La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La metodologia della ricerca a scuola ITC P. BOSELLI Biblioteca.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La metodologia della ricerca a scuola ITC P. BOSELLI Biblioteca."— Transcript della presentazione:

1 La metodologia della ricerca a scuola ITC P. BOSELLI Biblioteca

2 La società dell informazione Le informazioni sono in costante crescita sia quantitativamente sia sul piano della complessità. Possedere, organizzare, manipolare, trasmettere le informazioni è economicamente, culturalmente, politicamente strategico

3 La Società dellinformazione richiede una alfabetizzazione informativa (information literacy) Consente di accedere alle informazioni sapendo: Cosa si cerca Come cercarlo Come valutarlo Come utilizzarlo

4 Definizione: padroneggia linformazione chi... ha imparato come imparare. Sa come imparare perché sa come è organizzato il sapere, come trovare linformazione in modo tale che altri possano apprendere. È preparato ad apprendere per tutta la vita perché sa come trovare le informazioni necessarie per un compito o una decisione. ALA

5 Chi padroneggia linformazione accede allinformazione in modo efficiente ed efficace valuta le informazioni in modo critico e competente usa le informazioni in modo efficace e creativo

6 Trasferibile da una materia allaltra Dallambiente scolastico a quello extra scolastico Premessa per la FORMAZIONE CONTINUA (Lifelong learning) Labilità di informazione è una abilità essenziale: la scuola deve proporre un processo di apprendimento

7 La biblioteca scolastica fornisce servizi, libri e risorse per lapprendimento che consentono a tutti i membri della comunità scolastica di acquisire capacitá di pensiero critico e di uso efficace dellinformazione in qualsiasi forma e mezzo (dal Manifesto UNESCO sulla biblioteca scolastica)

8 NELLORARIO SCOLASTICO dovrebbero essere comprese ore specificamente destinate a LEZIONI IN BIBLIOTECA

9 Le abilità di ricerca in biblioteca (Library literacy) Lalfabetizzazione mediatica (Media literacy) La cultura informatica (Computer literacy) Le abilità nei confronti di internet (Internet literacy) Le abilità nel condurre la ricerca (Research literacy) Rader Hannelore B. La competenza informativa comprende:

10 Dato Elemento contenuto in qualsiasi tipo di documento si trasforma in Informazione Quando ci poniamo una domanda su di esso

11 LInformazione è quindi un PROCESSO ATTIVO che si compie partendo da dati sui quali porre le proprie domande. Si ha sempre bisogno di una elaborazione personale. Linformazione per diventare Conoscenza deve essere organizzata, messa in relazione e contestualizzata, applicata alla soluzione di un problema.

12 Lezione frontale vs ricerca? Anche durante la lezione frontale si può assumere uno stile problematizzante Il percorso di ricerca richiede limpiego di lezioni prima durante e dopo Nella programmazione annuale può essere prevista una sola ricerca condotta secondo i criteri corretti.

13 Importante è che non si cessi mai di domandare Io non ho particolari capacità, ma sono solo appassionatamente curioso Albert Einstein

14 Abilità di ricerca dellinformazione insegnamento a due livelli: Contenuto Competenze

15 Non bisogna confondere la ricerca come processo di risoluzione di problemi (problem solving) dalla ricerca come prodotto

16 Livello di contenuto Gli studenti apprendono in modo cosciente e sistematico luso di strumenti e tecniche per rispondere alla domanda: quali procedimenti/metodi posso utilizzare per condurre una ricerca?

17 Livello di competenza Gli studenti utilizzano gli strumenti e le tecniche apprese al fine di recuperare, organizzare e usare linformazione di cui hanno bisogno come posso organizzare e gestire la mia attività di ricerca?

18 Fasi del processo di ricerca (J. Dewey) 1.Fase pre-riflessiva: il pensiero anticipa alcune soluzioni del problema di partenza. 2.Intellettualizzazione del problema 3.Il pensiero formula ipotesi di lavoro 4.Vengono rielaborate e collegate fra loro le diverse idee unificandole in una ipotesi da verificare 5.Lipotesi è sottoposta a un processo di controllo Queste cinque fasi non si succedono mai in un ordine prestabilito

19 Elementi necessari in ogni compito di ricerca di CAROL KUHLTHAU Avere una domanda o un argomento che richieda informazioni non presenti nel libro di testo Rendere necessario cercare le informazioni in una raccolta organizzata di biblioteca I risultati devono essere presentati in un elaborato

20 Le Big 6 (Eisenberg) 1. Definizione del compito -Definire il problema -Identificare le informazioni di cui si ha bisogno 2. Strategie per la ricerca delle informazioni -Determinare tutte le possibili fonti -Selezionare le fonti migliori 3. Localizzazione e Accesso -Localizzare le fonti -Trovare le informazioni all'interno delle fonti 4. Uso delle informazioni -Impegnarsi (ad es.: leggere, ascoltare, vedere) -Estrapolare le informazioni pertinenti 5. Sintesi -Organizzare le informazioni raccolte da più fonti -Presentare il risultato 6. Valutazione -Giudicare il risultato (efficacia) -Giudicare il processo (efficienza)

21 1.scelta dell'argomento e del compito (campo d'indagine e scopo della ricerca); 2. individuazione del problema da risolvere e sua traduzione in una domanda precisa; 3.formulazione di ipotesi per la risoluzione del problema (fase dell'ideazione probabilistica); 4.definizione di una strategia di ricerca (programma di lavoro) e messa a punto degli strumenti e delle procedure atte allo scopo; 5.localizzazione e accesso alle fonti; 6.selezione delle fonti in base alla loro pertinenza; Schema-matrice di un percorso di ricerca (1) di Antonella Braga

22 7. raccolta dei dati presso tutte le fonti selezionate; 8. analisi ed elaborazione dei dati per l'estrazione e la selezione delle informazioni pertinenti; 9. elaborazione, interpretazione e organizzazione delle informazioni pertinenti, applicate alla risoluzione del problema; 10. presentazione e diffusione mirata dei risultati della ricerca; 11. verifica della corrispondenza fra la domanda di partenza e la risposta elaborata (se il problema non è stato risolto, si ritorna al punto di partenza); 12. valutazione del percorso di ricerca. Schema-matrice di un percorso di ricerca (2)

23 1. progettazione: identificazione di argomento, obiettivi, strategie informative 2. ricerca delle informazioni 3. esame della documentazione 4. rielaborazione critica delle informazioni 5. presentazione delle informazioni 6. valutazione Proposta di percorso di ricerca Di Lucia DEnrico

24 Fase 1: Progettazione 1. esplorazione: creare o fare emergere una conoscenza generale dellargomento 2. definizione e scelta dellargomento 3. riepilogo delle conoscenze pregresse 4. ipotesi di ricerca (domande guida) 5. ipotesi sulle fonti o i metodi dindagine 6. piano di lavoro

25 Scelta del topic Largomento ideale deve essere stimolante preciso e limitato significativo abbordabile suscettibile di trattazione primaria

26 Domande guida per delimitare il topic quando? (un momento storico) dove? (un ambito geografico) che cosa? (un evento specifico) sotto quale aspetto? (un aspetto particolare) applicare più volte e combinare più strategie.

27 Fase 2: ricerca delle informazioni individuazione delle fonti (bibliografia) localizzazione fonti (consultazione di cataloghi, opac, motori elettronici, indici) creazione di informazioni primarie valutazione delle fonti messa a punto e revisione del processo informativo

28 Fase 3: Esame della documentazione Lettura, ascolto, osservazione del documento »lettura esplorativa »letture analitiche Estrazione delle informazioni »sottolineatura »parole chiave »note, schemi, tabelle »schede di lettura

29 Alternare letture esplorative e letture analitiche favorisce un atteggiamento attivo (sistema di attese) permette di cogliere la struttura globale del testo consente di cogliere la gerarchia tra le informazioni aiuta a distanziarsi dal testo

30 Nellannotare le informazioni è essenziale rielaborare il testo Perché »favorisce la comprensione »permette di cogliere i punti critici »favorisce il senso critico »favorisce lintegrazione nel proprio patrimonio cognitivo Copiare parola per parola solo le future citazioni Nella sintesi usare parole proprie e non rispettare necessariamente la struttura del testo di partenza

31 Scelta della tecnica per annotare le informazioni molte tecniche adatte a lavori diversi e a diversi stili cognitivi scegliere di volta in volta quella più efficace

32 Tecniche per annotare le informazioni sottolineatura schemi lineari schemi ad albero - gerarchico tabelle cronologie mappe diagramma di flusso

33 Scheda generale dati bibliografici del testo localizzazione eventuali notizie sullautore sintesi del testo o delle parti esaminate citazioni (tra virgolette, annotando pag.) osservazioni e commenti (tra parentesi quadre)

34 Fase 4: Rielaborazione critica dellinformazione valutazione critica del contenuto informativo dei documenti integrazione di informazioni tratte da più fonti confronto tra punti di vista integrazione tra noto / nuovo individuazione di una tesi, una modalità di trattazione, un punto di vista personale riorganizzazione personale delle informazioni

35 Fase 5: Presentazione delle informazioni a partire dalle informazioni raccolte viene predisposto un prodotto per comunicare ad altri i risultati della ricerca molte modalità (testo scritto, performance orale, ipertesto, prodotto multimediale, pagina web, ecc…) entrano in gioco abilità comunicative

36 Anche per produrre un testo ci si basa sul problem solving tre fasi ricorsive »pianificazione »stesura »revisione anche qui si possono riconoscere molte sottofasi che vanno dominate è essenziale sviluppare metacompetenze

37 Fase 6: Valutazione del prodotto / del processo da parte dellinsegnante (bibliotecario e disciplinare) / autovalutazione in itinere / finale dellefficacia / dellefficienza

38 Schema di una proposta operativa (LICEO SCIENTIFICO CORNARO di PADOVA) a) Lezioni propedeutiche 1.Che cosè una ricerca (2 ore) - obiettivi del lavoro, - metodi, - presentazione dello schema del lavoro e discussione 2. Lorganizzazione della biblioteca (4 ore) 3. Il vocabolario(1 ora) 4. Il libro, le enciclopedie, altro(4 ore) 5. Internet (3 ore) 6. Altri centri di documentazione del territorio

39 1.Presentazione del tema da parte dellinsegnante; brainstorming di gruppo 2.Assegnazione dellargomento e avvio della ricerca individuale secondo una traccia fornita 3.Modalità e tempi: stabilire scadenze strette 4.Presentazione di un breve elaborato b) Scelta di un argomento comune a tutta la classe

40 Valutazione del percorso svolto. Valutazione del contenuto. Valutazione della soddisfazione dello studente. c) Valutazione della ricerca

41 Un metodo per spiegare efficacemente il proprio lavoro ad un uditorio (scaletta e punti dellesposizione, predefinizione degli argomenti da mettere in enfasi, ecc.) Gli elementi chiave di una pubblicazione (intestazione, bibliografia corretta, ecc.) Lezioni per apprendere E inoltre ….

42 Per la seguente presentazione sono state utilizzate le seguenti fonti: Inciampare nel problema. Atti del Convegno Internazionale, Padova, febbraio/1 gennaio 2003, Padova, Imprimitur, 2004 Università di Padova, Master per formazione del docente documentalista scolastico, quarto modulo, a cura di Donatella Lombello e Vera Marzi, Padova, Cleup, 2003 La ricerca e lelaborazione delle informazioni, a cura di Vera Marzi, Istituto tecnico per Geometri E. Fermi, Pistoia, 2004


Scaricare ppt "La metodologia della ricerca a scuola ITC P. BOSELLI Biblioteca."

Presentazioni simili


Annunci Google