La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CARATTERISTICHE ESSENZIALI DEI GRUPPI PRIMARI CONOSCENZA RECIPROCA DI TUTTI I COMPONENTI: nella nostra classe ci conosciamo tutti? POSSIBILITA DI COMUNICARE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CARATTERISTICHE ESSENZIALI DEI GRUPPI PRIMARI CONOSCENZA RECIPROCA DI TUTTI I COMPONENTI: nella nostra classe ci conosciamo tutti? POSSIBILITA DI COMUNICARE."— Transcript della presentazione:

1 CARATTERISTICHE ESSENZIALI DEI GRUPPI PRIMARI CONOSCENZA RECIPROCA DI TUTTI I COMPONENTI: nella nostra classe ci conosciamo tutti? POSSIBILITA DI COMUNICARE CON TUTTI GLI ALTRI COMPONENTI comunichiamo con tutti? CONDIVISIONE di ALMENO un OBIETTIVO ESPLICITO IMPORTANTE: cosa ci proponiamo di fare insieme?

2 GRUPPI > GERARCHIZZAZIONE: ci sono uno o più leader nel gruppo? > VALENZA: quali sono i nostri valori? > COESIONE: siamo coesi? > ATTIVITA NORMATIVA > OPERATIVA: quali regole esplicite agiscono fra noi? > SIMBOLICA: quali regole implicite agiscono fra noi? > COSTRUZIONE IDENTITA: elenchiamo 3 caratteristiche principali dellidentità della classe come gruppo.

3 DINAMICHE DI GRUPPO: * reti di comunicazione: come comunichiamo? * stile di leadership: per la classe è aggressivo (autoritario), assertivo ( autorevole,democratico e partecipato, ma diretto dallalto) o anassertivo (affettuoso, disposto allascolto e allaccoglienza, molto democratico, non direttivo). Chi sono i leader (studenti, docenti, preside...altro) della classe come gruppo? A chi vi ispirate come gruppo? * elaborazione di norme: quali regole seguite/ seguiamo, come gruppo. * atteggiamenti: quali comportamenti contraddistinguono il nostro gruppo nelle relazioni interne e esterne alla classe.

4

5 TIPI DI LEADERSHIP CARISMATICA FUNZIONALE VALUTATIVA PARTECIPATIVA

6 STILI DI LEADERSHIP CENTRATA SUL COMPITO CENTRATA SULLA RELAZIONE

7 TIPI DI LEADERSHIP CARISMATICA: i maestri/capi/leader sono accettati perchè piacciono e sanno farsi ascoltare dalla maggioranza che li sente come più bravi e capaci FUNZIONALE: i leaders sono quelli che servono per ottenere determinati obiettivi VALUTATIVA: i leaders sono coloro che si trovano in posizione di potere: PARTECIPATIVA: i leaders non sono stabili, si scelgono di volta in volta in volta e appartengono alle dinamiche di partecipazione, condivisione e comunicazione del gruppo classe.

8 4 In che tipologia di leadership si riconosce il gruppo classe? 4 Ne è soddisfatto o vorrrebbe modificarlo? 4 Osservazioni: Tipo di leadership:

9 INFLUENZE SOCIALI INVOLONTARIE > APPRENDIMENTO OSSERVATIVO > PROCESSI DI IMITAZIONE > FACILITAZIONE SOCIALE > DE-INDIVIDUAZIONE

10 ALTRUISMO E AIUTO : chi ne è responsabile nel gruppo? > LA PRESENZA di interlocutori esterni PUO INIBIRE lo SLANCIO ad AIUTARE chi è in difficoltà > MOLTE SITUAZIONI di EMERGENZA SONO AMBIGUE (almeno inizialmente)

11 I FATTORI INIBITORI dell ALTRUISMO OSSERVATORI AMBIVALENZA della SITUAZIONE Sono neutralizzati da: PRECEDENTE RESPONSABILIZZAZIONE VALUTAZIONE del DANNO REALE ESPOSIZIONE A MODELLI DI COMPORTAMENTO SOCIALMENTE RESPONSABILI FACILITAZIONE della RISPOSTA ALTRUISTICA

12 STATO DANIMO (MOOD) E COMPORTAMENTO ALTRUISTICO > INFLUENZA degli STATI EMOTIVI da: soddisfazione del successo ricordo di esperienze positive piccoli eventi fortunati > REAZIONE dei BENEFICATI ai BENEFETTORI: obblighi di gratitudine percepiti reciprocità sociale ambiguità dellassistenza gratuita

13 Effetto Asch (1950)

14 4 COMPONENTI EURISTICHE della PERSUASIONE 4 FUNZIONE di RINFORZO nei GRUPPI di RIFERIMENTO 4 FACILITAZIONE SOCIALE nelle DECISIONI di GRUPPO

15 PERSUASIONE POSITIVA>NEGATIVA PUNTO di NON RITORNO nelle DISCUSSIONI INFLUENZA SOCIALE INVOLONTARIAFARE PORTA A CREDERE RASSICURAZIONE OPERATIVA (Le azioni hanno maggiore risonanza delle parole)

16 COMUNICAZIONE PERSUASIVA 4 AUTOPERSUASIONE 4 ESPOSIZIONE A MESSAGGI UNI/BILATERALI 4 IMMUNIZZAZIONE dalle OPINIONI AVVERSE

17 PENSIERO di GRUPPO Desiderio di ottenere consenso e di evitare il dissenso CONDIZIONI ANTECEDENTI SINTOMI del PENSIERO di GRUPPO VIZI nei PROCESSI DECISIONALI DERIVANTI dal PENSIERO di GRUPPO

18 CONDIZIONI ANTECEDENTI Gruppo coeso Isolamento del gruppo dalle influenze esterne Nessuna procedura sistematica per considerare sia i pro che i contro delle diverse linee di condotta Un leader direttivo che caldeggia esplicitamente una determinata linea di condotta Elevato stress

19 SINTOMI del PENSIERO di GRUPPO ILLUSIONE DI INVULNERABILITÀ, MORALITÀ E UNANIMITÀ PRESSIONE SUI DISSENZIENTI AUTOCENSURA DEL DISSENSO RAZIONALIZZAZIONE DI GRUPPO VALUTAZIONE DI ORTODOSSIA

20 VIZI nei PROCESSI DECISIONALI DERIVANTI dal PENSIERO di GRUPPO Analisi incompleta degli obiettivi del gruppo e delle linee di condotta alternative Insuccesso nellesaminare i rischi dellalternativa preferita Scarsa o incompleta ricerca di informazioni controfattuali rilevanti Distorsione selettiva nellelaborazione delle informazioni presenti Incapacità di rivalutare le alternative scartate Incapacità di sviluppare piani di emergenza in caso di fallimento

21

22

23 Ogni NUCLEO di OPINIONI è FORMATO da: 4 Una CREDENZA 4 Un ATTEGGIAMENTO 4 Una PERCEZIONE di SOSTEGNO SOCIALE alle OPINIONI

24 ATTEGGIAMENTI 4 DISPOSIZIONI ad AGIRE 4 INTERPRETAZIONI di SCELTE e DECISIONI 4 VALUTAZIONI di OGGETTI PERSONE o SITUAZIONI

25 COMPONENTI degli ATTEGGIAMENTI ESEMPI COGNITIVA (Stereotipi Negativi) AFFETTIVA (Pregiudizi) COMPORTAMENTALE (Discriminazioni)

26 FUNZIONI degli ATTEGGIAMENTI 4 STRUMENTALE 4 CONOSCITIVA 4 ESPRESSIONE di VALORI 4 AUTODIFESA 4 ADATTIVA

27 RELAZIONI tra ATTEGGIAMENTI E COMPORTAMENTI 4 GRADO di COERENZA 4 RELAZIONE DIRETTA o INDIRETTA 4 ESPERIENZA DIRETTA e GRADO DI COINVOLGIMENTO EMOTIVO GRADO di CONSAPEVOLEZZA

28 GRADO di COERENZA degli ATTEGGIAMENTI 4 Valutazione della COERENZA COGNITIVA sui NUCLEI di OPIONINI 4 Procedure di rafforzamento della COERENZA COGNITIVA 4 Riduzione della DISTANZA o DISSONANZA COGNITIVA

29 TECNICHE di MODIFICAZIONE degli ATTEGGIAMENTI 4 COINVOLGIMENTO in un ESPERIENZA DIRETTA 4 RIDUZIONE della DISSONANZA COGNITIVA tramite FORME di AUTOPERSUASIONE 4 GRADUALITA del CAMBIAMENTO Tecniche Comunicative: Piede nella Porta Palla Lenta


Scaricare ppt "CARATTERISTICHE ESSENZIALI DEI GRUPPI PRIMARI CONOSCENZA RECIPROCA DI TUTTI I COMPONENTI: nella nostra classe ci conosciamo tutti? POSSIBILITA DI COMUNICARE."

Presentazioni simili


Annunci Google