La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il sonar FALCON Un doveroso omaggio vada a tutte le Persone che, a vario titolo, hanno contribuito alla sua realizzazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il sonar FALCON Un doveroso omaggio vada a tutte le Persone che, a vario titolo, hanno contribuito alla sua realizzazione."— Transcript della presentazione:

1 Il sonar FALCON Un doveroso omaggio vada a tutte le Persone che, a vario titolo, hanno contribuito alla sua realizzazione

2 PREMESSA Il sonar di emergenza FALCON è frutto di unidea a lungo meditata che ha il supporto di oltre 40 anni di attività di progettazione e sperimentazione nel campo dei sistemi di localizzazione subacquea. SONAR FALCON

3 Sovente si è manifestata lesigenza di poter disporre di un SISTEMA SONAR DI EMERGENZA per consentire la risalita in sicurezza di un sommergibile nel caso che il sonar operativo sia in avaria. SONAR FALCON

4 La risposta a questa fondamentale necessità si concretizza mediante il SONAR FALCON: sistema autonomo, ausiliario, portatile. SONAR FALCON

5 In caso di blocco totale del sonar operativo, sia il sommergibile in missione particolare, sia durante le fasi di addestramento, il FALCON consente la manovrabilità del battello e la sua risalita in completa sicurezza date le proprie caratteristiche funzionali e di autonomia. SONAR FALCON

6 INTRODUZIONE Il sonar FALCON Fasci Acustici per Localizzazione a Coerenza dOnda Naturale è stato studiato per la realizzazione di una classe di apparati ausiliari che, grazie alla loro estrema semplicità, abbiano ingombri ridotti ed elevata affidabilità.

7 Il FALCON è concepito per labbinamento con basi riceventi circolari e/o conformi ad n elementi con le quali formare m fasci di scoperta video ed audio. Nel caso dimpiego di basi circolari è possibile eseguire la scoperta di bersagli attivi su tutto lorizzonte subacqueo. Nel caso dimpiego di basi conformi è possibile eseguire la scoperta dei bersagli su di un ampio settore dellorizzonte subacqueo centrato sullasse del sommergibile.

8 Fasci preformati su base circolare Se la base idrofonica è circolare si realizzano m fasci di scoperta video ed audio disposti ad intervalli angolari uguali su tutto lorizzonte.

9 Fasci preformati su base conforme Se la base idrofonica è conforme si realizzano m fasci di scoperta video ed audio disposti ad intervalli angolari simmetrici rispetto allasse del battello.

10 –LA REALIZZAZIONE DELLAPPARATO FALCON (primo) –La fotografia mostra linsieme FALCON costituito da: –Un miditower contenente tutto lhardware ed un P.C. portatile

11 LA REALIZZAZIONE DELLAPPARATO FALCON (secondo) Miditower aperto con vista di tutti i componenti elettronici che costituiscono linsieme per il trattamento dei segnali idrofonici:

12 Pannello FALCON -comandi e presentazione- (terzo)

13 Configurazione con base ricevente circolare

14 La struttura hardware del FALCON Il Falcon è un apparato completamente autonomo che necessita soltanto della base acustica di ricezione alla quale collegarsi. Lapparato è dotato di tutte le funzioni di trattamento dei segnali idrofonici quali: -preamplificazione idrofonica -formazione fasci video in tempo reale -puntamento fascio audio in tempo reale -sistema dinseguimento automatico -comando variazione della costante dintegrazione -misura del rapporto Si/Ni -alimentazione in c.a. e batterie (autonomia = 2h)

15 Le peculiarità del FALCON Le caratteristiche fondamentali del FALCON sono: *Trattamento numerico dei segnali senza limpiego di conversione analogico/digitale. *Rimessa in coerenza dei segnali video in tempo reale senza limpiego di strutture di ritardo. *Algoritmi per la formazione fasci video in correlazione estremamente semplici. *Software in grado di lavorare con personal computer di serie.

16 Il collegamento del FALCON alla base idrofonica Con la premessa che nessuna difficoltà tecnica può giustificare la mancanza di messa in opera di un sonar di emergenza, il collegamento del FALCON alla base idrofonica può essere eseguito in modi diversi; tra questi: -COLLEGAMENTO PERMANENTE (sistemando un connettore multipolare in derivazione ai collegamenti esistenti tra base ricevente e sonar operativo). -COLLEGAMENTO DEMERGENZA (da eseguire, al momento del bisogno, direttamente sul connettore cavi che porta i segnali della base al sonar principale)

17 IL TRATTAMENTO DEI SEGNALI IDROFONICI La metodologia di trattamento dei segnali idrofonici è, in linea di principio, estremamente semplice: si amplificano, si filtrano nella banda prescelta (f1-f2) e si limitano a due stati gli n segnali idrofonici che, dopo limitazione, indichiamo con (L1…Ln). Linsieme degli stati logici istantanei del gruppo (L1…Ln) può essere visto come un numero binario costituito da una stringa contenente, ad esempio, gli n valori ( … ).

18 ELABORAZIONE CON IL COMPUTER La stringa ad n bit è inserita in un computer al ritmo superiore a due volte la frequenza massima della banda; questa stringa, avente il corrispondente valore numerico Y, contiene tutte le informazioni necessarie allelaborazione. Il software dispone di m matrici di conversione che secondo la filosofia FALCON, computano gli m fasci preformati.

19 FUNZIONI OPERATIVE *Presentazione video tipo A *Rivelazione video a fasci preformati *Interpolazione numerica tra i fasci *Integrazione video variabile manualmente *Inseguimento automatico di un bersaglio *Ascolto audio a punteria *Rilevamento in BRQ *Rilievo del rapporto S/N in acqua *Computo della portata e della distanza stimata *Regolazioni della sensibilità video/audio *Simulatore di bersagli *Variatore del fuori zero

20 CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE


Scaricare ppt "Il sonar FALCON Un doveroso omaggio vada a tutte le Persone che, a vario titolo, hanno contribuito alla sua realizzazione."

Presentazioni simili


Annunci Google