La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laboratorio di Biologia Cellulare e Neurobiologia, Dipartimento di Biologia Animale, via Ferrata, 9 GRAZIELLA BERNOCCHI MARIA GRAZIA BOTTONE Linee di ricerca:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laboratorio di Biologia Cellulare e Neurobiologia, Dipartimento di Biologia Animale, via Ferrata, 9 GRAZIELLA BERNOCCHI MARIA GRAZIA BOTTONE Linee di ricerca:"— Transcript della presentazione:

1 Laboratorio di Biologia Cellulare e Neurobiologia, Dipartimento di Biologia Animale, via Ferrata, 9 GRAZIELLA BERNOCCHI MARIA GRAZIA BOTTONE Linee di ricerca: 1) Studi in vitro su cellule neurali in coltura Gli effetti neurocitotossici, citocinetici e di farmaco resistenza provocati dal cisplatino e da nuovi composti del platino vengono studiati su linee cellulari di neuroblastoma di ratto e umano, valutando in particolare, i meccanismi di innesco di morte cellulare (apoptosi e autofagia). Per fare questo vengono utilizzate tecniche immunocitochimiche e molecolari, la microscopia ottica, convenzionale e in fluorescenza, la microscopia confocale e la citometria a flusso. 2) Studi in vivo sullo sviluppo del Sistema Nervoso Centrale e sulla neurogenesi adulta Le ricerche sono rivolte allo studio degli eventi cellulari e molecolari che si attuano durante lo sviluppo/neurogenesi, ma che possono essere comuni ai fenomeni di plasticità neurale nell’adulto, ovvero alla localizzazione in situ di molecole chiave della formazione, delle alterazioni e del rimodellamento della neuroarchitettura, e della morte cellulare indotta da sostanze citostatiche/citotossiche. Eventi, proliferazione, morte cellulare, migrazione e differenziamento che caratterizzano lo sviluppo e la neurogenesi del cervelletto e dell’ippocampo nel ratto vengono marcati mediante metodi immunocitochimici. Oltre a marcatori di cellule in fase proliferativa e apoptotica, viene in particolare studiato il ruolo di neurotrasmettitori, come glutammato, GABA e amine biogene (serotonina e noradrenalina). Cerri S, Piccolini VM, Santin G, Bottone MG, De Pascali SA, Migoni D, Iadarola P, Fanizzi FP, Bernocchi G. The developmental neurotoxicity study of platinum compounds. Effects of cisplatin versus a novel Pt(II) complex on rat cerebellum. Neurotoxicol Teratol. 2011, 33(2): Santin G, Piccolini VM, Veneroni P, Barni S, Bernocchi G, Bottone MG. Different patterns of apoptosis in response to cisplatin in b50 neuroblastoma rat cells. Histol Histopathol. 2011, 26 in press. Cerri S, Piccolini VM, Bernocchi G. Postnatal development of the central nervous system: anomalies in the formation of cerebellum fissures. Anat Rec (Hoboken). 2010, 293(3): Bottone MG, Soldani C, Veneroni P, Avella D, Pisu M, Bernocchi G. Cell proliferation, apoptosis and mitochondrial damage in rat B50 neuronal cells after cisplatin treatment. Cell Prolif. 2008, 41(3):

2 Laboratorio di Neurofarmacologia cellulare e molecolare Dott.ssa. Daniela Curti Le attività di questo laboratorio sono illustrate all’indirizzo: www-5.unipv.it/cmnlab/

3 Laboratorio di biofisica e fisiologia dei neuroni corticali Dott. Jacopo Magistretti 1. Studio della connettività sinaptica ippocampale in un modello murino di sindrome di Down. Vengono studiati gli input sinaptici eccitatori e inibitori che raggiungono i neuroni piramidali del campo CA3 dell’ippocampo: le proprietà di tali input sinaptici vengono confrontati fra topi di controllo, topi TS65Dn (topi trisomici, modello di sindrome di Down) non trattati, e topi TS65Dn trattati con fluossetina (antidepressivo inibitore della ricaptazione della serotonina: questo farmaco è infatti in grado di stimolare la neurogenesi, che risulta deficitaria nella sindrome di Down). 2. Studio delle proprietà biofisiche delle correnti voltaggio-dipendenti di sodio nei neuroni della corteccia entorinale. Vengono in particolare analizzate le proprietà della corrente risorgente (corrente entrante attivata in ripolarizzazione) e quelle delle varie forme di inattivazione dei canali del sodio (compresa l’inattivazione lenta e l’inattivazione persistente). Il significato funzionale di tali proprietà viene indagato attraverso il ricorso alla modellizzazione al computer. In questo laboratorio viene applicata la tecnica del patch clamp per l’indagine dei processi sinaptici e delle basi dell’eccitabilità di membrana nei neuroni di diverse strutture corticali. Le linee di ricerca attualmente attive sono:

4 1. Modulazione della comunicazione cellulare (espressione di citochine, chemochine e recettori) in cellule e tessuti normali e patologiche dopo trattamento con radiazioni ionizzanti ad alto e basso LET (in collaborazione con Humanitas, IEO, Centro Tumori, Policlinico IRCCS San Matteo, CNAO). 2. Studio di forme di morte cellulare e potenziale immunogenico anche con analisi di citometria a flusso di cellule di glioblastoma umano dopo trattamento radio-chemio combinato (in collaborazione con IGM-CNR, Pavia, Università di Erlangen, Germania, Università di Barcellona, Spagna). 3. Effetto del trattamento magneto-termico in linee cellulari di gliomi maligni (Nanotecnologie) (in collaborazione con Dipartimento Fisica “A. Volta”, Università degli Studi di Pavia). Laboratorio di Neuro-Radio Biologia Sperimentale Prof.ssa Rosanna Nano Dott.ssa Francesca Pasi, Dott. Alessandro Paolini Dip. Biologia Animale, Via Ferrata 9, Università degli Studi di Pavia Link to: https://mitch.unipv.it:4443/uri/public.php?lingua=ITA&cr=I270835

5 Laboratorio di Neurobiologia Sperimentale Istituto Neurologico “C. Mondino” Prof. Mauro Ceroni Ricerca Traslazionale SLA e Alzheimer  Identificazione di biomarkers prognostici e di progressione (marcatori proteici, genetici, cellulari)  Utilizzo di tessuto periferico e autoptico per la validazione di meccanismi patogenetici  Screening genetico per geni malattia e per fattori di suscettibilità o di risposta farmacologica Ricerca di Base SLA e Alzheimer Meccanismi patogenetici in modelli cellulari: a) Studio del coinvolgimento degli acidi nucleici nell’insorgenza delle malattie b) Studio del metabolismo dell’RNA messaggero nella patogenesi c) Studio delle vie di induzione di geni/proteine coinvolti nelle patologie TECNOLOGIE APPLICATE Proteomica  Estrazione proteica da frazionamento cellulare: nucleo, citoplasma, citoscheletro, RNPs, free- ribosomes  Western blot e immunoblotting  Immunoprecipitation (IP)  Elettroforesi 2D e immunoblotting di mappe proteiche e analisi di massa  Studio di modificazioni post-traduzionali: fosforilazione, ossidazione, nitrazione  SELDI MALDI-TOF per l’identificazione di proteine target Genomica e trascrittomica  Estrazione di DNA e RNA  Analisi di mutazioni con Sequenziamento diretto, MLPA, RFLP, HRM  Real-time  Chromatin immunoprecipitation (ChIP) e RNA immunoprecipitation (RIP)  Lybraries per exome e trascrittome in Next Generation Sequencing  Trasfezione per la creazione di modelli cellulari  Vettori di espressione per geni/proteine coinvolte nelle malattie

6 IRCCS FONDAZIONE ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO Laboratorio di Ricerca Neurobiologica Coordinatore: Dott. F. Blandini IRCCS FONDAZIONE ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO Laboratorio di Ricerca Neurobiologica Coordinatore: Dott. F. Blandini Studio dei meccanismi patogenetici e fisiopatologici delle principali malattie neurodegenerative (m. di Parkinson, m. di Alzheimer, sclerosi laterale amiotrofica, etc.), cerebrovascolari (stroke) e dei disturbi nocicettivi (cefalee) mediante modelli cellulari e animali Ricerca di possibili marcatori biologici associati al rischio e/o alla progressione di malattia in pazienti affetti da patologie neurodegenerative, mediante tecniche biochimiche e bio-molecolari Valutazione di efficacia di terapie innovative per il trattamento sintomatico o neuroprotettivo delle patologie neurologiche d’interesse nei modelli sperimentali disponibili, con metodiche neuroanatomiche, neurochimiche e comportamentali

7 Laboratorio di Neurochimica e medicina molecolare Prof. Roberto Federico Villa L’argomento fondamentale delle ricerche riguarda la valutazione dell’attività cinetica degli enzimi (Proteomica funzionale) preposti alla trasduzione bioenergetica cerebrale (Termodinamica), allo scopo di identificare la qualità e l’intensità della capacità operativa della Glicolisi, del Ciclo di Krebs (TCA), della Catena del Trasferimento Elettronico mitocondriale (ETC), e del metabolismo degli amminoacidi correlati (Neurochimica), per lo studio dei meccanismi molecolari di varie patologie di interesse neurologico, psichiatrico e gerontologico del S.N.C. (Medicina Molecolare). Le attività degli enzimi regolatori sono analizzate comparativamente quali sensori delle varie vie metaboliche cerebrali (Metabolomica). Ricerche di Carattere Sperimentale  - Ischemia cerebrale sperimentale  - Morbo di Parkinson sperimentale da somministrazione della neurotossina MPTP;  - Demenze Vascolari (VAD) - Ipossie Croniche;  - Ipertensione sperimentale;  - Azione dei farmaci antidepressivi. Ricerche di Carattere Clinico  Studio dei meccanismi fisiopatogenetici e della azione dei farmaci in vivo nell’uomo nell’Ischemia Cerebrale e negli Attacchi Ischemici Transitori (TIA) e nella Demenza Senile (Morbo di Alzheimer).


Scaricare ppt "Laboratorio di Biologia Cellulare e Neurobiologia, Dipartimento di Biologia Animale, via Ferrata, 9 GRAZIELLA BERNOCCHI MARIA GRAZIA BOTTONE Linee di ricerca:"

Presentazioni simili


Annunci Google