La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ROARS 3.0 Il sistema universitario a quattro anni dalla Riforma Terzo Convegno di ROARS Roma 19 giugno 2015 Un quadro della situazione a quattro anni dalla.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ROARS 3.0 Il sistema universitario a quattro anni dalla Riforma Terzo Convegno di ROARS Roma 19 giugno 2015 Un quadro della situazione a quattro anni dalla."— Transcript della presentazione:

1 ROARS 3.0 Il sistema universitario a quattro anni dalla Riforma Terzo Convegno di ROARS Roma 19 giugno 2015 Un quadro della situazione a quattro anni dalla legge 240: le principali criticità Andrea Stella Università di Padova Camera dei Deputati Sala del Refettorio, Palazzo di Via del Seminario 76, Roma

2 ROARS Roma Una domanda preliminare Per fare il quadro della situazione a quattro anni dalla Legge 240 proviamo a dare risposta ad una domanda: Come si colloca l’Università Italiana, nel confronto con gli altri paesi OCSE più avanzati?

3 ROARS Roma Come si colloca oggi la formazione superiore in Italia? Facciamoci un SELFIE Esiste una ricca e affidabile documentazione ufficiale che consente di farci una FOTOGRAFIA  OCSE - Education at a Glance  MIUR – Ufficio di statistica  MIUR – Anagrafe nazionale degli studenti  EUROSTAT – Education and Training Statistical Data Base  ANVUR - Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario Italiano e della Ricerca 2013  ALMALAUREA – Indagini annuali  EUROPEAN COMMISSION – Tertiary Education Attainment

4 ROARS Roma Cosa dicono di noi? 71/ April 2015 Highest proportion of persons aged with tertiary education in Lithuania, lowest in Italy In 2014, more than half of the population aged 30 to 34 had completed tertiary education in Lithuania (53.3%), Luxembourg (52.7%), Cyprus (52.5%) and Ireland (52.2%). At the opposite end of the scale, the lowest proportions were observed in Italy (23.9%), Romania (25.0%), Malta (26.6%), Slovakia (26.9%) and the Czech Republic (28.2%).

5 ROARS Roma Tertiary educational attainment in the EU Member States Fonte: European Commission - Tertiary Education Attainment Cosa dicono di noi?

6 ROARS Roma Laureati in età compresa tra i 25 e i 34 anni  Nel 2012 nella media dell’Unione europea vi erano oltre 36 laureati ogni 100 abitanti, contro il 22,3% dell’Italia  La quota dei laureati nella popolazione è salita di oltre 11 punti tra il 2000 e il 2012, ma lo scarto rispetto alla media europea è rimasto invariato  L’obiettivo Europeo di raggiungere il 40% di laureati entro il 2020 è utopia Fonte: ANVUR – Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario Italiano e della Ricerca 2013

7 ROARS Roma I laureati  L’Italia è tra i paesi con la più bassa quota di persone in possesso di un titolo terziario, anche tra i più giovani  Lo scarto rispetto ai valori medi europei non si è ridotto nel tempo Fonte: ANVUR – Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario Italiano e della Ricerca 2013 Eppure c’è chi afferma che ormai in Italia vi è un eccesso di laureati

8 ROARS Roma Studenti Diminuzione delle immatricolazioni  Gli immatricolati sono scesi da (nel ) a (nel ).  Un calo di studenti pari al 17% degli immatricolati del 2003 Fonte: MIUR – Anagrafe Nazionale degli Studenti

9 ROARS Roma Studenti Diminuzione degli iscritti Il numero degli iscritti ha raggiunto un massimo di nel 2005/06, scendendo a nel 2011/12. Il calo è concentrato negli atenei del Mezzogiorno e in misura minore in quelli del Centro Fonte: ANVUR – Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario Italiano e della Ricerca 2013

10 ROARS Roma La dimensione dell’offerta formativa Evoluzione della numerosità dei corsi attivati Corsi aperti alle immatricolazioni pure: 2444 nel 1999/00 – 2389 nel 2013/14 Studenti immatricolati mediamente per corso di studio: 115 Fonte MIUR - Ufficio di Statistica e CINECA

11 ROARS Roma Apprendimento permanente (Lifelong Learning) Apprendimento lungo l’intero arco della vita (Lifelong Learning) L’Unione Europea considera l’apprendimento lungo l’intero arco della vita come uno dei pilastri fondamentali sui quali poggia e si sviluppa la società della conoscenza L’arretratezza dell’Italia, dove rientra nel ciclo formativo il 10% degli adulti, contro una media europea del 20%, è più che evidente

12 ROARS Roma Studenti e diritto allo studio Fonte: ANVUR – Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario Italiano e della Ricerca 2013

13 ROARS Roma Spesa annuale per studente Spesa annuale per studente nell’istruzione terziaria. Anno 2010 (dollari americani a parità di potere d’acquisto (PPA), per studente equivalente a tempo pieno) Fonte: ANVUR – Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario Italiano e della Ricerca 2013

14 ROARS Roma Evoluzione del Fondo di Finanziamento Ordinario Il Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) è rimasto quasi stabile dal 2001 al 2009, per poi scendere del 5% in termini reali ogni anno

15 ROARS Roma Blocco del turn-over Strettamente correlato alla riduzione dell’FFO è il blocco del TURN-OVER (spendibilità di punti organico per reclutamento) Anno cessazioneAnno restituzionePercentuale restituita % ateneo % ateneo % ateneo % sistema % sistema % sistema % sistema % sistema % sistema dal 2017dal % sistema

16 ROARS Roma Evoluzione quantitativa della docenza Periodo Periodo  Gli ordinari sono scesi dai del 2006 agli attuali  Gli associati sono scesi dai del 2006 ai del 2012  La ricrescita agli attuali proviene in grandissima parte dal ruolo ad esaurimento dei ricercatori, diminuiti in pari misura

17 ROARS Roma Dichiarazione del Consiglio Universitario Nazionale per l’Università e la Ricerca Le emergenze del sistema - Gennaio 2013 Incipit Il Consiglio Universitario Nazionale intende portare all’attenzione di tutte le sedi Istituzionali e Politiche le principali emergenze che stanno ponendo il Sistema dell’Istruzione e della Ricerca universitaria in una condizione di crisi conclamata Tali emergenze, se non affrontate immediatamente con attenzioni e con soluzioni adeguate, informate e consapevoli, condurranno a una crisi irreversibile Un disastro annunciato

18 Le scelte determinanti per il sistema universitario italiano Le tappe che hanno determinato le politiche italiane sull'università negli ultimi anni  L’art. 33 della Costituzione della Repubblica Italiana  Lo sviluppo del processo di autonomia  L’adesione all’area europea della formazione superiore e della ricerca  La crisi economica, il ritorno al centralismo, il commissariamento da parte del MEF  La legge 30 dicembre 2010, n. 240 e i suoi decreti attuativi  L’ANVUR ROARS Roma

19 Lo sviluppo del processo di autonomia Costituzione della Repubblica Italiana Art. 33 ……. Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato ROARS Roma

20 Le ragioni dell’autonomia La scelta dell’autonomia  Già verso la fine del secolo scorso appariva evidente l’esigenza di una riforma che affrontasse con decisione i problemi della scarsa produttività del sistema  Andava sviluppandosi la convinzione che una riforma dell’Università fosse necessaria e che essa dovesse avere come strumento fondamentale un forte sviluppo dell’autonomia, dando attuazione a quanto stabilito all’Art. 33 della Costituzione  L’autonomia era visto come passaggio obbligato per consentire alle Università di esprimere tutte le loro potenzialità e di confrontarsi e competere tempestivamente con le università più avanzate ROARS Roma

21 Dal centralismo all’autonomia L’Autonomia statutaria Legge 9 maggio 1989, n.168 Istituzione del Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica Art. 6 (Autonomia delle università) 1. Le università sono dotate di personalità giuridica e, in attuazione dell'articolo 33 della Costituzione, hanno autonomia didattica, scientifica, organizzativa, finanziaria e contabile; esse si danno ordinamenti autonomi con propri statuti e regolamenti 2. Nel rispetto dei principi di autonomia stabiliti dall'articolo 33 della Costituzione e specificati dalla legge, le università sono disciplinate, oltre che dai rispettivi statuti e regolamenti, esclusivamente da norme legislative che vi operino espresso riferimento. È esclusa l'applicabilità di disposizioni emanate con circolare De Mita - Presidente del Consiglio dei Ministri Ruberti - Ministro per il coordinamento delle iniziative per la ricerca scientifica e tecnologica ROARS Roma

22 Attuazione all’autonomia delle Università La sviluppo del processo di autonomia Dopo l’autonomia statutaria, conferita alle università dalla Legge 9 maggio 1989, n. 168, si susseguono provvedimenti legislativi che danno piena attuazione all’autonomia delle università ROARS Roma

23 Autonomia finanziaria Legge 24 dicembre 1993, n. 537 Interventi correttivi di finanza pubblica (Legge finanziaria 1994) Capo I - Disposizioni in materia di spesa Articolo 5. Università. 1. A decorrere dall'esercizio finanziario 1994 i mezzi finanziari destinati dallo Stato alle università sono iscritti in tre distinti capitoli dello stato di previsione del Ministero dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, denominati: a) fondo per il finanziamento ordinario delle università …… b) fondo per l'edilizia universitaria e per le grandi attrezzature scientifiche ….. c) fondo per la programmazione dello sviluppo del sistema universitario ….. Ciampi - Presidente del Consiglio dei Ministri ROARS Roma

24 Autonomia di reclutamento Legge 3 luglio 1998, n. 210 Legge 3 luglio 1998, n Norme per il reclutamento dei ricercatori e dei professori universitari Prodi - Presidente del Consiglio dei Ministri Berlinguer - Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica ROARS Roma

25 Autonomia didattica Legge 15 maggio 1997, n. 127 (Legge Bassanini-bis) Misure urgenti per lo snellimento dell'attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo L'ordinamento degli studi dei corsi universitari …. è disciplinato dagli atenei …. in conformità a criteri generali definiti, nel rispetto della normativa comunitaria vigente in materia, sentiti il Consiglio universitario nazionale e le Commissioni parlamentari competenti, con uno o più decreti del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica ………. ROARS Roma

26 Attuazione dell’autonomia didattica 26  Il DM 3 novembre 1999, n Regolamento in materia di autonomia degli atenei e i successivi decreti sulle classi definiscono i criteri generali entro cui le Università devono collocare i propri ordinamenti didattici ai sensi della Legge Bassanini bis. del 15 maggio 1997, n. 127 (Ministro Berlinguer)  I decreti sono coerenti con gli elementi costitutivi dell’architettura del sistema di istruzione superiore in Europa adottato con l’avvio del Processo di Bologna (1999)  Il DM 22 ottobre 2004, n Modifiche al regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica degli atenei, apporta alcuni correttivi, ma mantiene sostanzialmente l’impostazione (Ministro Moratti) ROARS Roma

27 Autonomia responsabile e “Quality Assurance” 27ROARS Roma L’adesione al Processo di Bologna comporta un modello di formazione superiore armonizzato nell’Area Europea della formazione Superiore e nell’Area europea della Ricerca caratterizzato da: Autonomia Ampia autonomia responsabile, garantita agli Atenei chiamati a render conto dell’impiego delle risorse (accountability) Quality assurance Valutazione dei risultati (outcomes) conseguiti dagli atenei, da parte di una agenzia terza, secondo modalità consolidate e riconosciute a livello internazionale

28 ROARS Roma La necessità di adottare un sistema di Quality Assurance viene posta dai ministri responsabili per la formazione superiore nella conferenza di Berlino (settembre 2003) ENQA (European Association for Quality Assurance in Higher Education) è incaricata di predisporre il documento: Standards and Guidelines for Quality Assurance in the European Higher Education Area (maggio 2005)  Approvato nella conferenza di Bergen (maggio 2005)  Revisione approvata nella conferenza di Yerevan (maggio 2015) Quality Assurance

29 ROARS Roma Il sistema universitario italiano negli ultimi 15 anni ha attraversato due fasi nettamente distinte  Una fase espansiva: corrisponde alla scelta politica di aderire all’Agenda di Lisbona e fare entrare l’Italia nella European Higher Education Area e nella European Research Area; è caratterizzata da una rapida espansione dell’offerta formativa, delle risorse economiche e di quelle umane  Una fase depressiva, inizia con la crisi economica; è caratterizzata da un significativo ridimensionamento delle risorse e a una razionalizzazione dell’offerta formativa Due fasi

30 ROARS Roma  Ben presto appare evidente che l’obiettivo, posto dall’agenda di Lisbona, di una società fondata sulla conoscenza verrà messa accantonato  La nuova rotta imposta all’Università italiana è già chiarissima nelle Linee Guida del Governo per l’Università (6 novembre 2008)  Si tratta di un documento programmatico dove è definita la visione del governo sull’università e sono preannunciati gli interventi normativi successivi  Di fatto con le Linee Guida del Governo per l’Università si da l’avvio ad una linea politica di ridimensionamento dell’Università, a parole europeista ma che, nei fatti, ne è molto distante, quando non chiaramente divergente Il ridimensionamento del sistema

31 ROARS Roma The story tellers Fiancheggiatori delle politiche di ridimensionamento dell’università Narratori di leggende metropolitane hanno sostenuto le seguenti tesi (e i mezzi di comunicazione hanno fatto da cassa di risonanza):  L’università italiana costa troppo rispetto alla media europea  La spesa italiana per studente è tra le più alte al mondo  Non possiamo più permetterci il costo della formazione terziaria  La laurea non serve più e non conviene economicamente  I fuori corso all'università esistono solo da noi; l’età media dei laureati in Italia è troppo elevata  L’università in Italia è quasi gratuita  Nell’università ci sono troppi professori  Produciamo troppi laureati  Il “3+2” è fallito

32 Gli effetti 32 Gli effetti del processo denigratorio sono gravi e gravissime ne sono le conseguenze:  Una forte delegittimazione dell’università, accusata di fare cattivo uso del denaro pubblico  Un clima di diffidenza, alimentato dai mezzi d’informazione  Una minore convinzione ad accedere alla formazione superiore soprattutto da parte della componente socialmente più debole dalla popolazione  Un terreno fertile anche per legittimare i tagli delle risorse ROARS Roma

33 33 Legge 30 dicembre 2010, n 240 (Legge Gelmini) Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l'efficienza del sistema universitario L’ncipit è del tutto condivisibile Art. 1. (Principi ispiratori della riforma) 1. Le università sono sede primaria di libera ricerca e di libera formazione nell'ambito dei rispettivi ordinamenti e sono luogo di apprendimento ed elaborazione critica delle conoscenze; operano, combinando in modo organico ricerca e didattica, per il progresso culturale, civile ed economico della Repubblica. 2. In attuazione delle disposizioni di cui all'articolo 33 e al titolo V della parte II della Costituzione, ciascuna università opera ispirandosi a principi di autonomia e di responsabilità. Legge 30 dicembre 2010 n. 240 Incipit/1

34 ROARS Roma Ma subito dopo ci si rende conto che si tratta di “autonomia a sovranità limitata” ………. Sulla base di accordi di programma con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, di seguito denominato «Ministero», le università che hanno conseguito la stabilità e sostenibilità del bilancio, nonché risultati di elevato livello nel campo della didattica e della ricerca, possono sperimentare propri modelli funzionali e organizzativi, ……. diverse da quelle indicate nell'articolo 2. Il Ministero, con decreto di natura non regolamentare, definisce i criteri per l'ammissione alla sperimentazione e le modalità di verifica periodica dei risultati conseguiti. Legge 30 dicembre 2010 n. 240 Incipit/2

35 ROARS Roma L’autonomia, garantita dalla costituzione e attuato con la Legge 9 maggio 1989, n.168, è ora soggetta al controllo del Ministero La legge Gelmini impone dunque una marcata svolta centralistica che si caratterizza attraverso una forte limitazione dell’autonomia degli Atenei, una riduzione delle funzioni e la sottrazione di molte competenze precedentemente attribuite all’organo elettivo di rappresentanza (CUN) La legge 240 si colloca in sostanziale continuità con le politiche di controllo e ridimensionamento già avviate nel 2008 Commissariamento del MIUR da parte del MEF Per ben 14 volte si precisa in maniera ossessiva: senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, premessa per una contrazione della spesa pubblica per la formazione terziaria Legge 30 dicembre 2010 n. 240

36 ROARS Roma Marginalità della funzione didattica Con la Legge Gelmini e i decreti attuativi prende corpo una quadro normativo sfavorevole allo sviluppo e alla valorizzazione di una didattica di qualità La didattica appare del tutto irrilevante, con un forte sbilanciamento a favore della ricerca:  Nessuna traccia di una impostazione didattica centrata sugli studenti  Nessun riferimento al Processo di Bologna e a tutto ciò che comporta il far parte dell’Area Europea della Formazione Superiore (European Higher Education Area)  Impoverimento del confronto interdisciplinare, con l’attribuzione della funzione didattica ai Dipartimenti, costituiti per legge da docenti “afferenti a settori scientifico-disciplinari omogenei” I problemi della qualità della didattica e della formazione alla docenza appaiono ampiamente sottovalutati dal legislatore La didattica figlia di un dio minore

37 ROARS Roma Sulla qualità della didattica siamo al passo con l’Europa? Per molti aspetti il quadro normativo italiano appare in contrasto anche con le Raccomandazioni del High Level Group on the Modernisation of Higher Education Report to the European Commission on Improving the quality of teaching and learning in Europe’s higher education institutions (16 Raccomandazioni) June 2013 La qualità della didattica

38 ROARS Roma Recommendation 1 Public authorities responsible for higher education should ensure the existence of a sustainable, well-funded framework to support higher education institutions' efforts to improve the quality of teaching and learning Le raccomandazioni del Gruppo di Lavoro

39 ROARS Roma Recommendation 2 Every institution should develop and implement a strategy for the support and on-going improvement of the quality of teaching and learning, devoting the necessary level of human and financial resources to the task, and integrating this priority in its overall mission, giving teaching due parity with research Le raccomandazioni del Gruppo di Lavoro

40 ROARS Roma Le raccomandazioni del Gruppo di Lavoro Recommendation 5 Academic staff entrance, progression and promotion decisions should take account of an assessment of teaching competence alongside other factors

41 ROARS Roma Elementi critici per lo sviluppo di una didattica di qualità  La normativa sull’Abilitazione Scientifica Nazionale (ASN), che induce a massimizzare gli indicatori bibliometrici con una attenzione ossessiva, privilegiando la ricerca rispetto ad ogni altra attività didattica e organizzativa  La scarsa attenzione alla didattica da parte dei nuovi Ricercatori a Tempo Determinato (RTD), ossessionati dalla necessità di conseguire l’ASN per la quale la didattica è irrilevante  La progressiva perdita di autonomia degli atenei, costretti e pressanti adempimenti burocratici, che non valorizzano e non incentivano lo svilupparsi di iniziative di miglioramento della della didattica e “best practice”  18 % del FFO 2015 è assegnato come quota premiale, di cui:  85% per la qualità della ricerca (VQR)  15% per la mobilità studentesca e regolarità degli studi  0% per la qualità della didattica La marginalità della didattica diffusa ……… continua con il decreto sull’FFO

42 ROARS Roma Un esempio clamoroso di allontanamento dall’Europa Legge 240, Art. 14. (Disciplina di riconoscimento dei crediti) All'articolo 2, comma 147, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2006, n. 286, la parola: «sessanta» è sostituita dalla seguente: «dodici» …….. Inoltre l’interpretazione ministeriale è che i CFU riconoscibili sono globalmente 12, tra primo e secondo livello La limitazione al riconoscimento delle competenze pregresse ….

43 ROARS Roma Conferenza dei Ministri responsabili per la formazione superiore - Yerevan, Armenia, Maggio 2015 Yerevan Communiqué Commitments  to remove obstacles to the recognition of prior learning for the purposes of providing access to higher education programmes and facilitating the award of qualifications on the basis of prior learning, as well as encouraging higher education institutions to improve their capacity to recognize prior learning …… e la distanza dall’Europa

44 ROARS Roma Reclutamento Proposte formulate dal CUN Il CUN, oltre ad analizzare le criticità, ha formulato anche proposte sul reclutamento per evitare il collasso derivante dal progressivo e drammatico impoverimento del capitale umano Reclutamento universitario Una proposta per uscire dall’emergenza aprile 2014 Ripensare l’assetto della docenza universitaria L’accesso al ruolo giugno 2014

45 ROARS Roma Reclutamento universitario Una proposta per uscire dall’emergenza È una proposta formulata “a legislazione vigente” sulla base di un modello conservativo che prevede a regime  Professori ordinari  Professori associati  Ricercatori RTD (complessivamente) La proposta richiede: a) un piano straordinario di reclutamento di  Ricercatori RTD  Professori Associati (incluso quello in atto)  Professori Ordinari b) il ritorno al 100% del turn over dal 2015 Il costo totale è di 400 M €/anno a regime (2018)

46 ROARS Roma Composizione del corpo docente a regime Professori ordinari (dato assunto) Professori associati (dato assunto) Ricercatori, calcolati con passaggi da RTD a)  RTD b) al 50% Totale corpo docente 38 Anni l’età di entrata in ruolo 49 Anni l’età media del corpo docente (inclusi i Ricercatori RTD) Reclutamento e assetto della docenza

47 ROARS Roma Ripensare l’assetto della docenza universitaria - L’accesso al ruolo È una proposta formulata sulla base della constatazione che l’attuale modello di reclutamento, con un accesso al ruolo mediamente prossimo a 40 anni, non consente di abbassare l’età media del corpo docente Il modello di reclutamento RTD a)  RTD b) si sta dimostrando fallimentare Il CUN ha proposto l’abolizione della figura del Ricercatore a tempo determinato RTD a)

48 ROARS Roma Con la nascita di ANVUR, operativa a decorrere dalla nomina del Consiglio Direttivo (DPR 22 febbraio 2011), si determina un nuovo assetto istituzionale in materia di università e ricerca Tale nuovo assetto deriva principalmente da:  Legge 30 dicembre 2010, n. 240, con particolare riferimento a quanto previsto all’articolo 5  Decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 19 (Decreto delegato) L’ ANVUR

49 ROARS Roma Il Ministro Gelmini boccia l’ANVUR L’Agenzia nazionale per la valutazione dell’Università e della ricerca? “Una costosissima struttura ad alto tasso di burocrazia e rigidità: non è ciò di cui abbiamo bisogno”. Parola del ministro dell’Istruzione dell’università e della ricerca, Mariastella Gelmini che – nel corso di un’audizione alla Commissione Istruzione della Camera – boccia senza appello la creatura immaginata dal suo predecessore Fabio Mussi. “Occorre rivedere la disciplina dell’ANVUR per assicurare al mondo dell’università e della ricerca un sistema integrato di valutazione che vincoli il finanziamento ai risultati, incentivando l’efficacia e l’efficienza dei programmi di innovazione e di ricerca, la qualità della didattica, lo svolgimento dei corsi in lingua inglese, la capacità di intercettare finanziamenti privati ed europei, il tasso di occupazione dei laureati coerente con il titolo di studio conseguito”. Corriereuniv.it 17 giugno, 2008 Le difficoltà nella nascità dell’ANVUR

50 ROARS Roma Quale ANVUR? Dalle parole del Ministro appare evidente la visione di una Agenzia con compiti di valutazione ma anche di controllo; un’Agenzia abilitata ad intervenire attivamente e in profondità nei processi e nelle scelte degli atenei Dove stiamo andando? Ci si deve quindi chiedere dove il nuovo assetto istituzionale e normativo che si è determinato con la nascita dell’ANVUR e con le conseguenti competenze e responsabilità ad essa attribuite stia conducendo il sistema universitario Le funzioni dell’ANVUR nella visione del Ministro

51 ROARS Roma Nella Legge 240 l’ANVUR viene richiamata 20 volte con attribuzioni di funzioni e competenze “multipurpose” Accanto ai compiti propri di valutazione all’ANVUR sono assegnati ruoli impropri:  di ripartizione delle risorse tra atenei  di esprimere pareri vincolanti su decreti che dovrebbero essere di competenza esclusiva del Ministro  di consulente del Ministro in un ministero sempre più svuotato di competenze proprie, conoscenze e memoria storica L’ANVUR viene dunque coinvolta in una quantità di processi e decisioni che dovrebbero essere di competenza strettamente ministeriale e politica Ne è così snaturato il carattere di terzietà e ne è minata la stessa autorevolezza che deriverebbe dall’essere un’agenzia terza Dove stiamo andando?

52 ROARS Roma Cosa dicono le ESG? Scope and Concepts The ESG are a set of standards and guidelines for internal and external quality assurance in higher education. The ESG are not standards for quality, nor do they prescribe how the quality assurance processes are implemented Part 3: Standards and guidelines for quality assurance agencies 3.3 Independence Standard: Agencies should be independent and act autonomously. They should have full responsibility for their operations and the outcomes of those operations without third party influence Approvato dai Ministri a Yerevan il 15 Maggio 2015

53 ROARS Roma I decreti attuativi della legge 240 L’impatto dei decreti attuativi Se la legge Gelmini restringe i margini di autonomia delle università, in maniera ancora più evidente lo fanno i 47 (o più) decreti attuativi ai quali è delegata l’attuazione di quanto previsto dalla legge In alcuni casi vengono oltrepassati i limiti di delega, come avviene nel caso del Decreto Legislativo 27 gennaio 2012, n. 19

54 ROARS Roma I provvedimenti attuativi della legge 240 Accreditamento delle sedi e dei corsi di studio DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2012, n. 19 Art. 7 - Accreditamento delle sedi 5. Il Ministero, qualora ravvisi elementi che possano indurre a una valutazione diversa da quella dell'ANVUR, può chiedere, con istanza motivata e analogamente a quanto previsto dall'articolo 4, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 1° febbraio 2010, n. 76, il riesame della valutazione. L'ANVUR, entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta ministeriale di approfondimento, formula un parere definitivo, con specifico riferimento agli elementi evidenziati nell'istanza di riesame. 6. Il Ministro, con proprio decreto, su conforme parere dell'ANVUR, concede o nega l'accreditamento. Identico approccio è previsto per l’Accreditamento dei corsi di studio Il DLgs 19 attribuisce all’ANVUR poteri non previsti dalla L 240

55 ROARS Roma Parere della commissione nominata dal Ministro DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2012, n. 19 Tali aspetti anomali sono stati evidenziati anche dalla Commissione di studio nominata con Decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca del 3 luglio 2013, n. 596, che così si esprime: Il d.lgs. 19/2012 appare eccedere in alcune sue disposizioni la delega della L. 240/2010. Esso attribuisce all’ANVUR responsabilità politiche e decisionali che la legge non le riconosce

56 ROARS Roma Parere della commissione nominata dal Ministro L’art. 5, co. 3, lett. a e b, L. 240/2010 affida all’ANVUR il compito di definire ex ante specifici indicatori e criteri a base del sistema di accreditamento e di valutazione periodica, ma non le assegna in alcun modo la competenza ad adottare decisioni in attuazione delle valutazioni espresse. Il d.lgs. 19/2012 assegna invece all’ANVUR un potere decisionale diffuso che, al di là dell’affermazione formale del rispetto delle prerogative ministeriali, mal si concilia con la terzietà che dovrebbe contraddistinguere un’agenzia di valutazione, impropriamente trasformata in soggetto con funzioni prescrittive e sanzionatorie. L’impostazione trova poi concreto compimento nel d.m. 47/2013. La Commissione sottolinea come la responsabilità politica di ogni decisione finale inerente il sistema universitario non possa non spettare al Governo, in quanto responsabile politico delle scelte operate in materia.

57 ROARS Roma L’intero impianto di Quality Assurance messo in atto con AVA non avvia quel cambiamento di impostazione in senso europeo che ci si sarebbe aspettati con la nascita di ANVUR  È fondato su un modello “autorizzativo/prescrittivo” che viene dal passato e che stabilisce vincoli ex-ante, anziché su un modello “valutativo” ex-post, focalizzato sui risultati ottenuti, in linea con “Standard and Guidelines…...”  Non valuta i processi, ma li determina e li omologa  Restringe il margine di autonomia e di responsabilità degli Atenei  Adotta una logica prescrittiva, che induce all’adempimento formale  Risponde a logiche di programmazione, di indirizzo politico e di controllo. che non devono essere competenza di un’Agenzia terza, ma del Ministro Valutazione Autovalutazione e Accreditamento (AVA)

58 ROARS Roma Un esempio emblematico di confusione tra qualità e scelta politica I requisiti di accreditamento ballerini DM 30 gennaio 2013 n Decreto autovalutazione, accreditamento iniziale e periodico delle sedi e dei corsi di studio e valutazione periodica 4 docenti di riferimento per anno di corso DM 23 dicembre 2013 n Autovalutazione, accreditamento iniziale e periodico delle sedi e dei corsi di studio e valutazione periodica Adeguamenti e integrazioni al DM 30 gennaio 2013, n.47 3 docenti di riferimento per anno di corso DM 27 marzo 2015 n Requisiti accreditamento corsi di studio Tra i docenti di riferimento vengono inclusi i docenti a contratto Il DM 30 gennaio 2013 n. 47 e i gli aggiustamenti successivi

59 ROARS Roma Riassumendo Pricipali criticità della legge Gelmini e dei decreti attuativi  Sistematica limitazione dell’autonomia e ritorno al centralismo  Controllo ossessivo da parte del del MEF su ogni spesa  Marginalità della didattica  Allontanamento dagli impegni sottoscritti a livello europeo  Inadeguatezza del modello di reclutamento  Non terzietà dell’ANVUR, eccesso di competenze e funzioni ad essa attribuite  Ecc. ……………

60 ROARS Roma Gli interventi necessari Quali interventi correttivi? È innanzi tutto necessario e urgente stabilire con chiarezza la distinzione dei ruoli e delle responsabilità dei diversi soggetti istituzionali coinvolti nel processi  MINISTRO  CUN  ANVUR Senza tale distinzione si avranno inevitabilmente continue invasioni di campo e conflitti dannosi per il sistema

61 ROARS Roma Ulteriori azioni Per rimediare alle criticità evidenziate appare necessario:  Abbandonare o fortemente attenuare l’approccio quantitativo e avviare processi di valutazione e accreditamento in linea con modelli di Assicurazione della Qualità consolidati in Europa e nei paesi OCSE più avanzati  Promuovere la capacità delle istituzioni di perseguire gli obiettivi da essi stessi stabiliti in autonomia, e garantire i risultati conseguiti attraverso un porocesso di “internal quality Assurance”  Ricondurre il processo di valutazione alla sua funzione primaria di strumento per il miglioramento continuo della qualità e dei risultati  Emendare le disposizioni normative, e i vincoli introdotti finalizzati a perseguire obiettivi che non hanno diretta attinenza con l’assicurazione della qualità e non sono coerenti con la delega contenuta nella legge 30 dicembre 2010 n. 240, art. 5.

62 ROARS Roma Considerazioni conclusive L’investimento in formazione superiore Studenti - Le opportunità offerte dalla laurea  Sul mercato del lavoro, la laurea, nonostante diffuse convinzioni contrarie, continua in media a offrire migliori opportunità occupazionali e reddituali rispetto al solo diploma di maturità  La crisi ha colpito duramente i più giovani, ma gli effetti sono stati comparativamente peggiori tra i giovani con i livelli di istruzione più bassa

63 ROARS Roma Formazione superiore Costo o investimento? What are the returns on higher education for individuals and countries? OCSE - Education Indicators in Focus 6 June 2012 On average across 25 OECD countries, the long-term economic advantage to an individual of having a tertiary degree instead of an upper secondary degree is over USD for a man and USD for a woman. The long-term economic advantage to individuals with a tertiary education is about twice as large as the advantage for people with an upper secondary education as their highest educational level, on average across OECD countries. The net return to taxpayers on the public costs of supporting a man in higher education is over USD , and the return for supporting a woman in higher education is over USD , on average across OECD countries.

64 ROARS Roma Dove si colloca l’Italia in termini di benefici?

65 ROARS Roma Scelte incomprensibili La formazione superiore come investimento  La formazione superiore rappresenta il miglior investimento a lungo termine, garantendo un ritorno economico di gran lunga superiore a quanto investito, sia per l’Individuo sia per la collettività  Tali conclusioni, solidamente documentate, sono sostenute da autorevolissimi organismi (OECD, Banca d’Italia, …..)  È incomprensibile che i governi che si sono succeduti recentemente non ne abbiano tratto le conseguenze, avviando l’Italia verso un inevitabile declino civile, culturale ed economico e sociale

66 ROARS Roma Dal Museo Archeologico Nazionale di Paestum L’età neolitica Il neolitico è anche il momento in cui comincia il grande divario tra le zone del mondo: nelle Americhe, nell’emisfero australe e più in generale nel sud del mondo i gruppi umani rimangono dal punto di vista tecnologico allo stato neolitico ed è l’area tra l’Europa e Medio Oriente che si connota come l’avanguardia tecnologica dell’umanità Conoscenza e tecnologia e capacità di sviluppo e crescita Conclusione: la conoscenza, la competenza e la tecnologia stanno alla base dello sviluppo e della capacità di competere a livello economico e politico: da sempre

67 ROARS Roma Non sottovalutare i costi dell’ignoranza Lo spread della conoscenza Lo differenza nella diffusione della formazione superiore tra Italia e gli altri paesi più avanzati rappresenta un vero e proprio spread della conoscenza, che tutto lascia prevedere si tradurrà presto in enormi problemi economici, politici e sociali Un elevato numero di cittadini privi di formazione superiore, rappresenta un colossale problema, non diverso da quello che l’analfabetismo rappresentava al momento dell’unificazione dell’Italia 67

68 ROARS Roma Analfabetismo in Italia

69 ROARS Roma Riusciremo a uscirne? O ha ragione Kenny Random?


Scaricare ppt "ROARS 3.0 Il sistema universitario a quattro anni dalla Riforma Terzo Convegno di ROARS Roma 19 giugno 2015 Un quadro della situazione a quattro anni dalla."

Presentazioni simili


Annunci Google