La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mortalità: registri regionali, dati nazionali e problemi nelluso dei dati da parte dei Registri Tumori Carlo Alberto Goldoni Servizio Epidemiologia AUSL.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mortalità: registri regionali, dati nazionali e problemi nelluso dei dati da parte dei Registri Tumori Carlo Alberto Goldoni Servizio Epidemiologia AUSL."— Transcript della presentazione:

1 Mortalità: registri regionali, dati nazionali e problemi nelluso dei dati da parte dei Registri Tumori Carlo Alberto Goldoni Servizio Epidemiologia AUSL Modena Corso di aggiornamento annuale Incidenza dei tumori: rischio ambientale, disuguaglianze e indicatori clinici

2 Mi è sembrato utile cominciare con un po di storia….. Si noti lanno di questo modello di certificato delle cause di morte

3 Il flusso delle cause di morte è sempre stato un po complesso, forse più del necessario….

4 Qui cominciano i registri locali di Usl, anche se la norma prevedeva la tenuta del Registro delle Cause di Morte da parte dellUfficiale Sanitario anche in precedenza

5 MORTALITA, aspetti generali e particolari (a) FONTE DEL DATO La fonte del dato di mortalit à è sostanzialmente una sola: scheda di morte ISTAT talora (eccezionalmente) integrata e corretta con il dato autoptico (*) Non hanno alcun valore: - S.D.O. - Cartella Clinica Ospedaliera - Cartella Sanitaria MMG - Bollettino/Certificato Necroscopico (ex art.141 R.D.1238/39) - Esami diagnostici vari Radiografia Esami emato-chimici Ecografia TAC RMN Biopsia Esame istologico - Referto autopsia (*) ATTENZIONE!!!! in duplice copia!!!

6 ESAME ISTOLOGICO Linfoma diffuso a grandi cellule B R.M.N. Vasta area di emorragia in sede cerebrale intraparenchimale profonda S.D.O. / D.R.G. Paziente dimesso con diagnosi di carcinoma polmonare, lobo inferiore destro ESAMI EMATO/CHIMICI Glicemia:450 mg/dl Glicosuria+++ RX tubo digerente Diverticolosi diffusa del colon Arresto cardiocircolatorio Insufficienza multiorgano

7 MORTALITA, aspetti generali e particolari (b) CAUSA DEL DECESSO Tante patologie riportate sulla scheda ma una sola causa selezionata Infatti il numero delle cause di morte deve corrispondere al numero dei deceduti e pertanto per ogni scheda dovr à essere individuata (... privilegiata...) una sola causa.

8 MORTALITA, aspetti generali e particolari (c) CODIFICA DELLA CAUSA DI MORTE La causa selezionata (che dovrebbe corrispondere a quella che ha dato origine al concatenamento di eventi che ha portato al decesso) viene chiamata causa iniziale e indicata con un codice alfa-numerico Il procedimento (caratterizzato dall applicazione di precise e rigorose regole) che, a partire da pi ù patologie espresse in comuni termini letterari porta all estrazione di un singolo codice si chiama codifica o codificazione della causa di morte.

9 IPERTENSIONE ARTERIOSA I10 INFARTO MIOCARDICO I21.9 CARDIOPATIA ISCHEMICA I25.9 INSUFFICIENZA AORTICA I35.1 CARCINOMA GASTRICO C16.9 GASTRITE EROSIVA K29.7 ULCERA PEPTICA K27.9 COLECISTITE K81.9 ENFISEMA POLMONARE J43.9 CACHESSIA NEOPLASTICA C80 ARRESTO CARDIACO I46.9 EPATITE C B17.1 INSUFFICIENZA RENALE N19 ARTRITE REUMATOIDE M06.9 Si applica dapprima il Principio Generale, selezionando il codice I10; Poi si applica una prima volta la Regola di modifica C (ACME tab.E - LMP) selezionando il codice I25.9 ed infine si applica una seconda volta la stesssa Regola C selezionando, definitivamente il codice I21.9 = infarto miocardico. Si applica dapprima la Regola 2 selezionando il codice C80, Poi si applica la Regola di modifica D (ACME tab.E-SMP) selezionando il codice C16.9 = carcinoma gastrico Causa iniziale

10 MORTALITA, aspetti generali e particolari (d) IL CODICE Ogni entit à nosologica viene trasformata in codice. Il codice è una sequenza di cifre, precedute o meno da una lettera, che fa riferimento alla Classificazione Internazionale delle Malattie = ICD. Nel corso degli anni sono state realizzate successive revisioni e, dall anno 2003, l ISTAT pubblica i dati di mortalit à adottando la decima revisione = ICD-10. L adozione dell ICD-10 è un evento relativamente recente e di fatto, in Italia, si sta vivendo attualmente una delicata e travagliata fase di transizione dal sistema ICD-9 (codici numerici) al sistema ICD-10 (codici alfa- numerici).

11

12 MORTALITA, passaggio ICD-9 ICD-10 (a) PRINCIPALI CAMBIAMENTI NELLA PROCEDURA DI CODIFICA DELLA CAUSA DI MORTE PRODOTTI DAL PASSAGGIO DA ICD-9 a ICD-10: 1. cambiano i codici che individuano le singole patologie 2. cambia la collocazione settoriale di alcune patologie 3. cambia limportanza che viene data ad alcune patologie 4. cambia lammissibilità di rapporti consequenziali/causali fra alcune patologie 5. cambia laggregabilità di gruppi di patologie in un unico codice nosologico 6. viene ammessa la possibilità di effettuare importanti aggiornamenti periodici.

13 1. cambiano i codici che individuano le singole patologie Carcinoma polmonareICD-9 = 162.9ICD-10 = C34.9 Diabete mellitoICD-9 = 250.0ICD-10 = E14.9 Ictus CerebriICD-9 = 436ICD-10 = I64 2. cambia la collocazione settoriale di alcune patologie Demenza tipo AlzheimerICD-9 = 290.1;settore V, Disturbi psichici ICD-10 = G30.1;settore VI, Malattie del sistema nervoso T.I.A. (attacco ischemico transitorio) ICD-9 = 435;settore VII, Malattie del sistema circolatorio ICD.10 = G45.9; settore VI, Malattie del sistema nervoso Macroglobulinemia di Waldenstroem ICD-9 = 273.3; settore III, malattie del metabolismo … ICD-10 = C88.0; settore II, tumori

14 ARRESTO CARDIACO Si selezione il T.I.A. con lapplicazione della Regola 1; questa causa però viene considerata banale (Regola B, ACME tab.H) e viene quindi scartata a favore del diabete mellito che risulta causainiziale valida, non modificabile da altre cause presenti sulla scheda: pertanto la causa iniziale risultante è diabete mellito, codice E14.9 PREGRESSO ICTUS 438 ARRESTO CARDIACO I46.9 PREGRESSO ICTUS I64 Si selezione lunica causa presente nei campi 1,2,3 (arresto cardiaco, codice 427.5) che risulta essere una causa iniziale valida e che non viene modificata da altre cause presenti sulla scheda; pertanto la causa iniziale risultante è: arresto cardiaco, codice ARRESTO CARDIACO codice ICD-9 = 427,5 codice ICD-10 = I46.9 Questo codice, in ICD-10 viene considerato causa maldefinita e viene quindi sempre scartato (Regola A), nella scelta della causa iniziale, quando vi siano altre patologie non maldefinite riportate in quialsiasi parte della scheda Si selezione lunica causa presente nei campi 1,2,3 (arresto cardiaco, codice I46.9) che però, in quantto causa maldefinita, viene scartata a favore della causa presente al quesito 4 (pregresso ictus) la quale a sua volta risulta essere una causa iniziale valida ; pertanto la causa iniziale risultante è: pregresso ictus, codice I64. Si selezione il T.I.A. con lapplicazione della Regola 1; questa causa risulte essese una causa iniziale valida e non viene modificata da altre cause; pertanto la causa iniziale risultante è: T.I.A., codice 435 T.I.A. 435 DIABETE MELLITO SCOMPENSO CARDIACO T.I.A. (attacco ischemico transitorio) codice ICD-9 = 435 codice ICD-10 = G45.9 Questo codice, in ICD-10 viene considerato causa banale e viene quindi sempre scartato (Regola B), nella scelta della causa iniziale, a favore di qualsiasi altra causa non banale T.I.A. G45.9 DIABETE MELLITO E14.9 SCOMPENSO CARDIACO I cambia limportanza che viene data ad alcune patologie

15 DEMENZA SENILE Si seleziona il morbo di Parkinson applicando il Principio Generale in quanto è ammesso il concatenamento fra le due patologie presenti sulla scheda (v.ACME, tab.D); pertanto la causa iniziale risultante è il morbo di Parkinson, codice G20. MALATTIA CARDIOVASCOLARE Si seleziona la malattia cardiovascolare con la Regola 2 poiché non è ammesso il concatenamento con la demenza senile (v.ACME, tab.C): causa iniziale risultante = malattia cardiovascolare, codice DEMENZA SENILE - MALATTIA CARDIOVASCOLARE In ICD-10 viene ammesso il rapporto consequenziale o concatenamento fra queste due patologie: cioè si ammette che la demenza senile possa essere causa di malattia cardiovascolare; non era così, invece, in ICD-9. Questa differente concatenabilità della malattia cardiovascolare interessa diverse malattie oltre alla demenza senile ed è particolarmente importante poiché il termine scompenso cardiocircolatorio, che viene usato di frequente come causa terminale, è considerato un sinonimo della malattia cardiovascolare ed ha lo stesso codice (429.2 e I51.6) Si seleziona la demenza senile applicando il Principio Generale in quanto è ammesso il concatenamento fra le due patologie presenti sulla scheda (v.ACME, tab.D); pertanto la causa iniziale risultante è demenza senile, codice F03. Si seleziona la bronchite con la Regola 2 poiché non è ammesso il concatenamento con il morbo di Parkinson (v.ACME, tab.C): causa iniziale risultante = bronchite, codice 490 M. PARKINSON BRONCHITE 490 MORBO DI PARKINSON - BRONCHITE In ICD-10 viene ammesso il rapporto consequenziale o concatenamento fra queste due patologie: cioè si ammette che il morbo di Parkinson possa essere causa di bronchite; non era così, invece, in ICD-9. Molte altre patologie, soprattutto del sistema nervoso (ad esempio m. di Alzheimer) si comportano in modo analogo; peraltro la bronchite risulta essere una causa terminale non infrequente. BRONCHITE J40 4. cambia lammissibilità di rapporti consequenziali/causali fra alcune patologie DEMENZA SENILE F03 MALATTIA CARDIOVASCOLARE I51.6 ICD-9 ICD-10 M. PARKINSONG20 ICD-9 ICD-10

16 EPATITE VIRALE C Si seleziona la B.P.C.O con il Principio Generale; questa causa viene però scartata in quanto è presente unaltra causa (enfisema polmonare) che deve essere preferita in applicazione della Regola C (ACME, tab E-LMP); pertanto la causa iniziale risultante è enfisema polmonare, codice J43.9 A.I.D.S Si selezione lepatite virale C applicando il Principio Generale; poiché non è prevista la possibilità che la causa in campo 4 (A.I.D.S..) influisca su questa patologia, la causa iniziale risultante sarà epatite virale C, codice A.I.D.S. - EPATITE VIRALE (e altre patologie infettive e neoplastiche) In ICD-10 viene prevista la possibilità di aggregare molte patologie infettive e neoplastiche alla malattia da HIV (codice B24) riunendole in codici combinati (B20-B23) che permettono una immediata identificazione con la malattia del virus dellimmunodeficienza acquisita. Si selezione Lepatite virale C con il Principio Generale;) che però, in applicazione alla Regola 3 (ACME, tab. E-DSC) viene considerata conseguenza diretta della causa presente al quesito 4 (A.I.D.S.) producendo come risultato il codice combinato B20.3 malattia da Hiv che dà luogo ad altre infezioni virali Si seleziona la B.P.C.O. applicando il Principio Generale; poiché laltra causa presente (enfisema polmonare) non ionlfuisce su questa patologia la causa iniziale risultante è B.P.C.O., codice B.P.C.O ENFISEMA POLMONARE 492 B.P.C.O. - ENFISEMA La sigla B.P.C.O. sta per Broncopneumopatia cronica ostruttiva ed è una patologia di frequente riscontro nelle schede. In ICD-10, a differenza che in ICD-9 la B.P.C.O., in presenza di enfisema polmonare, viene scartata a favore di questultima patologia (ACME, tab.E-LMP). In presenza di altre patologie di natura broncopolmonare quali bronchite, broncopolmonite, asma bronchiale, viene selezionato un codice combinato che le comprende entrambe (J44.0 – J44.8) ENFISEMA POLMONARE J cambia laggregabilità di gruppi di patologie in un unico codice nosologico CIRROSI EPATICA K74.6 A.I.D.S. B24 ICD-10 B.P.C.O. J44.9 ICD-9 ICD-10 CIRROSI EPATICA ICD-9 EPATITE VIRALE C B17.1 MALATTIA DA HIV CHE DA LUOGO AD ALTRE INFEZIONI VIRALI, codice B20.3

17 Mentre i codici nosologici e lapplicazione delle regole dellICD-9 sono rimaste invariate per tutto il periodo (alcuni decenni) di utilizzo, lICD-10 prevede la possibilità di aggiornamenti periodici (praticamente annuali) con variazioni anche assai importanti. Il caso della Demenza risulta particolarmente significativo A partire dal 2005 veniva accettata la combinazione, con la regola di selezione 3, fra demenza (F03) e sieropositività per HIV (R75) risultandone la patologia Demenza da HIV (B22.0). 3. Causa terminaleDemenza (F03) 4. Altri stati morbosi rilevantiSieropositività per HIV (R75) Codice selezionato:fino allanno 2004:F03 (regola 2) dallanno 2005 in poi:B22.0 = demenza in HIV (regola 3 / DSC) A partire dal 2006 veniva rifiutato il concatenamento con le patologie cardio-vascolari (codici I00 – I59.9) e molte altre patologie importanti quali tumori (C000 – D49.9) e diabete (E10.0 – E14.9); rimaneva ancora il concatenamento con le patologie cerebro-vascolari (I600 – I698). Codice selezionato 1. Causa Iniziale 3. Causa terminale fino all'anno 2005 dall'anno 2006 Cancro colon (C18.9) Demenza (F03)C18.9 (Principio Generale) F03 (regola2) Diabete mellito (E14.9) Demenza (F03)E14.9 (Principio Generale) F03 (regola2) Fibrillazione atriale (I48) Demenza (F03) I48. (Principio Generale) F03 (regola2) Ictus cerebri (I64.) Demenza (F03)I64 (Principio Generale) I64 (P.G.) In seguito alla creazione di nuovi codici fittizi riservati alle patologie cerebro-vascolari multiple (I6100 – I6940), con l'aggiornamento dell'anno 2007, viene rifiutato anche il concatenamento con le patologie cerebrovascolari ad eccezione appunto delle patologie multiple. Codice selezionato 1. Causa Iniziale 3. Causa terminale fino all'anno 2006 dall'anno 2007 Infarto cerebrale (I63.9) Demenza (F03) I63.9 (Principio Generale) F03 (regola 2) Vasc.Cer. Multi-infartuale (I63.90) Demenza (F03) I63.9 (Principio Generale) I63.9 (P.G.+Tab.G) 6. viene ammessa la possibilità di effettuare importanti aggiornamenti periodici

18 (b) PRINCIPALI CAMBIAMENTI NEL PASSAGGIO ICD-9 ICD-10 PER LE PATOLOGIE NEOPLASTICHE 1. Cambiano i singoli codici. 2. Alcune patologie inserite, in ICD-9, in settori diversi da quello delle neoplasie vengono invece riconosciute come neoplastiche in ICD Viene ammessa la possibilit à che le malattie infettive siano causate da tumori maligni 3. - In ICD 9 è possibile selezionare un solo tumore (maligno). - In ICD-10 viene creato un codice utilizzabile in caso di presenza di neoplasie maligne multiple (C97) In ICD-9 un tumore è considerato secondario (metastasi) solo se viene esplicitamente menzionato come tale. - In ICD-10, per alcune particolari sedi (nominate come comuni sedi di metastasi ) si assume a priori, in caso di tumore multiplo, che si tratti di localizzazione secondaria In ICD-9 tutti i tumori sono patologie primarie non derivabili da altre cause n è con esse aggregabili nessun tumore può creare correlazioni o associazioni con altri tumori e patologie - In ICD-10 è possibile fare derivare alcuni tumori da un altra causa o aggregarli con altre cause In ICD-9 non è possibile selezionare, come causa iniziale, una localizzazione secondaria si deve automaticamente utilizzare il codice relativo a sede primitiva non conosciuta - In ICD-10 è possibile selezionare, come causa iniziale, una localizzazione secondaria. MORTALITA, passaggio ICD-9 ICD-10

19 PRINCIPALI CAMBIAMENTI NEL PASSAGGIO ICD-9 ICD-10 PER LE PATOLOGIE NEOPLASTICHE 1. Cambiano i singoli codici. Particolarità 1* Per il tumore alla mammella, in ICD-9 ci sono codici differenti se cambia il sesso; in ICD-10 invece no. 2* I mesoteliomi (pleura, peritoneo, pericardio etc) in ICD- 9 mantengono il codice generico della sede di appartenenza; in ICD-10 ci sono codici specifici e differenziati 3* I tumori a comportamento sconosciuto di prostata e rene in ICD-9 hanno lo stesso codice mentre in ICD-10 hanno codici specifici e differenti (in generale in ICD-10 cè un maggiore dettaglio) 4* In ICD-9 vengono differenziati i tumori a comportamento incerto da quelli a comportamento sconosciuto; in ICD-10 i tumori a comportamento incerto vengono assimilati ai tumori a comportamento sconosciuto

20 PRINCIPALI CAMBIAMENTI NEL PASSAGGIO ICD-9 ICD-10 PER LE PATOLOGIE NEOPLASTICHE 2. Alcune patologie inserite, in ICD-9, in settori diversi da quello delle neoplasie vengono invece riconosciute come neoplastiche in ICD-10

21 PRINCIPALI CAMBIAMENTI NEL PASSAGGIO ICD-9 ICD-10 PER LE PATOLOGIE NEOPLASTICHE 3. Viene ammessa la possibilit à che le malattie infettive siano causate da tumori maligni LEUCEMIA LINFATICA CRONICA ICD-9 ICD-10 HERPES ZOSTER COLLLASSO CARDIO-CIRCOLATORIO LEUCEMIA LINFATICA CRONICA C91.1 HERPES ZOSTER B02.9 COLLLASSO CARDIO-CIRCOLATORIO R57.9 PRECISAZIONI - In ICD-9 tutte le infezioni (tranne qualche eccezione, come le setticemie e, limitatamente ai tumori maligni del sangue, le principali micosi) non vengono mai messe in correlazione con i tumori; cio è i tumori non possono mai essere causa delle malattie infettive - In ICD-10 si ammette che tutte le malattie infettive (tranne le infezioni e le infestazioni da macro-parassiti e tranne la malattia da HIV)) possono essere causate da tumori maligni in quanto il loro sviluppo può essere favorito dalle condizioni di debilitazione generali indotte dalla patologia neoplastica ovvero anche dagli effetti sul sistema immunitario prodotti dalla chemioterapia - Relativamente alla malattia da HIV (vedasi anche successivo punto 6): In ICD-9 la malattia da HIV non viene mai messa in correlazione con un tumore e viene sempre selezionata, come causa iniziale risultante, la patologia (tumore o HIV) indicata cronologicamente per ultima. Fanno eccezione alcuni tumori del sangue e della cute (es. linfoma cerebrale e sarcoma di Kaposi) che possono essere causati dalla malattia da HIV In ICD-10 la presenza di malattia da HIV e di tumore maligno determina la selezione di un codice combinato (HIV + tumore maligno)

22 PRINCIPALI CAMBIAMENTI NEL PASSAGGIO ICD-9 ICD-10 PER LE PATOLOGIE NEOPLASTICHE 4. - In ICD 9 è possibile selezionare un solo tumore (maligno). - In ICD-10 viene creato un codice utilizzabile in caso di presenza di neoplasie maligne multiple (C97). CANCRO MAMMELLA ICD-9 ICD-10 CANCRO PROSTATA 185. CANCRO VESCICA CANCRO STOMACO ICD-9 CACHESSIA NEOPLASTICA C80. ICD-10 CANCRO VESCICA CANCRO STOMACO CANCRO MAMMELLA C50.9 CANCRO VESCICA C67.9 CANCRO STOMACO C16.9 CACHESSIA NEOPLASTICA CANCRO PROSTATA C61. CANCRO VESCICA C67.9 CANCRO STOMACO C16.9 TUMORI MALIGNI DI SEDI INDIPENDENTI MULTIPLE PRIMITIVE C97. TUMORI MALIGNI DI SEDI INDIPENDENTI MULTIPLE PRIMITIVE C97.

23 PRINCIPALI CAMBIAMENTI NEL PASSAGGIO ICD-9 ICD-10 PER LE PATOLOGIE NEOPLASTICHE 5. - In ICD-9 un tumore è considerato secondario (metastasi) solo se viene esplicitamente menzionato come tale. - In ICD-10, per alcune particolari sedi (nominate come comuni sedi di metastasi ) si assume a priori, in caso di tumore multiplo, che si tratti di localizzazione secondaria. CANCRO MAMMELLA ICD-9 ICD-10 CANCRO FEGATO CANCRO POLMONE ICD-9 CACHESSIA NEOPLASTICA C80. ICD-10 CANCRO POLMONE ARRESTO CARDIACO CANCRO MAMMELLA C50.9 CANCRO POLMONE C34.9 ARRESTO CARDIACO I46.9 CACHESSIA NEOPLASTICA CANCRO FEGATO C22.9 CANCRO POLMONE C34.9 Nel presente caso la sede polmonare viene considerata secondaria, in quanto il polmone rientra nellelenco delle comuni sedi di metastasi. Nel presente caso la sede epatica viene considerata secondaria in quanto il fegato rientra nellelenco delle comuni sedi di metastasi e, in quanto tale induce, di conseguenza, ad escludere da tale elenco la sede polmonare.

24 PRINCIPALI CAMBIAMENTI NEL PASSAGGIO ICD-9 ICD-10 PER LE PATOLOGIE NEOPLASTICHE 6. - In ICD-9 tutti i tumori sono patologie primarie non derivabili da altre cause ne con esse aggregabili nessun tumore può creare correlazioni o associazioni con altri tumori e patologie - In ICD-10 è possibile fare derivare alcuni tumori da un altra causa o aggregarli con altre cause. LINFOMA NON HODGKIN ICD-9 ICD-10 MALATTIA DA HIV ICD-9 CACHESSIA NEOPLASTICA C80. ICD-10 LEUCEMIA LINFOBLASTICA ACUTA ARRESTO CARDIACO LINFOMA NON HODGKIN C85.9 LEUCEMIA LINFOBLASTICA ACUTA C91.0 ARRESTO CARDIACO I46.9 CACHESSIA NEOPLASTICA CANCRO POLMONE C34.9 Nel presente caso si ammette che la leucemia linfoblastica acuta possa esseere stata causata dal linfoma non Hodgkin Nel presente caso si ammette che il cancro polmonare possa essere stato causato dalla malattia da HIV; la causa iniziale risultante dal procedimento di codifica deriva poi dallaggregazione delle due patologie in un ulteriore numero di codice CANCRO POLMONE MALATTIA DA HIV B24 MALATTIA DA HIV CHE DA LUOGO A SPECIFICATE NEOPLASIE B21.8

25 PRINCIPALI CAMBIAMENTI NEL PASSAGGIO ICD-9 ICD-10 PER LE PATOLOGIE NEOPLASTICHE 7. - In ICD-9 non è possibile selezionare, come causa iniziale, una localizzazione secondaria: si deve automaticamente utilizzare il codice relativo a sede primitiva non conosciuta. - In ICD-10 è possibile selezionare, come causa iniziale, una localizzazione secondaria. ICD-9ICD-10 TUMORE MALIGNO DI SEDE PRIMITIVA SCONOSCIUTA METASTASI CEREBRALI C79.3 METASTASI CEREBRALI ARRESTO CARDIACO EMIPLEGIA SINISTRA EMIPLEGIA SINISTRA G81.9 ARRESTO CARDIACO I

26 La procedura che porta alla identificazione della causa di morte, può essere distinta in tre fasi principali: Diagnosi Certificazione Codifica

27 In ognuna di queste fasi possono verificarsi degli errori, sistematici o casuali, che producono una errata classificazione della causa di morte. La patologia che comparirà per quel soggetto nelle statistiche di mortalità non sarà quindi corrispondente alla patologia che ha determinato il decesso, secondo la definizione di causa di decesso data dall ICD: La malattia o il traumatismo che avvia il concatenamento degli eventi morbosi che conduce direttamente a morte, o linsieme delle circostanze dellaccidente o della violenza che hanno provocata la lesione traumatica mortale

28 Quali conseguenze sui dati che gli epidemiologi usano? Alcuni esempi

29 Sono individuati tutti i decessi di donne inserite nella casistica dello Studio IMPATTO, qualsiasi sia lanno di incidenza (pre e post screening) e la modalità di diagnosi (screen detected e non screen detected) avvenuti a partire dal Lend-point è fissato al 31 dicembre Per ogni centro partecipante vengono richiesti i linkage dei soggetti deceduti con le SDO per verificare i ricoveri entro lanno precedente alla data di morte. Ogni centro ha raccolto le schede di morte (cartacee) e il file dei ricoveri. STUDIO DI VALUTAZIONE DELLATTENDIBILITA DELLA CAUSA DI MORTE

30 Lo studio, in corso di pubblicazione, ha identificato oltre il 15% di decessi la cui causa di morte era da considerarsi dubbia, riclassificandone poi circa il 5%. Si è dimostrato che la casistica così come era certificata e codificata allorigine comportava una lieve sovrastima della mortalità per tumore della mammella, ma non si sono identificati errori di tipo sistematico. STUDIO DI VALUTAZIONE DELLATTENDIBILITA DELLA CAUSA DI MORTE

31 Ma la inaccuratezza nel certificare è un rumore di fondo che si distribuisce in maniera casuale nel tempo e nello spazio………….

32 Nello spazio………

33

34 Confronto fra i tassi standardizzati di mortalità per arteriosclerosi e demenza in provincia di Modena

35

36

37

38

39

40 Ma la scheda non era in duplice copia? Oltre alla copia per le AUSL, una copia dai Comuni, tramite le Prefetture, giunge allISTAT, che pubblica la statistica nazionale delle cause di morte

41 Ma allora esistono due dati di mortalità: identici? Esistono due dati di mortalità, ma non sono identici. Le differenze sono: Quantitative: il dato ISTAT è quasi sempre minore di quello locale (fino all1%) Qualitative: il dato ISTAT è sottoposto ad una procedura di codifica automatica (parziale) ed è molto più omogeneo, sotto questo punto di vista, di quello locale (che peraltro più facilmente recupera informazioni sui casi dubbi)

42 Gruppo interregionale per lo studio della mortalità e la codifica in ICD 10 Il gruppo nasce con lo scopo di rendere il più possibile confrontabile il dato di mortalità prodotto a livello locale nelle aree partecipanti, a partire dalla corretta applicazione delle procedure di codifica in ICD 10

43 Cosa facciamo? Manuali Corsi Sito internet

44 Nuovo manuale di codifica delle cause di morte in ICD-10 Testo contenente Regole di selezione e modifica della causa prima in ICD-10 Indicazioni per la codifica di particolari patologie: tumori, traumi-avvelenamenti, cause esterne Spiegazioni dettagliate per lutilizzo del manuale ACME

45 Manuale delle voci non reperibili nellIndice ICD-10 Contiene numerose voci, termini patologici e sigle (al momento circa 7mila) possibilmente presenti sul certificato di morte per le quali lattribuzione di un codice risulta difficile in quanto mancanti dallIndice ICD-10 (fantasia dei certificatori!)

46 Manuale delle voci non reperibili nellIndice ICD-10: comè fatto

47 Corsi: quali 1° Corso ICD 10 a Modena giugno ° Corso ICD 10 a Rimini ottobre ° Corso ICD 10 a San Severino Marche novembre ° Corso ICD 10 a Rimini settembre 2008

48 Corsi: chi Circa 100 partecipanti da 13 Regioni fino al 2007, altri 40 partecipanti da quasi tutte le restanti regioni nel 2008.

49 Cliccare:Area riservata agli operatori del gruppo di studio regionale ICD-10 Chiedere utente e password telefonando al Servizio Sito

50 Contenuto: 1.Chi siamo 2.Verbali 3.Documenti 4.Formazione 5.Comunicazioni Sito

51 È attivo infine un gruppo google (ICD10) di discussione sui problemi della codifica Gruppo google

52 In numerose aree i Registri Tumori possono utilizzare il dato di mortalità prodotto dai Registri partecipanti al gruppo ICD 10, una ulteriore estensione permetterebbe una più completa confrontablità anche fra i Registri Tumori su importanti parametri come la percentuale di DCO ed il rapporto incidenza/mortalità. Tale dato potrebbe essere poi disponibile anche sotto forma di banca dati individuale, così come avviene per lincidenza.

53 Criticità Sulla codifica non siamo completamente confrontabili con ISTAT, avendo lavorato in maniera non coordinata: 1.Manuale delle voci non reperibili diverso (?) 2.Versione ICD 10 utilizzata diversa 3.Diversa applicazione delle regole di codifica dei traumi (ISTAT semplifica ICD 10) 4.Presunzione di malignità (vecchia regola interna ISTAT per ICD 9), non più applicata da gruppo ICD 10, ancora in vigore per ISTAT

54 Prospettive Sarà mai possibile poter disporre di un dato di mortalità nazionale che coniughi le caratteristiche migliori della rilevazione nazionale (omogeneità) con quelle locali (precisione, completezza) e che sia disponibile con la tempestività necessaria?


Scaricare ppt "Mortalità: registri regionali, dati nazionali e problemi nelluso dei dati da parte dei Registri Tumori Carlo Alberto Goldoni Servizio Epidemiologia AUSL."

Presentazioni simili


Annunci Google