La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G. Gobber – M. Morani, Linguistica generaleCopyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl 1 Fattori della comunicazione verbale Scheda del capitolo settimo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G. Gobber – M. Morani, Linguistica generaleCopyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl 1 Fattori della comunicazione verbale Scheda del capitolo settimo."— Transcript della presentazione:

1 G. Gobber – M. Morani, Linguistica generaleCopyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl 1 Fattori della comunicazione verbale Scheda del capitolo settimo Lingua e comunicazione

2 G. Gobber – M. Morani, Linguistica generaleCopyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl 2 Sintesi Si comunica in via Esplicita –Semiosi Categoriale Deittica –Ostensione Implicita –Presupposizione –Implicazione.

3 G. Gobber – M. Morani, Linguistica generaleCopyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl 3 Semiosi categoriale –I simboli sono eventi comunicativi verbali che manifestano, esibiscono una componente di senso: dentro al simbolo vi sono categorie per leggere il dato della realtà, così come è depositato entro una tradizione (common ground). –P.es. formaggio – cheese (< caseus formaticus): significo nominando una caratteristica, che rappresenta unintera porzione di realtà. –Si dice categoriale la semiosi che denota nominando proprietà, relazioni, caratteristiche.

4 G. Gobber – M. Morani, Linguistica generaleCopyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl 4 Semiosi deittica o Deissi La deissi funziona nellincontro del linguaggio con lesperienza (Rigotti – Cigada, La comunicazione verbale, Apogeo, Milano 2004, p. 43). La deissi è unistruzione per la quale si identifica un elemento del contesto. I deittici hanno una parte linguistica ( semiosi) e una parte esperienziale. Che significa ora? Per interpretare serve: –la conoscenza dellitaliano (non sempre è omologo a now). Cfr. lat. hac hora sp ahora, it ora; –La conoscenza del context of use.

5 G. Gobber – M. Morani, Linguistica generaleCopyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl 5 Deittico vs categoriale Un lessema come albero rimanda allesperienza di cose fatte così e così. Il lessema è dotato di un semantismo – a un idea – presente già nel sistema linguistico (p. 44). Un lessema come adesso : è una istruzione che indica come ci collochiamo rispetto al tempo; nellatto di comunicazione verbale il parlante ne attiva la carica deittica e instaura un riferimento a un momento di tempo.

6 G. Gobber – M. Morani, Linguistica generaleCopyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl 6 anafore / catafore : deittici testuali Le anafore (anà + phero rimando in alto) e le catafore (katà + phero rimando in basso) sono segnali testuali: - per riprendere denotati che precedono nel testo (anafore) - per anticipare denotati che precedono nel testo. Sono detti anche elementi forici. (Rigotti – Cigada, La comunicazione verbale, cit., p. 45).

7 G. Gobber – M. Morani, Linguistica generaleCopyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl 7 Ostensione La realtà partecipa alla comunicazione per il fatto di essere lì (Rigotti – Cigada, cit., p. 46). Ostendere contiene il prefisso ob – cfr. oggetto < obiectum – ob: davanti; ostendere = mettere davanti. Momento muto della comunicazione (ibidem). È naturale. Non è simulazione.


Scaricare ppt "G. Gobber – M. Morani, Linguistica generaleCopyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl 1 Fattori della comunicazione verbale Scheda del capitolo settimo."

Presentazioni simili


Annunci Google