La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DANZE STANDARD DANZE STANDARD. Le danze Standard Le danze Standard sono l'università del ballo e fanno parte di una categoria a sé stante. Riconosciute.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DANZE STANDARD DANZE STANDARD. Le danze Standard Le danze Standard sono l'università del ballo e fanno parte di una categoria a sé stante. Riconosciute."— Transcript della presentazione:

1 DANZE STANDARD DANZE STANDARD

2 Le danze Standard Le danze Standard sono l'università del ballo e fanno parte di una categoria a sé stante. Riconosciute dalle federazioni di tutti il mondo, le danze standard sono balli da competizione, costruiti su gruppi di figure obbligatorie, chiamate amalgamazioni. Per gli appassionati che desiderano esibire la propria abilità e talento, ballare "lo standard", è il traguardo più alto. I balli sono: valzer inglese,tango, slow fox e quick step. sono l'università del ballo e fanno parte di una categoria a sé stante. Riconosciute dalle federazioni di tutti il mondo, le danze standard sono balli da competizione, costruiti su gruppi di figure obbligatorie, chiamate amalgamazioni. Per gli appassionati che desiderano esibire la propria abilità e talento, ballare "lo standard", è il traguardo più alto. I balli sono: valzer inglese,tango, slow fox e quick step. Le danze standard si sviluppano su tre livelli di complessità: bronzo, argento e oro. Le danze standard si sviluppano su tre livelli di complessità: bronzo, argento e oro.

3 WALZER INGLESE Tempo: 3/4 WALZER INGLESE Tempo: 3/4 Velocità: 30 Battute al minuto Velocità: 30 Battute al minuto Il valzer inglese trova origine nel Boston, era anche chiamato "hesitation" perché alternava passi avanti e passi indietro ai volteggi. Per la complessità delle sue figure e per la sua raffinatezza è il ballo più rappresentativo della categoria danze standard. Per interpretarlo al meglio occorre applicare un bagaglio tecnico estremamente accurato. In ogni passo, infatti, c'è la necessità di utilizzare il movimento contrario del corpo, l'armonia delle inclinazioni, la corretta flessione delle ginocchia che, a sua volta, determina l'abbassamento e l'elevazione tipici di questo ballo. Il valzer inglese è quindi la danza chiave di questa categoria e la sua padronanza è sicuramente di grande aiuto per meglio apprendere lo slow fox e il quick step. Il valzer inglese trova origine nel Boston, era anche chiamato "hesitation" perché alternava passi avanti e passi indietro ai volteggi. Per la complessità delle sue figure e per la sua raffinatezza è il ballo più rappresentativo della categoria danze standard. Per interpretarlo al meglio occorre applicare un bagaglio tecnico estremamente accurato. In ogni passo, infatti, c'è la necessità di utilizzare il movimento contrario del corpo, l'armonia delle inclinazioni, la corretta flessione delle ginocchia che, a sua volta, determina l'abbassamento e l'elevazione tipici di questo ballo. Il valzer inglese è quindi la danza chiave di questa categoria e la sua padronanza è sicuramente di grande aiuto per meglio apprendere lo slow fox e il quick step.

4 TANGO IL TANGO TANGO IL TANGO Tempo: 2/4 Tempo: 2/4 Velocità: 33 Battute al minuto Velocità: 33 Battute al minuto Il Tango deriva dal Tangano, un ballo negro, che si è diffuso intorno al 1870, trasportato con lo schiavismo a Cuba, Haiti e in alcune regioni dell'America Centrale come il Brasile e l'Uruguai. Da queste zone, in particolare da Cuba, dove assimilò alcuni elementi del vecchio ritmo Habanera (cioè dell'Avana), sempre seguendo la triste via degli schiavi, venne trapiantato in Argentina acquisendo il nome di Tango Habanera o di Candombe. Qui si sovrappose alla Milonga, una musica e un ballo popolare, che veniva ballata nei luoghi di ritrovo malfamati delle città costiere. Questa collocazione iniziale ha circondato il Tango con un alone di atmosfera da bassifondi, che talvolta ha procurato molti ostacoli e difficoltà nella sua diffusione. Il Tango deriva dal Tangano, un ballo negro, che si è diffuso intorno al 1870, trasportato con lo schiavismo a Cuba, Haiti e in alcune regioni dell'America Centrale come il Brasile e l'Uruguai. Da queste zone, in particolare da Cuba, dove assimilò alcuni elementi del vecchio ritmo Habanera (cioè dell'Avana), sempre seguendo la triste via degli schiavi, venne trapiantato in Argentina acquisendo il nome di Tango Habanera o di Candombe. Qui si sovrappose alla Milonga, una musica e un ballo popolare, che veniva ballata nei luoghi di ritrovo malfamati delle città costiere. Questa collocazione iniziale ha circondato il Tango con un alone di atmosfera da bassifondi, che talvolta ha procurato molti ostacoli e difficoltà nella sua diffusione.

5 Col tempo anche le famiglie e gli ambienti più eleganti furono presi dalla mania del Tango; attorno al 1910 venne diffuso anche in Francia da alcuni appassionati ballerini dilettanti. Dalla Francia all'Inghilterra il passo fu veramente breve e altrettanto il ritorno in America, ma non più in quella del Sud, ma negli Stati Uniti. Il Tango in Italia venne lanciato e diffuso da un valente maestro di ballo attorno al 1912, Enrico Picchetti, che in coppia con la moglie fondò un'Accademia, dove insegnava i segreti del ballo del momento. Un aspetto definitivo e moderno del Tango venne imposto dalle società di ballo inglesi. In alcune confe­renze ed assemblee, avvenute attorno agli anni 1920-'22, centinaia di maestri discussero, provarono e dimostrarono quello che poi diventerà il Tango Moderno di Stile Internazionale. Da languido e struggente fu trasformato in un ballo di movimento, caratterizzato da scatti e movimenti rapidi.Il tango è un ballo che fa storia a sé. Non solo per la sua forte carica passionale ed erotica, che lo rende un ballo irripetibile, ma anche perché rispetto alle altre danze standard è costruito su tecniche di esecuzione uniche. Col tempo anche le famiglie e gli ambienti più eleganti furono presi dalla mania del Tango; attorno al 1910 venne diffuso anche in Francia da alcuni appassionati ballerini dilettanti. Dalla Francia all'Inghilterra il passo fu veramente breve e altrettanto il ritorno in America, ma non più in quella del Sud, ma negli Stati Uniti. Il Tango in Italia venne lanciato e diffuso da un valente maestro di ballo attorno al 1912, Enrico Picchetti, che in coppia con la moglie fondò un'Accademia, dove insegnava i segreti del ballo del momento. Un aspetto definitivo e moderno del Tango venne imposto dalle società di ballo inglesi. In alcune confe­renze ed assemblee, avvenute attorno agli anni 1920-'22, centinaia di maestri discussero, provarono e dimostrarono quello che poi diventerà il Tango Moderno di Stile Internazionale. Da languido e struggente fu trasformato in un ballo di movimento, caratterizzato da scatti e movimenti rapidi.Il tango è un ballo che fa storia a sé. Non solo per la sua forte carica passionale ed erotica, che lo rende un ballo irripetibile, ma anche perché rispetto alle altre danze standard è costruito su tecniche di esecuzione uniche.

6 SLOW FOX Come danza è nata negli Stati Uniti, attorno agli anni Venti, e ha avuto grande popolarità negli anni Quaranta. Sul suo andamento languido e coinvolgente sono stati costruiti i successi di grandi interpreti della musica leggera, come Frank Sinatra, Nat King Cole Il Foxtrot è stato introdotto nel Mainstream nel 1913 da un uomo di nome Harry Fox. E poi è diventato il ballo più popolare e duraturo del ventesimo secolo, ma non prima di passare attraverso molti cambiamenti stilistici. Rispetto agli standard di oggi, il Foxtrot originale era moderatamente veloce, semplice e raffinato. Il Foxtrot è stato introdotto nel Mainstream nel 1913 da un uomo di nome Harry Fox. E poi è diventato il ballo più popolare e duraturo del ventesimo secolo, ma non prima di passare attraverso molti cambiamenti stilistici. Rispetto agli standard di oggi, il Foxtrot originale era moderatamente veloce, semplice e raffinato.

7 QUICK STEP Tempo: 4/4 QUICK STEP Tempo: 4/4 Velocità: 50/52 Battute al minuto Velocità: 50/52 Battute al minuto Il Quickstep é un ballo di origine americana la cui musica è molto simile a quella del Fox Trot. La principale differenza è data dal ritmo musicale, che é più accelerato e dal quale sembra derivare il proprio nome. "Quickstep" significa infatti "passo veloce" ed esprime a parole quanto viene eseguito effettivamente sulle piste da ballo, durante le competizioni internazionali ai più alti livelli. E' caratterizzato da una successione di passi eseguiti in velocità che si alternano ad alcuni più ampi e leggermente più lenti. L' atmosfera si carica di energia, la musica, i passi e le coreografie ricordano straordinarie interpretazioni della coppia Fred Astaire e Ginger Rogers nei grandi musical. Il Quickstep é un ballo di origine americana la cui musica è molto simile a quella del Fox Trot. La principale differenza è data dal ritmo musicale, che é più accelerato e dal quale sembra derivare il proprio nome. "Quickstep" significa infatti "passo veloce" ed esprime a parole quanto viene eseguito effettivamente sulle piste da ballo, durante le competizioni internazionali ai più alti livelli. E' caratterizzato da una successione di passi eseguiti in velocità che si alternano ad alcuni più ampi e leggermente più lenti. L' atmosfera si carica di energia, la musica, i passi e le coreografie ricordano straordinarie interpretazioni della coppia Fred Astaire e Ginger Rogers nei grandi musical.


Scaricare ppt "DANZE STANDARD DANZE STANDARD. Le danze Standard Le danze Standard sono l'università del ballo e fanno parte di una categoria a sé stante. Riconosciute."

Presentazioni simili


Annunci Google