di base per assicurare lo sviluppo della capacità di comprendere linguisticamente il contenuto dei testi mediali 2. scrivere con i media Produrre e realizzare testi mediali e di utilizzare i linguaggi digitali a scopo creativo/produttivo, promuovendo la riflessione sulla intenzionalità comunicativa e sui mezzi più idonei alla costruzione di messaggi che raggiungano lobiettivo prefissato 3. valutare criticamente i media Prendere distanze dalloggetto osservato per coglierne le peculiarità linguistiche e di contenuto etico, estetico, culturale e valutandolo, collocarlo allinterno del proprio orizzonte di senso 4. fruire i media Compiere scelte consapevoli di consumo mediale in risposta ai propri bisogni cognitivi ed emotivi personali ed indotti, calibrando luoghi e tempi per giungere ad una governance personale

9 Nuovi stili cognitivi – nuovi stili di insegnamento 1. non lineare ma per interazione Proporre uno schema di lavoro non troppo rigido e sequenziale, ma aperto a molte fonti, molti contributi ed alternative, un progetto che faccia apprendere per interazione più che sequenzialmente 2. intenzionale ed attivo Usare il mondo dei media che i ragazzi abitano può attivare il loro desiderio di apprendere ed allargare i propri orizzonti 3. costruttivo Far emergere le rappresentazioni mentali degli studenti, spesso ingenue anche sui media, per riflettere su di esse, evidenziarne incongruenze e debolezze per giungere a rappresentazioni più ampie, mature e fondate 4. sociale Favorire lo scambio ed il confronto tra i soggetti in atto 5. autoriflessivo Più che offrire soluzioni occorre sviluppare le capacità di auto-riflessione sulle proprie azioni, scelte, consumi per giungere alla autoregolazione su di essi. 6. situato Ogni aspetto della realtà e di quanto proposto dai media può essere punto di aggancio per lapprendimento di quanto la scuola desidera insegnare 7. contiguo Sollecitare lo scambio tra ciò che è appreso fuori e ciò che è appreso dentro la scuola

10 Un approccio diacronico: invece di vedere un film…. COMPETENZA Approccio consapevole al mondo digitale ABILITA - sviluppo di abilità nelluso degli strumenti digitali - sviluppo di abilità di lavoro in equipe - sviluppo di abilità di analisi ed individuazione degli elementi base - sviluppo di abilità di sintesi per la costruzione del testo - sviluppo di abilità espressive secondo i diversi mezzi necessari (audio, video, parlato, grafica…) - sviluppo di abilità specifiche allinterno del gruppo (regista, attori, sceneggiatori, tecnici, truccatori, costumisti…) - sviluppo di abilità critiche e riflessive - (…) CONOSCENZE - dati essenziali sullo sviluppo storico dei media - dati essenziali sulle scoperte scientifiche e tecnologiche utilizzate nei media - dati essenziali sui generi, la grammatica e la sintassi del linguaggio audiovisivo - dati essenziali sugli elementi del set (oggetto, arredi, professioni…) - dati essenziali sulle modalità operative di produzione e postproduzione - dati essenziali sui costi di produzione e postproduzione - dati essenziali sulle normative applicabili (sicurezza, contratto…) - dati essenziali sul marketing del prodotto e sullanalisi del mercato - (…) PRODOTTO DA VALUTARE Realizzazione di un filmato a soggetto con colonna sonora, grafica e lancio pubblicitario del prodotto

11 Un approccio sincronico: guardiamo per capire competenza - riconoscere gli elementi che compongono il linguaggio video abilità - sviluppo di abilità di analisi - sviluppo di abilità espressive - sviluppo di consapevolezza nelluso dello strumento comunicativo - (…) conoscenza - grammatica dellimmagine - sintassi dellimmagine - tecniche di produzione - contenuto e obiettivi del testo - (…) prodotto da valutare Analisi grammaticale di uno spot pubblicitario

12 Un approccio sincronico: guardiamo per interrogare e capire Siamo in una società secolarizzata Cosa significa esattamente? Quali le spinte forti verso labbandono dei criteri di giudizi cristianamente ispirati? Cesaroni – papà Lino Banfi

13 I verbi della comunicazione domanda – spunto di approfondimento Quanti verbi della comunicazione esistono? Comunicare, parlare, scrivere, dire, gridare, cantare, incontrarsi, conoscere, scoprire, disegnare, gesticolare, filmare, ascoltare intrattenersi, socializzare, abbracciare, chiamare, rispondere, … Cosa significa comunicare? dire/dirsi/darsi Tutta questa tecnologia comunicativa a disposizione delluomo migliora la sua capacità di rispondere al desiderio che lha generata? Connesso, in contatto o conto per qualcuno?

14 Antropologicamente decisivo Se luomo desidera comunicare quale è la sua natura profonda? Cosa si nasconde di antropologicamente decisivo dentro questo suo uscire da se? Soggetto, persona o individuo? Autosufficiente o aperto al rischio dellincontro? Lindividualismo, prima di essere amorale, disobbedisce alla natura delluomo? Comunicare come darsi o ricevere, possesso o dono di sé? E se il massimo della comunicazione fosse lamore?

15 Un percorso storico Un approccio maggiormente teorico, pur con il ricorso a possibili incursioni laboratoriali, si può proporre sul fatto comunicativo in sé. In effetti si potrebbe condurre una ricerca a due livelli, uno per la scuola primaria, uno per la scuola secondaria. Si possono infatti seguire le fasi dello svolgersi della storia umana scandita dalle sue principali invenzioni per consentire una migliore comunicazione. Lattività potrebbe essere strutturata su questi capitoli: Periodo storico Invenzione comunicativa Conseguenze positive /negative Cosa è rimasto oggi

16 Chi cè in casa?

17 Sms generation

18 Ricevere un sms significa…

19 E per finire… Es 3,1-6 - Pensare cammini - Fare esperienze - Spettacoli per accendere domande e curiosità - Andare dentro ed oltre le apparenze - Aprire al contatto tremendo e affascinante col mistero della vita, di Dio e delluomo … dal vedere allincontrare!


Scaricare ppt "Progetto di media education Insegnare ai nativi digitali."

Presentazioni simili


Annunci Google