La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Idea Progetto FLAHY First Laboratory in Alps for Hydrogen Ing. Giovanni Pino -Dr. Francesco Geri-Ing. Solaria Venga-Ing. Riccardo Marceca APAT – Settore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Idea Progetto FLAHY First Laboratory in Alps for Hydrogen Ing. Giovanni Pino -Dr. Francesco Geri-Ing. Solaria Venga-Ing. Riccardo Marceca APAT – Settore."— Transcript della presentazione:

1 1 Idea Progetto FLAHY First Laboratory in Alps for Hydrogen Ing. Giovanni Pino -Dr. Francesco Geri-Ing. Solaria Venga-Ing. Riccardo Marceca APAT – Settore Innovazione Tecnologica

2 2 FLAHY FLAHY: First Laboratory in Alps for Hydrogen Lidea progetto FLAHY (First Laboratory in Alps for Hydrogen), nata in APAT, aveva come obiettivo principale quello di promuovere un utilizzo sostenibile dellidrogeno nel sistema di trasporto nelle zone alpine.

3 3 FLAHY Costo Previsto: max 3 Milioni Euro Possibile Contributo Europeo: max 50% Area Tematica Riduzioni dei gas ad effetto serra. Sviluppo di tecniche o metodi innovativi in grado di ridurre in modo significativo e quantificabile le emissioni di gas ad effetto serra (in particolare nella generazione di energia, nei trasporti e nella gestione dei rifiuti).

4 4 FLAHY PROBLEMA Aumento emissioni inquinanti PROBLEMA Aumento emissioni inquinanti OBIETTIVO Diffondere la conoscenza del vettore idrogeno Riduzione delle emissioni di GHG e di altri inquinanti OBIETTIVO Diffondere la conoscenza del vettore idrogeno Riduzione delle emissioni di GHG e di altri inquinanti RISULTATI ATTESI Valori quantitativi: % o t CO 2 eq RISULTATI ATTESI Valori quantitativi: % o t CO 2 eq AZIONI DIMOSTRATIVE Impianto pilota AZIONI DIMOSTRATIVE Impianto pilota

5 5 FLAHY Azioni principali del progetto: Realizzazione di un sistema integrato ad idrogeno: impianto di risalita alimentato ad idrogeno con Fuel Cell/Turbina a gas/Motori Combustione Interna, Riscaldamento di strutture attigue con il calore residuo. Produzione di idrogeno tramite fonti energetiche rinnovabili disponibili in loco quali: idroelettrico e mini-idraulico. Analisi economiche e di mercato per il superamento delle barriere alla diffusione di questa tecnologia in altre aree. Obiettivo Lobiettivo principale di questo progetto era contribuire alla riduzione di Gas Serra nellarea Alpina tramite la promozione di tecnologia ad idrogeno Area di studio: La zona montana servita dal passo del Tarvisio (Italia-Austria-Slovenia) / passo del Brennero (Italia-Austria)

6 6 FLAHY

7 7 Project Planning Valutazione e monitoraggio delle emissioni di GHG evitate Riproducibilità Diffusione dei risultati Azione dimostrativa: Realizzazione Impianto di risalita e Veicoli alimentati ad idrogeno Azione dimostrativa: Realizzazione Impianto di risalita e Veicoli alimentati ad idrogeno Project Management e Reporting con Commissione Europea

8 8 FLAHY Questa attività ha lo scopo di gestire il progetto e coordinare i partners. Inoltre dovrà fornire supporto amministrativo e curare la comunicazione tra i partners e la Commissione Europea. Project Management Rapporti con la Commissione Europea RISULTATI ATTESI Corretto svolgimento del progetto Rispetto della tempistica ATTIVITA

9 9 FLAHY Azione Dimostrativa: Realizzazione di un impianto di risalita alimentato ad idrogeno RISULTATI ATTESI Quantità di risorse disponibili Quantità di idrogeno prodotto Ore funzionamento impianto Calore prodotto Analisi delle risorse rinnovabili disponibili nella zona per la produzione di idrogeno Selezione del sito più adatto alla realizzazione dellimpianto pilota Realizzazione dellimpianto Utilizzazione del calore residuo per il riscaldamento di strutture ricettive ATTIVITA

10 10 FLAHY Lenergia idroelettrica prodotta durante la notte viene utilizzata nellelettrolizzatore per ottenere green hydrogen. Lidrogeno viene utilizzato in Celle a Combustibili (FC) o Turbine a gas (TG) o MCI per produrre lenergia sufficiente ad alimentare un impianto di risalita. Il calore residuo derivato da FC/Turbine/ MCI può essere utilizzato per il riscaldamento di strutture attigue allimpianto di risalita (Rifugi, Alberghi). Leventuale idrogeno in eccesso può essere utilizzato direttamente nei motori a combustione interna sui vari mezzi da neve (es. gatto delle nevi, motoslitte) utilizzati sulle piste da sci, altamente inquinanti poiché alimentati normalmente con combustibili fossili.

11 11 FLAHY Idrogeno da gassificazione di biomasse Il processo di gassificazione consente la conversione di un combustibile solido in un combustibile gassoso: Syngas. Syngas è una miscela costituita principalmente da Idrogeno (H 2 ) e monossido di Carbonio (CO) insieme ad altri gas ed impurità. Le attuali tecnologie di gassificazione della biomassa derivano da quelle sviluppate per la gassificazione del carbone ed opportunamente modificate per tener conto delle differenti caratteristiche. E in fase di sperimentazione un gassificatore di nuova concezione a doppio stadio capace di trattare biomasse e parte dei RSU. Il perfezionamento di questa tecnologia potrebbe portare alla produzione di H 2 a minor costo.

12 12 FLAHY Il Syngas prodotto dalla gassificazione delle biomasse (e di parte dei rifiuti) può essere utilizzato dopo un opportuno trattamento di cleaning in una cella a combustibile di tipo MCFC (cella a carbonati fusi). Questo tipo di Fuel Cell riesce ad utilizzare ed a tollerare la presenza di CO e CO 2 nel flusso di alimentazione. Temperatura di esercizio: 600 – 650 °C Efficienza: % Taglia: 100 kW – 3 MW Produzione di energia elettrica e calore per Co-generazione

13 13 FLAHY Una delle possibili azioni dimostrative collegate alla produzione di idrogeno da biomasse, è lutilizzo di una cella a MCFC per fornire energia a mezzi di trasporto pubblico. Unipotesi allo studio è quella di alimentare il Tram storico che collega la città di Trieste ad Opicina.

14 14 FLAHY Monitoraggio Green House Gases Analisi indicatori ambientali (emissioni di GHG evitate, inquinanti atmosferici, rumore etc.) Poiché lo scopo del Progetto è la riduzione dei GHG, è fondamentale prevedere una fase di monitoraggio per verificare che le tecnologie adottate producano una effettiva riduzione delle emissioni RISULTATI ATTESI Riduzione delle emissioni: CO 2eq g/h ATTIVITA

15 15 FLAHY Verranno effettuati studi e valutazioni tecniche/economiche per identificare le barriere alla diffusione di queste tecnologie Riproducibilità Studi e Strategie Analisi economiche e di mercato Stima delle risorse rinnovabili disponibili Verifica della normativa di settore Valutazione dei costi di produzione dellidrogeno Possibili ripercussioni sulleconomia locale delle nuove tecnologie Focalizzazione dei punti critici del sistema ad idrogeno RISULTATI ATTESIATTIVITA

16 16 FLAHY Diffusione dei Risultati Un corretto ed efficiente scambio di informazioni tra tutti gli attori coinvolti è fondamentale per il successo del progetto. Costruzione di un sito web per la diffusione dei risultati Organizzazione di una campagna di informazione (stampa e meeting) Costruzione di una piattaforma per lo scambio di informazioni sulle nuove tecnologie per gli operatori e gli utilizzatori Partecipazione di tutti i soggetti coinvolti Maggiore scambio internazionale di informazione Maggiore visibilità e risonanza internazionale per le zone coinvolte ATTIVITA RISULTATI ATTESI

17 17 FLAHY PROJECT MANAGEMENT Coordinamento e comunicazione tra Partners ed Enti esterni (EC, etc.) PROJECT MANAGEMENT Coordinamento e comunicazione tra Partners ed Enti esterni (EC, etc.)

18 18 FLAHY STUDI E ANALISI PRELIMINARI DI PROGETTO Attività - Analisi delle risorse rinnovabili disponibili nella zona - Individuazione del sito più adatto per la realizzazione dellimpianto Attività - Analisi delle risorse rinnovabili disponibili nella zona - Individuazione del sito più adatto per la realizzazione dellimpianto

19 19 FLAHY REALIZZAZIONE DELLIMPIANTO DI RISALITA E DI UN VEICOLO AD IDROGENO Attività - Realizzazione dellimpianto di risalita alimentato ad idrogeno e possibile cogenerazione (elettricità e calore) -Realizzazione di un veicolo ad idrogeno (es. gatto delle nevi, motoslitte, ecc.) -Descrizione dello stato dellarte e delle innovazioni apportate - Corretta integrazione delle infrastrutture necessarie Attività - Realizzazione dellimpianto di risalita alimentato ad idrogeno e possibile cogenerazione (elettricità e calore) -Realizzazione di un veicolo ad idrogeno (es. gatto delle nevi, motoslitte, ecc.) -Descrizione dello stato dellarte e delle innovazioni apportate - Corretta integrazione delle infrastrutture necessarie

20 20 FLAHY MONITORAGGIO DELLE EMISSIONI Attività - Valutazione di alcuni indicatori ambientali (livello di rumore, risparmio risorse fossili, ecc.) - Misura della emissioni di CO 2eq. per verificarne leffettiva riduzione Attività - Valutazione di alcuni indicatori ambientali (livello di rumore, risparmio risorse fossili, ecc.) - Misura della emissioni di CO 2eq. per verificarne leffettiva riduzione

21 21 FLAHY RIPRODUCIBILITA ANALISI DELLE BARRIERE ALLA DIFFUSIONE RIPRODUCIBILITA ANALISI DELLE BARRIERE ALLA DIFFUSIONE Attività - Stima delle risorse rinnovabili disponibili in altre aree - Analisi economiche e di mercato - Verifica della normativa Attività - Stima delle risorse rinnovabili disponibili in altre aree - Analisi economiche e di mercato - Verifica della normativa

22 22 FLAHY DIFFUSIONE DEI RISULTATI Attività - Realizzazione di un sito web - Organizzazione di una campagna informativa per operatori e utilizzatori (Stampa e Meeting) - Organizzazione di un sistema per lo scambio delle informazioni Attività - Realizzazione di un sito web - Organizzazione di una campagna informativa per operatori e utilizzatori (Stampa e Meeting) - Organizzazione di un sistema per lo scambio delle informazioni

23 23 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "1 Idea Progetto FLAHY First Laboratory in Alps for Hydrogen Ing. Giovanni Pino -Dr. Francesco Geri-Ing. Solaria Venga-Ing. Riccardo Marceca APAT – Settore."

Presentazioni simili


Annunci Google