La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Maggio 2009 Il Private Equity come strumento di sviluppo per le piccole e medie imprese Francesca Ottier Latina, 29 novembre 2010 Il Private Equity come.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Maggio 2009 Il Private Equity come strumento di sviluppo per le piccole e medie imprese Francesca Ottier Latina, 29 novembre 2010 Il Private Equity come."— Transcript della presentazione:

1 Maggio 2009 Il Private Equity come strumento di sviluppo per le piccole e medie imprese Francesca Ottier Latina, 29 novembre 2010 Il Private Equity come strumento di sviluppo per le piccole e medie imprese Francesca Ottier Latina, 29 novembre 2010

2 2 Agenda Che cos’è il private equity Le tipologie di investimento La selezione dell’impresa target Governance e contributo del private equity allo sviluppo aziendale I Fondi di Private Equity nel Gruppo Intesa Sanpaolo

3 3 Agenda Che cos’è il private equity Le tipologie di investimento La selezione dell’impresa target Governance e contributo del private equity allo sviluppo aziendale I Fondi di Private Equity nel Gruppo Intesa Sanpaolo

4 4 Il private equity Gli operatori di private equity: Sono operatori istituzionali Raccolgono capitale da investitori istituzionali Investono nel capitale di rischio di imprese non quotate Rimangono nella compagine azionaria mediamente per 4/5 anni Gli operatori di private equity: Non sono fondi immobiliari Non sono hedge funds

5 5 Agenda Che cos’è il private equity Le tipologie di investimento La selezione dell’impresa target Governance e contributo del private equity allo sviluppo aziendale I Fondi di Private Equity nel Gruppo Intesa Sanpaolo

6 6 AIFI Fatturat o Cassa cumulata Seed 0,5/1 Euro Mln Definizione del prodotto Piano aziendale Analisi di mercato Start up 1/5 Euro Mln Costituzione azienda Completamento del prodotto Primi riscontri commerciali Expansion 7/20 Mln Innovazione continua del prodotto Consolidamento dell’organizzazione Buy out 20/50 Mln Turnaround 4 Mln Fatturato Flussi di cassa Investimenti di marketing e commerciali Partnership e acquisizioni Innovazione continua del prodotto Consolidamento dell’organizzazione Investimenti di marketing e commerciali Partnership e acquisizioni Ristrutturazione organizzativa Il ciclo di vita dell’impresa e il capitale di rischio

7 7 Agenda Che cos’è il private equity Le tipologie di investimento La selezione dell’impresa target Governance e contributo del private equity allo sviluppo aziendale I Fondi di Private Equity nel Gruppo Intesa Sanpaolo

8 8 Individuazione dell’Impresa Target Deal Flow Proprietary / Banche d’Affari (M&A) / Intermediari vari / Managers Valutazione approfondita dell’azienda e della struttura dell’operazione Preliminary Due Diligence Incontri preliminari con management / imprenditore Preliminary Financing Negoziazione Preliminare Final Due Diligence Negoziazione Finale Documentazione Legale Financing Commitments CLOSING Il processo d’investimento del Private Equity

9 9 I criteri di selezione dell’investimento Posizione di leadership (mercato/tecnologia/prodotti) Brand Business plan ambizioso ma sostenibile Exit strategy nel medio periodo (4-5 anni) IPO/trade sale/call Management/imprenditore capace e affidabile

10 10 Principali metodologie di Valutazione: Metodo dei Multipli (comparable listed companies & transactions): Fatturato EBITDA EBIT P/E Discounted Cash Flow: Premio per il rischio che tenga conto di liquidità, regolamentazione e dimensioni Venture Capital Method: Multipli alla data del disinvestimento IRR atteso Meccanismi di aggiustamento Earn out: Sul raggiungimento di alcuni indicatori (EBITDA, PFN, ecc.) Sull’IRR all’exit I criteri di valutazione dell’investimento

11 11 Agenda Che cos’è il private equity Le tipologie di investimento La selezione dell’impresa target Governance e contributo del private equity allo sviluppo aziendale I Fondi di Private Equity nel Gruppo Intesa Sanpaolo

12 12 Il Fondo svolge un ruolo attivo, ma non invadente, nella vita e nelle scelte strategiche fondamentali delle società partecipate con l’obiettivo di monitorarne l’andamento economico- finanziario e accrescerne il valore nel tempo. Tale ruolo si esplica principalmente attraverso le seguenti attività: designazione di uno o più membri del Team nel CdA delle società partecipate; introduzione/rafforzamento di meccanismi di governo aziendale di tipo manageriale; individuazione, ove necessario e in accordo con gli azionisti di maggioranza, di figure manageriali che integrino e completino la struttura organizzativa delle società partecipate; instaurazione di un informale rapporto di stretta collaborazione tra la proprietà/management e i professionisti del Fondo che faciliti le attività di monitoraggio e di supporto alla crescita aziendale; consulenza a tutto campo offerta dai professionisti del Fondo (finanza d’azienda, controllo di gestione, acquisizioni/dismissioni); focus sull’individuazione di opportunità di massimizzazione del valore a beneficio di tutti gli azionisti, con particolare riferimento al momento dell’uscita; eventuale sviluppo di una politica di build-up in singoli settori incentrata sulle società partecipate. Governance e contributo del PE allo sviluppo aziendale

13 13 Disinvestimento da parte dell’operatore Fin dal momento dell’ingresso è prevista la disciplina della modalità del disinvestimento del socio investitore: il disinvestimento deve essere attivabile entro un determinato intervallo temporale la partecipazione deve essere valutata al suo reale valore di mercato il disinvestimento deve essere realmente perseguibile

14 14 Quando ricorrere al private equity Riorganizzazione proprietaria Crescita dimensionale Ricambio generazionale Ristrutturazione delle aziende Sviluppo Tecnologico Internazionalizzazione Private Equity

15 15 Agenda Che cos’è il private equity Le tipologie di investimento La selezione dell’impresa target Governance e contributo del private equity allo sviluppo aziendale I Fondi di Private Equity nel Gruppo Intesa Sanpaolo

16 16 I Fondi di Private Equity di Intesa Sanpaolo CENTRO Antonio Finocchi Ghersi NORD Walter Comelli MEZZOGIORNO Fabio Borsoi Francesca Ottier ATLANTE VENTURE Davide Turco VENTURE SUD Davide Turco ATLANTE PRIVATE EQUITY Imi Fondi Chiusi è la SGR di Intesa Sanpaolo dedicata agli investimenti in private equity;Imi Fondi Chiusi è la SGR di Intesa Sanpaolo dedicata agli investimenti in private equity; Gestisce fondi per circa € 470 milioni con 24 operazioni concluse e 21 partecipate in portafoglio.Gestisce fondi per circa € 470 milioni con 24 operazioni concluse e 21 partecipate in portafoglio. Gli investimenti sono caratterizzati da un approccio industriale nonché da una forte prossimità al mondo delle PMI e al territorio.Gli investimenti sono caratterizzati da un approccio industriale nonché da una forte prossimità al mondo delle PMI e al territorio. Fondi regionali - € 280 mln. Fondi Venture - € 50 mln. Fondo nazionale - € mln. 100 Mln. 80 Mln. 25 Mln. 100 Mln. 150 Mln.

17 17 Chi siamo Le partecipazioni

18 18 Identikit operativo delle aziende target FatturatomlnFatturato minimo € 10 mln, max € 150 mln di Euro esclusiSettori esclusi: finanza, assicurazioni, immobiliare particolareFattori di particolare interesse: crescitaesterne progetti di crescita per linee esterne (acquisizioni/aggregazioni) crescitainterne progetti di crescita per linee interne (investimenti in capacità produttiva o in organizzazione e rete commerciale) variazionecompagine azionaria necessità di variazione della compagine azionaria (passaggio generazionale o manifestata volontà di uscita di alcuni soci) brandsettore brand affermati nel settore di appartenenza accompagnamentoquotazione (pre-IPO) accompagnamento in processi di quotazione (pre-IPO) negativiFattori negativi: crisi situazioni di crisi aziendale tensione finanziariasottocapitalizzazione marcata tensione finanziaria derivante da sottocapitalizzazione modelli di businesselevati rischi prospettici modelli di business non consolidati con elevati rischi prospettici Il Nuovo Fondo: ATLANTE PRIVATE EQUITY

19 19 I vantaggi connessi all’intervento èIncide positivamente sugli indici patrimoniali èInfluenza positivamente i processi di attribuzione di un rating sul merito di credito èMette a disposizione degli imprenditori le competenze del Fondo quale socio temporaneo attivo a supporto delle azioni di sviluppo dell’azienda èMigliora l’immagine dell’azienda in termini di affidabilità/trasparenza èÈ un punto di forza nel caso di successiva quotazione in borsa èPuò risolvere problemi nella funzionalità della compagine azionaria èIl network di conoscenze/competenze del Gruppo Intesa Sanpaolo è un ulteriore opportunità di sviluppo Il Nuovo Fondo: ATLANTE PRIVATE EQUITY


Scaricare ppt "Maggio 2009 Il Private Equity come strumento di sviluppo per le piccole e medie imprese Francesca Ottier Latina, 29 novembre 2010 Il Private Equity come."

Presentazioni simili


Annunci Google