La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE AZIENDE FEMMINILI Iniziativa Comunitaria Equal Imprenditorialità femminile nella Provincia di Pesaro-Urbino Luigina Mancini Pesaro, 16 febbraio 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE AZIENDE FEMMINILI Iniziativa Comunitaria Equal Imprenditorialità femminile nella Provincia di Pesaro-Urbino Luigina Mancini Pesaro, 16 febbraio 2007."— Transcript della presentazione:

1 LE AZIENDE FEMMINILI Iniziativa Comunitaria Equal Imprenditorialità femminile nella Provincia di Pesaro-Urbino Luigina Mancini Pesaro, 16 febbraio 2007

2 16 febbraio Il campione 299 aziende nei settori: Agricoltura33,4% Mobile 20,7% Tessile-Abbigliamento 20,1% Turismo 25,8%

3 16 febbraio Natura giuridica delle aziende AgricolturaMobileTessile – Abbigliamento Turismo Impresa Individuale 87,035,558,373,7 Società di persone 11,029,035,018,4 Società di capitale 1,035,56,77,9 Società cooperativa 1,00,0

4 16 febbraio La struttura societaria 1 solo socio4,1% 2 soci58,8% 3 soci24,7% 4 o più soci12,2%

5 16 febbraio Gli addetti Nessuno50,0% Da 1 a 529,9% Da 6 a 1515,1% Da 16 a 504,4% Oltre 500,6%

6 16 febbraio Landamento del fatturato Fino a ,863,762, – ,714,416, – ,19,39, – ,43,33, fino a un milione4,24,43,1 Oltre un milione4,94,85,2

7 16 febbraio Pensa di trasferire lazienda ai suoi figli quando si ritirerà dal lavoro? Sì e ci stiamo preparando19,7% Sì, ma non so ancora se saranno daccordo15,7% No, perché i figli non sono interessati 17,3% No, preferisco vendere o chiudere15,7% Non ho ancora deciso31,5%

8 16 febbraio La vita associativa Aziende iscritte ad associazioni63,2% Imprenditrici che ricoprono/hanno ricoperto cariche ufficiali2,7% Partecipano a consorzi11,7%

9 16 febbraio Le aziende del mobile Imprenditrici mediamente più giovani Minore presenza di imprese individuali a favore di forme societarie Compagine sociale più estesa Numero medio di addetti più elevato Settore nel quale più aziende hanno visto aumentare il numero di addetti negli ultimi tre anni

10 16 febbraio Le aziende del mobile Coinvolgimento del personale nelle decisioni aziendali Attenzione ai bisogni formativi e offerta di facilitazioni in tal senso Offerta di opportunità formative alla comunità locale Attenzione allinquinamento e allottimizzazione/riciclaggio dei rifiuti

11 16 febbraio Le aziende del mobile Più indecisione e incertezza sul passaggio generazionale Diffusa presenza di aziende conto-terziste Ridotta importanza dei mercati esteri Il fattore di sviluppo ritenuto più importante è il rapporto qualità/prezzo seguito dalla qualità del prodotto Prestano particolare attenzione alle esigenze dei clienti e alla qualità del prodotto

12 16 febbraio Le aziende agricole Età media dellimprenditrice più elevata Età media dellazienda più bassa In larga parte imprese individuali Ridotto numero di addetti, stabile o in diminuzione nellultimo triennio Più frequentemente si tratta di aziende ereditate (in particolare dal lato materno)

13 16 febbraio Le aziende agricole Dimensione media (in ettari) contenuta Prevale lindirizzo cerealicolo L80% colloca il prodotto sul mercato locale Partecipazione abbastanza frequente a consorzi Il passaggio a nuova proprietà non ha comportato lintroduzione di innovazioni rilevanti

14 16 febbraio Le aziende agricole Offerta di facilitazioni per la partecipazione a corsi di formazione o universitari Sensibili al rispetto dellambiente naturale Limitato uso di sostanze chimiche (antiparassitari, diserbanti, concimi chimi) Partecipano alla vita associativa Pensano di trasferire lazienda ai figli

15 16 febbraio Le aziende del tessile Prevalgono le imprese individuali ma sono frequenti anche le società di persone Più elevata presenza di donne nella compagine sociale Hanno visto più frequentemente una diminuzione degli addetti Si tratta più frequentemente di aziende fondate ex-novo

16 16 febbraio Le aziende del tessile Limitato coinvolgimento del personale nelle decisioni aziendali Poca attenzione ai bisogni di formazione Offerta di facilitazioni per favorire la conciliazione del lavoro con gli impegni familiari Più orientate verso la vendita o la chiusura dellazienda

17 16 febbraio Le aziende del tessile Producono prevalentemente per il mercato dellabbigliamento femminile capi di fascia alta o medio-alta ma raramente con un marchio proprio Numero contenuto di clienti I mercati di riferimento sono quello locale e nazionale

18 16 febbraio Le aziende del tessile Il più importante fattore di sviluppo per il settore è considerato la qualità del prodotto Dedicano molta attenzione alle esigenze dei clienti e meno al comportamento dei concorrenti, allinnovazione, alle tendenze del mercato Pessimiste rispetto alle prospettive di mercato

19 16 febbraio Le aziende del turismo Prevalgono le imprese individuali Sono le aziende relativamente più anziane Più frequentemente si tratta di aziende rilevate da altri imprenditori Se fondate ex-novo le imprenditrici hanno ricevuto il sostegno dalle ass.ni di categoria La stagionalità è un aspetto del lavoro poco gradito

20 16 febbraio Le aziende del turismo Per aumentare la competitività del settore ritengono importante in primo luogo adeguare le infrastrutture Minore attenzione ai bisogni formativi degli addetti Minore propensione a concedere facilitazioni nellorario di lavoro

21 16 febbraio Le aziende del turismo Attente alle misure per la prevenzione dellinquinamento Presenti nella vita della comunità locale con sponsorizzazioni, donazioni, ecc… Ricoprono o hanno ricoperto cariche allinterno delle associazioni di categoria I figli non sono interessati a rilevare lazienda


Scaricare ppt "LE AZIENDE FEMMINILI Iniziativa Comunitaria Equal Imprenditorialità femminile nella Provincia di Pesaro-Urbino Luigina Mancini Pesaro, 16 febbraio 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google