La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LO SCENARIO COMPETITIVO DELLE TLC DOPO LE LIBERALIZZAZIONI ISIMM- Roma, 13 giugno 2007 ----------------------------- Limpatto degli operatori mobili virtuali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LO SCENARIO COMPETITIVO DELLE TLC DOPO LE LIBERALIZZAZIONI ISIMM- Roma, 13 giugno 2007 ----------------------------- Limpatto degli operatori mobili virtuali."— Transcript della presentazione:

1 LO SCENARIO COMPETITIVO DELLE TLC DOPO LE LIBERALIZZAZIONI ISIMM- Roma, 13 giugno Limpatto degli operatori mobili virtuali sullo scenario concorrenziale delle TLC italiane Sandro Frova, Università Bocconi

2 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno LE LIBERALIZZAZIONI Le liberalizzazioni datano 1995 (mobile) e 1998 (fisso) 13 e 10 anni dopo, lo stato della concorrenza è disomogeneo fra i due settori (rinvio a documenti vari AGCOM) Il mancato decollo di nuovi mercati per servizi che avevano ingenerato grandi entusiasmi allinizio del decennio costituisce senza dubbio uno dei principali elementi che hanno frenato uno sviluppo più vivace della concorrenza. Ma non lunico. Paradossalmente, il consumatore italiano è stato elemento frenante Il ruolo dei virtuali nel mobile

3 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno VIRTUALI IN EUROPA In UK, dove operano dal 1999, i MVNOs sono prevalentemente retailers ed hanno circa il 12% del mercato In Germania (1999) la loro quota è più elevata (circa 30%), ed è tenuta principalmente da nuovi entranti nelle TLC e da fissi integrati nel mobile In Francia (2005) la quota del virtuali è circa del 5% ITALIA?

4 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno LIMPATTO DEI VIRTUALI Su MNO: negativo a livello aggregato, da verificare a livello di singola impresa (non neutralità delleffetto) Su MERCATO MOBILE IN COMPLESSO: dipende da come si bilanceranno gli effetti negativi su fatturati e redditività dei MNO e gli effetti positivi derivanti dallo stimolo di nuovi segmenti di domanda Quadro ulteriormente complicato da integrazione fisso/mvno

5 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno TIPOLOGIA DI MVNO ED IMPATTO ECONOMICO SU MNOs Banalizzando, tre tipologie di virtuale: Cannibale, Volano, Braccio armato - Il cannibale erode il business di chi lo ospita - Il volano ha invece un effetto netto che riflette la perdita del margini di clienti ex propri ed il maggior traffico da clienti ex altrui. - Il braccio armato viene usato dal MNO per infastidire i concorrenti diretti su segmenti di mercato diversi

6 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno (segue) TIPOLOGIA DI MVNO ED IMPATTO ECONOMICO SU MNOs Fra le variabili generali che impattano sui MNOs, lo sconto wholesale e leffetto progressivo della maggior concorrenza sul livello medio dei prezzi saranno presumibilmente le più importanti Sulle singole imprese, invece, rilevanza costi fissi, punto di pareggio, grado di utilizzo. Il fattore distribuzione: rinvio

7 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno LIMPATTO COMPETITIVO Limpatto competitivo non dipende solo dallincrocio fra strategie commerciali, strutture dei costi e scelte tecnologiche; anche la rivoluzione in corso nel settore (a prescindere dai virtuali) si legherà a filo doppio ai virtuali: a) in primo luogo per via della evoluzione dei modelli di business b) in secondo luogo per le tensioni economiche generate da interventi di imperio sui prezzi dei servizi più ricchi per gli operatori In altri termini, i virtuali entrano in una scena che già è caratterizzata da forti cambiamenti concorrenziali.

8 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno MNO: PERFORMANCE 2005 Laggregato settoriale mostra una situazione economico/finanziaria equilibrata e positiva. Essa deriva da una forte variabilità intorno alla media, con TIM e VO molto positive e non indebitate, WIND mobile positiva ed indebitata, 3 Italia negativa e indebitata

9 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno (segue) MNO: PERFORMANCE 2005

10 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno MNO: PERFORMANCE 2006 Il fatturato di settore cresce ancora, ma ad un saggio calante (4% contro 6% del 2005) Prezzi unitari fortemente calanti, uniti ad un buon incremento dei volumi (minuti) determinano una diminuzione dellEBITDA margin di 1 o 2 punti% per TIM e VO; Wind evidenzia invece un miglioramento. Lindebitamento rimane elevato per Wind e 3; irrilevante per TIM e VO.

11 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno LE PREVISIONI 2007 Sul 2007 si scaricano –con tempi diversi- leffetto di ricariche, roaming e virtuali. In termini di fatturato, e dato che non si vedono nuovi servizi ad alto fatturato, è possibile una riduzione aggregata (fra 1e 5%). LEBITDA margin subirà una compressione certa a livello di settore: ad esempio, un calo secco di 3 miliardi di euro di fatturato su servizi ricchi, ove non compensato da nuove e al momento non individuabili fonti di ricavo e margine su altri servizi, determinerà una forte diminuzione dellEBITDA margin (per aggregato: 12% circa). Molto probabili impatti disomogenei fra imprese

12 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno IMPATTO DI ALCUNI SCENARI VIRTUALI: UNA SIMULAZIONE Come stimare limpatto dei virtuali sui risultati dei MNO? Modelli molto complessi; un primo passo costituito dallanalisi delle conseguenze sul conto economico di un singolo operatore in ipotesi che esso sia il solo ad aprire ad un virtuale. Nel momento in cui si solleva questa ipotesi forte, occorre considerare il gioco delle interazioni.

13 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno (segue) IMPATTO DI ALCUNI SCENARI VIRTUALI: UNA SIMULAZIONE Riferimento alle tre tipologie di a) cannibale: il virtuale ottiene 1 mln di clienti, tutti del MNO ospitante; b) volano: il virtuale ottiene 1 mln di clienti, provenienti dai diversi MNO (quindi anche da chi lo ospita) in base alle QM storiche; c) braccio armato: il virtuale ottiene 1 mln di clienti degli altri MNO (non dallospitante)

14 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno (segue) IMPATTO DI ALCUNI SCENARI VIRTUALI: UNA SIMULAZIONE SEMPLIFICATA Le variabili di riferimento principali: Sconto wholesale (30%); struttura dei costi del MNO; impatto sui prezzi medi della telefonia mobile (0, -2%, -4%) Le tipologie di MNO considerate: a) Grande, QM 40%, ARPU più elevato b) Medio/Piccolo, QM 20%, ARPU più basso

15 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno (segue) IMPATTO DI ALCUNI SCENARI VIRTUALI: SIMULAZIONE SEMPLIFICATA VARIAZ. % REDDITO OPERATIVO

16 Sandro Frova - Università Bocconi ISIMM, 13 giugno CONCLUSIONI I risultati della liberalizzazione sono positivi: lo scenario competitivo ha mostrato una dinamica positiva sino ad oggi. Lapertura ai virtuali dovrebbe dare un nuovo impulso alla domanda, determinando un effetto netto positivo sulla dimensione della torta. Va comunque considerata insieme alle altre dinamiche concorrenziali Di tale torta, i MNO avranno nel loro complesso una fetta meno importante, ma leffetto potrebbe non essere di ugual segno per tutti. MAGGIOR CONCORRENZA …. O CONSOLIDAMENTO?


Scaricare ppt "LO SCENARIO COMPETITIVO DELLE TLC DOPO LE LIBERALIZZAZIONI ISIMM- Roma, 13 giugno 2007 ----------------------------- Limpatto degli operatori mobili virtuali."

Presentazioni simili


Annunci Google