La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Politiche di riordino del magazzino. Data del riordino Due casi: a intervalli fissi, riordino periodico dopo un tempo T sempre uguale, adottato dalla.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Politiche di riordino del magazzino. Data del riordino Due casi: a intervalli fissi, riordino periodico dopo un tempo T sempre uguale, adottato dalla."— Transcript della presentazione:

1 Politiche di riordino del magazzino

2 Data del riordino Due casi: a intervalli fissi, riordino periodico dopo un tempo T sempre uguale, adottato dalla grande distribuzione; a punto dordine, quando si raggiunge una soglia di allarme S si riordina.

3 Quantità del riordino Ancora 2 casi: Lotti fissi si riordina una quantità costante Q, come nel caso di vincoli nei contenitore o nel trasporto. Ripristino si riordina la quantità necessaria a ricostituire una scorta teorica R, che però può essere variabile e dipendente dal momento dellordine.

4 Le quattro politiche di base

5 La politica T, Q settimane T = 2 settimane Q = 100 unità 6 stock Stock teorico Stock fisico Ritardo 1 sett. stock teorico=stock fisico+attesi-dovuti

6 Pro e contro della politica T, Q Messa in opera e gestione amministrativa semplice, ad es. le relazioni con i fornitori, la pianificazione degli approvvigionamenti, tenere conto nelle modifiche dei vincoli tariffari e di condizionamento (o di trasporto). Per contro rende poco dinamica la gestione dello stock e la qualità del servizio, fissata la qualità del servizio, aumenta limportanza dello stock di sicurezza.

7 La politica S, Q settimane S = 50 unità Q = 100 unità 6 stock punto di riordino Stock teorico Stock fisico Ritardo 1 sett. 115 S

8 Pro della politica S, Q Buon controllo della qualità del servizio (se la domanda aumenta, la frequenza dei comandi si accelera). Il calcolo di S può essere aggiornato in base alle ultime informazioni sulla domanda. La quantità fissa Q consente di tenere conto dei vincoli tariffari e di condizionamento (o di trasporto).

9 Contro della politica S, Q controllo continuo delle stock, facilitato però dallinformatizzazione; difficoltà di raggruppare gli ordini a uno stesso fornitore, consente risparmi; con domanda fluttuante è necessario riaggiustare il calcolo di Q.

10 La politica T, R settimane T = 2 settimane 6 stock Stock teorico Stock fisico Ritardo 1 sett. R q 1 =R-s(1)=90 q 2 =R-s(3)=70 s(1)=60 s(3)=80 150

11 La politica T, R simile alla politica S, Q con R=S+Q; adatta ad articoli il cui valore richiede un limite superiore e con domanda regolare; adatta a domanda sporadica in grandi quantità (es. esportazioni), sovrapposta a una domanda continua abituale; Il riaggiustamento al livello R è più facile S = 50 unità R = 150unità

12 Pro della politica T, R gestione amministrativa semplice e possibilità di raggruppare gli ordini il livello R permette il controllo del sovrastoccaggio e di ritornare periodicamente alla stessa autonomia;

13 Contro della politica T, R stock di sicurezza maggiore e meno adatto alle fluttuazioni della domanda del sistema a punto di riordino; le quantità ordinate sono variabili e per R fisso corrispondono ai consumi del periodo precedente

14 La politica S, R settimane Stock teorico Stock fisico Ritardo 1 sett. R 150 stock punto di riordino S q 1 =100 q 2 = q 3 =100 Pro e contro analoghi alla politica S, Q con la possibilità di immediato rifornimento del magazzino dopo un ordine eccezionale


Scaricare ppt "Politiche di riordino del magazzino. Data del riordino Due casi: a intervalli fissi, riordino periodico dopo un tempo T sempre uguale, adottato dalla."

Presentazioni simili


Annunci Google