La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GLI UFFICIALI DI STATO CIVILE, DI ANAGRAFE E DEI SERVIZI ELETTORALI FRA RESPONSABILITÀ E RISCHI PROFESSIONALI: PRESENTAZIONE DELLE GARANZIE E DEL FUNZIONAMENTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GLI UFFICIALI DI STATO CIVILE, DI ANAGRAFE E DEI SERVIZI ELETTORALI FRA RESPONSABILITÀ E RISCHI PROFESSIONALI: PRESENTAZIONE DELLE GARANZIE E DEL FUNZIONAMENTO."— Transcript della presentazione:

1 GLI UFFICIALI DI STATO CIVILE, DI ANAGRAFE E DEI SERVIZI ELETTORALI FRA RESPONSABILITÀ E RISCHI PROFESSIONALI: PRESENTAZIONE DELLE GARANZIE E DEL FUNZIONAMENTO DELLA POLIZZA ASSICURATIVA Merano, 4 dicembre 2003 A cura di Claudia Novello

2 LA POLIZZA CONVENZIONE ANUSCA I SOGGETTI DELLA POLIZZA CONTRAENTE:A.N.U.S.C.A. ASSICURATI: GLI UFFICIALI DI STATO CIVILE, ANAGRAFE ED ELETTORALE ASSICURATORI: I LLOYDS DI LONDRA – COVERHOLDER AEC SRL QUANTO COSTA? 350 ALLANNO MENO DI 1 AL GIORNO!!! MASSIMALE ,00PER CIASCUN ASSICURATO ,00 PER CORRESPONSABILITA DI PIU ASSICURATI DELLO STESSO ENTE ILLIMITATO PER TUTTA LA POLIZZA CONVENZIONE SCOPERTI E FRANCHIGIE SCOPERTO 10% SU OGNI DANNOMINIMO 250,00MASSIMO 2.000,00 COSA ASSICURA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI COLPA GRAVE RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA

3 IL SISTEMA DI ADESIONE – I COSTI LEFFETTO DELLA POLIZZA E STATO PREVISTO DAL AL CON POSSIBILITA DI ADESIONE IN CORSO DANNO ANNUALEDAL , TRIMESTRIDAL , TRIMESTRIDAL , TRIMESTREDAL , PERIODO DI ADESIONE EFFETTO COPERTURA PREMIO VERSAMENTO ENTRO IL

4 IL SISTEMA DI ADESIONE – MODALITA PER LADESIONE ALLA POLIZZA E NECESSARIO: COMPILARE IL MODULO DI ADESIONE COMPILARE E SOTTOSCRIVERE IL QUESTIONARIO VERSAMENTO DEL PREMIO SU: Unicredit Banca Agenzia Bologna Irnerio C/C n° – Intestato a Uniconsult S.r.l. ABI CAB CIN C CAUSALE: Adesione convenzione ANUSCA

5 QUAL E LA FUNZIONE DI UN ASSICURAZIONE DI RESPONSABILITA CIVILE? LA FUNZIONE ECONOMICA La funzione economica dellassicurazione di responsabilità civile consiste nel fatto che garantisce il mantenimento dellequilibrio della situazione patrimoniale del danneggiante a fronte di un evento che induce la sua responsabilità civile OGGETTO DELLASSICURAZIONE E il rischio in cui incorre lassicurato di essere obbligato al risarcimento conseguente al danno illecito provocato a terzi, risarcimento che si rifletterebbe in modo negativo sul suo patrimonio personale. TITOLARITA DELLASSICURAZIONE Titolare dell'assicurazione è l'assicurato: nel contratto l'assicuratore si obbliga a tenerlo indenne dellobbligazione di pagare a terzi un risarcimento, in conseguenza di un fatto colposo a lui addebitabile a titolo di inadempimento o di illecito. La prestazione assicurativa presuppone l'imputabilità del fatto dannoso all'assicurato a titolo di colpa.

6 RICHIESTE DI RISARCIMENTO DEI TERZI Comune di XXXXXXX Atto di Matrimonio ERRATO RICHIESTA DANNI - Spese notarili - Eventuali ulteriori danni subiti, da valutare MOTIVAZIONI DELLA CONTESTAZIONE I cittadini interessati alla stipula di atti notarili richiedono lemissione dellestratto dellatto di matrimonio contenente lindicazione del regime scelto, di SEPARAZIONE LEGALE Il Comune rilascia estratto di atto di matrimonio indicante che lo stesso è in REGIME DI COMUNIONE LEGALE DEI BENI Accertamento da parte del Notaio che il regime patrimoniale esistente era di SEPARAZIONE LEGALE DEI BENI CASO 1 Comune RICHIESTA DANNI SOGGETTO COINVOLTO

7 RICHIESTE DI RISARCIMENTO DEI TERZI Tribunale di XXXXXXX Diniego di iscrizione nel registro anagrafico di un cittadino Illegittimo impedimento allespressione del voto elettorale amministrativo Pregiudizio di immagine e al senso civico Lesione dei principi costituzionali di libertà e di uguaglianza ATTO ILLEGITTIMO DI DINIEGO LESIONE DI INTERESSE LEGITTIMO PRETENSIVO DANNO INGIUSTO Art CODICE CIVILE QUANTIFICAZIONE DEL DANNO: ,00 MOTIVAZIONI DELLA CONTESTAZIONE CASO 2 Comune Prefettura Responsabile Ufficio Anagrafe Polizia Municipale Sindaco ATTO DI CITAZIONE SOGGETTI COINVOLTI

8 IMPUTAZIONE DI RESPONSABILITA AMMINISTRATIVO CONTABILE Sussiste la giurisdizione del giudice contabile nel giudizio di responsabilità amministrativa nei confronti del funzionario dellanagrafe cui sia contestato lomesso esercizio delle funzioni attribuitegli dallo Stato, dal quale è derivato il danno erariale consistente nellavere unamministrazione dello Stato continuato ad erogare una pensione a persona già deceduta, con conseguente illecita percezione di ratei da parte di un parente. CORTE DI CASSAZIONECORTE DEI CONTI DEMANDA IL GIUDIZIO ALLA RESPONSABILITA CONTABILE DEL FUNZIONARIO CHE OMETTE DI ANNOTARE IL DECESSO CASO 3 Sezioni Unite, , n° 16216

9 ESAME DEL CONTESTO DEL RISCHIO - FONDAMENTI Art. 28 Costituzione I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili secondo le leggi penali, civili ed amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici. Responsabilità della P.A. Responsabilità del funzionario Elementi della fattispecie costituzionale - Art. 28 Cost. 1. Soggetto dellillecito 2.Condotta imputabile/evento danno 3. Criterio soggettivo di imputazione Art. 23 T.U. 3/57, dolo/colpa grave 4. Nesso causalità DANNI AI TERZI – RESPONSABILITA CIVILE

10 IL TESTO UNICO N° 3/57 RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI Art. 22, comma 1 L'impiegato che, nell'esercizio delle attribuzioni ad esso conferite dalle leggi o dai regolamenti, cagioni ad altri un danno ingiusto ai sensi dell'art. 23 è personalmente obbligato a risarcirlo. L'azione di risarcimento nei suoi confronti può essere esercitata congiuntamente con l'azione diretta nei confronti dell'Amministrazione qualora, in base alle norme ed ai principi vigenti dell'ordinamento giuridico, sussista anche la responsabilità dello Stato. LAZIONE DI RIVALSA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Art. 22, comma 2 L'amministrazione che abbia risarcito il terzo del danno cagionato dal dipendente si rivale agendo contro questultimo a norma degli articoli 18 e 19. DOLO E COLPA GRAVE Art. 23 – Danno ingiusto E' danno ingiusto, agli effetti previsti dall'art. 22, quello derivante da ogni violazione dei diritti dei terzi che l'impiegato abbia commesso per dolo o per colpa grave; restano salve le responsabilità più gravi previste dalle leggi vigenti. RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA Art. 18 – Responsabilità dellimpiegato verso la Pubblica Amministrazione L'impiegato delle amministrazioni dello Stato anche ad ordinamento autonomo, è tenuto a risarcire alle amministrazioni stesse i danni derivanti da violazioni di obblighi di servizio. Se l'impiegato ha agito per un ordine che era obbligato ad eseguire va esente da responsabilità, salva la responsabilità del superiore che ha impartito l'ordine. L'impiegato, invece, è responsabile se ha agito per delega del superiore.

11 LA DISCIPLINA DELLA RESPONSABILITA DEI PUBBLICI IMPIEGATI COSA DICONO LART. 28 Cost. e T.U. n° 3/57? COMPORTAMENTO (AZIONE O OMISSIONE) DANNO INGIUSTO RISARCIMENTO COLPA LIEVE COLPA GRAVE DOLO RISPONDE LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RISPONDE PERSONALMENTE IL DIPENDENTE (col proprio patrimonio)

12 LA RESPONSABILITÀ CIVILE EXTRACONTRATTUALE Art C.C. - Risarcimento per fatto illecito. Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Obbligo di rispettare le norme che stabiliscono di non procurare nocumento (danno ingiusto ad altri) Obbligo di risarcimento del danno 1)LESIONE DI DIRITTI SOGGETTIVI 2) OBBLIGO DI RISARCIMENTO

13 INTERESSE LEGITTIMO: COSE? Interesse legittimo: La posizione di vantaggio riservata ad un soggetto in relazione ad un bene della vita, oggetto di un provvedimento amministrativo e consistente nellattribuzione a tale soggetto di poteri idonei ad influire sul corretto esercizio del potere, in modo da rendere possibile la realizzazione dellinteresse al bene.

14 SENTENZA 500/99 – CORTE DI CASSAZIONE ELEMENTI DELLA RESPONSABILITÀ (Cass. 500/99) 1. Danno ingiusto su interesse rilevante per lordinamento 2. Illegittimità atto (o comportamento ) 3. Nesso di causalità tra evento ( P.A. ) e danno 4.Colpa P.A. = COLPA LEGALE non basta lillegittimità: occorre anche il dolo o la colpa P.A. = illiceità Danno ingiusto danno arrecato allinteresse meritevole di tutela da parte dell Ordinamento Giuridico, che secondo la sentenza 500/99, è configurabile nel caso in cui l'adozione e l'esecuzione dell'atto illegittimo (lesivo dell'interesse del danneggiato) sia avvenuta in violazione delle regole di imparzialità, di correttezza e di buona amministrazione alle quali l'esercizio della funzione amministrativa deve ispirarsi e che il giudice ordinario può valutare, in quanto si pongono come limiti esterni alla discrezionalità. DUNQUE

15 SENTENZA 500/99 – CORTE DI CASSAZIONE In riferimento alle diverse forme della protezione dellinteresse legittimo la Sent. 500/99 distingue : interessi_oppositivi,la protezione è conferita al fine di evitare un provvedimento sfavorevole; i primi soddisfano istanza di conservazione della sfera giuridica personale e patrimoniale del soggetto. interessi_pretensivi, la protezione è conferita per ottenere un provvedimento favorevole; soddisfano istanze di sviluppo della sfera giuridica personale e patrimoniale del soggetto

16 LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA E la responsabilità in cui incorre il soggetto (persona fisica) che, avendo violato doveri od obblighi derivanti dal rapporto di servizio con un ente pubblico, abbia cagionato un danno alla sua (o ad altra) pubblica amministrazione. Art. 93 T.U. 267/2000 Art. 18 T.U. 1957, n. 3 CRITERIO DI IMPUTAZIONE (elemento soggettivo) dolo / colpa grave NUOVA REGOLA GENERALE PER TUTTI I PUBBLICI AGENTI. (art. 1, comma 1 legge 20/94, come modif. l. 639/96) La responsabilità è personale e limitata ai fatti e alle omissioni commesse con dolo o colpa grave ferma restando linsindacabilità nel merito delle scelte discrezionali

17 TESI SULLA NATURA DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA Tesi 1 - modello civilistico risarcitorio responsabilità amministrativa = responsabilità civile Tesi 2 - concezione pubblicistico - sanzionatorio natura sanzionatoria, afflittiva, personale della responsabilità azione promossa dalla Procura / Corte dei Conti divisibilità del danno potere riduttivo della Corte dei Conti responsabilità estesa a chi omette la denuncia compensatio lucri cum damno dolo o colpa grave Tesi Corte dei Conti, sez. riunite, 27 maggio 1999, n. 15 Responsabilità amministrativa: natura risarcitoria sui generis funzione essenzialmente risarcitoria in quanto essa tende alla reintegrazione delle risorse finanziarie e patrimoniali della pubblica amministrazione.

18 IL DANNO ERARIALE Danno pubblico comprensivo della lesione di interessi pubblici anche non patrimoniali danno diretto: pregiudizio economico cagionato allente pubblico fin dallorigine (indipendentemente dal fatto che vi siano terzi interessati ) danno indiretto: patito dallamministrazione che sia obbligata a risarcire ai terzi (per accordo transattivo o sentenza di condanna) i danni cagionati dal dipendente. Componenti del danno: danno emergente = perdita subita, di denaro o di valori di pertinenza dellente lucro cessante = mancato guadagno, mancata acquisizione di entrate; mancato incremento patrimoniale Requisiti del danno: certezza effettività attualità

19 ART C.C. - 1° COMMA Art C.C. - 1°Comma Nellassicurazione della responsabilità civile lassicuratore è obbligato a tenere indenne lassicurato di quanto questi,in conseguenza del fatto accaduto durante il tempo dellassicurazione, deve pagare a un terzo, in dipendenza della responsabilità dedotta dal contratto. Sono esclusi i danni derivanti da fatti dolosi

20 LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DEI COMUNI OGGETTO DELLASSICURAZIONE La società si obbliga a tenere indenne lassicurato di quanto questi sia tenuto a pagare, quale civilmente responsabile ai sensi di legge, a titolo di risarcimento (capitale- interessi-spese) Di danni involontariamente cagionati a terzi per morte, per lesioni personali e per danneggiamenti a cose, A tuttoggi (ma anche precedentemente) le pubbliche amministrazioni sono (erano) scoperte per il rischio dei danni patrimoniali risarcibili a terzi per responsabilità dei loro dipendenti, per effetto dellart.28 della Costituzione

21 LA POLIZZA CONVENZIONE ANUSCA

22 LA POLIZZA CONVENZIONE A.N.U.S.C.A. Responsabilità Civile verso Terzi a)L'Assicurazione è prestata per la Responsabilità Civile derivante all'Assicurato per Perdite Patrimoniali involontariamente cagionati a terzi in conseguenza di atti od omissioni di cui debba rispondere a norma di legge nell'esercizio delle sue funzioni istituzionali, compresi i fatti dolosi e colposi commessi da persone di cui lAssicurato stesso debba rispondere ai sensi di legge; b)La garanzia di cui al comma a) comprende inoltre le Perdite Patrimoniali conseguenti a smarrimento, distruzione o deterioramento di atti, documenti o titoli non al portatore purche non derivanti da incendio, furto o rapina c)Si conviene che in caso di decesso dell'Assicurato rimane l'obbligo degli Assicuratori a tenere indenni gli eredi dalle richieste di risarcimento avanzate dai terzi per Sinistro verificatosi durante il tempo di validità dellAssicurazione, sulla base di quanto previsto allart.17, ferme le prescrizioni previste dalla legge. Colpa grave La garanzia di Responsabilità Civile, per patto espresso, deve ritenersi estesa ai Danni Patrimoniali involontariamente causati a terzi per colpa grave di cui lAssicurato stesso, ai sensi di legge, debba rispondere. OGGETTO DELLASSICURAZIONE 1

23 LA POLIZZA CONVENZIONE A.N.U.S.C.A. OGGETTO DELLASSICURAZIONE Responsabilità Amministrativa a) Gli Assicuratori si obbligano a tenere indenne l'Assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare, quale responsabile, ai sensi di legge e per effetto di decisioni della Corte dei Conti, per Perdite Patrimoniali cagionate alla Pubblica Amministrazione, all'Ente di Appartenenza e/o all'Erario in conseguenza di azioni, omissioni, ritardi, commessi nell'esercizio delle proprie funzioni, nonché in conseguenza dell'attività di gestione di valori e beni appartenenti alla Pubblica Amministrazione in qualità (giuridica o di fatto) di agenti contabili e/o consegnatari. b) La garanzia si intende inoltre estesa all'azione di rivalsa esperita dalla Pubblica Amministrazione che abbia autonomamente risarcito il terzo, delle Perdite Patrimoniali involontariamente provocati dall'Assicurato stesso, in proprio od in concorso con altri. c) Si conviene che in caso di decesso dell'Assicurato rimane l'obbligo degli Assicuratori a tenere indenni gli eredi dalle azioni, in sede di rivalsa, della Pubblica Amministrazione in genere, compreso l'Ente di Appartenenza, per Sinistro verificatosi durante il tempo di validità dellAssicurazione, sulla base di quanto previsto allart.17, ferme le prescrizioni previste dalla legge. 2

24 LA VALIDITA TEMPORALE DELLA POLIZZA REGIME DI CLAIMS MADE (A RICHIESTA FATTA) L'efficacia della garanzia è collegata, alla comunicazione della pretesa del terzo danneggiato, recuperando in tal modo anche fatti accaduti prima della decorrenza del periodo di efficacia stabilito nel contratto (sia che anche il danno si sia manifestato antecedentemente o meno), escludendo perciò dalla garanzia quei fatti che abbiano prodotto un danno manifestatosi dopo la scadenza del periodo. In questa forma, il momento temporale rilevante per la copertura assicurativa (l'origine del sinistro) è quello nel quale si manifesta la richiesta di risarcimento, purchè l'evento che lo ha determinato si sia verificato nei due anni antecedenti al periodo di validità della polizza. Garanzia postuma Per le richieste che dovessero essere pervenute successivamente alla scadenza del contratto, lAssicuratore presta la garanzia postuma, che prevede l'estensione della prestazione assicurativa anche alle richieste pervenute all'assicurato nei due anni successivi alla data di cessazione dell'assicurazione determinate da fatti verificatisi durante il periodo di validità della polizza.

25 LA VALIDITA TEMPORALE DELLA POLIZZA RETROATTIVITA ANNI 2 POSTUMA ANNI 2 PERIODO DI VALIDITA DELLA POLIZZA RICHIESTE DI RISARCIMENTO FATTI RICHIESTE DI RISARCIMENTO FATTI 1) Richieste di risarcimento pervenute nel periodo di validità della polizza, per fatti verificatisi fino a due anni antecedenti il periodo di validità del contratto GARANZIA POSTUMA 2) Richieste di risarcimento pervenute nei due anni successivi la scadenza della polizza, per fatti verificatisi nel periodo di validità del contratto La garanzia vale per: 1 2

26 SPESE LEGALI: LA GESTIONE DELLA LITE La società assume, fino a quando ne ha interesse, la gestione della vertenza, tanto in sede stragiudiziale che giudiziale, sia civile che penale, a nome dell'assicurato, designando, ove occorra, legali o tecnici e avvalendosi di tutti i diritti ed azioni spettanti all'assicurato stesso. Sono a carico della società le spese sostenute per resistere all'azione promossa contro l'assicurato, entro il limite di un importo pari al quarto del massimale stabilito in polizza per il danno a cui si riferisce la domanda. Qualora la somma dovuta al danneggiato superi detto massimale, le spese vengono ripartite fra società e assicurato in proporzione del rispettivo interesse. La società non riconosce spese incontrate dall'assicurato per legali o tecnici che non siano da essa designati e non risponde di multe o di ammende nè delle spese di giustizia penale. Questo articolo contenuto nelle polizze di RCT è corrispondente al fatto che un contenzioso civile può avere un trascinamento giudiziario. Lassicuratore ha ritenuto di dover richiamare le limitazioni: 1) limite del quarto del massimale; 2) il non riconoscimento delle spese di legali o tecnici che non siano da esso designati. Il rapporto che si instaura fra assicurato ed assicuratore, tramite il contratto di assicurazione di R.C.,è di immedesimazione in quanto la relazione è formulata per rispondere allobbligazione al terzo. Nella sostanza il risarcimento ha attinenza con la difesa patrimoniale sia dellassicurato quanto della compagnia.

27 GLI OBBLIGHI IN CASO DI SINISTRO In caso di Sinistro, il Contraente/l'Assicurato deve darne avviso scritto anche a mezzo telex o telefax, agli Assicuratori ai quali è assegnata la Polizza oppure al broker indicato in Polizza, entro 30 giorni da quando si è verificata una delle seguenti circostanze: ricevimento di informazione di garanzia (Tribunale, Corte dei Conti); formale richiesta di risarcimento Danni da parte del terzo danneggiato; ricevimento di notifica dellavvio del procedimento di responsabilità contabile. L'inadempimento di tale obbligo può comportare la perdita totale o parziale del diritto all'Indennizzo (art C.C.) Né lAssicurato né i suoi incaricati dovranno fare alcuna ammissione di responsabilità, confessione di colpevolezza, offerta, promessa, pagamento o risarcimento senza il consenso scritto degli Assicuratori.

28 RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA E COPERTURA ASSICURATIVA Corte dei Conti, Friuli- Venezia Giulia, 19 ottobre 2000, n. 489 ( omissis ) Costituisce danno erariale la spesa per il pagamento dei premi di una polizza che miri a coprire i dipendenti dal rischio di una responsabilità amministrativa per danni provocati nei confronti dello stesso Comune. La spesa per la copertura della responsabilità amministrativa non può essere posta a carico del bilancio ma deve essere integralmente sostenuta dal dipendente. LA COPERTURA ASSICURATIVA DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA LE PRONUNCE DELLA CORTE DEI CONTI SUL PREMIO

29 RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA E COPERTURA ASSICURATIVA Corte dei Conti, Lombardia, 9 maggio 2002, n. 942 ( omissis ) Contrasta con i principi fondamentali dellordinamento (richiamati dalla Corte Costituzionale, da ultimo con la ) la stipula da parte di un Ente locale di una polizza assicurativa onde sollevare gli amministratori comunali ed i funzionari dai rischi correlati alla responsabilità amministrativo- contabile connessa allattività dagli stessi svolta. Sussiste il requisito della colpa grave nel comportamento degli Amministratori i quali, autorizzando la stipula di una polizza assicurativa per sollevare gli amministratori stessi ed i funzionari dai rischi correlati alla responsabilità amministrativo-contabile connessa allattività svolta, ha inteso garantire i beneficiari della polizza dai dettami della legge vanificandone leffetto sanzionatorio. La spesa sopportata dallEnte per una tale forma assicurativa rappresenta essa stessa un danno siccome ingiustificabile esonero da responsabilità indeclinabili e quale liberalità al Comune non consentita. Gli Amministratori non possono invocare come esimente la circostanza che la predisposizione della polizza sia stata curata dallapposito Servizio comunale, facendo ad essi carico, in sede di adozione dellatto deliberativo, laccertamento della conformità dello stesso alla normativa ed alla giurisprudenza in materia.

30 GESTIONE DEI SINISTRI RUOLO DI AFFIANCAMENTO DI UNICONSULT S.R.L. AGLI ASSICURATI In caso di sinistro inviare tutta la documentazione ad UNICONSULT s.r.l. che procederà nel seguente modo: controllo che la tipologia dei danni sia compresa in polizza i termini di retroattività della garanzia regolarità amministrativa (pagamento del premio) apertura del sinistro con la cura della riproduzione della documentazione necessaria cura successiva affinché il sinistro sia seguito, venga prodotta la documentazione necessaria al fine della sua corretta liquidazione questo lavoro sarà svolto in costante collegamento con gli esperti di Anusca.


Scaricare ppt "GLI UFFICIALI DI STATO CIVILE, DI ANAGRAFE E DEI SERVIZI ELETTORALI FRA RESPONSABILITÀ E RISCHI PROFESSIONALI: PRESENTAZIONE DELLE GARANZIE E DEL FUNZIONAMENTO."

Presentazioni simili


Annunci Google