La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COSA Il nostro Il nostro itinerario UNA SUGGESTIVA PASSEGGIATA IN UNANTICA CITTÀ IMMERSA NEL VERDE DI ANSEDONIA. ProgettoArcheologi per un giorno Storia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COSA Il nostro Il nostro itinerario UNA SUGGESTIVA PASSEGGIATA IN UNANTICA CITTÀ IMMERSA NEL VERDE DI ANSEDONIA. ProgettoArcheologi per un giorno Storia."— Transcript della presentazione:

1 COSA Il nostro Il nostro itinerario UNA SUGGESTIVA PASSEGGIATA IN UNANTICA CITTÀ IMMERSA NEL VERDE DI ANSEDONIA. ProgettoArcheologi per un giorno Storia

2 LANTICA CITTÀ DI COSA. La città di Cosa sorge sulla costa del Mar Tirreno,fu fondata nel 273 a.C. e controllava il territorio compreso tra il fiume Albegna, lattuale Pescia Romana e il mare, fino allisola del Giglio e quella di Giannutri. Questa sua collocazione era molto importante per i Romani. Le colonie fondate da Roma avevano, soprattutto in quel periodo, la funzione sia di tenere sotto controllo i precedenti abitanti della zona, che di respingere gli attacchi dei nemici. Cosa, in situazione strategica e munita di imponenti mura, sembrava rispondere esattamente a questa definizione: era infatti circondata da Etruschi ostili e si affacciava sul mar Tirreno da cui si preannunciava lattacco dei terribili Cartaginesi. mura Il nome di Cosa derivò da quello più antico di Cusi o Cusia, relativo ad un piccolo centro etrusco disposto sul luogo dellattuale Orbetello.

3 Il centro urbano presentò, fin dalla fondazione, un impianto costituito da una fitta griglia di strade che si incrociavano determinando sia lunghi isolati rettangolari per le case dei coloni, sia aree più ampie destinate ad ospitare edifici pubblici. Due erano le aree pubbliche della città: lAcropoli, sede dei luoghi di culto (templi) e il Foro, sede dellattività politica della comunità. Ai piedi del promontorio in cui sorgeva la colonia fu costruito il porto della città: Portus Cosanus. Nel 90 a.C. Cosa diventò municipium e i suoi abitanti ottennero la cittadinanza romana. Intorno al 71 a.C. la città fu saccheggiata e incendiata in circostanze fino ad oggi rimaste ignote e restò abbandonata fino alletà augustea, quando fu ricostruita ma parzialmente e limitatamente alle aree dinteresse pubblico (Foro e Acropoli), riducendosi comunque a centro di culto.strade Portus Cosanus

4 Agli inizi del sesto secolo d.C.gli antichi edifici romani vennero ulteriormente danneggiati. In questo periodo Cosa potrebbe essere stata una fortezza bizantina posta a contrastare lavanzata dei Longobardi. Risale forse a questo tempo il cambiamento del nome in Ansedonia. In seguito Cosa/Ansedonia passò ai Franchi e, per volere di Carlo Magno, fu poi donata come feudo allAbbazia delle Tre Fontane di Roma. Atria posti allingresso del Fòro Fòro: resti del Tempio della Concordia

5 IL NOSTRO ITINERARIO. Abbiamo visitato i resti dellimponente cerchia di mura e i numerosi ruderi che spuntano tra gli ulivi. La porta Fiorentina fa da ingresso agli scavi della città romana e, seguendo la strada sterrata, siamo arrivati ad un moderno edificio, sede del locale Antiquario.

6 Durante il percorso abbiamo notato la presenza di cisterne per lapprovvigionamento idrico che spuntano numerose in questo territorio e magazzini (horreum) la cui posizione permetteva il tempestivo immagazzinaggio di merci provenienti da Porto Ercole, porto della colonia prima della realizzazione dell approdo marittimo situato ai piedi del promontorio, località la Tagliata. cisterne cisterne Continuando a salire possiamo vedere la Casa dello Scheletro il cui nome deriva appunto da uno scheletro rinvenuto nella cisterna. Casa dello Scheletro Casa dello Scheletro Abbiamo poi visitato il Foro, la Basilica, le terme e attraverso la via sacra, siamo arrivati allAcropoli, sede di edifici di culto. Foro Basilica, allAcropoli Foro Basilica, allAcropoli Ogni domus aveva la sua piccola cisterna per il consumo domestico dacqua.

7 Fulcro di questa abitazione è latrium con impluvium su cui si affacciano una serie di eleganti ambienti. LA CASA DELLO SCHELETRO

8 Particolare di una decorazione pavimentale. Gli ambienti della casa erano molto eleganti e contraddistinti da fini decorazioni. Nella parte posteriore della casa si estende unarea scoperta, lhortus, alla quale si accede da un portico colonnato. LE CASE ROMANE: PER LE CASE ROMANE: PER SAPERNE DI PIÙ SAPERNE DI PIÙ

9 LAcropoli era occupata da due edifici sacri, il maggiore era il Capitolium, tempio dedicato alla triade Giove-Giunone-Minerva e simbolo della religione di stato. Sullarx era anche un altro piccolo tempio dedicato forse alla divinità del mare e della fecondità chiamata dai romani Mater Matuta. Planimetria dellAcropoli: A) VIA SACRA B) CAPITOLIUM C) ALTARE D) PRÒNAO E) CISTERNA F) CISTERNE G) TEMPIO DI MATER MATUTA H) CINTA MURARIA I) PORTE LACROPOLI

10 RESTI DEL TEMPIO DI MATER MATUTA Il tempio si presenta con un basso podio in opera poligonale, sopra cui si innalzano i resti dei muri della cella. Il podio è pavimentato e poco profondo. Sono ancora visibili i resti della fila di quattro colonne che stavano sulla fronte. Laltare, di forma trapezoidale, era posto di fronte alla facciata del Tempio.

11 Il Capitolium, fu innalzato intorno al a.C. Il tempio era caratterizzato da tre celle, da un profondo prònao a quattro colonne sulla fronte e da un altro podio rivestito di lastroni sagomati. Una grande cisterna di forma oblunga, scavata nella roccia, era destinata ad accogliere le acque piovane. Una grande cisterna di forma oblunga, scavata nella roccia, era destinata ad accogliere le acque piovane.

12 A sinistra e a destra sono visibili gli atria. Questi edifici avevano funzione commerciale Foro Foro Resti dellarco dingresso Intorno al 180 a.C. davanti agli atria furono eretti dei porticati e intorno alla piazza fu costruito un sistema di conduttura in travertino che permetteva la raccolta dellacqua piovana in ampie cisterne sotterranee.

13 FÒRO: RICOSTRUZIONE

14 Planimetria del Fòro a) Arco dingresso b) Atria publica c) Basilica d) Complesso Curia Comitium Complesso Curia ComitiumComplesso Curia Comitium e) Tempio della Concordia Tempio della ConcordiaTempio della Concordia f) Carcere Carcere g) Pozzetti per travi h) Fòro i) Cisterna

15 La Basilica era un edificio pubblico, sede di tribunali e luogo di ritrovo dei cittadini per trattare affari. Nel IV secolo d.C. dentro la Basilica fu costruita una piccola chiesa cristiana.

16 Il comitium era destinato allassemblea cittadina: si presentava come un edificio scoperto con gradinate concentriche. La curia invece corrispondeva al senato di Roma, ed era il luogo di governo della città.

17 TEMPIO DELLA CONCORDIA Del Tempio della Concordia si conserva solo un basamento, su cui si innalzavano una cella e un pronao con quattro colonne. Anche questo Tempio nel Medioevo subì una trasformazione in chiesa cristiana.

18 CARCERE (fine III sec.a.C.) Il carcere era formato da due stanze di forma rettangolare e da un ambiente sotterraneo coperto a volta, la cella vera e propria.

19 Le mura sono il monumento maggiore di Cosa: si sviluppano per 1500 metri circa ed hanno 17 torri quadrate ed una tonda. Le torri costituiscono uninnovazione per larchitettura militare romana: Cosa è la prima colonia munita di un sistema difensivo così evoluto. Una delle 17 torri quadrate

20 I CIBI DEI ROMANI In genere i pasti quotidiani dei ricchi erano tre. La colazione poteva consistere in gallette secche, formaggio, uova, o frutti accompagnati da fette di focaccia allolio o al miele. I Romani conoscevano molte varietà di frutta, ma quelle più diffuse erano le mele e i fichi. Si consumava anche molta uva e si gradivano certi frutti di bosco come le more. A metà della giornata si faceva un pasto leggero,il pranzo. Si mangiavano uova, pesce, un po di verdura. Si beveva acqua o vino allungato con acqua. Il pasto forte della giornata era la cena: i poveri si accontentavano di un purè di fave o di zuppa di verdura. I ricchi invece abbondavano nella scelta di cibi.Nel caso di una festa, la cena, particolarmente abbondante, era chiamata banchetto. Il banchetto, a cui partecipavano anche le donne,poteva iniziare con un antipasto, formato da uova sode, olive, insalata di malva, salse piccanti, crostacei, frutti di mare. Poi si passava ai piatti principali, che potevano consistere in cinghiale, rombo, gallina, carne (le portate variavano da 3 a 7). I contorni erano a base di legumi, insalate, bietole e carote.

21 LE ABITAZIONI ROMANE La casa si differenziava notevolmente a seconda dello stato sociale. I ricchi e i patrizi abitavano in case eleganti e piene di comodità, le domus. Queste avevano le pareti rivestite di marmi o decorate con affreschi; avevano pavimenti ricoperti di mosaici ed erano arredate con mobili lussuosi, con tendaggi e tappeti. Oltre alle lussuose case di città, i ricchi possedevano ville in campagna o al mare o vicino ai laghi. ville I contadini abitavano con i loro animali in case molto semplici, spesso poco più che capanne costituite in genere da ununica stanza, dove si mangiava e si viveva. mangiava La plebe in città viveva in case a più piani (insulae, donde il nostro sostantivo isolati), o addirittura in baracche di legno e di canne ammassate nei quartieri periferici più poveri, come la suburra, il quartiere della Roma antica tra il Viminale e lEsquilino, abitato da gente malfamata e misera.

22 Per meglio sfruttare le risorse dei campi gli antichi Romani utilizzavano la villa rustica: questa era formata da un complesso di edifici, che ospitavano una comunità di agricoltori per la coltivazione dei terreni circostanti, alle dirette dipendenze del proprietario terriero. Potremmo paragonare la villa rustica alle nostre fattorie, con ampi cortili e vasche per abbeverare gli animali (allevati per lalimentazione o come bestie da tiro per gli aratri). Queste ville erano costruite in mura di mattoni, con magazzini, stalle, e varie stanze anche per ospitare i servi. LA VILLA

23 COSA: RESTI DI UNA STRADA Il sistema di costruzione delle strade prevedeva lo scavo di un fosso profondo qualche metro, che poi veniva riempito con pietre di diverse dimensioni per assicurare solidità al manto stradale. Lo strato superficiale era costituito da grandi pietre di forma regolare, disposte >, in modo che lacqua piovana scorresse verso i lati. Le strade erano larghe circa 5 metri e permettevano il percorso dei carri in entrambi i sensi di marcia Il sistema di costruzione delle strade prevedeva lo scavo di un fosso profondo qualche metro, che poi veniva riempito con pietre di diverse dimensioni per assicurare solidità al manto stradale. Lo strato superficiale era costituito da grandi pietre di forma regolare, disposte >, in modo che lacqua piovana scorresse verso i lati. Le strade erano larghe circa 5 metri e permettevano il percorso dei carri in entrambi i sensi di marcia.

24 Tra il III e il II secolo a.C. i Romani costruirono numerose strade nella penisola italiana, che consentivano veloci spostamenti delle truppe, comunicazioni postali e commerciali. Lungo le strade si trovavano stazioni di posta, in cui era possibile mangiare e riposare: qui i corrieri, inoltre, potevano cambiare cavallo. In questo modo un messaggio inviato dalla Gallia Cisalpina arrivava a Roma in poco più di una settimana, con una media di circa 75 chilometri al giorno. A una distanza fissa di un miglio, corrispondente a circa un chilometro e mezzo, si trovavano cippi di pietra, detti pietre miliari, che indicavano la distanza di quel punto dal foro di Roma. LE STRADE ROMANE COSA: STRADA ALLINGRESSO DEL FÒRO

25 Località La Tagliata, il porto di Cosa Il porto fu costruito ai piedi del promontorio in cui sorgeva la colonia. Alle spalle dellapprodo era unampia laguna costiera di cui oggi si conserva solo un residuo: il Lago di Burano. in cui sorgeva la colonia. Alle spalle dellapprodo era unampia laguna costiera di cui oggi si conserva solo un residuo: il Lago di Burano. Sia la posizione, che la costruzione di moli e frangiflutti, permettevano un ricovero sicuro per le imbarcazioni, ed evitavano linsabbiamento del porto. Per questultimo scopo fu sfruttata la forza delle correnti dun emissario della laguna e di una grande fenditura naturale nella roccia (Spacco della Regina). Questi canali venivano aperti o chiusi mediante paratie di legno, in modo che la corrente forzata, spazzasse i detriti accumulati nel bacino del porto. Successivamente, forse a causa di una frana, lo Spacco della Regina fu sostituito da un canale artificiale: La Tagliata.

26 Il rifornimento dacqua avveniva per mezzo di un efficiente sistema di cisterne, di cui una è visibile di fronte alle antiche terme, dall altra parte del viottolo: ha forma quadrangolare, quattro pilastri al centro, che sorreggevano la copertura ed è munita di un rivestimento ad intonaco, necessario per impermeabilizzare le pareti.


Scaricare ppt "COSA Il nostro Il nostro itinerario UNA SUGGESTIVA PASSEGGIATA IN UNANTICA CITTÀ IMMERSA NEL VERDE DI ANSEDONIA. ProgettoArcheologi per un giorno Storia."

Presentazioni simili


Annunci Google