La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Dieta nellAnziano. Morti/anno MORTALITA PER SESSO Tunstall-Pedoe,1998.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Dieta nellAnziano. Morti/anno MORTALITA PER SESSO Tunstall-Pedoe,1998."— Transcript della presentazione:

1 La Dieta nellAnziano

2 Morti/anno MORTALITA PER SESSO Tunstall-Pedoe,1998

3 Le malattia in Menopausa e Senilità LEONARDO BOTERO In entrambi i sessi è presente obesità- sarcopenica, fino alla malnutrizione Nelle donne in menopausa ridistribuzione androide del grasso corporeo (Poehlman, Ann Int Med 1995) In menopausa il rischio di SM aumenta del 60% (NHANES III) IperTG, LDL piccole, dense,basso HDL La metà eventi cv in menopausa correlati alla presenza di SM (NHANES III) Ipertensione arteriosa Sistemica

4 Malattie ossee fragilizzanti Patologia osteo- articolare Alterazioni muscolo- scheletriche (Propensione alle cadute)

5 Prevenzione primaria Prevenzione secondaria Stili di vita- comportamenti Farmaci

6 MALNUTRIZIONE nellanziano 5-10% degli anziani che vive a casa 25-60% degli anziani in case di cura 50% degli anziani ospedalizzati GERONT.GERIATR., PV, 1995

7 PRINCIPALI CAUSE di PERDITA DI PESO negli Anziani (according MORLEY) 1) Sociali (povertà, istituzionalizzato, isolamento sociale) 2) Psicologiche (depressione) 3) Mediche 4) età-correlate (edentulia, non cucina, non esce )

8 Farmaci che influenzano lappetito e lo stato nutrizionale APPETIT0 Riduzione assorbimento INTESTINALE ALTERATIONSi del METABOLISMO Cambiamento nella escrezione dei nutrienti Isoniazide e Penicillamina (aumenta escrezione vit. B 12 ) Colestiramina perdita vitamine liposolubili Simpaticomimetici aumentano fabbisogno Antibiotici, barbiturici, FANS, colchicina, corticosteroidi, lassativi Riduzione: Antibiotici, Penicillamina, FANS,, lassativi, levodopa, cardiocinetici aumento: gastrocinetici ormoni, sulfaniluree, neurolettici

9 ANORESSIA: perdita del desiderio di mangiare

10 ANORESSIA negli ANZIANI SINE CAUSA 1. DEPRESSIONE 2. ANORESSIA NERVOSA ATIPICA 4. DEMENZA di ALZHEIMER 3.

11

12 Composizione corporea nellanziano Composizione corporea nellanziano Attenzione alla massa muscolare SARCOPENIA: perdita involontaria della massa muscolare (Roubenoff R. et al, Amer. J. Clin. Nutr. 661: 192-6; 1997)

13

14 BMI per fasce di età (National Academy Press, Washington, DC, 1989, pp 21-22) aa 21 – 26 Kg/m 2 Maggiore 65 aa 24 – 29 Kg/m 2

15 Malnutrizione PROTEICO-ENERGETICA From Morley, Am J Clin Nutr, 1997:66:760 Conditioni associate/complicanze : -Immunodeficienza -Piaghe da decubito -Anemia -Osteopenia e sarcopenia -Cadute -Deficit cognitivi -Insufficienza respiratoria

16 La Dieta deve prevenire la malnutrizione

17 Acqua totale 50-60% del peso corporeo La disidratazione è una condizione clinica caratterizzata da diminuzione del contenuto di acqua corporea che generalmente si associa ad una alterazione del contenuto di elettroliti. Essa diventa clinicamente rilevante quando è superiore a 30ml/kg Cause: ridotto apporto idrico e/o una aumentata perdita Cause negli anziani: degenerazione ipotalamiche del centro della sete, abuso diuretici, nefropatie, La Disidratazione

18 La disidratazione è classificata in base al tipo in: isotonica: perdita di acqua e sodio corrispondenti (o isonatriemica concentrazione plasmatica di sodio compresa tra mEq/l) da vomito e diarrea ipotonica: perdita di sodio superiore a quella di acqua (o iponatriemica concentrazione di sodio <130 mEq/l) tipica da diuretici ipertonica: perdita di acqua superiore a quella di sodio (o ipernatriemica concentrazione di sodio > 150 mEq/L) da sudorazione Classificazione

19 Percentuale di peso corporeo perso per disidratazione 2% Alterazioni delle prestazioni 4% Diminuisce funzionalità muscolare 5% Disturbi gastrointestinali, alterazioni temperatura corporea 7% Allucinazioni 10% ipovolemia, ipotensione, complicanze cardiovascolari 20% non compatibile con la vita Segni e Sintomi

20 TERAPIA REIDRATANTE Terapia Reidratante Orale(ORT): nei casi di disidratazione lieve-moderata (3-5% di decremento ponderale) soluzioni costituite da Glu: mmol/L, Na+: 60 mEq/l, K: 20 mEq/l, Cl: mEq/l, Osmolarità: mOsm

21 Alterazioni metabolismo calcio- fosforo

22 Riduzione Fratture Nonvertebrali con Calcio e Vitamina D (500mg/700UI) % Fratture Mesi p=0.02 Dawson-Hughes B et al, N Engl J Med 1997;337: Placebo Calcio + Vitamina D

23

24 CIBI RICCHI IN CONTENUTO DI CALCIO FORMAGGI (max parmigiano 1300 mg/100 g, pecorino: 1200 mg/100 g) LATTE 120 mg/100 g PESCE (max sarde 150 mg/100 g, polpo 144 mg/100g) ORTAGGI (max cavolo 179 mg/100 g) FRUTTA SECCA (mandorle 234 mg/100 g nocciole 250 mg/100 g)

25 Anziani: Apporto dietetico di Calcio insufficiente Cause: Iperlipidemie Scarsa esposizione ai raggi solari Edentulia Attenzione al peso malassorbimento Fabbisogno anziani > 1000 mg/die

26 Contenuto in calcio in alimenti- fabbisogno 300 mg di Ca si trovano in: g di formaggio a pasta dura (Emmental, Parmigiano, Cheddar, ecc.) 50 g di formaggio a pasta molle (Camembert, Brie, ecc.) 200 g di latte scremato o yogurt 150 g di mandorle, fichi secchi 200 g di fagioli secchi 500 g di verdura verde (cavolo, porro, spinaci, broccoli ), pane integrale litro di alcune acque minerali ricche di calcio (controllare in etichetta)

27 Come garantire il fabbisogno di calcio e vitamina D nellanziani????

28

29 Prodotti della biotecnologia addizionati di calcio o vitamina D latte bevande a base di soia margarine spalmabili condimenti yogurt

30 La Dieta deve prevenire alterazioni calcio- fosforo

31 La diete deve apportare Proteine massa muscolare

32 Dieta nellanziano Idratazione, liquidi circa 1500 ml/die Deve fornire Kcal/ kg Proteine almeno 1gr /kg /die (carne, pesce, cereali, prodotti caseari) Grassi insaturi >10% calorie totali Fibre circa gr/die; minerali e vitamine (frutta, verdura) Calcio mg/die Alimenti facilmente digeribili Piccoli pasti Associata a: Attività fisica Esposizione ai raggi solari Alimenti funzionali

33 Cardini Abolizione assunzione di ogni tipo di carne animale, compresi i pesci e i crostacei, Alcuni continuano a mangiare i sottoprodotti animali, quali latte, uova, formaggio e miele. Continuano a assumere prodotti industriali, surgelati, alterati con conservanti e coloranti, o di dubbia provenienza.

34 Carenze ferro (anemie sideropenica) assenza di carne e eccesso di fibre proteine animali (assumono quelle vegetali) vitamina B12 (anemia megaloblastica) talvolta occultato dallacido folico normale dall11-90% popolazione vegetariana Calcio (carente se non assumono derivati )

35 Omocisteina In condizioni normali, lomocisteina viene rimossa dal circolo mediante due reazioni metaboliche: la prima detta rimetilazione, consiste nella trasformazione dellomocisteina in metionina e richiede lintervento di folati e di vit b12. La seconda detta transulfurazione, consiste nella trasformazione dellomocisteina in cisteina e richiede la presenza della vit b6.

36

37 iperomocisteinemia questo aminoacido deve superare il valore plasmatico di micromoli/lt

38


Scaricare ppt "La Dieta nellAnziano. Morti/anno MORTALITA PER SESSO Tunstall-Pedoe,1998."

Presentazioni simili


Annunci Google