La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Soggiorno a Roma 1402-1407 Brunelleschi e Donatello furono i primi della loro generazione ad esaminare, attentamente e metodicamente, le rovine dellantica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Soggiorno a Roma 1402-1407 Brunelleschi e Donatello furono i primi della loro generazione ad esaminare, attentamente e metodicamente, le rovine dellantica."— Transcript della presentazione:

1 Soggiorno a Roma Brunelleschi e Donatello furono i primi della loro generazione ad esaminare, attentamente e metodicamente, le rovine dellantica Roma. Fu attraverso le accurate misurazioni di colonne, frontoni e archi, che Brunelleschi poté impossessarsi dei rapporti matematici usati dagli architetti romani, ma anche concepire lidea di spazio come dimensione essenziale nelle arti figurative. Egli passò il resto della sua vita ad elaborare le implicazioni di questa scoperta. G.A. Brucker, Firenze nel Rinascimento il Rinascimento

2 Perché lo stile rinascimentale si sviluppò e partì da Firenze? ESEMPI gli affreschi di Giotto e le porte di Andrea Pisano erano a portata di mano per essere studiate, ammirate e copiate da artisti più giovani. Quando Donatello e Brunelleschi realizzarono le prime opere, queste furono opere pubbliche esposte allammirazione dellintera comunità. LARTIGIANATO FIORENTINO Lesperienza nelle attività artigiane sviluppò una particolare attitudine mentale: il senso della qualità estetica applicato al lavoro manuale. Questa spiccata abilità nei lavori in cui si deve coniugare la tecnica con lestetica funzionò da terreno fertile per i talenti artistici di inizio Quattrocento. LUMANESIMO Salutati e Bruni, insieme a molti altri, diffusero nei giovani fiorentini un interesse per il mondo classico. Nellassenza di scuole e università di grande prestigio furono i cenacoli e i circoli filosofici a riportare i valori classici – libertà, bellezza, vita attiva, centralità delluomo – nel cuore della cultura medievale.

3 OSMOSI tra cultura popolare e cultura délite (classica) Gli artisti fiorentini erano membri delle Arti; la loro educazione non era classica, ma popolare e vernacolare. Lo stile predominante era il tardo-gotico, ma nessun artista di livello emerse dalla metà del Trecento. Questa mediocrità spinse i migliori talenti a rivolgersi altrove per una guida e unispirazione. Brunelleschi, Donatello, Ghiberti svolsero lapprendistato nelle botteghe degli orafi. Nei rispettivi campi essi furono per lo più autodidatti, liberi di sviluppare le proprie tecniche e i loro interessi senza la costrizione di un maestro né, tantomeno, di patroni aristocratici. Linteresse per la classicità lo svilupparono in loro stessi. (il celebre mecenatismo mediceo arriverà solamente mezzo secolo dopo, quando il nuovo stile si è già ampiamente affermato)

4 DONATELLO San Marco Evangelista era patrono dei linaioli, e la statua fu la prima scolpita da Donatello per Orsanmichele. Successivamente ralizzarà San Pietro, in collaborazione più o meno partecipata con Filippo Brunelleschi, e il celebre San Giorgio (arte degli armaiuoli). La statue vennero probabilmente collocate nelle nicchie tra il 1410 e il San Marco 1413 San Giorgio 1417

5 Filippo Brunelleschi Spedale degli Innocenti 1427 Primo edificio classico della città

6 FILIPPO BRUNELLESCHI - LA CUPOLA DELLA CATTEDRALE i monti intorno a Fiorenza paiono simili a lei Giorgio Vasari

7 Cappellone degli spagnoli – Chiesa di Santa Maria Novella

8 Porte del Paradiso Lorenzo Ghiberti, 1452 Leonardo Bruni suggerì a Ghiberti un disegno per la seconda porta del Battistero e questo è il primo esempio documentato di una collaborazione tra un umanista e un artista per un progetto artistico. Anche se poi lo scultore non utilizzò questi suggerimenti, la sua esecuzione della Porta del Paradiso, fu profondamente influenzata dagli ambienti umanistici fiorentini. Certamente lidea di un progresso delle arti e nellambizione a migliorare tutte le precedenti imprese, comprese proprio le precedenti porte del Battistero. autoritratto

9 "Il più sovrano maestro stato in dipintura che si trovasse al suo tempo, e quegli che più trasse ogni figura e atti al naturale. Giovanni Villani Il modello: Giotto di Bondone ( )

10 MASACCIO « Dopo questo [Giotto] l'arte ricadde, perché tutti imitavano le fatte pitture, e così andò declinando, insino a tanto che Tommaso fiorentino, scognominato Masaccio, mostrò con opra perfetta come quegli che pigliavano per altore altro che la natura, maestra de' maestri, s'affaticavano invano. » Leonardo da Vinci Trattato della pittura, 1500 ca. Trinità di Masaccio. Chiesa S.M. Novella

11 Cappela Brancacci. Chiesa di Santa Maria del Carmine La Cappella Brancacci, situata all'interno della chiesa di Santa Maria del Carmine di Firenze rappresenta uno degli esempi più elevati di pittura del Rinascimento. Essa è frutto della collaborazione di due dei più grandi artisti dell'epoca Masaccio e Masolino da Panicale, ai quali deve aggiungersi la mano di Filippino Lippi, chiamato a completare l'opera.

12 Cacciata dal Paradiso La modernità del Medioevo o loscurantismo delletà moderna ?

13 Questo dipinto attribuito a Paolo Uccello (dubbio) mostra i grandi del Rinascimento fiorentino insieme ad un letterato matematico. Sono numerosi i quadri straordinari di mano sconosciuta o incerta realizzati alla fine del XV

14 Veduta della Catena attribuita a Francesco Rosselli 1472 ca.

15

16 La città ideale. Anonimo fiorentino fine XV Nella seconda metà del Quattrocento, durante il Rinascimento, cominciarono tentativi di progettazione di città in cui lo spazio sarebbe stato sfruttato al meglio. Già con Platone si ha lintento di formare una città stato ideale, filosoficamente ritrovata nella Repubblica. La diffusione anche tra artigiani e artisti non di primo piano delle basilari tecniche della prospettiva e del gusto classicheggiante (ordine, sobrietà, equilibrio, simmetria) spiega lenorme impatto delle innovazioni rinascimentali. (il dipinto è conservato nel Museo nazionale di Urbino)

17 Facciata di Santa Maria Novella 1470 Leon Battista Alberti Quanti favorivano lo stile rinascimentale erano attratti dal senso dellordine, dalla regolarità e dalla coerenza stabilite dalle leggi matematiche. Lo spazio e il mondo fisico erano fenomeni che potevano essere definiti, misurati, controllati dalla mente umana. Si trattava di idee che avevano ovvi paralleli con lesperienza fiorentina: nella precisione e accuratezza dei libri conto mercantili o nei documenti delle finanze statali; così come nella qualità del lavoro delle botteghe artigiane fiorentine.

18 Lorenzo il Magnifico

19 Il cenacolo di Lorenzo e il neoplatonismo Lorenzo fu grande mecenate, ma soprattutto promotore della cultura fiorentina allestero. Quale cultura? LUmanesimo e il Rinascimento, ma con un taglio molto diverso da quello che ispirò Coluccio Salutati e Leonardo Bruni. La cultura nelletà di Lorenzo fu privata, creata per piccoli e sofisticati cognoscenti. Basta parlare di libertà, repubblicanesimo, idea di una vita attiva Quant'è bella giovinezza, che si fugge tuttavia! Chi vuol essere lieto, sia: di doman non c'è certezza » Lideologia della Firenze laurenziana fu il neo-platonismo : disprezzo per la natura fisica delluomo e esaltazione della sua spiritualità. Nellaccademia che sul modello platonico egli aveva fondato nella sua villa di Careggi rifulse lastro delle speculazioni filosofiche ed ermetiche, Marsilio Ficino; e verso quel sodalizio si sentì attratto il grande celebratore dellonnipotenza delluomo e della magia come arte dellarmonizzare la vita umana a quella delluniverso, Pico della Mirandola. A questo elevato, rarefatto sentire, Angelo Poliziano e Sandro Botticelli avrebbero offerto, luno i versi duna poesia sovente ispirata, laltro le forme e i colori duna perfezione pittorica mai più raggiunta. (Franco Cardini, Breve storia di Firenze)

20 La Primavera di Botticelli è il prodotto di questo clima, essendo unallegoria nella quale si fondono idee platoniche e idee cristiane, ma in un contesto iconografico così arcano e così esoterico che solo un iniziato ne poteva intendere il messaggio. Si tratta di una pittura che vividamente illustra il fossato culturale che separava ormai Lorenzo e gli intellettuali della sua cerchia dal resto della società fiorentina

21 LA NASCITA DI VENERE Sandro Botticelli, 1484 Chiare, fresche et dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna; gentil ramo ove piacque (con sospir mi rimembra) a lei di fare al bel fianco colonna; erba e fior che la gonna leggiadra ricoverse co l'angelico seno; (…) Qual fior cadea sul lembo, qual su le trecce bionde, ch'oro forbito et perle eran quel dì, a vederle; qual si posava in terra, e qual su l'onde; qual, con un vago errore girando, parea dir: Qui regna Amore Chiare, fresche et dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna; gentil ramo ove piacque (con sospir mi rimembra) a lei di fare al bel fianco colonna; erba e fior che la gonna leggiadra ricoverse co l'angelico seno; (…) Qual fior cadea sul lembo, qual su le trecce bionde, ch'oro forbito et perle eran quel dì, a vederle; qual si posava in terra, e qual su l'onde; qual, con un vago errore girando, parea dir: Qui regna Amore

22 DAVID Michelangelo Buonarroti Nel 1501 Michelangelo avrebbe inoltre ricevuto lultima grande commissione della repubblica, destinata ad esaltare lo spirito civico del popolo fiorentino: la statua del David

23 LEONARDO A poco più di vent' anni gli Ufficiali della Notte, portarono via Leonardo dalla bottega del maestro Verrocchio e lo gettarono in una cella. Stette là due mesi, terrorizzato dalla minaccia del rogo. L' omosessualità si pagava con il fuoco. Fu assolto, per mancanza di prove, e tornò alla vita. E dipinse capolavori, quasi tutti incompiuti, che nella storia dell' arte inaugurarono lo sfumato e il chiaroscuro; disegnò alla perfezione, per la prima volta, gli organi umani, studiando lanatomia sui cadaveri; confermò che il mondo girava; inventò lelicottero, l'aereo, la bicicletta, il sottomarino, il paracadute, la mitragliatrice, la granata, il mortaio, il carro armato, la gru mobile, la scavatrice galleggiante, la macchina per fare la pasta, la grattugia … e la domenica comprava uccelli al mercato e gli apriva le gabbie. Coloro che lo conobbero dissero che non abbracciò mai una donna, ma dalla sua mano nacque il ritratto più famoso di tutti i tempi. E fu un ritratto di donna. Eduardo Galeano, Specchi LEONARDO A poco più di vent' anni gli Ufficiali della Notte, portarono via Leonardo dalla bottega del maestro Verrocchio e lo gettarono in una cella. Stette là due mesi, terrorizzato dalla minaccia del rogo. L' omosessualità si pagava con il fuoco. Fu assolto, per mancanza di prove, e tornò alla vita. E dipinse capolavori, quasi tutti incompiuti, che nella storia dell' arte inaugurarono lo sfumato e il chiaroscuro; disegnò alla perfezione, per la prima volta, gli organi umani, studiando lanatomia sui cadaveri; confermò che il mondo girava; inventò lelicottero, l'aereo, la bicicletta, il sottomarino, il paracadute, la mitragliatrice, la granata, il mortaio, il carro armato, la gru mobile, la scavatrice galleggiante, la macchina per fare la pasta, la grattugia … e la domenica comprava uccelli al mercato e gli apriva le gabbie. Coloro che lo conobbero dissero che non abbracciò mai una donna, ma dalla sua mano nacque il ritratto più famoso di tutti i tempi. E fu un ritratto di donna. Eduardo Galeano, Specchi La Gioconda (Firenze, )

24 Raffaello Sanzio, La scuola di Atene, 1511

25 LAssedio di Firenze Giorgio Vasari (1530) Sala Clemente VII Palazzo Vecchio Giorgio Vasari è stato scultore, pittore e architetto. Fedele artista alla corte medicea, progettò il palazzo degli Uffizi e il Corridoio che dal Palazzo Vecchio portava i regnanti fino al nuovo palazzo del potere: Palazzo Pitti. E autore degli affreschi decoratvi di Palazzo Vecchio ed è ricordato anche per la sua attività di storiografo e critico d'arte con il celebre Vite de più eccellenti pittori, scultori et architetti.

26 Da questa città animata e animosa nascono i capolavori: la Commedia al pari del Decameron, le Porte del Paradiso al pari del David. Sempre opere e simboli collettivi, che hanno un autore, un maestro che conferisce loro forma e forza ma alle quali è tutta la città a collaborare. Franco Cardini, Breve storia di Firenze Da questa città animata e animosa nascono i capolavori: la Commedia al pari del Decameron, le Porte del Paradiso al pari del David. Sempre opere e simboli collettivi, che hanno un autore, un maestro che conferisce loro forma e forza ma alle quali è tutta la città a collaborare. Franco Cardini, Breve storia di Firenze


Scaricare ppt "Soggiorno a Roma 1402-1407 Brunelleschi e Donatello furono i primi della loro generazione ad esaminare, attentamente e metodicamente, le rovine dellantica."

Presentazioni simili


Annunci Google