La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA GRAMMATICA VALENZIALE. E.RIGOTTI-S.CIGADA, La comunicazione verbale, Apogeo, 2004 A.FERRARI-L.ZAMPESE, La frase e il testo, Zanichelli, 1994 L.PENNACCHIETTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA GRAMMATICA VALENZIALE. E.RIGOTTI-S.CIGADA, La comunicazione verbale, Apogeo, 2004 A.FERRARI-L.ZAMPESE, La frase e il testo, Zanichelli, 1994 L.PENNACCHIETTI."— Transcript della presentazione:

1 LA GRAMMATICA VALENZIALE

2 E.RIGOTTI-S.CIGADA, La comunicazione verbale, Apogeo, 2004 A.FERRARI-L.ZAMPESE, La frase e il testo, Zanichelli, 1994 L.PENNACCHIETTI ALBINI-R.PAGGI, Nel suono il senso, Itaca,1999 G.GOBBER, Argomenti di linguistica, ISU, 2003 F.SABATINI-V.COLETTI, Dizionario della lingua italiana, Rizzoli Larousse Il verbo è il nucleo attorno al quale si organizza tutta la frase, con ruolo fondamentale nella costituzione dellenunciato, è vertice sintattico 2.Dal punto di vista del dramma ha il compito di enunciare una situazione, un fatto, un processo collocandoli nel tempo

3 SABATINI-COLETTI, Guida alluso del dizionario, Rizzoli Larousse, 2004 La classificazione dei verbi è fatta secondo la loro valenza La valenza dei singoli verbi si determina ricercando il significato che essi esprimono nelluso che se ne fa. Col variare del significato può variare il numero o il tipo di argomenti richiesti

4 Lucien Tesnière e la sintassi strutturale, 1959 Parole indagate non tanto per la loro struttura interna (morfologia), ma per le funzioni che esse svolgono nella frase. La funzione sintattica di una parola si recupera solo entro lintero di cui è momento. Sintassi come forma dellespressione del pensiero, distinta rispetto alla semantica (possibilità di costruzioni sintattiche corrette in enunciati privi di senso)

5 Tesnière Le noeud verbal (…) exprime tout un petit drame. Comme un drame en effet, il comporte obligatoirement un procés, e le plus souvent des acteures et des circostances. Transposés du plan de la réalité dramatique sur celui de la syntaxe structurale, le procès, les acteurs et les circostances deviennent respectivement le verbe, les actants et les circostants.

6 Tesnière On peut ainsi comparer le verbe à une sorte d'atome crochu susceptible d'exercer son attraction sur un nombre plus ou moins élevé d'actants, selon qu'il comporte un nombre plus ou moins élevé de crochets pour les maintenir dans sa dépendance. Le nombre de crochets que présente un verbe et par conséquent le nombre d'actants qu'il est susceptible de régir, constitue ce que nous appellerons la valence du verbe.

7 Dipendenza (struttura gerarchica della frase) valenza Verbo > sostantivi e avverbi Sostantivo > sostantivo Aggettivo > nome Avverbio > avverbio Il verbo può essere solo reggente e non retto = nucleo

8 C.Andorno La sintassi delle parole: verbi Napoleone spronò i soldati / *spronò ai soldati Napoleone parlò ai soldati / *parlò i soldati Napoleone partì per la Russia / *partì in Russia Napoleone andò in Russia / andò per la Russia Napoleone parlò / *Napoleone spronò Napoleone partì / ??Napoleone andò Napoleone servì nellesercito francese Napoleone servì alla causa rivoluzionaria

9 C. Andorno La sintassi delle parole: nomi e aggettivi Il Milan ha vinto e ciò mi preoccupa La vittoria del Milan mi preoccupa Carlo si interessa di storia / alla storia / *per la storia superficialmente Linteresse di / *a Carlo per la / *della / *alla storia è superficiale La storia è interessante per Carlo / *a Carlo La linguistica è congeniale a / * per Guido

10 VALENZA bisogno che la forma della parola ha di integrarsi con altre forme di parole (G.Gobber) E nozione che collega lessico e sintassi Valenza > costrutto valenza verbale (vado a Milano) altre valenze: del nome (arte di amare) (amore di qualcuno) dellaggettivo (facile da capirsi) (simile allaltro)

11 VALENZA (Sabatini-Coletti) (principio quantitativo) (1) Verbi atmosferici, zerovalenti o avalenti Monovalenti/ Intransitivi: sbadigliare, tossire, morire Bivalenti/Transitivi mangiare, bere, pulire, costruire ecc. Bivalenti/Intransitivi 2° (!!!) argomento indiretto, retto da preposizione: giovare, piacere, dispiacere, influire, risiedere

12 VALENZA (Sabatini-Coletti) (principio quantitativo) (2) Trivalenti /Transitivi dare, inviare, spedire Trivalenti/Intransitivi (!!!): scendere, salire, cadere, precipitare Tetravalenti transitivi: trasferire, trasportare, travasare

13 Intransitivo = a un posto ? Abitare Durare MA *egli abita *il film dura Egli abita a Berlino = transitivo ??? Il film dura a lungo = transitivo ???

14 Transitivo = a due posti ? Egli mangia la mela Egli mangia Egli sale sul tram Egli sale = sono entrambe grammaticali

15 Sì al principio gerarchico no al principio quantitativo Valenza come principio sintattico- semantico (dà la possibilità di immaginare la scena con tutti i suoi attori, ma con costrutti sintattici convenzionali) Valenza : bisogno che la forma della parola ha di integrarsi con altre forme di parole (G.Gobber)

16 TERMINOLOGIA : la valenza è saturata da attanti (Tesnière) sintagmi nucleari (Zampese) argomenti (Sabatini Coletti) Limportante è distinguerli dai CIRCOSTANTI (esterni al verbo)

17 Argomenti / circostanze Gli ARGOMENTI dipendono dalla semantica del VERBO Giacomo mangia un panino Le CIRCOSTANZE dipendono dal CONTESTO di realtà (es. per un fatto narrato: dove, quando, perché, con chi, …) Giacomo mangia da me dopo aver fatto i compiti con gli amici … (= scenetta da immaginare)

18 Lenunciato è caratterizzato dal fatto di essere sintatticamente compiuto: non di senso compiuto, ma morfo-sintatticamente compiuto. Lenunciato si compie sintatticamente quando si saturano le valenze. La frase reale può avere dei sottintesi e non essere sintatticamente compiuta

19 TERMINOLOGIA: necessario Largomento è SEMANTICAMENTE NECESSARIO (prevedibile) Ma non è necessario SINTATTICAMENTE (può essere sottinteso), e in assenza la frase può risultare comunque grammaticale

20 Saturato = prevedibile (nel verbo) necessario (nella frase) Giacomo ? È di là che mangia : è necessaria lesistenza di un x commestibile perché lazione avvenga, ma il contesto può supplire anche in assenza del secondo argomento Giacomo mangia un panino / *una bicicletta in senso assoluto (questione di lessico) mangia = è un mangione beve = è un alcolista dove non è prevedibile un argomento

21 ARGOMENTI (senza turbare lidea di transitivo-intransitivo) Piove = 0 Le tenebre calano = 1 Il pittoredipinge>il quadro = 2 Il poeta dedica la poesia alla principessa = 3 Parto per Roma = preposizionale

22 NB complementi del nome Paola (legge) (poesie) Paola (legge ad alta voce) (poesie del suo amato Pascoli) Formano un sintagma unico con largomento SABATINI li chiama circostanti del nucleo

23 C.Andorno CIRCOSTANZIALI - Sintagmi non valenziali: modificatori di F Complementi di causa, tempo, luogo… Alle undici per la nebbia si è verificato un terribile incidente lungo lautostrada SP F F SN SV

24 Certi complementi possono essere argomentali oppure circostanziali a seconda della frase Vado a Lodi (argomentale) A Lodi un bambino è stato investito da una macchina (circostanziale)

25 Come chiamarli ? Vado a Lodi Se lo chiamo argomento sono portata a tornare al concetto di bivalente intransitivo Ma non posso considerarlo circostanza perché il verbo lo prevede

26 Meglio: costrutti preposizionali previsti dalla semantica del verbo o complementi prevedibili Il treno mi porta a Lodi In Italia ci sono molte città darte Lo ha colpito con una spranga Si è spaventato per il rumore Mi ha interrogato sullaccaduto Cesare entra in campo

27 IN SINTESI Analisi logica attuale: Elencativa (non si distinguono piani o differenze se non di significato) Accumulativa: complementi inutili che riguardano uno o due casi, riconducibili alla semantica (costrutto del verbo in quella certa lingua) es. ho bisogno di qualcosa / I need (in inglese è transitivo)

28 IN SINTESI Proposta della grammatica valenziale: Argomenti = complementi o funzioni previsti dalla semantica del verbo Compl. del nome = non alterano la struttura sintagmatica degli argomenti o delle circostanze a cui si appoggiano Circostanziali = proposti dal contesto in cui avviene la scena Nb. certi complementi possono essere a volte argomentali, a volte circostanziali


Scaricare ppt "LA GRAMMATICA VALENZIALE. E.RIGOTTI-S.CIGADA, La comunicazione verbale, Apogeo, 2004 A.FERRARI-L.ZAMPESE, La frase e il testo, Zanichelli, 1994 L.PENNACCHIETTI."

Presentazioni simili


Annunci Google