La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modelli decisionali Processi decisionali e strategie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modelli decisionali Processi decisionali e strategie."— Transcript della presentazione:

1 Modelli decisionali Processi decisionali e strategie

2 Cosa è una decisione Una scelta tra corsi di azione (opzioni). Le scienze sociali si focalizzano sulle scelte sociali e sulle scelte pubbliche

3 Scelte sociali (collettive) Decisioni che risultano dallamalgama di decisioni individuali in un processo decisionale (decision-making)

4 Scelte (decisioni) pubbliche (politiche) Classe particolare di scelte sociali che: 1.sono rivolte a influenzare la assegnazione dei valori e/o dei rapporti tra le identità 2.le loro disposizioni si applicano a tutti i membri della comunità 3.possono essere imposte imperativamente ai renitenti 4.sono assunte formalmente da autorità pubbliche e/o 5. sono rivolte ad affrontare e, se possibile, risolvere problemi pubblici (rilevanti per la comunità)

5 Logica delle scelte decisionali Due teorie esplicative (e normative): 1.Teoria della scelta razionale 2.Teoria dellidentità

6 Teoria della scelta razionale Razionalità olimpica Razionalità limitata

7 Razionalità olimpica Logica della consequenzialità: attori compiutamente razionali cercano di ottimizzare i loro ricavi

8 Razionalità limitata Logica della consequenzialità: gli attori cercano di realizzare risultati soddisfacenti dati limiti informativi e di calcolo

9 Entrambe le versioni Gli attori calcolano le conseguenze attese dellazione in vista della soddisfazione di preferenze date (logica della consequenzialità)

10 Teoria dellidentità Logica dellappropriatezza: attori situati conformano il loro comportamento a norme sociali o professionali (metodo incrementale)

11 Noi consideriamo processi decisionali in cui: Sono presenti più attori; Questi sono individui o organizzazioni internamente coerenti (team); I diversi attori sono tra loro incoerenti, potenzialmente o effettualmente in conflitto; Questi attori interagiscono e intraprendono giochi decisionali per soddisfare preferenze o identità; Le decisioni che assumono sono decisioni collettive nel senso precedente.

12 Attori Al decision making-collettivo partecipano individui e organizzazioni. Queste possono essere considerate alla stregua di attori collettivi se: 1.I loro membri condividono intensamente interessi, scopi, identità (sono team); 2.Delegano agenti a rappresentarle attraverso procedure collettivizzanti

13 Quali organizzazioni. Formalmente decidono le organizzazioni pubbliche. Ipotesi del government. Le teorie pluralistiche considerano il governo una funzione diffusa oltre i confini formali del pubblico. Al processo di governo partecipano sia agenzie pubbliche che gruppi non governativi. Ipotesi della governance e della complessità decisionale.

14 Quali organizzazioni Tutte le organizzazioni rilevanti possono partecipare, direttamente o indirettamente, formalmente o di fatto, al processo decisionale. Differenti mix di attori governativi caratterizzano ogni politica pubblica. Quali siano non può essere stabilito ex ante ma solo accertato ex post. Dipende dal tipo di politica, dalle fasi del processo politico, dalla forza di ciascuna organizzazione ecc.

15 Tuttavia Le organizzazioni pubbliche sono sempre presenti nel processo di governo. A loro competono le decisioni formali, anche se il loro peso e il loro ruolo sono variabili; Alcune organizzazioni non governative – i partiti, i sindacati, la business community – sono ordinariamente presenti e attive e incidono sulle principali politiche pubbliche

16 Quindi….. Si pongono due problemi per lanalista del decision- making: Accertare quali organizzazioni sono presenti e attive nel processo politico; Valutare qual è il ruolo di ciascuna e in particolare quale peso esercita il potere pubblico nella struttura di interazione.

17 Giochi I rapporti di interazione tra le organizzazioni del decision-making sono concettualizzabili come giochi strategici (decisioni congiunte di attori che operano in condizioni di incertezza). I giochi decisionali possono essere cooperativi o non cooperativi e generare diversi tipi di equilibrio [excursus]

18 Coalizioni Nei giochi decisionali le organizzazioni si presentano da sole o in coalizione con altre organizzazioni, con cui condividono scopi e obiettivi

19 Le arene L arena lambito (il luogo, ma non necessariamente un luogo fisico) in cui si svolge il processo decisionale. Le arene possono essere formali informali

20 I meccanismi una macchina un computer una medicina lefficacia di una politica pubblica I meccanismi sono pattern/modelli ricorrenti che agiscono a livello micro per produrre una trasformazione. Rispondono alla domandacome è avvenuta la trasformazione? Materie prime Prodotto finito meccanismi Spiegazione di un fenomeno tramite leggi Spiegazione di un fenomeno tramite meccanismi Qualche esempio

21 I meccanismi della decisione Decidere = scegliere tra opzioni alternative, e quindi affrontare (risolvere) conflitti (controversie, divergenze di idee o di interessi) Quali sono i meccanismi elementari* che permettono agli attori di risolvere un conflitto e quindi di decidere? * ossia gli ingranaggi attraverso i quali si forma una decisione collettiva In qualsiasi decisione collettiva sono contemporaneamente in opera più meccanismi, in combinazioni diverse. Noi cominceremo a esaminare le caratteristiche e il funzionamento dei meccanismi elementari e poi esamineremo le loro possibili combinazioni nei processi reali di decisione

22 I meccanismi: la proposta di Brian Barry Lotta Negoziazione Discussione nel merito Voto Sorteggio Gara Autorità Deliberazione Barry, B. (1965), Politcal Argument.

23 I criteri per la risoluzione del conflitto Lotta Negoziazione Voto Sorteggio Gara Autorità Deliberazione Vince il più forte Si raggiunge un accordo tra le parti in conflitto Vince la proposta più convincente Vince chi ha la maggioranza Vince il più fortunato Vince il migliore Il conflitto è sciolto unilateralmente da chi ha lautorità per farlo

24 LottaVoto Sorteggio Gara Leadership Deliberazione Negoziazione Una riclassificazione dei meccanismi Meccanismi basati sullautorità Meccanismi basati sullinterazione Meccanismi basati su automatismi (?) Gerarchia Autorità giudiziaria Autorità tecnica Elster, J. (a cura di) (1998), Deliberative democracy.

25 Processi decisionali Il successo di un processo decisionale è una trasformazione non incrementale dello status quo, indipendentemente dalla capacità della decisione di raggiungere i suoi obiettivi: Ogni proposta di cambiamento si scontra con: -la presenza di opposizioni, esplicite o tacite; -lindifferenza di attori che, potenzialmente interessati, non ne intuiscono i vantaggi.

26 Processi decisionali Una trasformazione significativa si associa perciò: -a grande disponibilità di risorse da parte del promotore; -al fatto che sia un gioco a somma positiva; -alla comunanza di obiettivi che induce a collaborare; -alla convinzione che non saranno alterati i contesti decisionali.

27 Strategie decisionali Una strategia decisionale è un tentativo intenzionale di generare coordinamento attraverso modifiche degli elementi del processo decisionale che sono nella nostra disponibilità. E la capacità di leggere i processi decisionali e di scegliere la strategia capace di portare a compimento il processo desiderato. E lart and craft of policy analysis

28 Famiglie di strategie 1. La manipolazione delle risorse: alterare lequilibrio delle risorse aumentando le proprie e/o diminuendo quelle delloppositore (uso di un testimonial, ricorso ad un esperto, ingresso di un nuovo alleato, ecc.); 2. La manipolazione delle modalità di interazione: passare da confronto/scontro a bargaining o a collaborazione; partecipazione e mediazione; strategie esclusive e inclusive

29 Famiglie di strategie (segue) 3. La manipolazione della posta: si modifica il contenuto della policy per sviluppare interesse e/o superare le opposizioni. Ad es.: prevedere compensazioni agli enti locali interessati da un insediamento di forte impatto sul loro territorio; oppure segmentare le poste. 4. La manipolazione del network, cioè del numero e caratteristiche degli attori. Si cerca di modificare le proprietà del network: rispetto alla sua densità, alla sua complessità, alla centralità dei promotori (autorità)


Scaricare ppt "Modelli decisionali Processi decisionali e strategie."

Presentazioni simili


Annunci Google