La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le scale Likert di Francesca Cuppone Cenni introduttivi: cos’è e come si presenta una scala Likert.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le scale Likert di Francesca Cuppone Cenni introduttivi: cos’è e come si presenta una scala Likert."— Transcript della presentazione:

1 Le scale Likert di Francesca Cuppone Cenni introduttivi: cos’è e come si presenta una scala Likert

2 Processo di operazionalizzazione CONCETTO INDICATORE Età domanda: “Quanti anni ha?” Orientamento religioso domanda: “Quale è la sua religione di appartenenza?” Esposizione ai mass media domande: “Con quale frequenza legge quotidiani?”; “Con quale frequenza guarda programmi televisivi?”

3 Problema : come rilavare caratteristiche ad alto livello di astrazione? Nel processo di operazionalizzazione è semplice costruire strumenti adatti a rilevare caratteristiche direttamente osservabili o chiaramente individuabili (es: sesso, età, titolo di studio, luogo di residenza, orientamento religioso, esposizione ai mass media, ecc.). Difficile è rilevare caratteristiche degli intervistati più astratte, non direttamente osservabili, spesso poco chiare agli stessi intervistati (autoritarismo, altruismo, devianza, pregiudizio etnico, intelligenza, depressione, ecc.)

4 Atteggiamenti e pregiudizio etnico - definizioni ATTEGGIAMENTO: insieme di tendenze e sentimenti, pregiudizi e nozioni preconcette, idee, timori, apprensioni e convinzioni di una persona nei confronti di un particolare argomento; OPINIONE: l’espressione verbale dell’atteggiamento (Thurston e Chave 199, tr. It. 1974) “L’atteggiamento è una credenza di fondo non rilevabile direttamente, mentre l’opinione è uno dei modi con cui essa emerge alla superficie, ne è cioè un’espressione empiricamente rilevabile” (Corbetta, 1999) PREGIUDIZIO ETNICO: tipo di atteggiamento nei confronti dello “straniero” avente una struttura complessa, articolata in dimensioni analiticamente distinguibili in COGNITIVA, AFFETTIVA e ATTIVA (cfr. Allport, 1954)

5 La tecnica delle scale Dall’inglese “scaling”, viene utilizzata in sociologia per misurare gli atteggiamenti. Scala = insieme coerente di elementi (items) che sono da considerare indicatori di un concetto più generale Elemento = singolo componente (affermazione, domanda, risposta ad un test)

6 Strumento utilizzato nelle indagini con questionario e in generale nelle grandi sarvey, per misurare gli atteggiamenti:  si compone di una serie di frasi poste in sequenza, per ognuna delle quali si chiede all’intervistato di esprimere il proprio grado di accordo o disaccordo  le frasi (o items)  sono affermazioni che esprimono favore o sfavore nei confronti dell’oggetto in indagine  vengono ideate dal gruppo di ricerca in base alla teoria disponibile sull’argomento, ricerche precedenti, pre-test e buon senso  riconducono alle dimensioni del concetto da indagare precedentemente individuate dal gruppo di ricerca Scala di tipo Likert

7 Come si presentano la scale Likert utilizzate nel questionario per l’indagine “Stranieri nella metropoli”:scale Likert

8 Progettazione delle scale Likert utilizzate nell’indagine “Sranieri nella metropoli”: la scala cognitiva (26 items) la scala cognitiva-attiva (16 items)

9 Formulazione degli items: Rapporto di indicazione: concetto-dimensioni-indicatori/items Componente cognitiva del pregiudizio Rappresentazione sociale dello straniero Straniero: -Conflittuale -Perturbante/contaminante -Invadente/intrusivo -Poco leale -Deviante -Portatore di mutamento sociale

10

11 Formulazione degli items: Rapporto di indicazione: concetto-dimensioni-indicatori/items Componente cognitiva-attiva del pregiudizio Finalità dell’incontro Strategie dell’incontro interetnico - Pseudo-universalismo- Pseudo-universalismo - Differenzialismo - Integrazione subalterna- Integrazione subalterna - Integrazione paritaria- Integrazione paritaria

12

13 Accorgimenti nella formulazione delle proposizioni, che devono essere:  Semplici e chiare  Lineari dal punto di vista sintattico-grammaticale (no doppie negazioni)  Contenenti una sola asserzione  Che si riferiscano ad atteggiamenti in essere e non passati  Dotati di senso per tutti gli intervistati  A polarità alternata  Senza ambiguità

14 Scelta dei gradienti: Numero dei gradienti Il gradiente medio Parziale autonomia semantica dei gradienti

15 Chiusure della scala likert A 5 gradienti A 7 gradienti A 6 gradienti

16 Questioni relative alla somministrazione delle scale Likert:  Collocazione della scala nell’ “economia” del questionario  Importanza della veste grafica  Possibili errori di compilazione

17 Possibili distorsioni in fase di compilazione  Curvilinearità (quando una proposizione riceve lo stesso giudizio da intervistati collocati su poli opposti del continuum – proposizioni ambigue)  Response set (tendenza e rispondere in maniera meccanica)  Acquiescenza (tendenza a dirsi sempre d’accordo)  Reazione all’oggetto (l’intervistato reagisce ad un solo oggetto cognitivo della frase e non al significato complessivo della stessa)

18 Cenni di trattamento e analisi Per le scale likert si può procedere: Analizzando singolarmente l’andamento di ogni items (calcolando per ognuno Media e Deviazione standard) Sintetizzando l’informazione contenuta in tutta la scala attraverso operazioni di somma (si sommano i punteggi registrati su tutti gli items) o attraverso operazioni di analisi multivariata NB: Preliminare al calcolo è la conversione dei punteggi verso un’unica direzione (se si vuole rilevare un atteggiamento negativo, occorre invertire i punteggi delle frasi che esprimono opinioni positive)

19 Esempio inversione punteggi

20 Sintesi attraverso somma e costruzione di una nuova variabile sintetica Ad ogni item corrisponde un punteggio che va da 1 a 6 (1 minimo pregiudizio, 6 massimo pregiudizio) Se un intervistato avesse registrato tutti 1 su tutti e 26 gli items, avrebbe come punteggio totale 26 (e sarebbe una persona che ha una percezione dello straniero completamente positiva) Se un intervistato avesse registrato tutti 6 su tutti e 26 gli items, avrebbe come punteggio totale 156 (e sarebbe una persona che ha una percezione dello straniero completamente negativa

21 Sintesi attraverso somma e costruzione di una nuova variabile sintetica Considerando un campo di variazione che va da 26 a 156, è possibile effettuare una partizione in 5 intervalli, ottenendo 5 livelli di pregiudizio in cui collocare gli intervistati: basso = da 26 a 52 medio-basso = da 53 a 78 medio = da 79 a 104 medio-alto = da 105 a 130 alto = da 131 a 156

22 Bibliografia di riferimento Cannavò L., 2003, Oltre Thustone e Likert. La valutazione di atteggiamenti e motivazioni con la tecnica TLL, Roma, Euroma Cipollini R. (a cura di), 2007, Stranieri nella metropoli. Rappresentazione sociale dello straniero e ideologia del pregiudizio a Roma, “Sociologia e ricerca sociale”, n.83 Corbetta P., 2004, Metodologia e tecniche della Ricerca sociale, Bologna, il Mulino. Frudà L., 1989, Le scale di atteggiamento nella ricerca sociale, Roma, Euroma Marradi A, Gasperoni G. (a cura di), 2002, Costruire il dato 3. Le scale Likert, Milano, FrancoAngeli Pitrone M.C., 2007, La valutazione scalare degli atteggiamenti e delle opinioni, in Cannavò L., Frudà L., 2007, Ricerca sociale. Dal progetto dell’indagine alla costruzione degli indici, Roma, Carocci.


Scaricare ppt "Le scale Likert di Francesca Cuppone Cenni introduttivi: cos’è e come si presenta una scala Likert."

Presentazioni simili


Annunci Google