La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Raffaello - Scuola di Atene Le Marche: una regione laboratorio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Raffaello - Scuola di Atene Le Marche: una regione laboratorio."— Transcript della presentazione:

1 Raffaello - Scuola di Atene Le Marche: una regione laboratorio

2 Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Direzione Generale Via XXV Aprile, 19 Ancona Le Marche: una regione laboratorio

3 La Scuola di Atene è stata assunta come simbolo del lavoro della Direzione Generale perché corrisponde allidea di scuola come luogo delle visioni dialettiche a confronto, delle intelligenze complementari, del cammino condiviso che riconsegna a ciascuno il senso del proprio ruolo, lonore del lavoro nel vivere e risolvere problematiche comuni in nome di un ideale. E per recuperare il credito che merita, la scuola deve innanzitutto poter riflettere da sé sulla propria condizione, narrando il proprio quotidiano, documentando il lavoro con linclinazione danimo del ricercatore, che sa mantenere intatto il senso del compito nellaffrontare i limiti del reale. La scuola ideale… La scuola reale…

4 …lidea di laboratorio … …nasce dalla volontà di valorizzare la cultura delle persone che lavorano nella scuola con lintento di riaffermare il credito che essa merita… …e il suo cammino… …per trovare la misura tra ciò che lidealità pretende e la realtà propone. Laugurio è che il lavoro condiviso possa aiutarci a riscoprire il senso della novità nelle cose consuete, a costruire prospettive di crescita coerenti con i tratti connotativi del territorio e delle sue vocazioni, in sintonia con i cambiamenti che caratterizzano la nostra stagione.

5 Perché…

6 …per avviare un processo di riflessione aperta, immune da condizionamenti, ispirato alla sola esigenza culturale di interrogarsi sul sé, sul senso profondo del proprio ruolo ritrovare e riaffermare le ragioni che ancora giustificano lorgoglio di lavorare nei luoghi dove abita e si esercita il pensiero, in un tempo che sembra respingere le sfide e i dubbi che il pensiero propone valorizzare il capitale culturale che la scuola custodisce, in nome di una dialettica mite che sa accogliere visioni diverse entro la stessa architettura concettuale tutelare la possibilità di guardare a prospettive di realtà che si accordino con il dinamismo delle nuove generazioni e si sottraggano ai richiami, suggestivi quanto vuoti di valore, che la società contemporanea spesso invia conferire senso ad unutopia ragionevole, qual è quella che da sempre consegna alla scuola il compito di ricercare, nel tempo, gli equilibri tra la realtà che diviene ed il valore, durevole e universale, degli ideali che la trascendono definire e promuovere la crescita delle professionalità, nuove e molteplici, utili alla scuola nel suo cammino di riforma restituire alla funzione della scuola il credito e il rispetto cui ha diritto

7 …e perché in una società che appare sempre più smarrita e indifesa, nessuno può rinunciare ad impegnarsi per convertire i disagi e le contraddizioni del nostro tempo in forza propulsiva rivolta a riconquistare il senso di fiducia di cui soprattutto i giovani, a volte in silenzio, esprimono il bisogno dobbiamo rispetto alle generazioni che vengono, alle quali occorre offrire modo di dotarsi soprattutto degli strumenti culturali necessari per sostenere il confronto con la complessità del vivere, e del convivere, con società, culture, mondi meno remoti e astratti di un tempo

8 Crediamo che tutto ciò sia reso possibile dai segni univoci della qualità, alta e diffusa, della nostra scuola dalla dimensione quantitativa e geografica della regione dalla presenza di poli universitari disponibili a dialogare e a raccordarsi con la scuola dalla sensibilità del mondo produttivo, attento al valore del capitale umano che la scuola ospita e protegge dallimpegno dei dirigenti scolastici e dei docenti coinvolti nei percorsi seminariali e nei gruppi di studio permanenti che ne sono scaturiti

9 Le Marche e la Scuola Popolazione e ambiti territoriali abitanti 5 province 246 Comuni Elementi quantitativi 278 istituti scolastici statali 173 istituti paritari oltre addetti alunni (di cui, nella.s.2004/2005, non italiani, per oltre 100 etnie) Le specialità Scuola a indirizzo differenziato montessoriano Scuola in ospedale Poli Universitari Ancona Camerino Macerata Urbino

10 La verità della scuola e lalfabeto emotivo Ho mantenuto intatta nel tempo lidea che la verità della scuola si manifesti nella sua capacità di capire e di farsi capire e che il suo valore consista nella congruenza delle risposte che deve saper offrire alle molte attese anche a quelle inespresse di coloro che la frequentano, adulti e ragazzi. Alla pretesa che si faccia carico di dotare le persone di una bussola interiore capace di orientarne le scelte e di un alfabeto emotivo per affrontare le limitazioni che la realtà spesso oppone alle aspirazioni, fa eco la diffusa convinzione secondo cui la scuola, e non solo quella italiana, stenta a corrispondere adeguatamente alle aspettative della società, è inospitale per chi vi lavora e dissonante con le esigenze dei giovani...…giudizio superficiale ed ingeneroso per i tanti che, senza clamore né plausi, sono quotidianamente impegnati nellaiutare i giovani a edificare la loro personalità, per porli in grado di compiere, quando dovranno, scelte di vita autonome e responsabili.. …rimane infatti suo compito irrinunciabile affermare i valori perenni che accompagnano lumanità e che la società nel suo vasto e mutevole insieme, se vuole sopravvivere, deve saper recuperare e proteggere. ( dalla lettera del Direttore Generale inviata nellaprile 2003 ai dirigenti scolastici della regione, il cui testo integrale è consultabile sul sito )

11 la scuola sospesa tra la poesia del cuore… …la prosa del mondo La cultura della vita La tutela delle specificità Lo sviluppo della socialità La responsabilità delle proprie azioni Il rispetto delle altrui opinioni Lamicizia La violenza come mortificazione della vita Lindividualismo e lomologazione Legoismo Laltrui responsabilità Lintolleranza alla diversità Lindifferenza

12 La reciproca sollecitudine Chi crede che dalle profondità del tempo possa ancora venire una luce che rischiari e conferisca senso al nostro incerto andare, e alle intenzioni che lo governano, forse consentirà di richiamare qui, metaforicamente, quanto riferisce Erodoto (Storie, 1, 197) sulla reciproca sollecitudine con cui, nella piazza di Ninive, i cittadini assiri usavano accostarsi ai bisognosi di cure: «Ecco unaltra abitudine che essi hanno...portano i loro ammalati in piazza, poiché da loro non usano medici. Accostandosi dunque all ammalato, i passanti gli danno consigli sul suo male, se lhanno già avuto essi stessi, o hanno visto altri soffrirne. Questo appunto gli consigliano e linducono a fare quello che essi stessi hanno fatto o hanno visto fare ad altri, per guarire dalla medesima malattia. Non è loro permesso passare oltre, quando cè un ammalato, senza chiedergli di che male egli soffra.» ( Dalla relazione introduttiva del Direttore Generale al Seminario di Macerata dell11 marzo 2004, rinvenibile sul sito )www.marche.istruzione.it

13 Una sfida comune: ricostruire il senso di fiducia Le persone e le istituzioni si assomigliano. Come la persona anche listituzione vive di relazioni e interazioni. Il destino di ogni scuola è il destino di tutta una realtà sociale... …che si costruisce sulledificazione di coscienze libere, di cittadini interpreti consapevoli del patrimonio di libertà e responsabilità che ci è stato consegnato. ( Dallincontro del Direttore Generale con gli studenti dellITIS Volterra di Ancona )

14 …la scuola maestra di cittadinanza... …un buon cittadino è colui che sa conciliare lesercizio dei diritti con quello dei doveri e si apre allaltro con un sentimento di fiducia…

15 Primo convegno sulleducazione alla cittadinanza

16

17 Ancona, …maggio 2005 Macerata, 11 marzo 2004 Camerino, 20 dicembre 2004 Urbino, 20 maggio 2004 Raffaello La scuola di Atene Tavola di attribuzione incerta La Città ideale … I seminari itineranti di studio coinvolgono i dirigenti scolastici di tutte le scuole, statali e paritarie, della regione e si svolgono presso le Università, con lintento di consentire loro - e alle stesse Università - di condividere unesperienza culturale, di mettere a confronto il vissuto professionale, di elaborare pensieri comuni, di ricercare i tratti identitari della scuola della regione, esaltarne la qualità in chiave sistemica. Ai seminari già svolti hanno partecipato circa 300 persone, che hanno dato vita a 12 gruppi di studio permanenti. La scuola si muove nel territorio… Carlo Crivelli – Pietà (particolare)

18 I materiali dei seminari sono consultabili nel sito dellU.S.R.

19 . Documento finale Previsto, in prima stesura, per il 2005, descriverà il percorso di lavoro dei dirigenti nei seminari e nei gruppi di lavoro. Lidea, che nasce dalla volontà di descrivere i tratti identitari de Le Marche della scuola, vuole anche favorire una interlocuzione dialogicamente paritaria con le altre istituzioni. Formazione La costruzione di pensieri comuni attraverso la riflessione sulle tematiche educative. Approfondimenti giuridici. La consapevolezza dellidentità delle istituzioni e delle professioni. cultura Ricerca Visitazione dellesistente. Ricognizione delle esperienze, delle ricerche azioni. Valorizzazione delle buone pratiche. socialità Proposte Ipotesi di azioni specifiche per il miglioramento continuo della qualità del sistema scuola operatività Linee guida per i dirigenti scolastici coordinatori dei gruppi di lavoro di autoaggiornamento nati dagli incontri seminariali

20 Gli artigianidella cultura Contenuti e composizione dei gruppi di lavoro dei dirigenti scolatici. Le relazioni allinterno dellAmministrazione scolastica Il gruppo ha carattere regionale ed è coordinato dal dirigente scolastico Giancarlo Santini. Sono iscritti 22 dirigenti delle scuole statali e 2 delle paritarie. Partecipano anche i dirigenti dei CC.SS.AA. Referente regionale Giancarlo Santini La memoria storica della scuola delle Marche Il gruppo ha carattere regionale ed è coordinato dalla dirigente scolastica Tullia Leoni. Sono iscritti 25 dirigenti delle scuole statali e 3 delle paritarie. Referente regionale Tullia Leoni Il capitale umano Si sono costituiti 8 gruppi di lavoro, 2 per ogni provincia. Dirigenti coordinatori Pesaro U rbino Frediana Benni : iscritti 22 dirigenti delle scuole statali e 2 delle paritarie Gustavo Ferretti : iscritti 29 dirigenti delle scuole statali e 3 delle paritarie Ancona: Umberto Migliari : iscritti 26 dirigenti delle scuole statali e 1 delle paritarie Piera Picchi: iscritti 26 dirigenti delle scuole statali e 1 delle paritarie Macerata Francesco Forti: iscritti 27 dirigenti delle scuole statali e 3 delle paritarie Luciano Vissani: 23 dirigenti iscritti delle scuole stattali e 4 delle paritarie Ascoli Piceno Fabrizio Fabi: iscritti 16 dirigenti delle scuole statali e 1 delle paritarie Marinella Corallini : iscritti 28 dirigenti delle scuole statali e 3 delle paritarie e 2 docenti utilizzati. Referente regionale Frediana Benni Linteristituzionalità Si sono costituiti 2 gruppi interprovinciali Ancona / Pesaro –Urbino dirigente coordinatore Mirella Mazzarini: si sono iscritti 19 dirigenti delle scuole statali e 3 delle paritarie Macerata / Ascoli Piceno dirigente coordinatore Alfredo Mazzocchi: si sono iscritti 15 dirigenti delle scuole statali e 1 delle paritarie Referente regionale: Mirella Mazzarini La scuola parla di sé da sé

21 Professionalità docente tra: Legge 53/2003, autonomia professionale autonomia cfr 275/1999 Titolo V della Costituzione Formazione nuove identità professionali Aggiornamento didattica: disciplinare / laboratoriale Tempo obbligatorio facoltativo Organizzazione del lavoro in relazione a: tempi collettivi & tempi individuali Rapporti interistituzionali obbligo formativo Comunicazione & Documentazione Valutazione/Autovalutazione delle persone delle istituzioni Rapporti scuola & Famiglia Domanda della famiglia &Offerta della scuola Portfolio delle competenze Offerta formativa integrata convenzioni con le università confronto e dialogo con le altre istituzioni confronto e dialogo con il mondo produttivo Tempi, modalità, strumenti Spazio I laboratori La riforma della scuola e la scuola delle Marche Tematiche segnalate dai gruppi di lavoro come meritevoli di speciale approfondimento in connessione con la riforma degli ordinamenti

22 Centri Servizi Amministrativi provinciali Ufficio Studi IRRE Ufficio Relazioni con il Pubblico Dirigenti amministrativi e tecnici Comitato tecnico (Il Comitato tecnico rappresenta il livello propositivo di consulenza e di supporto. ) Comunicazione/Ufficio stampa Tutte le informazioni sono reperibili su sito Organizzazione dellUfficio Scolastico Regionale

23 I temi cui dedichiamo particolare attenzione…

24 La riforma della scuola La formazione del personale La comunicazione Lobbligo formativo Lorientamento La cittadinanza: educazione interculturale Scuola & Università La sicurezza nella scuola La cittadinanza: Integrazione dei disabili Alleanza educativa Scuola & Famiglia La cittadinanza: educazione per gli adulti La valutazione Educazione alla cittadinanza europea La voce degli studenti La dispersione scolastica Le tecnologie La cultura del lavoro L educazione ambientale

25 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Referente U.S.R. Seminari e gruppi di studio Formazione L.150/2000 Rassegna stampa telematica Mailing list per il personale e per i genitori Legge 53/03 Documentazione buone pratiche Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia …

26 Il mondo produttivo Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Gruppi di lavoro e di consulenza interni allU.S.R. e ai CC.SS.AA. Formazione Eventi culturali Pubblicazioni Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche Seminari e gruppi di studio

27 Il mondo produttivo Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Gruppo tecnico Contrattazioni sindacali Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche Seminari e gruppi di studio

28 Progetto di alta qualificazione professionale per dirigenti scolastici, docenti coordinatori di classe, docenti tutor e tutor dazienda … la formazione

29 Ipotesi di progetto Come migliorare il clima lavorativo Incontri con i referenti di Great place to work Institute In collaborazione con il gruppo Loccioni per i dirigenti coordinatori dei gruppi di lavoro. L ipotesi nasce dalla volontà di conoscere e curare la sindrome del burn out. … la formazione

30 Ipotesi di progetto di formazione rivolto a docenti e dirigenti scolasticiper la documentazione delle migliori pratiche delle scuole, parallelo al lavoro del gruppo di studio dei dirigenti scolastici su La memoria storica della scuola delle Marche. … la formazione

31 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Formazione Integra Eventi culturali Ricerche azioni Gruppi di lavoro e di consulenza interni allU.S.R. e ai CC.SS.AA. Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Seminari e gruppi di studio Centri territoriali Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche

32 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni (Italiano L.2 - Università di Macerata) Intese/Protocolli/Accordi Gruppo di lavoro Formazione Agorà Eventi culturali Ricerche azioni Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche Seminari e gruppi di studio Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia …

33 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Gruppo di lavoro Seminari e gruppi di studio Progetti Ricerche azioni Eventi culturali Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia …

34 Noi siamo fatti della stessa sostanza di cui son fatti i sogni… W.Shakespeare La Tempesta - atto IV …agli studenti rivolgo laugurio di credere che – come dirà loro il trascorrere del tempo - la scuola è non solo il luogo dellimpegno e della disciplina, ma anche quello che sa accoglierne e proteggerne i sogni. Dal saluto del Direttore Generale per lavvio dellanno scolastico 2004/2005 Ricerca - azione per cogliere i segni delle vocazioni degli studenti dellultimo anno di scuola secondaria di 1°e 2° grado …lorientamento

35 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Gruppo di lavoro Eventi culturali Progetti Ricerche azioni Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Seminari e gruppi di studio

36 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Gruppo di lavoro Eventi culturali Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Seminari e gruppi di studio

37 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Gruppo di lavoro Eventi culturali Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche Il contesto: i luoghi, la comunità e la sua storia … Seminari e gruppi di studio

38 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Gruppo di lavoro Eventi culturali Legge 53/03 Documentazione Comunicazione buone pratiche Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Seminari e gruppi di studio

39 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Gruppo di lavoro Progetti europei Eventi culturali Arion Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Seminari e gruppi di studio

40 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Eventi culturali Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Gruppo di lavoro Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche Seminari e gruppi di studio

41 Formazione Buone pratiche Monitoraggio con IRRE e Università Ricerca MIUR Ernst &Young INVALSI SIVADIS Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Interistituzionalità Gruppo di lavoro Seminari e gruppi di studio Convenzioni/Intese/Protocolli/AccordiIl mondo produttivo

42 Gruppo di lavoro nazionale e regionale Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche Convegno regionale Il tempo della pazienza Forum regionale I genitori negli organi collegiali della scuola Formazione Eventi culturali Giornata europea Forum provinciali Ricerca sociologica Università Salesiana (2003) Ricerca-azione La corresponsabilità educativa Università Salesiana ( ) Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Il mondo produttivo Seminari e gruppi di studio

43 Il tempo della pazienza Idea di crescita: la cura del corpo e della mente: Il gioco / Lo sport La fiducia La cura dei sentimenti: Lascolto, il dialogo, il racconto. La compagnia Convegno regionale U.S.R. Comune di Chiaravalle (studiato e preparato con i membri dei forum, regionale e provinciali, dei genitori)

44 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Gruppo di lavoro interistituzionale Professionalità formazione del personale la qualificazione del personale la specializzazione del personale la riconversione professionale nuove figure professionali Didattica disciplinare multidisciplinare laboratoriale Tirocinio..per gli studenti personalizzazione dellapprendimento individualizzazione dellapprendimento orientamento crediti … Orientamento mentoring coaching tutoring metodo autobiografico Tematiche per approfondimenti clima lavorativo organizzazione del lavoro la comunicazione istituzionale disagio professionale (Sindrome del burn out) il senso di fiducia nei giovani filosofia per bambini educazione interculturale ( Italiano L2) educazione degli adulti alleanza educativa lo spazio educativo Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Seminari e gruppi di studio Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche

45 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Formazione Eventi culturali Ricerca-azione Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Seminari e gruppi di studio Gruppo di lavoro Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche

46 Alternanza scuola lavoro Legge n. 53/ D.L.vo n. 59/2004 Documento consultabile prossimamente nel sito …dalle radici … allalbero … ai frutti della conoscenza

47 Il mondo produttivo Accordi con Aethra per scuola in ospedale Il contesto Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Formazione a distanza Eventi culturali: Inforscuola - nov Ferrara - ott Gruppo di lavoro Seminari e gruppi di studio Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche

48 Il mondo produttivo Interistituzionalità Convenzioni/Intese/Protocolli/Accordi Gruppo di lavoro interistituzionale Formazione Eventi culturali Ricerche - azioni Il contesto: i luoghi, la comunità, la sua storia … Legge 53/03 Comunicazione Documentazione buone pratiche Seminari e gruppi di studio

49 Convegno regionale: Sicurezza nella scuola 3-4 dicembre 2004 (Sicurezza dei fabbricati scolastici Interistituzionalità e rapporti giuridici Didattica della sicurezza) Protocollo dintesa Ufficio Scolastico Regionale - Regione Marche del 25 maggio 2004

50 … e, in questa avventura del pensiero, chiederemo di accompagnarci a…

51 Giuliano Amato Dario Antiseri Mario Baldassarri Melina Decaro Ilvo Diamanti Umberto Eco Domenico Fisichella Enrico Loccioni Claudio Magris Maria Ludovica Lombardi Varvelli Maurizio Viroli e ad altri ancora…

52 …con animo aperto alla ricerca di orizzonti inattesi… …interpretazione di una studentessa d Istituto darte, in occasione del Seminario di Urbino del 20 maggio 2004.

53 La voce dellintelligenza è una voce sommessa, ma non tace finché non ha trovato ascolto. Freud Il futuro di unillusione La voce dellintelligenza è una voce sommessa, ma non tace finché non ha trovato ascolto. Freud Il futuro di unillusione


Scaricare ppt "Raffaello - Scuola di Atene Le Marche: una regione laboratorio."

Presentazioni simili


Annunci Google