La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Epidemiologia dei disturbi del comportamento alimentare

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Epidemiologia dei disturbi del comportamento alimentare"— Transcript della presentazione:

1 Epidemiologia dei disturbi del comportamento alimentare

2 Introduzione L’anoressia e la bulimia sono i principali disturbi del comportamento alimentare. Si tratta di fenomeni complessi che presentano aspetti di conformità e contemporaneamente di grande variabilità. Non è possibile considerarle come due sindromi completamente separate, in quanto esistono notevoli oscillazioni in uno stesso individuo tra un tipo e l’altro

3 Definizione di disturbo alimentare
Esistenza di una marcata distorsione delle abitudini alimentari del soggetto o di un comportamento anomalo finalizzato al controllo del peso Presenza di atteggiamenti di accompagnamento ai disturbi della condotta alimentare come ad esempio sovra-stima della propria immagine corporea e del proprio peso corporeo Questo disturbo in sé o i comportamenti a suo corollario si traducono in difficoltà clinicamente rilevanti del funzionamento fisico, psico-sociale o dello stato di salute del soggetto Deve essere escluso che il disturbo sia secondario ad altre condizioni mediche o psichiatriche Tratto da: CG Fairburn, PJ Harrison. Eating disorders. Lancet 2003; 361: 407–16

4 Classificazione dei disturbi alimentari
Anoressia nervosa Bulimia nervosa Eating disorders atipici (non altrimenti specificati) Tratto da: CG Fairburn, PJ Harrison. Eating disorders. Lancet 2003; 361: 407–16

5 Anoressia nervosa. Criteri diagnostici
Sovra-stima della forma e del peso Giudicare se stessi prevalentemente o esclusivamente in termini di forma e di peso corporeo Mantenimento attivo di un peso eccessivamente basso- BMI (body mass index < 17,5 kg/m2) Amenorrea in donne in età fertile che non assumano estro-progestinici. Il valore di quest’ultimo criterio viene talora messo in discussione per il fatto che la maggior parte delle donne che soddisfano gli altri due criteri sono amenorroiche ovvero l’ amenorrea è una complicanza attesa del mantenere un peso eccessivamente basso

6 Anoressia nervosa. Criteri diagnostici
DSM-IV (cod.307.1) A) Rifiuto di mantenere il peso corporeo al livello minimo normale per l'età e la statura o al di sopra di esso (p.e.: perdita di peso che porta a mantenere il peso corporeo al di sotto dell' 85% di quello atteso; o, in età evolutiva, mancanza dell'aumento di peso previsto che porta a un peso corporeo inferiore all'85% di quello atteso). B) Intensa paura di aumentare di peso o di ingrassare, pur essendo sottopeso. C) Disturbi nel modo di sentire il peso e le forme del proprio corpo, influenza indebita del peso e delle forme del corpo sulla valutazione di sé, o diniego della gravità della perdita di peso attuale. D) Nelle donne che hanno già avuto il menarca, amenorrea, cioè assenza di almeno tre cicli mestruali consecutivi.

7 DSM Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders
Che cosa è il DSM-IV ? Il Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali, IV edizione è un testo che e' stato redatto da una commissione di esperti nominata dalla A.P.A. (Associazione Americana dei Psichiatri). Elenca le definizioni dei disturbi mentali che incontrano il consenso degli psichiatri e della comunità scientifica internazionale, e di ogni disturbo illustra la descrizione dei sintomi e le linee guida per formulare una diagnosi corretta. A che cosa serve il DSM-IV? Il DSM-IV è uno strumento a disposizione dei medici e dei professionisti della sanità che permette di riconoscere precocemente i disturbi psichiatrici e di formulare una diagnosi accurata.

8 Anoressia nervosa. Criteri diagnostici
DSM-IV (cod.307.1) Tipo restrittivo Durante l'episodio di anoressia Nervosa la persona non presenta frequenti episodi di abbuffate o di comportamenti purgativi (p.e. vomito autoindotto o abuso-uso improprio di lassativi o diuretici). Tipo bulimico Durante l'episodio di Anoressia Nervosa la persona presenta frequenti episodi di abbuffate compulsive o di comportamenti purgativi (p.e. vomito autoindotto o abuso-uso improprio di lassativi, diuretici o clisteri). (la soglia di frequenza non è fissata: < episodio/settimana

9 Eziopatogenesi L’individuazione di fattori causali o, almeno, di condizioni predisponenti l’insorgenza di disturbi dell’alimentazione presuppone il considerare tali disturbi come sindromi ad eziologia multifattoriale. Data questa premessa, i fattori predisponenti che sono implicati nell’insorgenza e nel mantenimento di tali disturbi possono essere d’ordine socio-culturale, psicologico e biologico.

10 La malattia recidiva o cronicizza in quasi il 70% dei casi.
Prognosi La malattia recidiva o cronicizza in quasi il 70% dei casi. Esistono dei fattori prognostici sfavorevoli: grave deficit di immagine corporea, mancanza di critica di malattia, presenza di altri disturbi psichiatrici e organici.

11 Distribuzione dei disturbi della condotta alimentare
Anoressia nervosa Bulimia Nervosa Distribuzione nel mondo Prevalente nelle società occidentali Prevalente nelle società occidentali Etnia Prevalentemente bianchi Prevalentemente bianchi Sesso Per lo più donne (90%) Per lo più donne (% sconosciute) Età Adolescenti Giovani adulti (alcuni casi in giovani adulti) (in alcuni casi adolescenti) Classe sociale Prev. in classi sociali più alte Nessuna predilezione di classe Prevalenza 0.7% in teen-ager femmine 1-2% in donne tra i 16 e i 35 anni) Incidenza (per ) 19 nelle donne, 2 negli uomini 29 nelle donne, 1 negli uomini Modifiche secolari Possibile aumento Probabile aumento Tratto da: CG Fairburn, PJ Harrison. Eating disorders. Lancet 2003; 361: 407–16

12 Fattori socio-culturali
I fattori di rischio ipotizzati per i disturbi dell’alimentazione sono: l’atteggiamento dei genitori e dei coetanei, l’influenza dei media ed il dieting (dieta cronica), sono legati a fattori culturali. Il dieting è particolarmente importante a questo riguardo (Garfinkel & Dorian, 1997). Nella società occidentale comportamenti quali "seguire diete" derivano dalla sensazione di essere sovrappeso e di perdita di controllo riguardo l’alimentazione. In passato molti studi hanno indicato l’appartenenza a certe classi sociali come fattore di rischio per lo sviluppo dei disturbi, ma recentemente tale associazione è stata messa in discussione.

13 Fattori psicologici Oltre alla preoccupazione per il peso e l’immagine del corpo, rivestono un ruolo importante nell’insorgenza di disturbi dell’alimentazione anche altri fattori di natura psicologica come la difficoltà nel mettersi in rapporto con gli altri in modo autonomo (Garfinkel & Garnel, 1982; Bruck, 1973). Tali carenze nell’autonomia sembrano legate ad una ridotta autostima che può condurre a focalizzare l’attenzione sul proprio corpo per raggiungere un senso di valore personale (Frederich & Grow, 1996).

14 Fattori psicologici Secondo l’ipotesi psicodinamica, l’anoressia dipenderebbe da fattori, come: il rifiuto della femminilità, del ruolo di adulto e del proprio corpo, rapporti perturbati con i propri genitori (specie con la madre, ansiosa, rigida, iperprotettiva), carenze e difetti, durante l’infanzia, nell’apprendimento e nell’integrazione emotiva del comportamento alimentare, in rapporto alla corretta percezione del corpo e degli stimoli della fame e della sete L’ipotesi è che tali persone cercano disperatamente una propria identità, basata sul rispetto di sé, attraverso un rabbioso isolamento ed il rifiuto del cibo. Esse lottano per l’autonomia, per un senso di identità e di efficienza, per ottenere la stima degli altri. Il rivolgere l’attenzione all’alimentazione esprime il loro tentativo di acquistare un senso di "dominio", ricavando una sensazione di rivincita dal manipolare le proprie dimensioni corporee (Gabrielli, 1983).

15 Fattori genetici Numerosi studi che hanno dimostrato una possibile base genetica nell’insorgenza dei disturbi dell’alimentazione. Theander (1970) ha osservato che le sorelle di soggetti affetti da anoressia presentavano un rischio di essere colpite dallo stesso disturbo pari al 6,6% (contro 0.4% atteso) Uno studio condotto da Kalucy e Coll. (1977) ha indicato che il 27% delle madri di persone affette da anoressia presentano una storia di ridotto peso durante l’adolescenza, di abitudini dietetiche peculiari o di vera e propria anoressia nervosa. I dati della letteratura scientifica portano a concludere che i parenti di sesso femminile di soggetti anoressici hanno una maggiore possibilità di sviluppare anoressia nervosa rispetto alla popolazione generale.

16 Fattori biologici Finora non sono stati ancora individuati precisi markers biologici per i disturbi dell’alimentazione. L’appetito e la sazietà sarebbero il risultato della continua e sincrona interazione tra tre livelli: psicologici, biochimici e neurologici (Blundell, 1984).

17 Fattori biologici Nell’etiopatogenesi dell’anoressia e della bulimia nervosa sembrerebbe coinvolto, inoltre, anche il neurotrasmettitore serotonina. L’aumento di serotonina a livello del sistema nervoso centrale comporta una ridotta assunzione di cibo, mentre una riduzione di serotonina determina l’insorgenza di una sintomatologia depressiva. (Walsh e Devlin, 1998).

18 Epidemiologia dell’anoressia nervosa
In una revisione di letteratura curata da Fonbonne (1995) si suggerisce che l’aumento dell’incidenza e della prevalenza dell’anoressia nervosa, indicato da alcuni studi, potrebbe essere considerato solo come apparente e potrebbe derivare da un più preciso riconoscimento diagnostico del disturbo e da una maggiore utilizzazione nel tempo del trattamento ospedaliero. Negli ultimi anni, infatti, i ricoveri ospedalieri per l’anoressia nervosa sono saliti vertiginosamente in molti Paesi (Inghilterra: Williams e King, 1987; Nuova Zelanda: McKenzie & Joyce, 1990; Danimarca: Nielsen,1990).

19 Epidemiologia dell’anoressia nervosa
L’anoressia nervosa, pur costituendo il disturbo meno frequente tra i disturbi dell’alimentazione, risulta il più grave. La frequenza dell’anoressia nella popolazione generale è dello 0,5-1% ed è più alta in alcuni fasce d’età (tra i 12 e i 25 anni)

20 Epidemiologia dell’anoressia nervosa
Il sesso più colpito è quello femminile, anche se il 5-10% dei casi si presenta nel sesso maschile. Il quadro clinico sembra sovrapponibile nei due sessi. L’età media in cui insorge il disturbo è 17 anni (Hsu, 1990) e si manifesta tipicamente dai 12 ai 25 anni, con due picchi, a 14 e 18 anni.

21 Bulimia nervosa

22 Bulimia nervosa Per il riconoscimento alla bulimia di una propria dignità nosografica si deve attendere fino al 1979, anno di pubblicazione dell’articolo dal titolo "Bulimia nervosa: an ominous variant of anorexia nervosa" da parte di Gerald Russell. Sulla base di un’indagine condotta su 30 pazienti affette da bulimia, Russell traccia un primo quadro distintivo della patologia descrivendo tre criteri diagnostici specifici: il bisogno incontrollabile di assumere smodate quantità di cibo, l’induzione del vomito o l’uso di lassativi, la fobia di ingrassare.

23 Bulimia nervosa Russel riporta anche tre differenze rispetto all’anoressia: la tendenza ad ingrassare, una maggiore attività sessuale e la conservazione del normale ciclo mestruale. Russell suggerisce inoltre che la bulimia sembra caratterizzata da una maggiore resistenza al trattamento, dalla presenza di più frequenti e pericolose complicanze fisiche e da un considerevole rischio di suicidio. Gli studi successivi hanno approfondito, ed in parte modificato, tali affermazioni, grazie anche all’indagine su popolazioni più ampie di pazienti, fino ad arrivare ai criteri diagnostici riportati dal DSM-IV.

24 Criteri diagnostici - DSM-IV
Bulimia nervosa Criteri diagnostici - DSM-IV Per una diagnosi positiva di bulimia nervosa è necessario che vengano rispettati i seguenti criteri diagnostici: 1. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi le seguenti caratteristiche: - mangiare in un definito periodo di tempo (ad es. un periodo di due ore), una quantità di cibo significativamente maggiore di quello che la maggior parte delle persone mangerebbe nello stesso tempo ed in circostanze simili. - sensazione di perdere il controllo durante l'episodio (ad es. sensazione di non riuscire a smettere di mangiare o a controllare cosa e quanto si sta mangiando). 2. Ricorrenti ed inappropriate condotte compensatorie per prevenire l'aumento di peso, come vomito autoindotto, abuso di lassativi, diuretici, enteroclismi o altri farmaci, digiuno o esercizio fisico eccessivo. 3. Le abbuffate e le condotte compensatorie si verificano entrambe in media almeno due volte alla settimana, per tre mesi. 4. I livelli di autostima sono indebitamente influenzati dalla forma e dal peso corporei. 5. L'alterazione non si manifesta esclusivamente nel corso di episodi di Anoressia Nervosa.

25 Fattori psicologici L’obesità rappresenta un rilevante fattore di rischio per la bulimia. Fattori di rischio come questo, più legati allo sviluppo di comportamenti di "dieting" e di un giudizio negativo di sé, sembrano essere legati più specificamente ai disturbi dell’alimentazione. Alcuni "stressors", inoltre, sono considerati come fattori scatenanti o precipitanti, quali, ad esempio, la pubertà, il passaggio alle scuole superiori, vissuti dolorosi di perdita o di fallimento (Fairburn e Coll., 1997).

26 Fattori genetici I dati che riguardano la trasmissibilità della bulimia nervosa sono più limitati di quelli riguardanti l’anoressia. I familiari di soggetti che presentano la forma "bulimica" di anoressia nervosa presentano un rischio di sviluppare bulimia nervosa 3,5 volte maggiore rispetto a quelli di soggetti affetti dalla forma "restrittiva" (Gershon e Coll., 1984).

27 Epidemiologia della bulimia nervosa
L’interesse dei ricercatori verso gli studi epidemiologici sulla bulimia nervosa si è accresciuto notevolmente negli ultimi decenni, favorito forse dall’attribuzione di una propria autonomia nosografica a tale disturbo a partire dal 1980. Dagli studi condotti sulla popolazione generale è emerso che la bulimia è più frequente nel sesso femminile, sebbene i maschi colpiti rappresentino il 10-15%.

28 Epidemiologia della bulimia nervosa
La frequenza di tale disturbo nella popolazione generale è maggiore di quella dell’anoressia e si aggira intorno all’1-3%. L’età di esordio varia dai 12 ai 35 anni, con un picco intorno ai 18 anni. Lo stato civile dei due terzi della popolazione affetta da tale disturbo è nubile, ma nell’interpretazione di questo dato va considerata la fascia d’età di maggiore incidenza rilevata nelle pazienti, e la scolarità risulta medio-alta.

29 Epidemiologia Figure 1.  Diagnostic composition of three community-based case series Turner H, Bryant-Waugh R. Eating disorder not otherwise specified (EDNOS) profiles of clients presenting at a community eating disorder service. Eur Eat Disord Rev 2003. Ricca V,et al. Psychopathological and clinical features of outpatients with an eating disorder not otherwise specified. Eat Weight Disord 2001; 6: Millar HR. New eating disorder service. Psychiatr Bull 1998; 22:

30 Prevalenza annuale di Anoressia e Bulimia per 100.000 giovani donne
Da: HW Hoek. Current Opinion in Psychiatry. Jul 2006 Risultato della metaanalisi effettuata su più recenti studi Ambito diagnostico Anoressia nervosa Bulimia nervosa Popolazione 370 1.500 Cure primarie 160 170 Centri psichiatrici 127 87

31 Incidenza annuale di Anoressia nervosa nei Centri Psichiatrici del Nord Europa
Da: Hans Wijbrand Hoek. Current Opinion in Psychiatry. Jul 2006 Sulla base di tale incidenza in Italia dovremmo avere ogni anno circa nuovi casi di Anoressia nervosa che necessita di ricovero specialistico

32 Indagine Multiscopo ISTAT. Anni 1999-2000.
Prevalenza di Anoressia, Bulimia e Depressione nella popolazione Italiana. Indagine Multiscopo ISTAT. Anni Quozienti standardizzati per 1000 persone della stessa regione Numero di casi per abitanti

33 Indagine Multiscopo ISTAT. Anni 1999-2000.
Casi dichiarati di Anoressia, Bulimia e Depressione nella popolazione Italiana per sesso e classe di età. Indagine Multiscopo ISTAT. Anni Numero per persone della stessa età e dello stesso sesso Numero di casi per abitanti Classi di età

34 Dati in migliaia per età e sesso
Popolazione italiana con Anoressia, Bulimia e Depressione dichiarata. Indagine Multiscopo ISTAT. Anni Dati in migliaia per età e sesso Totale casi in migliaia: Maschi: Femmine: Totale: Numero di casi dichiarati in migliaia Classi di età

35 Ricoveri nell’anno 2003 per Anoressia Nervosa
Ricoveri ordinari e Day Hospital. Tasso per abitanti

36 Ricoveri nell’anno 2003 per Bulimia nervosa.
Ricoveri ordinari e Day Hospital. Tasso per abitanti

37 Ricoveri nell’anno 2003 per Bulimia nervosa.
Ricoveri ordinari e Day Hospital per sesso e classi d’età. Tasso per abitanti

38 Ricoveri nell’anno 2003 per Anoressia.
Ricoveri ordinari e Day Hospital per sesso e classi d’età. Tasso per abitanti

39 Sintesi dei dati epidemiologici
La frequenza epidemiologica dell'anoressia nella popolazione caucasica e nordamericana, anche se molto elevata, viene oggi considerata abbastanza stabile, con una incidenza dello 0,5-1%; la bulimia viene invece ritenuta in costante aumento, attestandosi attualmente intorno al 2-3%. Negli altri raggruppamenti etnici si rileva al contrario una bassa incidenza di queste affezioni, e in molti casi addirittura la loro assenza. Da notare che almeno il 65% delle persone diagnosticate come anoressiche in base ai criteri del DSM-IV sono in realtà anche bulimiche, essendo in effetti classificate come anoressiche del sottogruppo bulimico. Gli individui colpiti sono infatti prevalentemente bianchi o persone appartenenti a gruppi etnici diversi che tuttavia condividono, per motivi geografici o socio-politici, la cultura alimentare ed estetica dei bianchi (es: neri d'america, giapponesi, ecc.).

40 Sintesi dei dati epidemiologici
L'esordio è in entrambe le forme tra i 14 e i 18 anni, con una netta prevalenza nel sesso femminile, attestata attualmente intorno al 90%, anche se sono in forte aumento i casi maschili. I dati del follow-up indicano poi che col tempo e col crescere dell'età l'anoressia può trasformarsi spesso in franca bulimia. La mortalità è in entrambe le forme superiore al 3%, riconoscendo complessivamente tra le principali cause di morte: - grave deperimento organico da inedia (forme restrittive) - arresto cardiaco da alterazione dell'equilibrio elettrolitico (vomito) - conseguenze patologiche di diete troppo rapide e/o squilibrate - suicidio, per la concomitante depressione, dovuta alla difficoltà ad affrontare i conflitti con l'ambiente ed a dare un senso alla propria vita.

41 Sintesi dei dati epidemiologici
I disturbi del comportamento alimentare (anoressia nervosa, bulimia, altri disturbi del comportamento alimentare) mostrano, a partire dagli anni ’70, un significativo incremento di incidenza e prevalenza. I valori attuali di prevalenza in Italia nelle donne di età compresa tra i 12 e i 25 anni (soggetti a rischio) sono i seguenti (dati riguardanti solo le sindromi complete e non i disturbi subclinici): anoressia nervosa 0,3-0,5%; bulimia nervosa 1-3%; altri disturbi del comportamento alimentare 6%. Fonte: Ministero della Salute, 2003

42 Sintesi dei dati epidemiologici
Anoressia e bulimia colpiscono soprattutto le donne (90-95% dei casi). L'età d’esordio cade, per lo più, fra i 10 e i 30 anni: l’età media d’insorgenza è 17 anni. Sono descritte forme, non rare, prepuberali. Sono descritte anche forme tardive, perfino successive alla menopausa, spesso in relazione con disturbi depressivi.

43 Conclusioni L’aumento significativo di queste patologie e la loro diffusione soprattutto nei paesi occidentali a forte industrializzazione fa pensare che la loro insorgenza sia influenzata da fattori storici, sociali e culturali Nei paesi in via di sviluppo, questi quadri clinici compaiono via via che aumentano le disponibilità alimentari e si diffondono costumi propri delle nazioni più ricche

44 PSN Obiettivi da raggiungere nella tutela della salute mentale: Migliorare le capacità di risposta alle richieste di cura per i disturbi dell’umore (con particolare riferimento alla depressione in tutte le fasce di età) e i disturbi del comportamento alimentare (con particolare riferimento alla anoressia). Novembre Il ministero della Politiche giovanili propone un codice per combattere la diffusione dell’anoressia tra le persone che lavorano nel mondo della moda. “L‘IMC (>17.5) dovrà essere nella soglia della salute anche da noi, come in Spagna”

45 Bibliografia Shisslak CM, Crago M, Estes LS. The spectrum of eating disturbances. Int J Eat Disord Nov;18(3): Review Fairburn CG, Harrison PJ. Eating disorders.Lancet Feb 1;361(9355): Review. Hoek HW. Incidence, prevalence and mortality of anorexia nervosa and other eating disorders. Curr Opin Psychiatry Jul;19(4): Kalucy RS, Crisp AH, Harding B. A study of 56 families with anorexia nervosa. Br J Med Psychol Dec;50(4): Walsh BT, Devlin MJ. Eating disorders: progress and problems. Science May 29;280(5368): Review. Russel G. Bulimia nervosa: an ominous variant of anorexia nervosa Psychol Med Aug;9(3):429-48


Scaricare ppt "Epidemiologia dei disturbi del comportamento alimentare"

Presentazioni simili


Annunci Google