La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Qualche spunto di riflessione per cercare di capire dove stiamo andando …..

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Qualche spunto di riflessione per cercare di capire dove stiamo andando ….."— Transcript della presentazione:

1 Qualche spunto di riflessione per cercare di capire dove stiamo andando …..

2 “If you think education is expensive, try ignorance” President of Harvard Univ ), Derek Bok

3 Ricercatore Prof. associato Prof. Ordinario Il Processo formativo dell’Università Laurea Primo Livello (3 anni, 180 cfu) –Es.: Laurea triennale in SCIENZE GEOLOGICHE Laurea Secondo Livello (2 anni, 120 cfu) –Es.: Laurea Magistrale in SCIENZE e TECNOLOGIE GEOLOGICHE Dottorato di ricerca UniversitàUniversità MondodellavoroMondodellavoro ? ? ?

4 Il DPR 382/1980 Decreto Presidente Repubblica 11 luglio 1980, n. 382 (in SO alla GU 31 luglio 1980, n. 209) Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione nonché sperimentazione organizzativa e didattica TITOLO I Capo I Nuovo assetto della docenza universitaria, istituzione del ruolo dei ricercatori e piano di sviluppo Art. 1 Ruolo dei professori universitari e istituzione del ruolo dei ricercatori. ruolo dei professori universitari Il ruolo dei professori universitari comprende le seguenti fasce: professori straordinari e ordinari; professori associati. Le norme di cui ai successivi articoli assicurano, nell'unitarietà della funzione docente, la distinzione dei compiti e delle responsabilità dei professori ordinari e di quelli associati, inquadrandoli in due fasce di carattere funzionale, con uguale garanzia di libertà didattica e di ricerca. I professori universitari di ruolo adempiono ai compiti didattici nei corsi di laurea, nei corsi di diploma, nelle scuole speciali e nelle scuole di specializzazione e di perfezionamento. Possono essere chiamati a cooperare alle attività di docenza professori a contratto, ai sensi del successivo art. 25. E' istituito il ruolo dei ricercatori universitari. […]

5 Il DPR 382/1980 Art. 2 Piano di sviluppo dell'Università Art. 2 Piano di sviluppo dell'Università. Individuazione e ripartizione dei posti di professore universitario di ruolo da bandire per concorso. Il Ministro della pubblica istruzione, sulla base delle indicazioni delle Università, che acquisiscono il parere delle facoltà […] elabora ogni quadriennio, sentito il Consiglio universitario nazionale (C.U.N.), un piano di sviluppo dell'Università ai fini dell'adeguamento delle strutture didattiche e scientifiche, con articolate previsioni di spesa, e individua i settori disciplinari da sviluppare e le modalità per il loro incremento nel quadriennio, tenuto conto della dinamica accertata e presunta della popolazione studentesca nei diversi corsi di laurea, del relativo numero di professori di ruolo e di ricercatori afferenti ai corsi, dei programmi di sviluppo della ricerca scientifica e dei prevedibili sbocchi professionali nei diversi settori nonché delle necessità di riequilibrio fra le diverse sedi. […] L'assegnazione dei nuovi posti di professore ordinario e di associato è effettuata sulla base del piano, su richiesta delle facoltà interessate, in relazione alle esigenze didattiche e scientifiche individuate nel piano di sviluppo delle Università di cui ai precedenti commi.

6 Il DPR 382/1980 Art. 10 Doveri didattici dei professori professori ordinari ( e associati ) Fermi restando tutti gli altri obblighi previsti dalle vigenti disposizioni, i professori ordinari ( e associati ) per le attività didattiche, compresa la partecipazione alle commissioni d'esame e alle commissioni di laurea, devono assicurare la loro presenza per non meno di 250 ore annuali […] Sono altresì tenuti ad assicurare il loro impegno per la partecipazione agli organi collegiali e di governo dell'Ateneo secondo i compiti previsti per ciascuna fascia. I professori a tempo pieno sono tenuti anche a garantire la loro presenza per non meno di altre 100 ore annuali per le attività di cui al successivo comma quarto […] Le attività didattiche comprendono sia lo svolgimento dell'insegnamento nelle varie forme previste, sia lo svolgimento, nell'ambito di appositi servizi predisposti dalle facoltà, di compiti di orientamento per gli studenti, con particolare riferimento alla predisposizione dei piani di studio, ai fini anche delle opportune modifiche ed integrazioni sulla base dei risultati conseguiti dagli studenti stessi e delle loro meglio individuate attitudini e sopravvenute esigenze.

7 Il DPR 382/1980 Art. 32 Compiti dei ricercatori universitari. I ricercatori universitari contribuiscono allo sviluppo della ricerca scientifica universitaria e assolvono a compiti didattici integrativi dei corsi di insegnamento ufficiali. Tra tali compiti sono comprese le esercitazioni, la collaborazione con gli studenti nelle ricerche attinenti alle tesi di laurea e la partecipazione alla sperimentazione di nuove modalità di insegnamento ed alle connesse attività tutoriali. I ricercatori confermati possono accedere direttamente ai fondi per la ricerca scientifica, sia a livello nazionale sia a livello locale. Essi adempiono a compiti di ricerca scientifica su temi di loro scelta e possono partecipare ai programmi di ricerca delle strutture universitarie in cui sono inseriti. Possono altresì svolgere, oltre ai compiti didattici, di cui al precedente comma, cicli di lezioni interne ai corsi attivati e attività di seminario secondo modalità definite dal consiglio del corso di laurea e d'intesa con i professori titolari degli insegnamenti ufficiali. Possono altresì partecipare alle commissioni d'esame di profitto come cultori della materia. I consigli delle facoltà dalle quali i ricercatori dipendono determinano, ogni anno accademico, gli impegni e le modalità di esercizio delle funzioni scientifiche e di quelle didattiche. Per le funzioni didattiche il ricercatore è tenuto ad un impegno per non più di 250 ore annue annotate dal ricercatore medesimo in apposito registro. Il ricercatore è inoltre tenuto ad assicurare il suo impegno per le attività collegiali negli Atenei, ove investito della relativa rappresentanza.

8 Il DPR 382/1980 TITOLO III Ricerca scientifica Capo I Ricerca scientifica nelle Università e suo coordinamento Art. 63 Ricerca scientifica nelle Università. L'Università è sede primaria della ricerca scientifica.

9 * *

10 Chart A1.1. Proportion of population in skilled jobs and proportion of population with tertiary education (2006) Source: OECD. Table A1.3a and Table A1.6. See Annex 3 for notes (www.oecd.org/edu/eag2008).

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20 Cosa fare in questa situazione?

21

22 Legge 133/2008: una (pseudo)riforma dell’Università italiana Giù la maschera!

23 Riduzione Fondo Finanziamento Ordinario Nel 2008 è pari a circa 7000 milioni di Euro per tutte le Università 2009: -1% (- 63 milioni di Euro) 2010: -3% (- 190 milioni di Euro) 2011: -5% (- 316 milioni di Euro) 2012: -6% (- 417 milioni di Euro) 2013: -7% (- 455 milioni di Euro) Legge n. 133 del 6 agosto 2008 Possibilità delle Università di trasformarsi in “Fondazioni di diritto privato” nelle quali “ resta il finanziamento pubblico per il quale costituisce elemento di valutazione l’entità dei finanziamenti privati ….” Taglio del turn over 2008: 35% pensionamenti : 20% pensionamenti : 20% pensionamenti : 20% pensionamenti 2010 dal 2012: 50% pensionamenti anno precedente Taglio del “trattenimento in servizio” per i professori universitari Non più un diritto ma una possibilità da richiedere all’Amministrazione Universitaria

24 Quali (nefaste) conseguenze? Docenti insufficienti a coprire i corsi Chiusura di Corsi di Laurea e Facoltà Aumento delle tasse studentesche (1 fattore di grandezza?) Chiusura degli Atenei senza “sponsor” privati Liquidazione di Università e ricerca pubbliche Chiusura dell’ … “azienda Italia”!

25 questa è l’Università che finisce sui giornali Ma ce n’è anche un’altra che lavora silenziosamente, ogni giorno….

26 Che futuro vogliamo NOI per l’Università? ??

27 Che futuro vogliamo per l’Università? "...And therefore never send to know for whom the bell tolls. It tolls for thee". "E allora, non chiedere per chi suoni la campana. Essa suona per te"


Scaricare ppt "Qualche spunto di riflessione per cercare di capire dove stiamo andando ….."

Presentazioni simili


Annunci Google