La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA’ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE MASTER DI I LIVELLO Bibliotecario nei servizi scolastici, educativi e museali Il.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA’ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE MASTER DI I LIVELLO Bibliotecario nei servizi scolastici, educativi e museali Il."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA’ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE MASTER DI I LIVELLO Bibliotecario nei servizi scolastici, educativi e museali Il libro di letteratura per l’infanzia in Grecia: i suoi elementi caratteristici, gli orientamenti ideologici ed il suo coinvolgimento nel programma scolastico. Sofia Gavriilidis Università Aristotele di Salonicco

2 Obiettivi: le tendenze e gli orientamenti ideologici della letteratura per l’infanzia in Grecia degli ultimi anni. i modi in cui viene utilizata da Biblioteche Scolastiche o di enti statali.

3 Libro e Biblioteca Ogni attività intellettuale presuppone un esteso scambio di idee che non può ottenersi se non tramite il testo scritto, tramite il libro.

4 Libro e biblioteca : Perfetta corrispondenza ogni nuovo materiale usato per la scrittura, nel corso dei secoli, impone un nuovo tipo particolare per la sua conservazione e il modo in cui viene utilizzato.

5 Libro di Letteratura e Biblioteche Più di ogni altro libro viene promosso nelle Biblioteche Scolastiche o Pubbliche per Ragazzi

6 Libro di Letteratura e Biblioteche Agli allievi il termine “biblioteca” richiama in mente il libro di letteratura.

7 Libro di Letteratura e Biblioteche Gli insegnanti:  Organizzano attività per far sì che gli allievi vengano in contatto con libro di letteratura  Lo scelgono per collegarlo alla tematica di una unità didattica

8 Libro di Letteratura e Biblioteche  Come distinguere libro di letteratura e libro di nozioni?  La Mitologia è letteratura?  Cosa significa libro letterarizzante?

9 Un libro di letteratura ha la forza di creare futuri lettori e allontanarli dalla lettura. Lo stesso anche per la biblioteca: Una biblioteca ha la forza di creare futuri lettori-clienti di biblioteca, modellando il loro profilo di lettori o allontanarli di essa.

10 I. Sull’omologazione della letteratura per l’infanzia Nel campo della letteratura per l’infanzia, nei paesi con modello di civiltà occidentale si rilevano piuttosto uniformità che differenze.

11 I. Sull’omologazione della letteratura per l’infanzia Sin dal suo nascere la letteratura per l’infanzia era in primo lugo asservita a scopi didattici e in secondo alla letterarietà. Convegni, istituzioni di premi, fiere, la tecnologia in generale fanno circolare le idee, le tematiche, le riflessioni ect. da un paese all’altro.

12 I. Sull’omologazione della letteratura per l’infanzia Ogni letteratura nazionale ha però le sue peculiarità e caratteristiche:  collegate alle esperienze del passato e  alimentate dai cambiamenti sociali, politici od altri.

13

14 II. Orientamenti ideologici e tendenze nella letteratura per l’infanzia Grand parte della produzione per l’infanzia oggi si orienta:  a tematiche che rilevano la complessità delle questioni sociali e dei rapporti personali o del percorso di crescita

15 II. Orientamenti ideologici e tendenze nella letteratura greca per l’infanzia: Questioni di diversità-identità ideologie che sostengono: la familiarizzazione dell’ “altro”, che sia emigrato, handicapato, emarginato. il conciliare le identità etniche, sessuali, culturali con i moderni concetti di ugualianza.

16 II. Orientamenti ideologici e tendenze nella letteratura greca per l’infanzia: ellenicità-interculturalità il conservare la peculiarità culturale della Grecia, conciliandola con il suo essere universale ed oltre gli stretti confini nazionali,

17 II. Orientamenti ideologici e tendenze nella letteratura greca per l’infanzia: sovvertimenti/rifaciamenti lo smitizzare o sovvertire idee stereotipate, prevenzioni, pregiudizi, tenendo presente l’ideologia espressa dal movimento del “Politically Correct”.

18 II. Orientamenti ideologici e tendenze nella letteratura greca per l’infanzia: figure “convenzionalmente eroiche” Il proporre modelli di comportamento personaggi che:  si dimostrano coraggiosi in una quotidianità problematica  fanno delle scelte moralmente corrette e socialmente giuste  affrontano problemi insuperabili

19 Quale posto occupa il libro di letturatura nella vita di scuola? Il ruolo della Biblioteca

20 Oggi:  Nuovo analfabetismo: difficoltà a concepire le materie studiate  Rapporto dei ragazzi con la lettura: esperienza di lettura insufficiente

21 Risulta ovvio : coincidere la scarsa alfabettizzazione dei giovani con le scarse esperienze di lettura di libri letterari. Ci ò non è indipedente dal grande ritardo nel consolidare l’istituzione della biblioteca scolastica.

22 200 anni fa Eugenio Bulgari, maestro e sacerdote, pionere dell’illumismo greco, cita: E’ più opportuno non fondare una scuola se non avrà una biblioteca scolastica ed un armadio per gli strumenti.

23 Biblioteche Scolastiche: l’inizio Le prime biblioteche importanti, del periodo che precedette la liberazione della Grecia, furono quelle scolastiche. Ben presto superarono gli stretti limiti e si evolsero in biblioteche a più vasto pubblico.

24 Quindi: Ambiziosamente, con riflessioni e problematiche prende via l’istituzione della biblioteca scolastica (decreto 1835).

25 III. Biblioteche Scolastiche: in ascesa la loro estenzione ma di modesta presenza La normativa legislativa è soddisfacente ma la b.sc. non è stata resa integralmente operante. Modesta presenza delle biblioteche scolastiche nonostante la loro lunga storia. E ’ in ascesa la loro estenzione e si procede a cambiamenti che riguardano l ’ attrezzatura e le infrastrutture.

26 III. Biblioteche Scolastiche: in ascesa la loro estenzione ma di modesta presenza Dovuta:  all’ esistenza di un unico libro di testo gratuito per ogni materia costituisce freno allo sviluppo delle B.Sc. perché : dà risalto alla memorizzazione, avendo l’egemonia negli esami, non dà risalto alla necessità di altri libri o fonti per le ricerche ed i compiti degli allievi,

27 ii. alla mancanza di spazio disponibile nei complessi scolastici, iii. all’ occupazione di spazi previsti per il funzionamento di b. sc. per farne uso di altre materie, iv. ai finanziamenti ridottissimi, v. al numero ridotto di lavoratori e l’impossibilità di avere personale specializzato in biblioteconomia,

28 vi. allo scarso aggiornamento degli insegnanti in materia: di organizzazione, costituzione e potenziamento, ruolo e funzionamento delle b.sc., di non essere stato istruito a prendere iniziative ed organizzare attività, a questo proposito: vengono organizzati in tutta la Grecia seminari,

29 vii. all’inerzia di alcune organizzazioni che non prendono l’iniziativa per promuovere il funzionamento delle b.sc., viii. a problemi di amministrazione, ix. al programma scolastico ‘orologio’ che permette ai ragazzi di rimanere per un tempo determinato dentro la scuola, mentre il programma analitico può condurli alla biblioteca.

30 Però, se c’è buona disposizione, volontà, immaginazione tutti gli ostacali vengono superati.

31 Scuola elementare statale, 18a, Stavroupolis-Salonicco prima dopo

32 Scuola elementare statale, 2a, Stavroupolis-Salonicco prima dopo

33 III. Biblioteche Scolastiche: mappa del campo  Il sistema educativo greco non viene sostenuto da un sistema-rete di Biblioteche.  La Biblioteca Scolastica come istituzione funziona in base pilota e in poche scuole statali.  Le scuole private hanno inglobato le B.Sc. nell’insegnamento di alcune materie (o stanno per farlo).

34 Biblioteche per ragazzi: pubbliche, comunali, di enti civici Esse coprono, in modo notevole, il vuoto dovuto alla mancanza di biblioteche scolastiche.

35 Biblioteche per ragazzi: pubbliche, comunali, di enti civici Ce ne sono abbastanza e sono ben aggiornate. Sono trasformate in organismi vitali, con programmi giornalieri.

36 Biblioteche: pubbliche, comunali, di enti civici  In breve tempo, si è verificata, con l’aiuto della tecnologia una crescita notevole.  Possono rivendicare strutture edili appropriate, attrezzature, collegamenti alla rete telematica, materiale vario.  Le biblioteche pubbliche ricoprono geograficamente tutto il paese.

37 Biblioteche: pubbliche, comunali, di enti civici  Si trovano in collegamento con le loro succursali ed unità mobili.

38 Biblioteche per ragazzi: pubbliche, comunali, di enti civici Agli sforzi di insegnanti e bibliotecomisti meritevoli si deve lo sviluppo : di abilità creative e di indagine da parte degli allievi nelle biblioteche e di miglioramento del rapporto tra gli allievi e la lettura.

39 Biblioteche per ragazzi: pubbliche, comunali, di enti civici Le biblioteche pubbliche, comunali o di centri culturali, visitate da classi scolastiche, contribuiscono con una serie di manifestazioni di vario tipo, con programmi vari: all’incoraggiare i ragazzi a fare conoscenza con la letteratura e al connettere l’apprendimento delle materie scolastiche con l’uso delle biblioteche.

40 Promozione dell’uso delle biblioteche: Esempi di programmi per bambini e ragazzi I. Organizzazione delle Biblioteche per Bambini e Adolescenti: Bibl./31.000titoli -Programmi educativi mensili spediti in tutte le biblioteche

41 Promozione dell’uso delle biblioteche : Esempi di programmi per bambini e ragazzi II. Centro di Cultura Vafopoulio (peparto ragazzi) paithia.htm i.Risponde alle domande degli insegnanti. ii.Più di 250 classi ogni anno assistino a manifestazioni organizzate per loro.

42 Promozione dell’uso delle biblioteche : Esempi di programmi per bambini e ragazzi III. Centro Nazionale del Libro Greco  Organizzazione di seminari per insegnanti.  Biblioteche mobili:oltre ai libri, viaggiano mostre di manoscritti, fotografie, quadri.  Applicazione dei metodi che promuovono un diretto collegamento con il programma analitico e con i più vasti interessi degli allievi.[p.e.: Laboratori basati sulla polisenso di un testo - Assegnazione di un obiettivo di indagine che va ricercata in biblioteche e in librerie ]

43 Grazie della vostra attenzione


Scaricare ppt "UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA’ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE MASTER DI I LIVELLO Bibliotecario nei servizi scolastici, educativi e museali Il."

Presentazioni simili


Annunci Google