La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ateneo Pontificio Regina Apostolorum a.a. 2006 - 2007 DIRITTI UMANI E BIOETICA Prof. CARLO CASINI (lezione del 27-2-07)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ateneo Pontificio Regina Apostolorum a.a. 2006 - 2007 DIRITTI UMANI E BIOETICA Prof. CARLO CASINI (lezione del 27-2-07)"— Transcript della presentazione:

1 Ateneo Pontificio Regina Apostolorum a.a DIRITTI UMANI E BIOETICA Prof. CARLO CASINI (lezione del )

2 RIASSUNTO DELLA SCORSA LEZIONE ( ) La svolta dalle tragiche conseguenze La sorprendente contraddizione La negazione del diritto alla vita nei momenti più emblematici dellesistenza, quali sono il nascere e il morire Le nobili proclamazioni e la loro tragica negazione La minaccia frontale ai diritti delluomo

3 A) IL CONCETTO DI DIRITTO DIRITTO SOGGETTIVO Facultas agendi DIRITTO OGGETTIVO Norma agendi

4 DIRITTO SOGGETTIVO Posizione di vantaggio di un soggetto rispetto ad un bene autonomamente tutelato Tutela diretta o indiretta (pp. 16 – 20) Applicazione in materia di aborto

5 IL DIRITTO OGGETTIVO POSITIVO Ordinamento giuridico e dottrina istituzionalistica (p. 31) Il principio di completezza dellordinamento giuridico (pp. 31 – 32) Linterpretazione (pp. 32 – 33) In particolare: lanalogia (pp. 33 – 35) Il problema delle leggi imperfette e il n. 73 dellEvangelium Vitae (pp )

6 LE PARTI DEL DIRITTO POSITIVO IL DIRITTO COSTITUZIONALE E LA COSTITUZIONE In particolare le Corti costituzionali: loro importanza in materia bioetica (pp. 39 – 47) IL DIRITTO PENALE Sua funzione di prevenzione generale e speciale La teoria dell extrema ratio (pp. 47 – 51)

7 Lezione odierna ( ) IL DIRITTO INTERNAZIONALE Espressione della SOCIALITA del diritto: «Il diritto è realtà di uomini, però realtà plurale. Se potessimo ipotizzare un astronauta che sbarca da solo su un pianeta remoto e deserto e da solo ci vive, quel personaggio solitario finché resta tale non ha bisogno del diritto, né alcuna delle sue azioni potrebbe essere qualificata come giuridica. Il diritto, infatti, è relazione tra più soggetti (pochi o molti), si contrassegna per una sua essenziale socialità» (P. Grossi, Prima lezione di diritto, La Terza, Bari, 2003, p. 12)

8 « Unus homo, nullus homo» «Ubi societas, ibi ius; ubi ius, ibi societas » ALTERITA, COESISTENZIALITA, INTERSOGGETTIVITA, BILATERALITA, RELAZIONALITA, SOCIALITA ASPETTO COLLABORATIVO DEL DIRITTO (Principio di coesione: ius iungit)

9 Il DIRITTO INTERNAZIONALE è lordinamento della comunità degli Stati. La comunità internazionale è costituita da Stati sovrani e indipendenti che si pongono in una posizione di uguaglianza reciproca.

10 Disciplina i rapporti tra i gli Stati stabilendo reciproci diritti e doveri. l'assenza di un'autorità centrale che emani la legge e ne assicuri il rispetto (c.d. "anarchia" della comunità internazionale). PRECISAZIONI: 1)Della Comunità internazionale fanno parte anche soggetti che non sono Stati 2)La disciplina riguarda non solo le materie ESTERNE agli Stati, ma anche gli AFFARI INTERNI. Il diritto internazionale moderno regola anche rapporti interindividuali

11 ALCUNE DISTINZIONI A)DIRITTO INTERNAZIONALE E DIRITTO COMPARATO. D. comparato studia gli ordinamenti giuridici attraverso una analisi delle loro similarità e differenze. Livello macro: studio comparato dei diversi sistemi giuridici esistenti Common law del Civil law, del diritto socialista, del diritto islamico, del diritto asiatico. Livello micro, studio comparato di due soli Stati o, scendendo sempre più nel dettaglio, di singole materie, singoli istituti o singole norme.

12 B) DIRITTO INTERNAZIONALE PUBBLICO E PRIVATO DIPubblico: diritto della comunità degli Stati di diriritto interno DIPrivato: regole di diriritto interno (norme di conflitto) riguardanti le norme applicabili a fattispecie giuridiche che presentano elementi di contatto tra l'ordinamento nazionale e altri ordinamenti giuridici sovrani. Es.: rapporti patrimoniali tra coniugi aventi diversa cittadinanza; contratto concluso all'estero o avente oggetto il trasporto di merci in un altro Stato; uneredità giacente comprendente un immobile sito all'estero …

13 I SOGGETTI DI DIRITTO INTERNAZIONALE Gli Stati La Santa Sede Organizzazioni internazionali LOrdine militare di Malta I soggetti Individuali OING

14 LE FONTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE NORME CONSUETUDINARIE TRATTATI

15 NORME CONSUETUDINARIE comportamento costantemente e uniformemente ripetuto nel tempo, nella convinzione della sua obbligatorietà. Per aversi una consuetudine è necessaria la presenza di due requisiti fondamentali: - "DIUTURNITAS"(prassi): il protrarsi nel tempo un determinato comportamento, - "OPINIO IURIS SIVE NECESSITATIS: la convinzione da parte degli Stati della giuridica obbligatorietà di un determinato comportamento.

16 I TRATTATI (PATTI, CONVENZIONI …) BILATERALI MULTILATERALI NEGOZIAZIONE SOTTOSCRIZIONE RATIFICA DEPOSITO RATIFICA

17 LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI 1)A livello mondiale: lONU 2) A livello Europeo: Il Consiglio dEuropa LUnione Europea (pp. 51 – 64)

18 LO.N.U. LA STORIA Nascita ufficiale: 24 ottobre 1945 Esito orrori II GM Stabilità relazioni internazionali Assicurare basi solide alla pace Fede nei diritti fondamentali delluomo, nella dignità e nel valore della persona umana, nelluguaglianza dei diritti degli uomini e delle donne, delle nazioni grandi e piccole (statuto ONU)

19 LE TAPPE Londra : Dichiarazione interalleata, (lavorare insieme, con gli altri popoli liberi, sia in tempo di pace che di guerra) : Carta Atlantica (Roosevelt, Churcill), : Appoggio alla Carta Atlantica da parte di 26 nazioni in guerra contro lAsse. Compare per la prima volta lespressione NU

20 Mosca – Teheran : Unione Sovietica, Regno Unito, Stati Uniti, Cina: obiettivo organizzazione internazionale pace e sicurezza 21.9 – : primo progetto : incontri di Yalta tra Roosvelt, Chrcil, Stalin 25.4 – : Conferenza delle nazioni Unite sullOrganizzazione Internazionale; elaborazione 111 articoli della Carta : ratifica della Carta

21 Gli organi principali: –Assemblea Generale –Consiglio di Sicurezza –Consiglio di Amministrazione fiduciaria –Corte internazionale di Giustizia –Segretariato generale –Consiglio economico e sociale

22 Gli organi sussidiari Fondo delle Nazioni Unite per linfanzia (UNICEF) Programma per lo sviluppo (UNDP) Fondo in materia di popolazione (UNFPA) Conferenza per il commercio e lo sviluppo (UNCTAD) Programma per lambiente (UNEP)

23 GLI ISTITUTI (O AGENZIE) SPECIALIZZATI Fondo monetario internazionale (FMI) Agenzia internazionale per lenergia atomica (AIEA) Unione postale universale (UPU) Unione internazionale telecomunicazioni (ITU) Organizzazione internazionale dellaviazione civile (ICAO)

24 Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) Organizzazione per lalimentazione e lagricoltura (FAO) Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Organizzazione delle Nazioni Unite per leducazione, la scienza e la cultura (UNESCO)

25 LE STRUTTURE DELLONU PIU RILEVANTI PER LA BIOETICA Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Organizzazione per leducazione, le scienze e la cultura (UNESCO) Fondo per la popolazione e lo sviluppo Organi di Giustizia internazionale

26 UNESCO Dichiarazione universale sul genoma umano e i diritti delluomo, 11. XI Dichiarazione internazionale sui dati genetici umani, Dichiarazione universale sulla bioetica e i diritti umani

27 LONU, LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELLUOMO (DUDU) E LA MODERNA IDEA DEI DIRITTI UMANI

28 LA MODERNA DOTTRINA DEI DIRITTI UMANI La teoria dei diritti umani si fonda proprio sulla considerazione del fatto che luomo, diversamente dagli animali e dalle cose, non può essere sottomesso al dominio di nessuno innati inalienabili indisponibili universali imprescrittibili inviolabili irrinunciabili intangibili pre /sovra - statali meta-positivi

29 I processi di Norimberga ( ) Dichiarazione universale dei diritti delluomo ( ) (Il più grande atto di riflessione e di discernimento della storia)

30 I PRECEDENTI Tradizione costituzionale britannica: Magna Charta Libertatum (1215) Petition of Rights (1628) Habeas Corpus Act (1679) Bill of Rights (1689) Dichiarazione di Indipendenza americana (1776) La legge dei diritti americana (1787) Dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino (1789)

31 LA GENESI CULTURALE LA GRADUAZIONE DELLA DIGNITÀ UMANA: 1 ) LA CRISI DELLA MEDICINA L omicidio situato in una visione medica L omicidio come imperativo terapeutico Auschwitz fu come unoperazione chirurgica R. J. LIFTON, I medici nazisti, Rizzoli, 1986

32 Die Freigabe der Vernichtung Lebensunwertem Lebens ("L'autorizzazione all'eliminazione delle vite non più degne di essere vissute), 1920 Alfred Hoche ( ), psichiatra Karl Binding ( ), giurista

33 2) la crisi del diritto (POSITIVO) XIX secolo Identifica il diritto con lo ius in civitate positum ossia con il complesso di norme poste dal legislatore ed applicate effettivamente nello Stato anche attraverso la predisposizione di strumenti (sanzioni) cui si può ricorrere affinché il precetto sia rispettato (coattività, coercibilità). SE UNA NORMA NON E POSITIVIZZATA NON HA VALORE GIURIDICO

34 Il P. manifesta unistanza di GIUSTIZIA intesa come CERTEZZA: valore della legalità ancorato alla norma scritta garantisce contro larbitrio perché impedisce che le persone siano trattate in modo diverso UGUAGLIANZA FORMALE La certezza è la specifica eticità del diritto (Lopez de Onate) IL LEGAME TRA GIUSTIZIA E LEGGE E STABILITO NON SUL CONTENUTO, MA SULLA FORMA: LA LEGGE E UGUALE PER TUTTI

35 Le norme giuridiche non sono valide in forza del loro contenuto. Non vi è nessun comportamento umano che, come tale, in forza del suo contenuto, non possa diventare contenuto di una norma giuridica. Una norma vale come norma giuridica, sempre e soltanto perché si è presentata in un modo particolarmente stabilito, è stata prodotta secondo una regola del tutto determinata, è stata posta secondo un metodo specifico. Il diritto vale soltanto come diritto positivo, cioè come diritto posto (Hans Kelsen, Lineamenti di dottrina pura del diritto, 1934, cap. V, § 28)

36 LA RICONDUZIONE DEL DIRITTO AD UNA SUPERIORE VOLONTÀ NORMATIVO- COERCITIVA, LO RENDE, IN FATTO E IN PRINCIPIO, UN EPIFENOMENO DELLA FORZA … DELLA VIOLENZA ORGANIZZATA (S. COTTA)

37 3) la crisi del concetto di uomo Alle radici di tutta la crisi cè unidea arrivata nellanimo di molti al grado di persuasione e certezza, una falsa ma centrale idea dellumanità e della vita [...] è stato possibile lintrodursi e il diventare valida nellazione e nella pratica, di una tale idea delluomo che nega luomo [...] non hanno il coraggio, forse anche di fronte a se stessi, di fare apparire quella centrale e falsa idea allaperto, di affermarla esplicitamente, e perciò cercano di nascondere e i fatti e lidea stessa [...]

38 [...] Non cè che da reintegrare nellordine giuridico la vita umana in tutto il suo effettivo contenuto […] Perciò lunico possibile fondamento ad un ordine, che voglia essere ordinamento di vita e non di morte, è nientaltro che questa intima costituzione della vita (Giuseppe Capograssi, Il diritto dopo la catastrofe)

39 LE NOVITA dellidea moderna Universalizzazione Internazionalizzazione I diritti umani come forza propulsiva per costruire un nuovo ordine mondiale Il fondamento dei diritti umani: la dignità umana

40 LA RISPOSTA ALLA CRISI Il riconoscimento della dignità inerente ad ogni membro della famiglia umana costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo

41 Nuovo capitolo del diritto regionale e internazionale (Convenzioni, Trattati, Patti, Carte...) Punto di riferimento per ordinamenti dei singoli Stati (Costituzioni) Il rispetto dei d.u. è condizione per un corretto esercizio della medicina (etica medica - filone deontologico)

42 I DIRITTI DI RILEVANZA BIOETICA NELLA DUDU: LA PROTEZIONE GLOBALE DELLA PERSONA Diritto alla vita (art. 3) Diritto allintegrità fisica e conseguente divieto di tortura e trattamenti degradanti (art. 5) Riconoscimento della capacità giuridica (art. 6) Diritto allassistenza sanitaria (artt. 22 e 25) Diritto alla protezione della maternità e infanzia (art. 25) Diritto alla famiglia (artt. 16 e 25)

43 il diritto alla giustizia (artt ) il diritto alla sicurezza (artt. 3 e 22) il diritto alla libertà (artt. 3-4) il diritto allautonomia della vita privata (artt. 12 e 13) il diritto a un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il proprio benessere (art. 2)

44 Uno dei contributi alle formulazioni dei principi e dei criteri di condotta in ambito bioetico è di natura giuridica ed è dato dalla moderna riflessione sui diritti umani. DUDU: DOCUMENTO FONDATIVO DEL BIODIRITTO

45 LA NUOVA CRISI Altro genere di attentati: dal delitto al diritto: CONSENSO SOCIALE, LEGITTIMAZIONE GIURIDICA, COINVOLGIMENTO STRUTTURE SANITARIE, ESPRESSIONE DI LIBERTA E DI PROGRESSO … (Evangelium Vitae: nn. 4, 11, 18, 68) La sorprendente contraddizione: DALLE NOBILI PROCLAMAZIONI alla TRAGICA NEGAZIONE dei diritti umani (Evangelium Vitae n. 18) piano medico-scientifico, culturale, sociale, giuridico e politico (aspetto più sovversivo e conturbante)

46 I SEGNALIdella crisi Diritto fotografia Tecnica legislativa per principi condivisi sui punti eticamente sensibili Applicazione ai DU dei metodi interpretativi del diritto positivo Distinzione tra tutela della vita e riconoscimento del diritto alla vita Dignità umana come diritto autonomo e non come fondamento dei diritti

47 Distinzione tra essere umano e persona Graduazione dignità vita umana Difesa della vita come questione di coscienza, o questione religiosa Irrilevanza del dubbio Assolutizzazione della libertà individuale (autodeterminazione) Valore della vita in senso statistico Prevenzione IVG = contraccezione

48 1. MANIPOLAZIONI SEMANTICHE 2. LA SCIENZA, CAVALLO SENZA CAVALIERE « La scienza è come il fuoco. Può fare un gran bene o un gran male. Come il fuoco può scaldarti, disinfettarti, salvarti. Come il fuoco può incenerirti. Distruggerti» (O. Fallaci, Il Corriere 3 giugno 2005)

49 Il tema di diritti umani è il campo di battaglia tra la cultura della vita e la cultura della morte ed è una battaglia che non si svolge soltanto sul piano filosofico o etico, ma anche sul piano sociale, giuridico e politico, tantè vero che la minaccia frontale è capace al limite di mettere a repentaglio lo stesso significato della convivenza democratica, di stato di diritto, di libertà, di diritto, di legalità e di uguaglianza.

50 I diritti umani crollano nellinconsistenza, o addirittura si capovolgono in inedite oppressioni contro luomo, se viene ignorato il problema del soggetto che ne è titolare, o, peggio, se la norma giuridica pretende di non riconoscere luomo, ma di costituirlo

51 LA QUESTIONE ANTROPOLOGICA. LUOMO: PROBLEMA BIOETICO, PROBLEMA GIURIDICO

52 Nessuna epoca ha saputo conquistare tante e così svariate cose come la nostra [...] Eppure [...] in Nessuna epoca luomo è divenuto così problematico come nella nostra (M. Heidegger) Nella storia di oltre diecimila anni questa è la prima epoca in cui luomo è diventato per sé radicalmente e universalmente problematico. Luomo non sa più chi egli sia… (M. Scheler)

53 La rivoluzione biotecnologica ci obbligherà a considerare molto attentamente i nostri valori più profondi e ci COSTRINGERÀ A PORCI DI NUOVO E SERIAMENTE LA DOMANDA FONDAMENTALE SUL SIGNIFICATO E LO SCOPO DELL'ESISTENZA. E questo potrebbe rappresentare il risultato più importante. Il resto dipende da noi. (Jeremy Rifkin, The Century Biothec, trad it. Baldini e Castoldi, Milano, 1998, p. 370)

54 «Unaltra novità di grande spessore e implicazioni che ha guadagnato molto spazio nellultimo decennio è quella che viene indicata come questione antropologica… Negli interrogativi intorno alluomo, infatti, sulle domande su chi egli realmente sia, sui suoi rapporti con il mondo e con la natura, ma anche nelle questioni che riguardano levolversi dei suoi comportamenti … e le nuove e rapidamente crescenti possibilità di intervento sulla sua stessa realtà che le scienze e le tecnologie stanno aprendo … confronto che si svolge in tutto loccidente ed anzi si estende sempre più a livello planetario…» (C. Ruini, Verona ottobre 2006)

55 LA QUESTIONE DEL SOGGETTO La Bioetica tocca il fondamento dei diritti umani: LA QUESTIONE DEL SOGGETTO Chi ha diritto ai diritti delluomo? Può distinguersi nellambito dei diritti umani tra essere umano e persona? Può la dignità umana essere separata dalla vita umana? Che rapporto cè tra vita umana, diritti umani e ordinamento giuridico?

56 GLI SGUARDI LO SGUARDO DEI SENSI (la materia e il nuovo dualismo) (I signa personae, gli indicatori di umanità, le funzioni superiori) Rapporto Oleari: nei pazienti in stato vegetativo persistente è andata perduta definitivamente la funzione che più di ogni altra identifica lessenza umana. Essi (così come il feto prima del terzo mese […] o il bambino nato anencefalico) sono esseri umani puramente vegetativi, la cui sopravvivenza è affidata ai presidi che i parenti e la società sono capaci o disposti ad offrire» LO SGUARDO FISICO

57 «Luomo non riesce più a percepirsi come misteriosamente altro rispetto alle creature terrene; egli si considera come uno dei tanti esseri viventi, come un organismo che, tutt al più ha raggiunto uno stadio molto elevato di perfezione. Chiuso nel ristretto orizzonte della sua fisicità, si riduce in qualche modo a una cosa e non coglie più il carattere trascendente del suo esistere come uomo» (EV, n. 22)

58 LO SGUARDO della FEDE (il mistero dimostrato; la dignità rivelata) La vita che Dio dona alluomo è diversa e originale di fronte a quella di ogni altra creatura vivente, in quanto egli, pur imparentato con la polvere della terra, è nel mondo manifestazione di Dio, segno della sua presenza, orma della sua gloria. Alluomo è donata unaltissima dignità, che ha le sue radici nellintimo legame che lo unisce al suo Creatore: nelluomo risplende u riflesso della stessa realtà di Dio (Giovanni Paolo II, Evangelium Vitae, 34) OGNI ESSERE UMANO, NATO E NON ANCORA NATO, E CHIAMATO ALLESISTENZA PER UNA GRANDE COSA: AMARE ED ESSERE AMATO Sguardo soprannaturale

59 LO SGUARDO DELLA MENTE (il mistero intuito; la dignità scommessa) Il postulato Il mistero laico Religione civile Religione laica Il principio di venerazione Il sacro nei limiti della ragione INTUS LEGERE LO SGUARDO METAFISICO fede nei diritti fondamentali dell'uomo, nella dignità e nel valore della persona umana … (DUDU)

60 Di fronte allonnipotenza dello Stato totalitario [...] la Costituzione ha costruito un ordinamento legato ad un sistema di valori che pone il singolo uomo, nella sua dignità, al centro di tutte le sue norme [...] a fondamento di questa concezione è lidea che luomo nellordine della creazione, possiede un valore proprio ed autonomo che esige costantemente il rispetto incondizionato della vita di ogni singolo, anche della vita di colui che può sembrare socialmente senza valore [...]. (Corte Cost. tedesca, 1975)

61 IL COMPIMENTO DELLA MODERNA IDEA DEI DIRITTI UMANI PRINCIPIO DI UGUAGLIANZA SOSTANZIALE VERTICALE IL CONCETTO TECNICO GIURIDICO DI PERSONA PRINCIPIO DI SOLIDARIETA PRINCIPIO DI PRECAUZIONE

62 LUGUAGLIANZA SOSTANZIALE VERTICALE LA DIGNITA UMANA 1) esprime valore finalistico (trascendenza, intangibilità) 2) è riconosciuta (non attribuita) sguardo dellintelligenza, atto silenzioso della mente, atto umile capacità di vedere oltre il visibile tipico elemento della giuridicità (relazionalità/socialità del diritto)

63 3) è distintivo specifico, valore intrinseco, non accessorio (inerente) 4) è necessaria per assicurare la pace, la giustizia e la libertà (il disconoscimento) 5) è uguale (non è graduabile) la dignità umana è sempre presente con la stessa forza e la stessa intensità (cioè è sempre uguale) in ogni esistenza umana

64 LA FORZA ESPANSIVA DELLA DIGNITA UMANA

65 A. LE IMPLICAZIONI: Lappartenenza alla famiglia umana è il titolo della dignità Indisponibilità della vita umana La prima e più immediata manifestazione della dignità umana è il diritto alla vita Se cè il diritto alla vita cè il soggetto Persona è laltro nome delluomo

66 B. I COROLLARI: 1. OGNI ESSERE UMANO E PERSONA IN SENSO TECNICO-GIURIDICO Capacità giuridica attitudine ad essere titolari di diritti e di doveri distingue il mondo degli oggetti da quello dei soggetti

67 IL POTERE DEL LEGISLATORE Costitutivo-decisionale (organizzazioni collettive) Ricognitivo-dichiarativo (esseri umani): la c.g. è la traduzione strettamente giuridica del principio di uguaglianza sostanziale La proposta di modifica dellart. 1 del codice civile

68 La capacità giuridica si acquista dal momento della nascita. I diritti che la legge riconosce a favore del concepito sono subordinati all'evento della nascita (462, 687, 715, 784). Le limitazioni alla. capacità giuridica derivanti dall'appartenenza a determinate razze sono stabilite da leggi. speciali (abrogato nel 1944). Ogni essere umano ha la capacità giuridica fin dal momento del concepimento. I diritti patrimoniali che la legge riconosce a favore del concepito sono subordinati all'evento della nascita.

69 FAVOR FILII STATO SALUTE PRESUNZIONE VITALITA frutto di una lunghissima maturazione storica e per decenni indiscusso, dopo i tanti cambiamenti intervenuti (di civiltà, di tecnologie, di scelte nuove che si devono affrontare), si trova oggi in un contesto profondamente diverso: tanto diverso che la storia ha ormai invertito, rispetto al suo mantenimento, l'onere della prova. Non tocca più a chi vuole cambiarlo dimostrare le ragioni per cui intende cambiarlo. Tocca a chi lo vuole lasciare com'è, dimostrare le ragioni attuali per cui dovrebbe restare com'è. La discussione si apre da qui. (Giuliano Amato, Liberal, aprile 1997)

70 La capacità giuridica nei documenti internazionali Dichiarazione Universale dei diritti delluomo (1948), art. 6 e Patto Internazionale sui diritti civili e politici (1966), art. 16: Ogni individuo ha diritto al riconoscimento in qualsiasi luogo della sua capacità giuridica

71 Convenzione americana sui diritti delluomo (1969), art. 1: … ogni essere umano è persona art. 3: Ogni persona ha diritto al riconoscimento della sua personalità giuridica art. 4: Ogni persona ha diritto al rispetto della sua vita. Tale diritto deve essere protetto dalla legge sin dal momento del concepimento

72 2. IL PRINCIPIO DI SOLIDARIETA a)LA PROTEZIONE DEL DEBOLE Togliete alluomo la ricchezza ed il dominio delle cose: il diritto dovrà continuare ad essere la sua difesa. Toglietegli anche la capacità di realizzare, di pensare, di dire cose intelligenti, di lavorare ed essere utile: il diritto dovrà ugualmente dichiararne il valore. Riducetelo ad un povero sciocco, mendicante, malato, un peso per la società: il diritto si suiciderebbe se lo privasse di tutela. Ed ora impoveritelo fino al massimo, rimpicciolitelo fino al momento dellinizio, nascondetelo perché non si veda e non susciti sentimenti, toglietegli la voce e lo stesso nome: troverete la radice della giuridicità se, almeno, vi lascerete inquietare e pretenderete, almeno, che il diritto (non la sola morale) pronunci la parola che riconosce la dignità delluomo. Di più: immaginate (è facile!) che tutto converga contro la vita stessa di questuomo-che-comincia […] e ripetete, nonostante tutto, non è lecito [uccidere], voi scoprirete la nobiltà, la funzione tipica del diritto (Carlo Casini, 1981 e 2003)

73 b) LA RECIPROCITA DEL RICONOSCIMENTO DELLUGUALE DIGNITA SOSTANZIALE SI PUO DIMENTICARE IL DEGRADO DEL PROPRIO CORPO SE LO SGUARDO DEGLI ALTRI E PIENO DI TENEREZZA

74 3. LA RILEVANZA GIURIDICA DEL DUBBIO (Il principio di precauzione) In dubio pro-vita; in dubio - pro homine nei casi dubbi deve essere scelta quella interpretazione che sviluppa nel modo più penetrante la forza giuridica del diritto fondamentale Appare evidente che nei casi dubbi va sempre accordata priorità assoluta ai diritti umani fondamentali

75 I DIRITTI UMANI DELLA BIOETICA: i diritti di quarta generazione I diritti di indole biofisica /esistenziali Diritto al riconoscimento Diritto alla vita Diritto alla identità genetica (i diritti alla vita e alla dignità delluomo sanciti dagli artt. 2 e 3 della Convenzione europea dei diritti delluomo implicano il diritto di ereditare caratteri genetici che non abbiano subito alcuna modificazione; Racc. CE, 934/1982)

76 Diritto alla integrità fisica e organismica Diritto alla famiglia (identità psicologica ed esistenziale) Diritto allassistenza sanitaria Diritto al consenso informato (legittimazione e fondamento dellatto medico, e allo stesso tempo, strumento per realizzare quella ricerca di alleanza terapeutica e di piena umanizzazione dei rapporti tra medico e paziente, cui aspira la società attuale, CNB )

77 Il diritto a morire con dignità (COME, NON QUANDO: cure proporzionate, normali, palliative; rifiuto dellaccan. terap., assistenza/accompagnamento psicologico, morale, spirituale) Diritto allobiezione di coscienza

78 La Bioetica rivela il significato del diritto. Si tratta da parte della Bioetica in accordo con i diritti umani, di assicurare uno dei risultati più faticosi e difficili del cammino della civiltà: quello di trovare larmonia tra il progresso scientifico e tecnico-conoscitivo e quello di ordine morale, culturale, giuridico, politico.

79 LE FONDAMENTALI FORZE CHE DANNO MOTO E FINALITA ALLA STORIA NON SONO QUELLE CONSTATABILI E VISIBILI DELLA SUPERFICIE, SONO QUELLE INVISIBILI DEL PROFONDO: FORZE INVISIBILI ANALOGHE ALLE CORRENTI CHE MUOVONO GLI ABISSI DEGLI OCEANI (G. La Pira, 1976)


Scaricare ppt "Ateneo Pontificio Regina Apostolorum a.a. 2006 - 2007 DIRITTI UMANI E BIOETICA Prof. CARLO CASINI (lezione del 27-2-07)"

Presentazioni simili


Annunci Google