La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UN NUOVO PROGETTO PER VALORIZZARE LE TECNOLOGIE LEGATE AL PATRIMONIO CULTURALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UN NUOVO PROGETTO PER VALORIZZARE LE TECNOLOGIE LEGATE AL PATRIMONIO CULTURALE."— Transcript della presentazione:

1 UN NUOVO PROGETTO PER VALORIZZARE LE TECNOLOGIE LEGATE AL PATRIMONIO CULTURALE

2 Il territorio italiano Il vero primato del nostro Paese non è di possedere la quota maggioritaria del Patrimonio Culturale mondiale, ma consiste nel fatto che qui da noi il museo è ovunque, presente in ogni angolo più remoto del territorio; un vero museo "diffuso", che esce dai suoi confini, occupa le piazze e le strade, si distribuisce ed è presente in ogni piega del territorio. (Antonio Paolucci).

3 produce un valore aggiunto di circa 167 miliardi di euro, assorbe 3,8 milioni di occupati e conta (oltre agli operatori pubblici) circa imprese esercita un peso sulleconomia italiana del 12,7% in termini di valore aggiunto e del 15,4% in termini di occupazione presenta una crescita dal 2001 al 2006 mediamente superiore al totale delleconomia, sia in termini di valore aggiunto (+4,3% contro +3,5% in media annua), sia occupazione (+2,9% contro +1,3%) Lanalisi condotta ha delineato per la prima volta il settore produttivo sviluppatosi grazie allesistenza in Italia di un grande patrimonio cultural- paesaggistico che ne assicura la conservazione, tutela, gestione, racconto e valorizzazione. Questo settore, composto da architettura ed edilizia di riqualificazione, enogastronomia e produzioni tipiche, produzioni di natura industriale, artigiana e industria culturale, e beni ed attività culturali: La situazione oggi Il rapporto Tagliacarne

4 Lanalisi evidenzia inoltre che: circa la metà degli operatori (49,4%) è significativamente coinvolta nel processo culturale emerge anche un profilo dellazienda eccellente (potenziale futura rappresentante di un nuovo Made-in-Italy) che, rispetto alla media degli altri settori, manifesta un maggiore orientamento allinnovazione tecnologica La situazione oggi Il rapporto Tagliacarne

5 Il settore dei Beni Culturali Rilevante peso economico (12,7) del PIL e (3,8 milioni di occupati), con una crescita sopra la media del PIL nazionale Export significativo e grande credibilità internazionale Collegamento con altri importanti settori (turismo, ICT, edilizia) Livello di formazione degli addetti sopra la media nazionale (come % di laureati o di studi superiori) Settore con uso diffuso di tecnologie innovative e con un elevato tasso di innovazione (elevati investimenti in R&D, brevetti registrati sopra la media nazionale, esistenza di spin-off accademici) Possibile identificazione di alcune aziende come possibili futuri campioni nazionali

6 Attraverso la rilettura del rapporto tra Cultura e… Da patrimonio a reddito Formazione delle risorse umane delle aziende Diritti di proprietà ………. Nuove tecnologie Impatto economico sul territorio Processi produttivi delle imprese

7 1 - 3 ottobre 2010 Lingotto Fiere Torino Salone dedicato alle tecniche (tecnologie e metodologie) per la conoscenza, conservazione, fruizione e valorizzazione dei Beni e delle Attività Culturali Per queste ragioni nasce DNA Italia

8 Gli obiettivi di DNA Italia Un settore fortemente ramificato, come quello della valorizzazione dei Beni e delle Attività Culturali, e dove la tecnologia ha un ruolo sempre più centrale, ha la necessità di trovare un ambiente idoneo e strutturato che favorisca lo scambio tra domanda e offerta e renda possibile la condivisione di strategie di sviluppo comuni. DNA Italia vuole rappresentare un unico grande e integrato marketplace delle tecnologie per la valorizzazione del Patrimonio Culturale

9 La filiera della valorizzazione Creazione I nuovi beni culturali: editoria, arte (canonica e performativa) audiovisivi, architettura … Mattone, marmo, legno, tessuti, metalli, cemento … Rischi statico- strutturali, ambientali, antropici e materiali ConoscenzaConservazioneFruizione Gestione e messa a reddito Reti digitali e Impiantistica Sicurezza ed Efficienza Energetica Mobilità sostenibile nei luoghi turistico - culturali Cultura di base, Formazione e Addestramento Creatività e design Sperimentazioni e nuove sensorialità Progettazione Programmazione Diagnostica e datazione Archeologia sottomarina Caratterizzazioni strutturali Comprensione del contesto Analisi storiche e culturali Metodi di prevenzione Tecniche e materiali per il restauro Ricostruzione artigiana delloriginale Botanica, microclimi e piante infestanti Ricostruzioni 3D e siti web Palmari e contenuti digitali per il visitatore Allestimenti museali e cittadini Sistemi sinestetici e disabilità Marketing del territorio Comunicazione culturale Gestione museale Modelli di business e strumenti di pagamento

10 Le ragioni di DNA Italia Le tecnologie sono oramai un ingrediente essenziale di ogni intervento sul Patrimonio Culturale, ma sono poco maneggevoli per tre ordini di motivi: Serve quindi un presidio qualificato e continuativo che consenta di gestire al meglio la dimensione tecnologica lungo tutto il processo: la valutazione e scelta delle tecnologie più adatte, il loro acquisto (identificando i fornitori più capaci e affidabili o scrivendo bandi competitivi) e il processo manutentivo più adatto (privilegiando ad es. le indagini preventive), associando inoltre a tali soluzioni tecnologiche i costi reali (sia di messa in opera che di manutenzione/evoluzione) e assicurando al personale coinvolto le giuste competenze per usare al meglio tali tecnologie. estrema varietà delle discipline coinvolte (chimica, nuovi materiali, sensoristica, ICT, impiantistica, energia, ….) che richiede molteplici competenze specialistiche per una corretta comprensione e presidio; frenetico tasso di innovazione di molte delle discipline coinvolte che spesso non si limita a una semplice innovazione incrementale ma genera breakthrough tecnologici che aprono nuovi spazi di utilizzo spesso impensabili; contaminazione laterale delle discipline coinvolte; ad esempio le tecniche di pulitura di statue e monumenti antichi erano prevalentemente meccaniche; oggi vi sono anche tecniche chimiche, lutilizzo di laser fino al recente isolamento di un ceppo di batteri mangia patine.

11 Le componenti del Patrimonio I tradizionali beni culturali antichi (beni archeologici, paesaggistici, storico- artistici, etc.) oggetto di conservazione, tutela e valorizzazione Le attività culturali (cinema, musica, editoria, teatro, etc.) che formano la cosiddetta industria culturale I nuovi beni culturali e cioè i nuovi edifici adibiti a funzioni culturali (musei, biblioteche, sale da concerto, etc.) realizzati dai grandi architetti e luogo di sperimentazione di tecnologie e sistemi costruttivi di avanguardia Gli edifici e i luoghi antichi di pregio (tutti vincolati dallo Stato) oggetto di riqualificazione nelle destinazioni e che quindi richiedono – per espletare tali finalità – le competenze tipiche della diagnostica, del restauro e del consolidamento di edifici antichi, insieme ai più moderni sistemi di progettazione architettonica e impiantistica e ai nuovi materiali

12 Le ragioni di DNA Italia Chi ha il compito di gestire e valorizzare un Patrimonio caratterizzato anche da una dimensione culturale (borghi antichi, edifici con valore storico-artistico, collezioni darte, biblioteche e archivi, …) deve necessariamente occuparsi di tutti gli aspetti gestionali, non solo quelli conservativi e di ripristino, ma deve anche pagare una bolletta energetica, illuminare e climatizzare i locali, proteggere (sia fisicamente che con coperture assicurative) il Patrimonio a lui affidato, organizzare e raccontare quella parte del Patrimonio aperto al pubblico, e naturalmente attrarre e gestire i visitatori estraendo da questa attività il massimo reddito possibile. Questi aspetti valgono naturalmente anche per chi deve progettare e realizzare i nuovi contenitori culturali (palazzi per le esposizioni, musei, teatri e sale da concerto, biblioteche, …) dove le più moderne tecnologie costruttive e impiantistiche si devono sposare con tutti gli aspetti legati alla gestione dei visitatori, al design flessibile degli spazi espositivi, alla dimensione digitale (su web o su dispositivi mobili) che complementa lesperienza fisica. Questa esigenza di un dialogo continuativo con il variegato mondo delle tecnologie e della ricerca scientifica non è solo una necessità di chi si occupa – a vario titolo e in tutte le sue declinazioni e articolazioni – della valorizzazione del Patrimonio Culturale, ma è anche unopportunità per lo stesso mondo delle tecnologie. La complessità, diversità e fragilità del Patrimonio Culturale lo rende – nei fatti – uno straordinario laboratorio a cielo aperto dove sperimentare tecnologie e metodologie di frontiera che – una volta dimostrate funzionanti ed efficaci in queste condizioni estreme – possono essere applicate con semplicità ad altri settori.

13 I settori portanti Restauro ed edilizia di riqualificazione Impiantistica (energia, climatizzazione, luci, …) e sensoristica Diagnostica e imaging Infrastrutture, applicazioni e contenuti digitali e multimediali Artigianato (artistico, edilizia, ….) Valorizzazione e gestione del Patrimonio Culturale TURISMO EDILIZIA ICT TRASPORTI INDUSTRIA CULTURALE Settori di ricaduta

14 Articolazione della filiera Enorme frammentazione del settore e massima varianza delle tipologie degli attori coinvolti per competenze e dimensione (dalle multinazionali agli artigiani) Società di costruzioni Società di design Società di informatica e telecomunicazione Industria culturale …. Realtà artigiane e cooperative - dal restauro allartigianato artistico - gestione di servizi museali - promozione culturale - perfezionamento e personalizzazione di attività edilizie e di design - produzione audiovisiva … Prevalentemente produttori di tecnologie Prevalentemente utilizzatori di tecnologie

15 Alcuni temi di innovazione Restauro di edifici in condizioni estreme (Teatro Petruzzelli, Teatro La Fenice, la Pozzuoli sommersa, lAquila terremotata, …) Efficienza energetica degli edifici storici Messa in sicurezza (da rischio ambientale, da danno antropico, da furto, da attentato terroristico, …) di edifici pregiati e di oggetti darte Mobilità nei centri storici e lungo gli attrattori turistici Digitalizzazione (massiva) di archivi e biblioteche con reperti fragili

16 Le tecnologie di frontiera ALCUNI ESEMPI DI TECNOLOGIE INNOVATIVE LEGATE AL PATRIMONIO CULTURALE

17 Alcune tecnologie di frontiera Lambiente diventa interattivo e sensibile

18 Alcune tecnologie di frontiera Interfacce emotive: il progetto europeo a guida italiana CALLAS Lobiettivo scientifico del progetto CALLAS è linvestigazione di nuovi paradigmi di interazione e di fruizione di sistemi interattivi per larte e lintrattenimento in grado di sviluppare una comunicazione più efficace ed immersiva con lutenza Showcase del progetto : Installazioni interattive in spazi pubblici chiusi (Teatro Massimo, Studio Azzurro) Installazioni interattive in spazi pubblici aperti (University of Helsinki) Televisione interattiva (BBC)

19 Alcune tecnologie di frontiera La luce mirata evidenzia specifici particolari della scultura, dando il senso del movimento La luce appiattisce la scultura ad una forma bidimensionale, rendendola una pura silhouette Il colore dà una nuova visione della scultura dando la sensazione del bronzo trasparente La luce come interpretazione di unopera: il caso del Satiro danzante

20 Alcune tecnologie di frontiera La luce come restauro reversibile Gli innovativi strumenti di illuminazione consentono di creare innovative modalità di lettura del Patrimonio storico – artistico in grado di facilitarne la comprensione e di creare nuove letture e percorsi allinterno del contesto urbano. Il progetto per la riproduzione delle colorimetrie riprodotte sui rilievi della Colonna Traiana offre allo spettatore la suggestione di unimmagine in cui la luce gioca un ruolo primario divenendo il veicolo reversibile di una operazione di restauro e materiale essa stessa di fruizione e approfondimento scientifico.

21 Alcune tecnologie di frontiera Lo zoom digitale accessibile da Internet

22 Alcune tecnologie di frontiera La mostra impossibile su Caravaggio

23 Alcune tecnologie di frontiera Indagine su statue antiche con neutroni accelerati

24 Alcune tecnologie di frontiera Riflettoscopia per scoprire particolari obliterati

25 Alcune tecnologie di frontiera Le sfide dellarcheologia subacquea

26 Alcune tecnologie di frontiera Tecnologie spaziali per monitorare i monumenti o luoghi.. Sistemi Satellitari come Slide (Sar Land Interferometry Data Exploitation) consentono un monitoraggio a tappeto con zero impatto per verificare lagibilità dei monumenti, individuare quelli che hanno bisogno di interventi di consolidamento, evitare rischi crolli Tecniche basate sulla triangolazione dei segnali consente di dare una collocazione precisa alledificio oggetto di monitoraggio e permette di individuare eventuali movimenti e segni di cedimento

27 Alcune tecnologie di frontiera I sistemi Mapei per il restauro del Museo Guggenheim di New York

28 Alcune tecnologie di frontiera Teatro Petruzzelli di Bari: un grande restauro Mapei eseguito con soluzioni tecnologiche avanzate

29 Alcune tecnologie di frontiera Il restauro emblematico del teatro La Fenice di Venezia

30 Alcune tecnologie di frontiera Sartoria di scena

31 Alcune tecnologie di frontiera I batteri mangia-patine (Pseudomonas Gram negativi) I DipartimentI di Scienze e Tecnologie Agroalimentari, Ambientali e Microbiologiche delle Università degli studi di Milano e del Molise hanno messo a punto una innovativa tecnica biotecnoclogica di restauro, utilizzando il batterio Pseudomonas stutzeri Il batterio, più economico e maneggevole dei tradizionali enzimi, è in grado di rimuovere nell'arco di ore, solfati, nitrati e patine di sostanze organiche, senza intaccare il materiale sano

32 Alcune tecnologie di frontiera Integrazione fra laboratori di restauro e caveau per la sicurezza delle opere Con oltre mq i Caveau di Open Care sono la più estesa e attrezzata area in Europa destinata alla protezione di beni artistici e di documenti preziosi. Tutti gli ambienti sono soggetti a monitoraggio costante della circolazione dellaria, dellilluminazione, della temperatura e dellumidità. Il Caveau, inoltre, dispone di una sala di compensazione per il progressivo ambientamento climatico delle opere e un sistema di rilevazione ed estinzione incendi tramite gas inerte, collegati a centrali di supervisione attivi 24 ore su 24. Il Caveau è integrato con una serie di servizi molto innovativi (analisi scientifiche, conservazione e restauro, logistica per larte e art consulting) che complementano la gestione e valorizzazione dellopera darte).

33 Alcune tecnologie di frontiera Chiesa Dives in Misericordia per la cui realizzazione è stato usato il cemento Tx Millennium Il cemento Tx Millennium, dove Tx sta per titanio, è caratterizzato dal principio attivo TX active. La presenza di particelle di fotocatalizzatori permette al cemento, una volta indurito, di ossidare in presenza di luce ed aria le sostanze inquinanti organiche ed inorganiche presenti nellatmosfera e impedire che il cemento si sporchi. Il cemento bianco mangia-patine di Italcementi

34 Alcune tecnologie di frontiera Le lenti prismatiche 3M hanno la capacità di riflettere in continuo la luce (sia naturale che artificiale) trasportandola da una sorgente remota per distanze rilevanti. Nelle gallerie autostradali ci sono moduli anche di 36 metri di lunghezza con solo due proiettori agli estremi. È la tecnologia ideale per illuminare il sottosuolo e gli interni non dotati di finestre, con conseguenti notevoli risparmi energetici. Le lenti prismatiche 3M

35 Alcune tecnologie di frontiera Scale mobili e minimetrò a Perugia: mobiltà sostenibilie e Patrimonio Culturale

36 Alcune tecnologie di frontiera Pullman digitale (CHIC - Cultural Heritage Interactive Coach) Lutilizzo di modalità alternative di mobilità integrate a evoluti e diversificati strumenti informativi consentono di proporre un attraversamento didattico esperienziale del territorio consentendo una fruizione suggestiva, informata e arricchente e non rispondendo semplicemente a esigenze di efficienza e rapidità di spostamento. POSIZIONE DELLE FOTOCAMERE

37 Alcune tecnologie di frontiera Applicazioni legate al turismo in mobilità

38 Alcune tecnologie di frontiera Le infinite possibilità dell'editoria elettronica

39 Esternalità positive Operare nel settore di Beni Culturali offre un ultimo importante beneficio: consente di sviluppare tecnologie, metodologie e nuovi materiali (visto che offre condizioni di applicabilità estreme) che possono essere applicate ad altri settori - hanno cioè esternalià positive. Cè chi ha osservato che la presenza di un patrimonio culturale diffuso può offrire gli stessi benefici (in termini di ricadute tecnologiche ed economiche) di chi spende ingenti somme per la difesa (senza però aver egli stessi effetti collaterali).

40 Esternalità positive Le competenze necessarie per restaurare un palazzo storico su Canal Grande (con le fondamenta nellacqua e soggetto a continui moti ondosi e maree) sono di frontiera e credibilmente utilizzabili nei settori tradizionali delledilizia. Tali competenze sono di particolare rilevanza oggi dove leffetto serra e il disboscamento stanno facendo dellacqua (tsunami, tropicalizzazione del clima, alluvioni come quella di New Orelans) uno dei fenomeni più temuti per ledilizia civile. Il caso dei palazzi veneziani

41 DETTAGLI TECNICI ottobre 2010 Oval | Lingotto Fiere Torino

42 Gli obiettivi di DNA Italia Un settore fortemente ramificato, come quello della gestione del Patrimonio Culturale, ha la necessità di trovare un ambiente idoneo e strutturato che favorisca lo scambio tra domanda e offerta e renda possibile la condivisione di strategie di sviluppo comuni DNA Italia vuole rappresentare unico grande marketplace per conoscersi e riconoscersi!

43 La sede espositiva Oval Torino

44 Un layout innovativo

45

46 Imprese che progettano, producono e distribuiscono tecnologie Enti ed Istituzioni pubbliche e private Ricerca e formazione Gli espositori I visitatori Progettisti: architetti, designer, developer, scenografi, ecc. Imprese operanti nel settore delle tecnologie innovative Enti locali e soggetti pubblici e privati che investono nella tutela, nella promozione e in progetti di conservazione e valorizzazione (istituzioni, banche, assicurazioni, fondazioni, imprese) Responsabili di Istituzioni ed Enti pubblici e privati legati alla tutela, valorizzazione e gestione del territorio, dei beni e delle attività culturali Direttori di musei, biblioteche, fondazioni, ecc. Incontri B2B pre-programmati con responsabili di: Istituzioni, Organismi pubblici e privati nazionali e internazionali, imprenditori, operatori commerciali e di trasferimento di tecnologie

47 Programma In Convegni su: cultura ed economia, redesign del territorio, efficienza energetica, sicurezza, nuove frontiere del digitale, i musei e le sfide del 2.0 Seminari tecnici di approfondimento delle varie tematiche rappresentate nel Salone Workshop di presentazione delle proposte degli espositori Programma Off Visite programmate fuori Salone con presentazioni di casi di successo presso musei e beni del patrimonio piemontese, appositamente allestiti per i giorni di apertura del Salone Un programma In & Off

48 Gli stand Stand preallestiti di diverse grandezze: da 12 mq (3.000) a 96 mq (17.000)

49 ottobre 2010 Oval | Lingotto Fiere Torino Ci vediamo il


Scaricare ppt "UN NUOVO PROGETTO PER VALORIZZARE LE TECNOLOGIE LEGATE AL PATRIMONIO CULTURALE."

Presentazioni simili


Annunci Google