La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dalla crisi degli anni 30 alla Ricostruzione post-bellica slides lezione 12.04.2012 Dalla crisi degli anni 30 alla Ricostruzione post-bellica. slides lezione.

Copie: 2
Dalla crisi degli anni 30 alla Ricostruzione post-bellica slides lezione Dalla crisi degli anni 30 alla Ricostruzione post-bellica. slides lezione.

Il Veneto come Meridione del Nord slides lezione il Veneto come Meridione del Nord. slides lezione

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dalla crisi degli anni 30 alla Ricostruzione post-bellica slides lezione 12.04.2012 Dalla crisi degli anni 30 alla Ricostruzione post-bellica. slides lezione."— Transcript della presentazione:

1 Dalla crisi degli anni 30 alla Ricostruzione post-bellica slides lezione Dalla crisi degli anni 30 alla Ricostruzione post-bellica. slides lezione

2 il 2° Censimento industriale (1927) sancì - con qualche miglioramento - la terza posizione del Veneto nellassetto industriale italiano, confermando il suo ruolo di regione-cerniera tra modernizzazione ed arretratezza ma fu il 3° Censimento ( ) a segnare - pur nel travaglio della grande crisi, e degli scompensi che essa comportò - un assetto più maturo del nostro territorio. Era lentità della potenza installata, di 5 punti superiore alla media del paese, a ratificare un deciso cambio di marcia.

3 ciò testimoniava del progresso tecnico e dei miglioramenti produttivi ormai raggiunti. Esso risultava concentrato nel Veneziano e nel Vicentino, che giunsero a detenere oltre il 50 % del totale regionale, contro il 43,7 % del Censimento del il progresso era andato però in direzioni opposte: 1) a irrobustire i comparti delle industrie di base e di beni strumentali a Marghera; 2) a razionalizzare, aumentandone il peso, il settore tessile nella provincia vicentina.

4 Si accentuava così - ed è questo il dato contraddittorio della crescita - la frattura tra la localizzazione della manifattura leggera e quella dei settori trainanti, ad esempio quello chimico. La chimica veneziana presentava ormai valori superiori alle medie nazionali: - 4,3 % delloccupazione (3,9 % media Italia) - 32,9 addetti/unità produttiva (16,9 Italia) - 12,7 % potenza disponibile (9,2 % Italia) - 10,2 % intera potenza chimica in Italia

5 Il declino del Lanificio Rossi: - la tentata scalata azionaria da parte di Gaetano Marzotto Jr - la sconfitta e la rivincita: la Marzotto sorpassa il Lanificio Rossi e diventa il principale produttore e esportatore laniero italiano limprenditore Marzotto: - lautentico interprete del paradigma veneto del binomio modernità/arretratezza

6 Una provincia in faticosa transizione: - il Padovano: la colonizzazione della finanza del gruppo Volpi-SADE… Una provincia e una città in ritardo nella pianura centrale veneta, ma anche in questo caso tra modernità e arretratezza…

7 La Ricostruzione tra vecchi equilibri e innovazione Ricostruzione perché? il Censimento industriale del 1951: il Veneto ancora terza… La ritrovata centralità padovana, il suo abbrivio industrializzante (la Z.I.P.) e il mito della Milano del Veneto La nuova industria meccanica, asse della crescita. Una nuova espansione della piccola impresa prima del miracolo economico.

8 il Veneto come Meridione del Nord slides lezione il Veneto come Meridione del Nord. slides lezione

9 Meridione del Nord e legislazione sulle aree depresse Le mancate risposte ai problemi dello sviluppo regionale, nonostante la presenza di un partito egemone (la Democrazia Cristiana) Il peso della grande impresa, o meglio dei grandi interessi con lemergere anche di un rilevante gruppo saccarifero autoctono Le grandi sacche di arretratezza rese ancor più evidenti dalla spinta espansiva della Ricostruzione, che privilegia le aree dove lo sviluppo già esiste…

10 E, quindi, la difficile ricerca di un governo dello sviluppo… Da cui il tentativo di costruire una regione prima dellEnte Regione previsto dalla Costituzione, ma non ancora costituito…

11 nasce la teoria della DEPRESSIONE ECONOMICA Del Veneto larbitrarietà di una supposta netta distinzione tra un Nord sviluppato ed un Sud arretrato le temute distorsioni nelle aree povere del Nord innescate dagli interventi al Sud della neonata Cassa per il Mezzogiorno la pochezza del secondario veneto… la non riconoscenza dellItalia verso i sacrifici imposti alle terre venete dalle guerre

12 Questa tesi viene elaborata e sostenuta, a partire dal 1954, dallavv. padovano Gavino Sabadin, già Segretario della Democrazia Cristiana veneta durante la Resistenza, Prefetto della Liberazione a Padova e ormai notabile di rango del partito cattolico… La sua è una lettura accentuatamente pauperista della società veneta, tesa a chiedere con gran forza per il Veneto un intervento straordinario (e risarcitorio) da parte dello Stato Una Cassa per il Mezzogiorno riservata al Veneto, quale meridione del Nord…

13 la rivendicazione del particolarismo regionale (altro e diverso dal resto del paese) Con quali contenuti? la lunga storia delle genti venete, in una sorta di rivendicazione etnica il trauma della caduta della Serenissima, e della dominazione straniera la tardiva annessione allItalia, che avrebbe di fatto emarginato il Veneto allinterno delle regioni settentrionali

14 le due guerre mondiali, soprattutto la prima, guerreggiate in casa propria il cattolicesimo convinto e il carattere mite della popolazione, restia a lamentarsi o ad avanzare pretese lonestà e la laboriosità delle genti venete il corollario di questo cahier de doléances era che la mitezza poteva trasformarsi anche in ribellione contro il governo, magari fomentato dai partiti di sinistra. Quindi…

15 Quindi il governo, e il partito di maggioranza relativa (la Democrazia Cristiana, che in Veneto aveva invece la maggioranza assoluta dei voti), dovevano muoversi urgentemente dando soddisfazione - prima che fosse troppo tardi - alle legittime e sacrosante rivendicazioni delle genti venete

16 In realtà il governo, nel varare nel 1950 la Cassa per il Mezzogiorno, a qualche misura compensativa - anche se genericamente indirizzata ad aree depresse diverse da quelle meridionali, vale a dire a quelle relative al Centro-Nord nel suo complesso - aveva provveduto con legge n. 647/1950, concernente lEsecuzione di opere straordinarie di pubblico interesse nellItalia settentrionale e centrale.

17 Essa riguardava particolarmente la «sistemazione dei bacini montani, la bonifica, lirrigazione, la trasformazione fondiaria» e la «viabilità ordinaria non statale, gli acquedotti e relative fognature principali».

18 La qualifica di località depressa veniva demandata a un Comitato dei Ministri che avrebbe dovuto anche approvare i programmi di esecuzione delle opere. Per quanto riguarda il Veneto, fu dichiarata depressa lintera provincia di Belluno. Tale provvedimento fu poi integrato dalla legge 991/1952, relativa a finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto per attività artigianali e impianti energetici nei territori montani.

19 Questi provvedimenti erano ovviamente marginali rispetto alle richieste avanzate nel 1954 di Sabadin, che rivendicava invece la specificità dellintera regione, ed anzi voleva che la questione veneta divenisse una questione nazionale. Se il Mezzogiorno veniva inteso come una questione nazionale, era giusto che così fosse anche per il Meridione del Nord !

20 la risposta governativa alle rivendicazioni particolaristiche arrivò nel corso del Ma non accogliendole in quanto tali, bensì introducendo alcune norme agevolative a favore di tutto il Centro-Nord. Né poteva essere altrimenti. il provvedimento legislativo riguardava tutte le aree depresse dellintero Centro-Nord, anche in questo caso da individuare da apposito Comitato interministeriale. Esso fu poi rifinanziato (e meglio modulato) con una successiva legge del 1966.

21 le norme prevedevano incentivi fiscali (esenzione decennale dalle imposte sul reddito) per le nuove iniziative imprenditoriali fino a 100 addetti che fossero sorte in tali aree. Nel 1966 si aggiunsero anche contributi in conto capitale, e il limite dimensionale venne elevato fino a 500 addetti. Lobiettivo? Un riequilibrio territoriale tra aree deboli ed aree forti del paese. vi era però il nodo del riconoscimento della qualifica di area depressa, che comportò non poche incertezze, problemi e notevoli pressioni clientelari…

22 EFFETTI DI TALE LEGISLAZIONE: assegnazione a pioggia di tale classificazione in Veneto vennero ad es. classificati depressi ben 489 comuni su 583: un dato di poco inferiore all84%... la distorsione dellapplicazione legislativa la concorrenza impropria tra i comuni, e gli incentivi aggiuntivi assegnati in sede locale… Linefficacia della legislazione quanto a innesco di nuova imprenditorialità, ed il fallimento dellobiettivo di riequilibrio territoriale che essa si proponeva.


Scaricare ppt "Dalla crisi degli anni 30 alla Ricostruzione post-bellica slides lezione 12.04.2012 Dalla crisi degli anni 30 alla Ricostruzione post-bellica. slides lezione."

Presentazioni simili


Annunci Google