La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom PIETRO VULPIANI U NAR - Ufficio Nazionale antidiscriminazioni razziali Dipartimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom PIETRO VULPIANI U NAR - Ufficio Nazionale antidiscriminazioni razziali Dipartimento."— Transcript della presentazione:

1 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom PIETRO VULPIANI U NAR - Ufficio Nazionale antidiscriminazioni razziali Dipartimento per le Pari Opportunità PCM Pietro Vulpiani, UNAR, Dipartimento Pari Opportunità

2 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom Indagini quantitative sui rom: un risultato raro … e poco affidabile

3 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom Dopo la I guerra mondiale: rom harvati, kalderasha, istriani e sloveni ANNI 60-70: rom khorakhanè, musulmani dalla ex- Jugoslavia meridionale (Cergarija, Crna gora, Shiftarija, Mangiuppi, Kaloperija), rom dasikhanè, cristiano-ortodossi di origine serba (Rudari, Kanjiaria, Mrznarija, Busniarija, Bulgarija) e rom rumeni

4 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom Dal 1992 al 2000: persone dalla ex Jugoslavia, dallAlbania e dalla Romania … E le più recenti migrazioni dalla Romania dopo ladesione allUE

5 Le più vecchie comunità: i Sinti Sinti Giostrai dal 1400:Risiedono in Origine probabile Sinti Piemontesi Piemonte Antichi insediamenti prussiani, Germania, Austria Sinti Lombardi Lombardia, Emilia e Sardegna Sinti Mucini (Valstik é ) Emila e Piemonte Sinti Veneti Veneto Sinti Emiliani Emilia Romagna Sinti Marchigiani Marche, Umbria e Lazio

6 Le più vecchie comunità: i Rom ROM Distinti in Risiedono in Dai Balcani (incluso Ex Iugoslavia, Bulgaria, Romania e Albania). Abruzzesi e Molisani dall Albania. Napoletani probabilmente dalla Spagna e Cilentani dalla Grecia. Roma Abruzzesi e Molisani (dal 1300) Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Lazio. Piccoli gruppi in Alto Adige, Veneto, Lombardia, Emilia, Toscana, Umbria e Marche Roma Napoletani (Napulengre) Campania Roma Cilentani (Ròmje Celentani) Campania Roma Lucani (Ròmije Basalisk) Basilicata Roma Pugliesi Puglia Roma Calabresi Calabria Camminanti Siciliani (Travellers)Sicilia. Piccoli gruppi in Lombardia, Lazio e Campania Origine sconosciuta. Forse Rom Siciliani o dal Nord o Slavi

7 Comunit à ResidenzaOrigine Rom Khorakhan è Tutte le regioni con concentrazioni in Lombardia Kosovo, Bosnia e Herzegovina Rom KalderashaTutte le regioniEx Yugoslavia, Ungheria e Romania Rom RumeniTutte le regioni con una forte presenza in Lombardia, Liguria, Emilia, Lazio, Abruzzo, Campania e Puglia Romania e Bulgaria

8 Rom e Sinti cittadini italiani Stima media Sinti32,500 Antichi Rom e Camminanti 30,000 Roma Harvati8,500 Roma Kalderasha Totale71,000

9 Rom senza cittadinanza italiana Rom Lovara1,000 Rom Khorakhan è and Dasikhan è 40,000 Rom Rumeni45,000 Totale86,000

10 Stima minima Stima massima Stima media Rom popolazione totale148,000166,000157,000 Rom / sul totale della popolazione italiana 0,25%0,28%0,26% Rom / italiani sul totale dei Rom45% % di Rom da altri Stati EU (Romania) 20%25%23% % di Rom da paesi non-EU o apolidi 35%30%32%

11 I Rom e Sinti nei campi sono sottostimati del 10% Popolazione RomStime minime Stime massime Stime medie Italia148,000166,000157,000 % di persone nei campi (2008) 31%27%29%

12 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom NO DATA, NO PROGRESS Quali sono gli ostacoli alla raccolta di dati disaggregati per origine etnica? Le informazioni idonee a rivelare lorigine razziale ed etnica sono considerate dalla legge 31 dicembre 1996, n. 675 come dati sensibili (art. 22 ) Principio di stretta necessità ed indispensabilità e bilanciamento tra il diritto alla riservatezza e linteresse pubblico perseguito.

13 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom Art. 22, commi 3 e 3-bis legge n. 675/96 il trattamento da parte di soggetti pubblici di dati quali quelli idonei a rivelare lorigine razziale ed etnica è consentito solo se autorizzato da espressa disposizione di legge, nella quale siano specificati i dati che possono essere trattati, le operazioni eseguibili e le rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite.

14 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom Rom: ESCLUSI dalla legge 15 dicembre 1999, n. 482 Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche che riconosce e tutela dodici minoranze etnico-linguistiche storiche (albanese, catalana, germanica, greca, slovena, croata, francese, franco-provenzale, friulana, ladina, occitana e sarda), IN QUANTO privi di una concentrazione territoriale riconoscibile

15 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom leggi specifiche per la protezione di nomadi/zingari/rom/sinti e della loro cultura, incluso il diritto allo stile di vita nomade nelle regioni: Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Sardegna, Toscana, Umbria,Veneto e provincia autonoma di Trento

16 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom Eteroidentificazione e autoidentificazione (Banca Mondiale, UNDP, Unicef, ONG, EE.LL.) Limiti di un approccio non congiunto E possibile disaggregare dati etnici per valutare i progressi delle politiche di inclusione?

17 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom Alunni nomadi nel sistema scolastico italiano (2010/11) ISCRIZIONI Ordine di scuolaV.a.V% Infanzia ,6 Primaria ,6 Sec. I grado ,5 Sec. II grado1581,3 Totale scuole ,00

18 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom

19 Dati necessari ma non disponibili O Dati disponibili ma non affidabili

20 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom Prendiamo per esempio: Dati di occupazione regolare o irregolare, autonoma o dipendente, di inattività disponibile o indisponibile al lavoro o di disoccupazione, di profili e mansioni professionali, ecc. Vedi ad es. lindagine 2011 EU Inclusive promossa dalla Casa della Carità di Milano

21 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom QUALCHE PROBLEMA FLUDITA DELLE CATEGORIE DI APPARTENENZA ETNICA Sottorappresentatività, sovrarappresentatività e politiche esclusive Diritti individuali, autodeterminazione e diritti collettivi ed inclusione sociale

22 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom FOCALIZZARSI SULLA MARGINALITA, LA DISCRIMINAZIONE E LESCLUSIONE SOCIALE INTERVENTI DI MONITORAGGIO INCENTRATI SULLANALISI TERRITORIALE Incentrandosi su una lettura integrata delle problematiche abitative, del lavoro, educative, sanitarie, dei diritti e dellaccesso a beni e servizi

23 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom PER INIZIARE Identificare indicatori chiave per la valutazione dei risultati reali della strategia nazionale di inclusione rom Raccogliere informazioni sui metodi di raccolta dati ai diversi livelli di governance e dalle diverse istituzioni Mappare come i dati disponibili siano usati o possano essere usati per monitorare i progressi

24 Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom UNAR Largo Chigi 19, Roma


Scaricare ppt "Difficoltà e carenze nella rilevazione statistica sulla condizione dei rom PIETRO VULPIANI U NAR - Ufficio Nazionale antidiscriminazioni razziali Dipartimento."

Presentazioni simili


Annunci Google