La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CICLO UTERINOo CICLO MESTRUALE CICLO UTERINO o CICLO MESTRUALE Lendometrio del corpo dellutero di una donna sessualmente matura va ciclicamente incontro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CICLO UTERINOo CICLO MESTRUALE CICLO UTERINO o CICLO MESTRUALE Lendometrio del corpo dellutero di una donna sessualmente matura va ciclicamente incontro."— Transcript della presentazione:

1 CICLO UTERINOo CICLO MESTRUALE CICLO UTERINO o CICLO MESTRUALE Lendometrio del corpo dellutero di una donna sessualmente matura va ciclicamente incontro a trasformazioni che costituiscono il ciclo uterino o mestruale. Sono trasformazioni graduali legate al ciclo ovarico, della durata media 28 giorni -entrambi i cicli sono regolati dallIpofisi e dalle strutture nervose dellIpotalamo tramite 2 ormoni ipofisari: FSH (follicolo-stimolante) e LH (luteinico-stimolante) -Ogni ciclo prevede tre fasi 1.Fase desquamativa o mestruale 2.Fase proliferativa o follicolare 3.Fase secretiva o luteinica Il primo giorno della mestruazione è considerato per convenzione il giorno di inizio di un nuovo ciclo, nonché data di fine del ciclo precedente.

2 Controllo ormonale del ciclo uterino e ovarico Gli ormoni coinvolti sono: Ormoni ipofisari: FSH : Stimola lo sviluppo follicolare LH: Mantiene la struttura e la funzione secretoria del corpo luteo Ormoni ovarici: - Estrogeni: stimolano il riparo della mucosa uterina dopo la mestruazione - Progesterone: stimola la crescita dellendometrio e la secrezione delle ghiandole

3 1- Fase desquamativa o mestruale - Si ha la degenerazione e la distruzione dello strato funzionale dellendometrio, conseguente ad una vasocostrizione superficiale. Il distacco di gran parte della mucosa del fondo comporta una rottura di vasi e quindi la mestruazione comporta perdite di sangue, insieme allepitelio e alle ghiandole. La fase coincide con una caduta dei livelli di ormoni ovarici. Dura gg. 2- Fase proliferativa – Si ha rigenerazione e proliferazione dello strato funzionale, aumenta la parete dellendometrio, soprattutto per la proliferazione dellepitelio ghiandolare e aumento del connettivo. Aumentano i vasi e lapporto di sangue allendometrio. La fase coincide con il graduale aumento della sintesi di estrogeni. Dura ca 10 gg 3- Fase secretiva – Le ghiandole hanno una intensa attività e diventano sempre più grosse, e ricche di glicogeno. Aumentano ancora i vasi che appaiono pieni di sangue. Aumenta il liquido interstiziale. La fase coincide con un aumento della sintesi di progesterone e una graduale diminuzione di sintesi di estrogeni. Dura ca 12 gg.

4 CICLO UTERINOo CICLO MESTRUALE CICLO UTERINO o CICLO MESTRUALE 1.Fase desquamativa o mestruale : dura 2-5 gg, Eliminazione della mucosa dellutero: degenerazione dellepitelio, costrizione vascolare ischemia della mucosa, rottura dei vasi del distretto superficiale con perdite ematiche. 2. Fase proliferativa : dura ca 10 gg. Ripristino istologico dellendometrio;, lo strato basale non desquamato con le porzioni profonde delle ghiandole riprende la proliferazione aumento cell. connettivali tonaca propria, della sostanza fondamentale, ricostituzione e proliferazione delle ghiandole, dei vasi e dellepitelio, aumento spessore totale mucosa 3. Fase secretiva : dura gg, sotto lazione di estrogeni e progesterone prodotti dal corpo luteo, le ghiandole accumulano secreto e diventano sempre più grosse, le cellule della tonaca propria diventano più voluminose e basofile, congestione del distretto capillare. Se non cè fecondazione i vasi della parete uterina vanno incontro ad ischemia, ciò precede la fase mestruale.

5 Il ciclo uterino dura quindi complessivamente 28 gg, ma se si instaura dopo lovulazione uno stato gravidico esso non si completa perché lannidamento delluovo fecondato avviene durante la fase congestizia e comporta la produzione da parte della blastocisti di un ormone, la gonadotropina corionica (HCG) che blocca la fase successiva (mestruale) del ciclo uterino

6 Gravidanza Luovo fecondato (zigote), giunto attraverso le tube nella cavità uterina si nutre inizialmente assorbendo le secrezioni delle ghiandole uterine; nel giro di pochi giorni prende contatto con la partete uterina, erode lepitelio e si annida nellendometrio (impianto della blastocisti), inizia la gravidanza sostenuta dalla produzione di progesterone del corpo luteo gravidico Inizia da qui una serie di eventi che portano alla formazione della placenta, organo di supporto e che produrrà progesterone per tutta la durata della gravidanza.

7 La PLACENTA E costituita da due componenti Una parte fetale derivata dal trofoblasto, il corion che formerà i villi coriali Una parte materna formata dallendometrio dellutero della donna gravida che prende il nome di decidua. La decidua è perciò lendometrio dellutero trasformato per la gravidanza, formato da cellule deciduali, molto grosse e ricche di glicogeno e lipidi. Le due parti componenti la placenta sono riccamente vascolarizzate e consentono gli scambi materno-fetali. Si differenziano tre regioni della placenta in relazione allimpianto: 1- decidua basale + corion villoso = placenta definitiva 2- decidua capsulare 3- decidua parietale

8 La placenta Si organizza a spese del corion (annesso embrionale) e della decidua basale (mucosa uterina) tramite vari stadi di maturazione. Al termine del suo sviluppo (3° mese) i villi coriali arborizzati sono immersi in lacune sanguigne colmate dal sangue materno. Verso la fine della gravidanza la placenta occuperà il 25-30% della superficie interna della cavità uterina, costituendo un disco di 20 cm di diametro, 3 cm di spessore e 5 Kg di peso Il Cordone Ombelicale si connette alla placenta in posizione eccentrica I villi coriali sono vascolarizzati e scambiano nutrienti e gas col sangue materno presente negli spazi intervillosi

9 Funzioni della placenta La funzione primaria della placenta è di permettere gli scambi metabolici e gassosi tra il sangue fetale e quello materno. La membrana che separa i due flussi sanguigni materno e fetale viene detta BARRIERA EMATO-PLACENTARE, diversa in costituzione e spessore nelle varie fasi della gravidanza Attraverso la placenta passano gas (O 2 e CO 2 ), metaboliti (elettroliti, carboidrati, lipidi, aminoacidi), proteine anticorpali e macromolecole (per endocitosi)

10 Ormoni placentari La placenta è anche un organo endocrino; produce la gonadotropina corionica (HCG), ormone simile allLH che consente il mantenimento del corpo luteo per circa 3 mesi. Nei mesi successivi la placenta produce oltre al progesterone altri due ormoni: la relaxina (aumenta la flessibilità della pelvi e dilata il collo dellutero durante il parto) e lormone lattogeno placentare (contribuisce alla preparazione della ghiandola mammaria alla produzione del latte)

11 VAGINA E lultimo tratto del canale genitale femminile, è un tubo fibromuscolare cavo lungo circa 7-8 cm. Presenta una cavità virtuale che si può dilatare, fino anche a 10 cm di diametro durante il parto. Si trova dietro alla vescica e alluretra e dinanzi al retto e al canale anale. Origina sul contorno del collo dellutero e si apre esternamente col vestibolo della vagina (delimitato dai genitali esterni)

12 Il corpo della vagina attraversa il diaframma pelvico, e la sua disposizione è dallalto in basso e da dietro al davanti, decorre parallelo allintestino retto con cui è in contatto posteriormente Non è mobile: è strettamente collegata con il pavimento pelvico Si identificano 3 settori: 1.Fornice è la porzione più stretta che circonda la porzione intravaginale del collo dellutero, il muso di tinca 2.Corpo è la parte più estesa ed è disposto ad angolo retto rispetto allasse dellutero 1.Orifizio che presenta diversità di struttura nelletà giovanile, quando una piega semilunare, limene, ne riduce lorifizio, rispetto alla donna. Lorifizio vaginale, in fondo al vestibolo, è di forma ovalare e di diversa struttura a seconda delletà, ed è delimitato dallimene, sporgenza semilunare o piega sottile che restringe lorifizio vaginale, diversa per struttura e spessore a seconda del soggetto e delle modificazioni che avvengono con i rapporti sessuale e il parto

13 Parete vaginale Come organo cavo la sua parete è formata da tre tonache: 1.Tonaca mucosa, con epitelio pluristratificato non cheratinizzato che poggia su una membrana basale. Epitelio vaginale manifesta modificazioni citologiche e desquamazione sotto lazione degli ormoni Non esistono ghiandole annesse alla mucosa vaginale, che viene però lubrificata dal secreto delle ghiandole uterine. La mucosa si solleva in pieghe formando le colonne vaginali 2.Tonaca muscolare, liscia, presenta due strati, uno circolare, laltro longitudinale 3.Tonaca fibrosa, esterna è ricca di fibre elastiche. NB- Lepitelio vaginale modifica le sue caratteristiche in base allattività ormonale. Lo striscio vaginale che raccoglie cellule desquamate della vagina e dellutero ha valore diagnostico.

14 Funzioni della Vagina 1.Funge da via di passaggio per leliminazione del flusso mestruale 2.Accoglie lorgano copulatore e raccoglie il liquido seminale 3.Costituisce lultima porzione del canale del parto, durante il quale si dilata in modo considerevole Lambiente vaginale è acido grazie alla presenza di una flora batterica che mediante fermentazione del glicogeno presente nelle cellule epiteliali produce acido lattico, il quale fa da barriera a molti microorganismi

15 Lapparato riproduttivo femminile è costituito da Genitali interni ovaie tube uterine utero tratto genitale vagina Genitali esterni monte di Venere grandi e piccole labbra o vulva clitoride ghiandole di Bartolini

16 GENITALI ESTERNI Vulva (o pudendo muliebre) -Il complesso dei genitali esterni, sito nel trigono urogenitale, davanti alla sinfisi pubica, forma un rilievo cutaneo concentrico alla apertura della vagina. Comprendono: - il monte di Venere, rilievo cutaneo su un cuscinetto adiposo sottocutaneo con apparato pilifero sviluppato - due spesse pieghe cutanee, le grandi labbra che originano dal Monte di Venere e decorrono verso il basso per sfumare nella cute, ricche di ghiandole sebacee e sudoripare - due piccole pieghe cutanee, più interne, le piccole labbra, più sottili e sprovviste di peli, ricche di ghiandole sebacee, che delimitano il vestibolo della vagina

17 Dei genitali esterni si considera - clitoride : organo erettile omologo al pene, di forma cilindrica, situato sotto la sinfisi pubica, costituito da un asse di connettivo elastico, vasi e molti nervi. Visibile dallesterno solo la parte terminale (glande clitorideo) coperto dal prepuzio originato dalla commessura delle piccole labbra. Sotto al clitoride sbocca luretra, - ghiandole vestibolari del Bartolini che producono un secreto lubrificante.


Scaricare ppt "CICLO UTERINOo CICLO MESTRUALE CICLO UTERINO o CICLO MESTRUALE Lendometrio del corpo dellutero di una donna sessualmente matura va ciclicamente incontro."

Presentazioni simili


Annunci Google