La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CTS A cura di Angela Orabona Coordinatore Delivery Unit USR per la Campania.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CTS A cura di Angela Orabona Coordinatore Delivery Unit USR per la Campania."— Transcript della presentazione:

1 CTS A cura di Angela Orabona Coordinatore Delivery Unit USR per la Campania

2 L'istruzione non sparge semi dentro di noi, ma fa sì che i nostri semi germoglino. Jibran Khalil Jibran

3

4 I ragazzi la vivono così, vero?

5 Ma noi li vogliamo cosi!

6

7 Il Quadro di riferimento europeo (EQARF) è uno strumento per migliorare i sistemi dellIT e dellIFP che si basa su: Un ciclo per la garanzia ed il miglioramento continuo della qualità Criteri e descrittori per attuare ciascuna fase del ciclo Ladozione di sistemi di monitoraggio e valutazione interni e esterni Uno strumento per misurare lefficienza/efficacia dei sistemi, costituito da un set di 10 indicatori Il quadro di riferimento si applica sia a livello di sistema che di struttura formativa

8 Il processo continuo di miglioramento della qualità si basa sui seguenti elementi: la determinazione degli obiettivi da raggiungere e la loro pianificazione; la definizione dei mezzi e delle attività per ottenere i risultati previsti; il monitoraggio e la valutazione dei programmi, in termini di efficienza e di efficacia; La revisione degli obiettivi e delle attività alla luce dei risultati della valutazione, interna e esterna.

9 Il modello europeo Pianificazione Attuazione Valutazione Revisione

10 Le condizioni di successo Praticare una effettiva revisione degli obiettivi e delle attività sulla base del monitoraggio e della valutazione dei risultati raggiunti Coinvolgere nelle decisioni strategiche tutti i soggetti interessati ai diversi livelli. Promuovere un approccio sistemico alla qualità, considerando tutte le variabili in gioco

11 I criteri ed i descrittori Per ogni fase del ciclo sono stati definiti dei criteri e descrittori per aiutare gli Stati Membri, attraverso esempi concreti, ad implementare il Quadro di riferimento a livello di sistema e di struttura formativa: La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi/obiettivi, azioni e indicatori espliciti I piani attuativi sono elaborati in consultazione con i soggetti interessati e includono regole esplicite La valutazione dei risultati e dei processi è effettuata regolarmente con l'aiuto di misurazioni Esiste una procedura per effettuare la revisione degli obiettivi e delle attività sulla base dei risultati conseguiti

12 La Raccomandazione propone un set di 10 indicatori che riguardano i principali aspetti dellIFP Applicazione dei sistemi di qualità nelle strutture formative Spesa per la formazione di formatori e docenti Partecipazione ai programmi di IFP Successo formativo (e abbandono) Tasso di occupazione al termine dellattività formativa Utilizzazione sul posto di lavoro delle competenze acquisite Tasso di disoccupazione (generale) Presenza di allievi svantaggiati Modalità e utilizzazione di analisi dei fabbisogni Iniziative per promuovere laccesso allIFP

13 Molti strumenti differenti Per la formazione iniziale e quella continua Per le strutture pubbliche e private A livello di sistema e di struttura formativa Alcuni esempi Autovalutazione (obbligatoria o volontaria) Valutazione esterna (per il controllo od il sostegno) Indicatori (per il confronto o per la premialità) Accreditamento, Marchio di qualità, Certificazione (Iso, EFQM, Balance Score Card)

14 14 I 7 fattori che fanno più differenza, secondo lOCSE, sono i seguenti : 1.Educational standards 2.School autonomy 3.Institutional differentiation 4.Learning time 5.Discipline 6.Student support 7.Students-teachers relations

15 15 Il che significa puntare su: 1.Educational standards 2.School autonomy 3.Institutional differentiation 4.Learning time 5.Discipline 6.Student support 7.Students-teachers relations Curricolo e organizzazione Ambiente educativo di apprendimento didattica

16

17 FINALITÀ Favorire la conoscenza della reale spendibilità del diploma sul territorio, per promuovere le opportune correzioni didattico-formativo-orientative. Favorire metodologie che mobilitano negli studenti competenze di cooperative working, utili in un territorio che ha bisogno di imprese consorziate, in rete, … e di atteggiamenti lavorativi cooperativi. Favorire lorientamento in entrata degli studenti e delle famiglie, promuovere la Riforma come opportunità.

18 Laboratorio Si configura come ambiente e come stile di pensiero Approfondisce le conoscenze, per rafforzare le capacità e le competenze personali di apprendimento autonomo Ha come suo fondamento un protocollo di osservazione dei processi di apprendimento dell'allievo.

19 Didattica laboratoriale Privilegia: un apprendimento partecipativo per il miglioramento delle capacità di elaborare processi finalizzati alla responsabile assunzione di decisioni, allascolto e al rispetto per gli altri; un apprendimento esperienziale, con il potenziamento della curiosità e della voglia di sperimentare.

20 Nella didattica laboratoriale sono entrate in gioco in tutti i laboratori attivati otto le seguenti otto dimensioni : ricerca dimensione investigativa. Laspetto della ricerca, come elaborazione di percorsi e strategie per un corretto approccio al problema e alla possibile soluzione; metodologie attive dimensione sperimentale. Si supera lo schema rigido della comunicazione depositaria (P. Freire), meramente trasmissiva, in favore di una pluralità di metodologie attive, capaci di coinvolgere direttamente le persone (dinamica di gruppo, giochi di ruolo ecc.); epistemologia dimensione scientifica. Il riferimento è a unepistemologia che privilegia il trinomio prassi/teoria/prassi; 20

21 ri-costruzione re-invenzione dimensione cognitiva. Lattitudine intellettiva è sollecitata a procedere oltre il modello della pura riproduzione delle conoscenze, a vantaggio di una ri-costruzione e, per così dire, re-invenzione delle medesime; bisogni e interessi dimensione motivazionale. Vengono valorizzati bisogni e interessi di chi apprende e se ne generano di nuovi, favorendo, quindi, il desiderio di andare al di là di ciò che è noto e praticato; valorizzare integrare dimensione esperienziale. Il bagaglio di conoscenze, competenze e vissuti personali costituisce sempre punto di riferimento da valorizzare e, presumibilmente, integrare; 21

22 sapersi mettere in gioco dimensione relazionale. Occorre sapersi mettere in gioco, condividendo con gli altri i propri cammini umano-spirituali, i propri convincimenti profondi e le idee circa leducazione; valutare lattività formativa far tesoro degli errori dimensione valutativa. Lattitudine al lavoro laboratoriale abilita anche a saper valutare lattività formativa svolta, le simulazioni sperimentate, i percorsi e le metodologie di approfondimento tematico impiegate, le soluzioni ai problemi prospettate, per far tesoro degli errori e migliorarsi sempre. 22

23 23 LA FINALITA CHIAVE La finalità chiave di una testa ben fatta è far emergere e consolidare la capacità di LEGARE E CONNETTERE LE CONOSCENZE: LARTE DI ORGANIZZARE IL PROPRIO PENSIERO, DI COLLEGARE E DISTINGUERE AL TEMPO STESSO. Si tratta di favorire lattitudine a interrogare, di legare il sapere al dubbio, di sviluppare la capacità dintegrare il sapere particolare non soltanto in un contesto globale, ma anche nella propria vita, di stimolare lattitudine a porsi i problemi fondamentali della propria condizione e del proprio tempo.

24 Il CTS

25 Collegio dei Docenti Funzione Deliberativa Dipartimenti Funzioni di ricerca e sperimentazione CTS Funzione Consultiva e/o propositiva Funzioni Strumentali STAFF DS

26 Il CTS costituisce un elemento che può favorire linnovazione dellorganizzazione; è un organismo con funzioni consultive e propositive per lorganizzazione delle aree di indirizzo e lutilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità; è lo strumento per consolidare i rapporti della scuola con il mondo del lavoro e delle professioni e sviluppare le alleanze formative.

27 Pur non essendovi una specifica regolamentazione in materia, la costituzione del CTS non può che essere formalizzata con apposite delibere degli organi collegiali della scuola nel rispetto dei ruoli istituzionali di ciascun organo. Per esigenze di trasparenza e correttezza istituzionale, costituiscono parti integranti di tali delibere l atto costitutivo e il regolamento di funzionamento che ne definiscono la composizione anche in ordine alle competenze dei propri membri (coerenti con le caratteristiche dellistituto e le finalità del CTS), le funzioni, le modalità organizzative e forme di comunicazione e di cooperazione con gli organi collegiali dellistituto, nel rispetto delle loro specifiche competenze.

28 Sono necessari uno statuto-regolamento e un atto costitutivo

29 Esempio di regolamento del CTS

30 Il CTS esercita una funzione consultiva generale in ordine allattività di programmazione e all innovazione dell Offerta Formativa dellIstituto. Tutti i provvedimenti del Consiglio di Istituto che attengono allesercizio della predetta attività sono emanati sentito il Comitato. Il CTS esercita una funzione consultiva generale in ordine allattività di programmazione e all innovazione dell Offerta Formativa dellIstituto. Tutti i provvedimenti del Consiglio di Istituto che attengono allesercizio della predetta attività sono emanati sentito il Comitato.

31 Il Comitato può esprimere parere su ogni altra questione che gli venga sottoposta dal proprio presidente e dai suoi componenti in particolare dai membri rappresentativi.

32 Il CTS propone, nello specifico, programmi anche pluriennali di ricerca e sviluppo didattico/formativo in rapporto al sapere, al mondo del lavoro e allimpresa, sia per gli studenti e sia per i docenti dellIstituto e ne propone lattuazione al Consiglio di Istituto e al Collegio Docenti

33 Formula proposte e pareri al Consiglio di Istituto e al Collegio Docenti in ordine ai programmi e alle attività con riferimento alla flessibilità e alle innovazioni

34 Il CTS è composto da membri di diritto e da membri rappresentativi Sono membri di diritto : Il Dirigente Scolastico o un suo delegato I docenti coordinatori di area Il CTS è composto da membri di diritto e da membri rappresentativi Sono membri di diritto : Il Dirigente Scolastico o un suo delegato I docenti coordinatori di area

35 Sono membri rappresentativi : I rappresentanti di Confindustria Regione Campania USR per la Campania I titolari d'azienda Il rappresentante dei Periti Industriali (altri Ordini o Collegi) Etc… Sono membri rappresentativi : I rappresentanti di Confindustria Regione Campania USR per la Campania I titolari d'azienda Il rappresentante dei Periti Industriali (altri Ordini o Collegi) Etc…

36 I membri di diritto possono essere in numero pari ai membri rappresentativi. Il CTS è presieduto dal Dirigente Scolastico in qualità di Presidente o da un suo delegato. La nomina dei componenti di diritto del CTS è di competenza del D.S. sentito il Collegio Docenti. Per quanto riguarda i rappresentanti esterni, essi vengono designati dallente/associazione di appartenenza e nominati dal D.S. I membri di diritto possono essere in numero pari ai membri rappresentativi. Il CTS è presieduto dal Dirigente Scolastico in qualità di Presidente o da un suo delegato. La nomina dei componenti di diritto del CTS è di competenza del D.S. sentito il Collegio Docenti. Per quanto riguarda i rappresentanti esterni, essi vengono designati dallente/associazione di appartenenza e nominati dal D.S.

37 Possono essere chiamati a partecipare alle riunioni del CTS, a titolo consultivo tutti gli esperti di cui si dovesse ravvisare lopportunità

38 Sono previsti i seguenti indicatori di qualità e funzionamento : numero di riunioni durante lanno percentuale di presenze per ogni incontro numero di pareri e suggerimenti proposti all istituzione scolastica ( Collegio, Consiglio di Istituto ) percentuali di suggerimenti accolti rispetto a quelli forniti) numero di contatti esterni procurati alla scuola (occasioni di formazione, intese con aziende, con studi professionali, con enti, ecc.) ;

39 ...senza nuovi e maggiori oneri per la finanza pubblica...

40 "Se avessimo fatto tutte le cose di cui siamo capaci, ci saremmo sorpresi di noi stessi." Thomas Edison


Scaricare ppt "CTS A cura di Angela Orabona Coordinatore Delivery Unit USR per la Campania."

Presentazioni simili


Annunci Google