La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA DIETA NEL DIABETE Prof. Paolo Polidori Università di Camerino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA DIETA NEL DIABETE Prof. Paolo Polidori Università di Camerino."— Transcript della presentazione:

1 LA DIETA NEL DIABETE Prof. Paolo Polidori Università di Camerino

2 La Patologia Il diabete mellito costituisce una delle principali malattie sociali in Italia per la diffusione e per i problemi ad esso associati. Il diabete è in aumento in molte popolazioni del mondo: negli USA si stima che interessi il 7.3% della popolazione totale.

3 La Sintomatologia Il diabete mellito è un disordine del metabolismo caratterizzato da unelevata concentrazione di glucosio nel sangue dovuta o ad una carenza di insulina o allazione ridotta di insulina. I più comuni sintomi del diabete sono aumento della sete, aumento della fame, eccessiva minzione, talora perdita di peso, visione sfuocata, stanchezza e, nella carenza grave di insulina, chetoacidosi (manifestazioni acute).

4 Conseguenze del Diabete Se non precocemente diagnosticato e curato, il diabete può portare a complicanze gravi come nefropatie, cecità e malattie cardiovascolari. Prevenire o ritardare la comparsa del diabete nelle persone geneticamente predisposte è oggi possibile con adeguati programmi terapeutici, cambiamenti dellalimentazione, esercizio fisico e altre opportune abitudini di vita.

5 Classificazione del Diabete Mellito Il diabete mellito (DM) può essere classificato in 4 forme clinicamente diverse: Diabete mellito insulino-dipendente (tipo I) Diabete mellito non insulino-dipendente (tipo II) Diabete mellito gestazionale (GDM) Diabete associato ad altre patologie (diabete secondario)

6 Diabete Mellito Insulino-Dipendente (tipo I) Il DM tipo I è caratterizzato da uninadeguata secrezione di insulina a causa di un processo autoimmunitario che provoca la quasi totale distruzione nel pancreas delle cellule delle isole di Langerhans. Il DM tipo I può a sua volta essere suddiviso nella classica forma ad insorgenza giovanile ed in una forma che colpisce invece soggetti al di sopra dei 30 anni.

7 Diabete Mellito non insulino- dipendente (tipo II) E la forma più frequente in età avanzata e la sua insorgenza è spesso correlata allobesità ed a bassi livelli di esercizio fisico. Si tratta di una patologia caratterizzata dal precoce invecchiamento delle cellule pancreatiche. Lereditarietà del DM tipo II svolge un ruolo decisamente maggiore rispetto al DM tipo I.

8 Diabete Mellito Gestazionale (GDM) Si instaura nelle ultime fasi di gestazione, 2° e 3° trimestre, quando aumentano i livelli degli ormoni insulino-antagonisti e si sviluppa resistenza allinsulina. Ciò si verifica nel 2-7% di tutte le gravidanze. Normalmente questa forma di diabete scompare dopo il parto, anche se unelevata percentuale di donne con una storia di GDM sviluppano un DM tipo II.

9 Diabete Mellito secondario Perché si manifesti è necessaria la perdita di oltre l80% delle isole di Langerhans presenti nel pancreas. Nei Paesi occidentali il DM secondario rappresenta lo % di tutte le forme di diabete. La frequenza sale nelle popolazioni con elevato consumo di alcol. Alcune patologie del pancreas producono resistenza allinsulina e possono portare al DM secondario: pancreatite, fibrosi cistica, ecc.

10 Intervento Dietetico nel DM Gli obiettivi principali della dieta per il DM sono: Aiutare i pazienti a raggiungere e mantenere un miglior controllo metabolico; Prevenire le complicanze acute a lungo termine; Migliorare lo stato generale di salute attraverso una corretta alimentazione;

11 Distribuzione dei Principi Nutritivi In condizioni normali non esistono presupposti per porre grosse limitazioni alla dieta di un diabetico, fuorché la necessità di mantenere un peso adeguato. Tale regola vale soprattutto per i diabetici obesi, per i quali sarebbe opportuna una riduzione di calorie fino al raggiungimento del peso ideale. La perdita di peso provoca infatti un marcato miglioramento della tolleranza ai carboidrati ed una riduzione della posologia degli ipoglicemizzanti.

12 Terapia Dietetica per Soggetti Diabetici In seguito alla scoperta dellinsulina (1921), cioè da quando per i pazienti diabetici non fu più necessaria una dieta rigorosissima, le raccomandazioni per lalimentazione hanno subito continui cambiamenti. Attualmente non esiste più una alimentazione per diabetici unica, ma una serie di linee guida personalizzate in base alle singole esigenze di vita del paziente.

13 Andamento Storico Raccomandazioni per Diabetici (% calorie) AnnoCarboidratiProteineLipidi < In base alle esigenze nutrizionali 10-20Max 10% acidi grassi saturi

14 Indirizzi Dietetici per Diabetici Le attuali indicazioni dietetiche suggeriscono un apporto energetico distribuito tra 50-60% di carboidrati, 10-20% proteine, 30% lipidi (max 10% saturi), con 2 importanti raccomandazioni: non superare i 300 mg di colesterolo al giorno e limitare il consumo di sale, in quanto può interferire con il metabolismo glicemico. Si consigliano 3 pasti principali (colazione, pranzo, cena) con 2-3 spuntini per i soggetti insulino- dipendenti, nessuno spuntino per i soggetti non insulino-dipendenti, che di solito risultano essere in sovrappeso.

15 Apporto Proteico per Diabetici I LARN raccomandano per ladulto un apporto proteico di g/kg di peso corporeo. Questo apporto deve essere suddiviso tra: Proteine di origine animale, soprattutto pesce, coniglio, pollo e tacchino; Proteine di origine vegetale, soprattutto legumi e cereali; Il totale dellapporto proteico deve essere circa il 10-20% del fabbisogno calorico giornaliero.

16 Apporto Lipidico per Diabetici I medici raccomandano di ridurre la quota lipidica in quanto esiste unassociazione tra diabete e malattie del metabolismo lipidico (ipertrigliceridemie, ipercolesterolemia, ecc.). Si raccomanda che non oltre il 30% dellenergia giornaliera totale provenga da grassi, di cui non oltre il 10% dai grassi saturi. Il colesterolo alimentare non dovrebbe superare i 300 mg al giorno.

17 Apporto Glicidico per Diabetici Le attuali linee guida raccomandano che il contributo dei carboidrati al fabbisogno energetico giornaliero sia pari al 50-60%, di cui l80% deve essere fornito soprattutto da amidi ed il 20% deve essere in forma di zuccheri semplici presenti in frutta, latte, fruttosio, e per i diabetici non obesi anche in gelati e dolci. Da ricordare lassunzione di fibra alimentare, che riducendo lindice glicemico riduce lassorbimento intestinale degli zuccheri.

18 Indice Glicemico Liperglicemia post prandiale rappresenta il problema più importante nel trattamento del Diabete Mellito. Lindice glicemico è un metodo per valutare le diverse risposte glicemiche ai cibi contenenti carboidrati, ossia laumento della glicemia in seguito allingestione di una dose equivalente (50 grammi) di alimenti ricchi in carboidrati. Quale alimento di riferimento si usa in pane bianco.

19 Indice Glicemico di alcuni Alimenti Pane bianco100 Pasta60 Riso81 Riso integrale79 Farina mais97 Cornflakes119 Gelato87 Latte intero39 Latte scremato46 Miele104 Patata118

20 Apporti in Fibra e in Frutta Si consiglia di assumere giornalmente g/die di fibra proveniente da fonti alimentari diverse quali verdure, legumi, cereali e frutta. E dimostrato che lassunzione di fibra in quantità > 20 g/die svolge unazione ipolipidemizzante e ipocolesterolemizzante. La frutta è un alimento ricco in fibra, ma contiene anche zuccheri semplici, ragion per cui fino a pochi anni fa il consumo era ristretto alle mele e pochi altri frutti.

21 Contenuto energetico e di zuccheri di alcuni frutti Frutto Zuccheri (g)Fibra alimentare (g) Contenuto Kcal Castagna44,210,1207 Mandarino16,51,972 Caco15,11,465 Uva14,71,562 Banana14,61,866 Fico10,51,647 Mela10,42,045 Kiwi9,92,552 Pera9,12,841 Arancia7,41,634

22 Bevande Consentite -1 ACQUA Rappresenta la bevanda base per i soggetti diabetici, non esiste alcun motivo per limitarne lassunzione, se non la presenza di particolari patologie renali o gastriche. TEA E CAFFE Non sono vietati purché vengano poco zuccherati.

23 Bevande Consentite -2 BIBITE COMUNI E sconsigliato il consumo di bevande gassate, che contengono quantità consistenti di zucchero, ed anche dei succhi e delle spremute di frutta, ai quali si deve preferire la frutta fresca. BEVANDE ALCOLICHE Quantità moderate di alcol sono tollerate, ai pasti e non a digiuno ( mL); si consigliano vini secchi e non vini dolci o liquorosi o spumanti.

24 Alimenti Dietetici per Diabetici - 1 EDULCORANTI Lassunzione di edulcoranti in sostituzione del saccarosio quali dolcificanti riducono lassunzione di energia e di glucosio nel sangue. Alcuni edulcoranti quali isomaltitolo e mannitolo a dosi > g/die possono avere effetti lassativi. La Legge impone lindicazione in etichetta di questi edulcoranti, da consigliare soprattutto ai pazienti diabetici ed obesi.

25 Alimenti Dietetici per Diabetici - 2 Esiste sul mercato una vasta gamma di prodotti alimentari appositamente studiati per diabetici: pane, pasta, grissini, fette biscottate, gelati, cioccolato, a basso contenuto di amidi e nei quali il saccarosio è stato sostituito del tutto o parzialmente con una più abbondante componente proteica o con altre sostanze dolcificanti come il fruttosio o il sorbitolo.

26 Conclusioni Il consumo degli alimenti studiati per diabetici non è determinante: basterebbe seguire una dieta semplice ed equilibrata. Luso di questi alimenti può consentire al diabetico di soddisfare piccoli peccati di gola e permettergli così di consumare un quantitativo leggermente superiore di quegli alimenti il cui apporto deve essere di norma limitato (pasta, pane, grissini, dolci, ecc.).


Scaricare ppt "LA DIETA NEL DIABETE Prof. Paolo Polidori Università di Camerino."

Presentazioni simili


Annunci Google