La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dinamica delle popolazioni. Caratteristiche di una poplazione Popolazione – individui della stessa specie che abitano nella stessa area nello stesso momento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dinamica delle popolazioni. Caratteristiche di una poplazione Popolazione – individui della stessa specie che abitano nella stessa area nello stesso momento."— Transcript della presentazione:

1 Dinamica delle popolazioni

2 Caratteristiche di una poplazione Popolazione – individui della stessa specie che abitano nella stessa area nello stesso momento Dinamica della popolazione: I cambiamenti allinterno di una popolazione sono dovuti a –Dimensione della popolazione – numero di individui –Densità di una popolazione - numero di individui in un certo spazio in un dato momento –Dispersione della popolazione – pattern spaziale di distribuzione in un habitat –Struttura delletà – proporzione di individui in ciascun gruppo di età in una popolazione

3 Dimensione di una Popolazione Natalità Mortalità Immigrazione Emigrazione

4 Crescita della popolazione Una popolazione crescerebbe esponenzialmente se non fosse regolata

5 Meccanismi di controllo sulla crescita della popolazione Variazioni ambientali Risorse limitate –Competizione –Selezione naturale Self-regulation –Il tasso di crescita rallenta propozionalmente allaumento degli individui di una popolazione

6 Densità di una popolazione quantità di individui in una popolazione per unità di area dellhabitat –Alcune specie esistono ad alte densità - tonni –Altre specie esistono a basse densità – balene Dipende da –comportamento sociale della popolazione –accoppiamento –periodo dellanno

7 Struttura delletà La struttura delletà di una popolazione, rappresentata solitamente da un grafico, indica se crescerà, diminuirà o non subirà variazioni. La popolazione è suddivisa in preriproduttiva, riproduttiva e postriproduttiva

8 Age Structure Diagrams Positive Growth Zero Growth Negative Growth (ZPG) Pyramid Shape Vertical Edges Inverted Pyramid

9 Carrying Capacity capacità portante dell'ambiente

10 Potentiale Biotico Fattori abiotici favorevoli: Luce temperatura Disponibilità di nutrienti –Fattori biotici: Tasso riproduttivo Nicchia generalizzata Capacità di migrare o disperdersi Adeguati meccanismi di difesa Capacità di superare condizioni avverse Fattori abiotici sfavorevoli : Luce temperatura Non disponibilità di nutrienti –Fattori biotici sfavoravoli: Tasso riproduttivo basso Nicchia specializzata Incapacità di migrare o disperdersi Indeguati meccanismi di difesa Incapacità di superare condizioni avverse Capacità di una popolazione di aumentare di dimensione

11 Potentiale Biotico (r)Potentiale Biotico (r) –in condizioni ideali, una popolazione potenzialmente cresce in modo esponenziale Resistenza ambientaleResistenza ambientale –Influenzano le giovani generazioni di una popolazione, impedendo loro di raggiungere la maturità sessuale

12

13 Accrescimento di una popolazione La crescita di una popolazione (Pop) dipende da –Tasso di nascita (b). –Mortalità (d). –Tasso di immigrazione (into area) (i). –Tasso di emigrazione (exit area) (e). Pop = Pop 0 + (b + i) - (d + e) ZPG (crescita zero) (b + i) = (d + e)

14 Accrescimento di una popolazione Due tipi di crescita: –Esponenziale Curva J-shaped La crescita è indipendente dalla densità della popolazione –Logistica curva S-shaped La crescita è dipendente dalla densità della popolazione

15 Exponential Growth Graph dove r è detto tasso di crescita istantaneo, o tasso intrinseco di crescita della popolazione.

16 Exponential Growth Tutte le popolazioni di organismi hanno la capacità di crescere in modo esponenziale, ma non tutti la realizzano

17 Crescita esponenziale: modello irrealistico Es. Balene r = AnnoNumero individui Peso superiore a quello della Terra!

18 Carrying Capacity (K) La curva esponenziale non è realistica dovuta alla carrying capacity di unarea La carrying capacity: numero di individui che possono vivere in un determinato habitat senza compromettere la futura capacità dellhabitat di supportare la vita. Quando il numero di individui di una certa popolazione supera la capacità dellhabitat si parla di sovrappopolazione.

19

20 Crescita logistica In conseguenza alla resistenza ambientale, la crescita della popolazione diminusce appena la densità raggiunge la carrying capacity Il grafico che rappresenta la curva di crescita individui/tempo diventa sigmoide (S-curved) Lo scarto temporale del periodo riproduttivo causa una diminuzione della popolazione La popolazione non sarà in uno stato stazionario, dovuto alle risorse (prede) e predatori

21

22 Caratteristiche di una popolazione Carrying Capacity Strategie riproduttive

23 Lo scopo di ogni specie è di produrre il massimo di progenie possibile. Ogni individuo ha una quantità limitata di energia per vivere e riprodursi Compromesso tra lunga vita o alto tasso riproduttivo La Selezione Naturale ha condotto verso due strategie riproduttive: r - e K -

24 Organismi a strategia r- Spendono la maggior parte della loro vita accrescendosi in modo esponenziale Alto tasso riproduttivo Vita breve

25 r Strateghe Molta progenie di piccole dimensioni Poche o nessuna cura parentale e protezione della progenie Precoce età riproduttiva La maggior parte della progenie muore prima di raggiungere letà riproduttiva Adulti di piccole dimensioni Adattati a climi e condizioni ambientali instabili. Alto tasso di crescita della popolazione Le dimensioni della popolazione fluttuano enormemente sopra e sotto la carrying capacity Specie generaliste Bassa capacità di competizione Specie pioniere di habitat disturbati, specie seriali precoci

26 K - Strateghe Mantengono la popolazione alla carrying capacity (K) Massima durata della vita

27 K- Strateghe Poca e grande progenie Molte cure parentali e protezione della progenie Età riproduttiva tardiva La maggior parte della progenie sopravvive fino alletà riproduttiva Adulti di grandi dimensioni Adattati a climi e condizioni ambientali stabili Basso tasso di crescita della popolazione Le dimensioni della popolazione sono stabili e vicini alla carrying capacity (K) Specie specialiste Alta capacità di competere Specie seriali tardive

28 Curve di sopravvivenza Mortalità tardiva: K-strateghe producono pochi giovani e li curano finché non raggiungono letà della riproduzione. Mortalità giovanile ridotta. Perdite costanti: tipico delle strategie riproduttive intermedie con mortalità costante in tutte le fascie di età Mortalità precoce: r-strateghe con molta prole, alta mortalità infantile, alta sopravvivenza solo quando raggiungono una certa dimensione ed età

29 Curve di sopravvivenza Tre tipi di curve: Mortalità tardiva (usualmente K– strateghe), alta mortalità negli stadi tardivi del ciclo vitale; Perdite costanti mortalità è più o meno la stessa in ogni fase; Mortalità precoce (usualmente r– strateghe), alta mortalità giovanile. Un modo per analizzare landamento della mortalità in funzione delletà è rappresentato dalle curve di sopravvivenza. Sono grafici che riportano in ascissa la sopravvivenza ed in ordinata il tempo (età).

30 Strategie di adattamento In un ambiente scarsamente affollato o mutevole (soggetto a uragani. stress etc.) le pressioni selettive favoriscono specie con elevato potenziale riproduttivo (Specie rstrateghe ) alta resilienza*, bassa resistenza In un ambiente affollato o fisicamente stabile le pressioni selettive favoriscono specie con basso potenziale riproduttivo ma elevate possibilità di utilizzo delle risorse (Specie Kstrateghe) alta resistenza, bassa resilienza *capacità di adattarsi ai cambiamenti e affrontare situazioni avverse

31 Specie specialiste e generaliste. Le prime hanno nicchie limitate, possono vivere in un solo tipo di habitat, si nutrono di un solo tipo di cibo e sono molto sensibili alle variazioni dei fattori ambientali e climatici. I generalisti sono gli organismi che hanno nicchie ampie e grande capacità di adattamento. Granchio reale

32

33 successione ecologica. La successione ecologica è una sequenza continua di modificazioni delle componenti biotiche e abiotiche di un'area; La sequenza delle comunità che via via si sostituiscono nell'ecosistema è detta "serie" e sono definiti "stadi seriali" le diverse fasi di transizione. Le comunità che si succedono partono da una comunità pioniera, fino ad una comunità che presenta un certo grado di stabilità (comunità climax) Ricci di mare Nereocystis Laminaria groenlandica Dinamica degli ecosistemi

34 EVOLUZIONE DI UN ECOSISTEMA L'evoluzione ecosistemica culmina con una fase detta CLIMAX per raggiungere la quale si succedono una serie di passaggi graduali (stati serali). Lo stadio finale CLIMAX, dinamicamente stabile, persiste finché non intervengano grosse perturbazioni esterne.

35 popolazione crescita Mortalità M+F riproduzione reclutamento Una popolazione è data dallequilibrio di diversi fattori che ne determinano dimensione, crescita o declino. reclutamento: ingresso dei nuovi nati nella popolazione crescita: aumento di biomassa (B) per la crescita dei singoli individui mortalità: riduzione legata agli animali che muoiono, M morte naturale o per predazione, F pesca Stock: indica la frazione sfruttabile della popolazione, quella cioè prelevabile con gli attrezzi da pesca. Popolazione e stock ittico

36 In una condizione di equilibrio (stock non pescato) il reclutamento annuale è bilanciato dalle perdite dovute alla mortalità naturale Nellistante in cui introduciamo la mortalità da pesca, aumenta la mortalità… ma anche i metodi di reclutamento! Diminuendo il valore della biomassa B mediante catture, aumenterà il tasso di crescita della popolazione, T. Il meccanismo di prelievo da un aumento del tasso di crescita rispetto alle condizioni normali, questo è la surplus production. T B0 Stock: indica la frazione sfruttabile della popolazione, quella cioè prelevabile con gli attrezzi da pesca

37 MSY surplus production B prelievo sforzo La surplus production è massima a ½ B, se il prelievo continua oltre questo punto lequilibrio si rompe, la popolazione non è più in grado di compensare e comincia a diminuire. MSY=1/2 B è il massimo rendimento sostenibile. Con sforzo di pesca si intende linsieme degli attrezzi e del tempo impiegati per catturare un quantitativo di pesce in unarea. Fino al raggiungimento del MSY, aumentando lo sforzo di pesca aumenterò le catture. Oltre il MSY lo sforzo di pesca sarà eccessivo, la popolazione non riesce più a riequilibrare il prelievo e inizierà a diminuire (overfishing). La riduzione dello sforzo di pesca è ciò che si ottiene con il riposo biologico.

38 Biologia della conservazione Utilizzo rispettoso delle risorse naturali da parte delluomo Nato nel 1970 in risposta al problema della conservazione della biodiversità Dedicato alla protezione dellecosistema e per prevenire lestinzione prematura delle specie.

39 Biologia della conservazione 3 principi3 principi 1.La biodiversità e lintegrità ecologica sono utili e necessari per tutti le forme viventi e non deve esere ridotta dallattività umana 2.Gli esseri umani non dovrebbero causare lestinzione prematura di popolazioni o specie, o distruggere i processi ecologici vitali 3.Il modo migliore di conservare la biodiversità e lintegrità ecologica è mantenere inatto lecosistema per fornire sufficienti habitat

40 Impatto umano Frammentazione e distruzione degli habitat Semplificazione degli ecosistemi Rafforzamento di specie di batteri patogeni causato dalluso eccessivo di pesticidi Eliminazione di alcuni predatori

41 Impatto umano Introduzione di nuove specie accidentale o volontaria Sovrasfruttamento di risorse potenzialmente rinnovabili Interferenza con il normale ciclo chimico e flusso di energia in un ecosistema


Scaricare ppt "Dinamica delle popolazioni. Caratteristiche di una poplazione Popolazione – individui della stessa specie che abitano nella stessa area nello stesso momento."

Presentazioni simili


Annunci Google