La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione allo Humanistic management Marco Minghetti Lezione 13 Pavia Ottobre – Novembre 2006.

Copie: 1
Introduzione allo Humanistic management Marco Minghetti LEZIONE 9 Pavia Ottobre – Novembre 2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione allo Humanistic management Marco Minghetti Lezione 13 Pavia Ottobre – Novembre 2006."— Transcript della presentazione:

1 Introduzione allo Humanistic management Marco Minghetti Lezione 13 Pavia Ottobre – Novembre 2006

2 Humanistic Management Dopo Lesperienza di hamlet ( ) nel 2004 nasce, in contrapposizone allo scientific management, lo humanistic management per il quale la poesia, larte, la filosofia: sono concepiti come strumenti operativi volti al superamento dei linguaggi settoriali si traducono in catalizzatori metadisciplinari -

3 Sezione 1: Il contesto: un approccio metadisciplinare Sezione 1: Il contesto: un approccio metadisciplinare La dimensione filosofica, ermeneutica, storica, economica, organizzativa, politica, strategica, sociologica La dimensione filosofica, ermeneutica, storica, economica, organizzativa, politica, strategica, sociologica Cosa ci chiede il post. Sei domande per il management umanistico (Piero Trupia). Cosa ci chiede il post. Sei domande per il management umanistico (Piero Trupia). Il management della modernità riflessiva. La conoscenza come risorsa per esplorare e per condividere (Enzo Rullani) Il management della modernità riflessiva. La conoscenza come risorsa per esplorare e per condividere (Enzo Rullani) Da Esiodo al Duemilaventicinque. Un modello umanistico latino per le imprese (Domenico De Masi) Da Esiodo al Duemilaventicinque. Un modello umanistico latino per le imprese (Domenico De Masi) Sezione 2: Il mondo vitale dellimpresa Sezione 2: Il mondo vitale dellimpresa Valorizzare l'intangibile: esperienze, conoscenze, relazioni, intelligenze, emozioni, regole, morali, etiche Valorizzare l'intangibile: esperienze, conoscenze, relazioni, intelligenze, emozioni, regole, morali, etiche Il capitale intellettuale. Come dischiudere la ricchezza nascosta dellorganizzazione (Franco DEgidio) Il capitale intellettuale. Come dischiudere la ricchezza nascosta dellorganizzazione (Franco DEgidio) Lazienda razionale e lazienda emotiva. Emozione ed intelligenza per lavorare divertendosi (Luca, Laura, Maria Ludovica, RiccardoVarvelli) Lazienda razionale e lazienda emotiva. Emozione ed intelligenza per lavorare divertendosi (Luca, Laura, Maria Ludovica, RiccardoVarvelli) Lazienda etica. Limpresa come protagonista di una storia che le persone desidererebbero sentire (Giampaolo Azzoni) Lazienda etica. Limpresa come protagonista di una storia che le persone desidererebbero sentire (Giampaolo Azzoni) Manifesto: Parte Prima. Concetti

4 Sezione 3: Identità individuale. La cura di sé. Sezione 3: Identità individuale. La cura di sé. Letteratura, autobiografia, cinema. Letteratura, autobiografia, cinema. Un certo tipo di letteratura. Breve storia di un mondo possibile (Francesco Varanini). Un certo tipo di letteratura. Breve storia di un mondo possibile (Francesco Varanini). La scrittura di sé nellautoformazione umanistica. Limpresa come spazio narrativo ritrovato (Duccio Demetrio) La scrittura di sé nellautoformazione umanistica. Limpresa come spazio narrativo ritrovato (Duccio Demetrio) Nutrire lenigma. Il cinema come strumento di pensiero e di comunicazione nelle realtà complesse (Giuseppe Varchetta). Nutrire lenigma. Il cinema come strumento di pensiero e di comunicazione nelle realtà complesse (Giuseppe Varchetta). Sezione 4: Identità collettiva. La cura per gli altri. Sezione 4: Identità collettiva. La cura per gli altri. Networking, Business TV, Teatro dimpresa, Edutainment. Networking, Business TV, Teatro dimpresa, Edutainment. Il Simposio platonico nel XXI secolo. Competenze di ruolo per la gestione della comunità e lo sviluppo della conoscenza negli ambienti virtuali (Paolo Costa) Il Simposio platonico nel XXI secolo. Competenze di ruolo per la gestione della comunità e lo sviluppo della conoscenza negli ambienti virtuali (Paolo Costa) La business television. La tv come media e come schema mentale (Andrea Notarnicola). La business television. La tv come media e come schema mentale (Andrea Notarnicola). Esperienze e sogni di un formattore. La cultura dimpresa fra formazione, comunicazione e intrattenimento (Enrico Bertolino) Esperienze e sogni di un formattore. La cultura dimpresa fra formazione, comunicazione e intrattenimento (Enrico Bertolino) Manifesto: Parte Seconda: Strumenti

5

6 IL PRIMO AMORE Dicono che il primo amore è il più importante. Ciò è molto romantico ma non fa al mio caso. Qualcosa tra noi cè stato e non cè stato, accadde e si è perduto. Non mi tremano le mani quando mi imbatto in piccoli ricordi, in un rotolo di lettere legate con lo spago -fosse almeno un nastrino. Il nostro unico incontro dopo anni: conversazione di due sedie accanto a un freddo tavolino.

7 Altri amori ancora respirano profondi dentro me. A questo manca il fiato anche per sospirare. Eppure proprio così comè, è capace di fare ciò di cui quelli ancora non sono capaci: non ricordato, neppure sognato, mi familiarizza con la morte.

8 Ogni volta che perdiamo il senso della comunione con gli altri, quando la conversazione con unaltra persona (collega o amico o amante) è solo una conversazione di due sedie accanto ad un freddo tavolino, ci avviciniamo alla morte, come accade a Szymborska con il suo primo amore. Per questo, sempre più spesso, si parla di azienda conviviale. Il Convivio o Simposio platonico è un luogo dominato dalleros e dalla cooperazione discorsiva, regolata da un simposiarca. Il modello conviviale dellimpresa è lattualizzazione del potere di parola e diniziativa attribuito a tutti i soggetti-persone presenti nel mondo vitale dellimpresa. E una traduzione sistemica della cooperazione attiva integrale, condizione essenziale della qualità totale e dellinnovazione continua.

9 Sensemaking: prime difficoltà (Marìas 1) Quando qualcuno racconta un aneddoto…per il semplice fatto di raccontarlo sta già deformandolo. Cfr. Javier Marias, Nera schiena del tempo, pp. 3-4.

10 Sensemaking: prime difficoltà (Marìas 2) Insicurezza estrema della parola, in sé stessa metaforica e quindi imprecisa (la lingua non può riprodurre i fatti, come già scriveva Platone nel Cratilo. Cfr anche tutta la tradizione filosofica moderna da Locke a Wittgenstein). Insicurezza estrema della parola, in sé stessa metaforica e quindi imprecisa (la lingua non può riprodurre i fatti, come già scriveva Platone nel Cratilo. Cfr anche tutta la tradizione filosofica moderna da Locke a Wittgenstein). Ciò accade anche con la parola più rozza, con linsulto persino: se poi si introduce un come se per introdurre la finzione nella realtà le cose si complicano ulteriormente. Ciò accade anche con la parola più rozza, con linsulto persino: se poi si introduce un come se per introdurre la finzione nella realtà le cose si complicano ulteriormente.

11 Sensemaking: prime difficoltà (le cose e le parole – Szymborska) Le tre parole più strane Quando pronuncio la parola Futuro, La prima sillaba già va nel passato. Quando pronuncio la parola Silenzio, Lo distruggo. Quando pronuncio la parola Niente, Creo qualche cosa che non entra in alcun nulla.

12 Sensemaking: prime difficoltà (Marìas 3) Lipotesi ontologica sottostante di Marìas (come già di Shakespeare: We are such stuff the dreams are made off) è che sia impossibile non mescolare realtà e finzione (di fatto, che sia impossibile distinguere fra le due). Lo stesso dubbio che Amleto ha di fronte al fantasma del padre e che Cartesio (e la modernità tradizionale) risolvono a favore della realtà.

13 Sensemaking: prime difficoltà (Marìas 4) La vecchia aspirazione di ogni cronista o sopravvissuto, riferire laccaduto, dare conto di quel che avvenne, lasciare traccia dei fatti e dei delitti e delle gesta, è una pura illusione o chimera, o meglio la frase stessa, quel concetto stesso, sono già metaforici e fanno parte della finzione.

14 Sensemaking: prime difficoltà (Marìas 5) Riferire laccaduto è inconcepibile e vano, o piuttosto è possibile soltanto come invenzione. Anche lidea di testimonianza è vana e non cè testimone che possa in verità assolvere il proprio impegno. E oltretutto ognuno dimentica sempre troppi istanti, perfino ore o giorni e mesi e anni…anni interi, e non necessariamente i più insignificanti.Riferire laccaduto è inconcepibile e vano, o piuttosto è possibile soltanto come invenzione. Anche lidea di testimonianza è vana e non cè testimone che possa in verità assolvere il proprio impegno. E oltretutto ognuno dimentica sempre troppi istanti, perfino ore o giorni e mesi e anni…anni interi, e non necessariamente i più insignificanti.

15 Sensemaking: prime difficoltà (Volli 1) E veramente possibile pensare ad unetica della comunicazione che, come in genere si sostiene, prescriva la verità? Non se se accada in realtà, osserva Volli, ma certamente nei telefilm americani i testimoni ai processi giurano di dire la verità, solo la verità, tutta la verità. Se, pensando ad unetica della comunicazione, ci ponessimo il problema nei termini di unetica della verità, potremmo dire che ci si chiede di essere tutti quanti testimoni…..

16 Sensemaking: prime difficoltà (Volli 2) Si dà il caso però che nella vita quotidiana il ruolo del testimone non sia affatto pacifico: chiunque si trovi a cercare di ricostruire un fatto anche minore come un incidente stradale e proceda interrogando i presenti sulla dinamica dei fatti, si trova di fronte al fatto che sovente la verità non emerge, che le versioni sono spesso diverse. Anche se eliminiamo il caso della cattiva fede, dellimbroglio, dellinteresse, semplicemente è difficile ricostruire i fatti, semplicemente la corrispondenza fra il discorso e ciò che accade è problematica. Ognuno ha visto una cosa diversa.

17 Sensemaking: prime difficoltà (le cose e le parole - Volli 3) A ciò si aggiunge la difficoltà legata al fatto che il linguaggio deve essere necessariamente imperfetto, poiché, come aveva già notato Platone nel Cratilo, se non ci fosse nessuna distanza fra nomi e cose, se i nomi fossero così perfetti da avere le stesse proprietà delle cose, non ci sarebbero più una cosa e un nome, ma due oggetti identici.

18 Sensemaking: prime difficoltà (le cose e le parole – Dick) La relazione tra parola e oggetto…Che cosè una parola. Un simbolo arbitrario. Eppure noi viviamo tra le parole. La nostra realtà è fatta di parole, non di cose…La parola è più reale delloggetto che rappresenta. La parola non rappresenta la realtà. La parola è la realtà. P. K. Dick, Tempo fuor di sesto, p. 74. A questo libro si è ispirato il film Truman Show. In entrambi i casi i protagonisti scoprono che la realtà perfetta della cittadina in cui vivono è una ricostruzione teatrale. Il Titolo è una citazione dallAmleto di Shakespeare, che contiene il famoso dialogo con Polonio con inizia con la battuta Parole, parole, parole… e dove sistematicamente Amleto usa le parole in un senso che laltro non capisce (pescivendolo per ruffiano, eccetera) anche se al termine Polonio intuisce che cè un metodo in questa follia.

19 Sensemaking: prime difficoltà (le cose e le parole – Dick e Marquez) Nel romanzo di Dick, il protagonista comincia a sospettare lirrealtà di quanto lo circonda quando comincia a trovare, al posto degli oggetti consueti, solo dei bigliettini con sopra il loro nome (ad esempio, ad un certo punto vede svanire un chiosco delle bibite e al suo posto trova solo un pezzetto di carta con su scritto CHIOSCO DELLE BIBITE) Una cosa simile accade in Centanni di solitudine, quando gli abitanti di Macondo perdono la memoria. Aureliano Buendia… segnò ogni cosa con il suo nome: tavolo, sedia, orologio, porta, muro, letto…sullentrata della strada avevano messo un cartello su cui era scritto Macondo e un altro più grande che diceva Dio esiste. In tutte le case erano stati scritti segni convenzionali per ricordare gli oggetti e i sentimenti. Ma il sistema richiedeva tanta sollecitudine e tanta forza morale che molti cedettero allincanto di una realtà immaginaria, inventata da loro stessi, che risultava meno pratica ma più confortante. Una cosa simile accade in Centanni di solitudine, quando gli abitanti di Macondo perdono la memoria. Aureliano Buendia… segnò ogni cosa con il suo nome: tavolo, sedia, orologio, porta, muro, letto…sullentrata della strada avevano messo un cartello su cui era scritto Macondo e un altro più grande che diceva Dio esiste. In tutte le case erano stati scritti segni convenzionali per ricordare gli oggetti e i sentimenti. Ma il sistema richiedeva tanta sollecitudine e tanta forza morale che molti cedettero allincanto di una realtà immaginaria, inventata da loro stessi, che risultava meno pratica ma più confortante.

20 Sensemaking: prime difficoltà (le cose e le parole – Borges) Nel racconto Tlön, Uqbar, Orbis Tertius, che apre il più leggendario dei suoi libri, Finzioni (1956), Borges narra di unenciclopedia progettata per descrivere la geografia e la cultura di un pianeta immaginario: Tlön. Ad un certo punto, la realtà cede e oggetti di Tlön vengono ritrovati in diversi paesi, le copie dellenciclopedia di Tlön proliferano, le scienze e la storia vengono riformate in base a essa. Nel racconto Tlön, Uqbar, Orbis Tertius, che apre il più leggendario dei suoi libri, Finzioni (1956), Borges narra di unenciclopedia progettata per descrivere la geografia e la cultura di un pianeta immaginario: Tlön. Ad un certo punto, la realtà cede e oggetti di Tlön vengono ritrovati in diversi paesi, le copie dellenciclopedia di Tlön proliferano, le scienze e la storia vengono riformate in base a essa. «Come non sottomettersi a Tlön, alla vasta e minuziosa evidenza di un pianeta ordinato? Inutile rispondere che anche la realtà è ordinata. Sarà magari ordinata, ma secondo leggi divine - traduco: inumane - che non finiamo mai di scoprire. Tlön sarà un labirinto, ma è un labirinto ordito dagli uomini, destinato a esser decifrato dagli uomini.» «Come non sottomettersi a Tlön, alla vasta e minuziosa evidenza di un pianeta ordinato? Inutile rispondere che anche la realtà è ordinata. Sarà magari ordinata, ma secondo leggi divine - traduco: inumane - che non finiamo mai di scoprire. Tlön sarà un labirinto, ma è un labirinto ordito dagli uomini, destinato a esser decifrato dagli uomini.» Se oggi esistesse un progetto Orbis Tertius avrebbe nelle reti informatiche il suo mezzo di realizzazione. Internet è unenciclopedia tlöniana? Senza dubbio ci troviamo di fronte al primo ambiente artificiale condiviso da milioni di persone. La realtà allora, come scrive Baudrillard, si sta per dissolvere in unultrarealtà? Andiamo verso laffermazione del "platonismo digitale" - dove si suppone che l´umanità consideri vera quella che è solo l´ombra della realtà, magari confondendo l´Iperuranio con lo schermo del Pc? Se oggi esistesse un progetto Orbis Tertius avrebbe nelle reti informatiche il suo mezzo di realizzazione. Internet è unenciclopedia tlöniana? Senza dubbio ci troviamo di fronte al primo ambiente artificiale condiviso da milioni di persone. La realtà allora, come scrive Baudrillard, si sta per dissolvere in unultrarealtà? Andiamo verso laffermazione del "platonismo digitale" - dove si suppone che l´umanità consideri vera quella che è solo l´ombra della realtà, magari confondendo l´Iperuranio con lo schermo del Pc?

21 Sensemaking: prime difficoltà in sintesi I mprecisione del linguaggio e dei diversi linguaggi specialistici o specifici che non si parlano fra loro (sfida della metadisciplinarietà) Perdita dellidentità monolitica (ciascuno ridefinisce continuamente sé stesso e la propria molteplicità individuale) La memoria e il tempo (ciascuno re-inventa gli eventi che ha vissuto) La natura del reale (è difficile distinguere fra realtà e finzione), in un momento in cui tempo e spazio coincidono (istantaneità) Conseguenze di ordine etico (le verità condivise –quindi anche i valori, i sentimenti, le emozioni condivise- sono menzogna o invenzione)

22 Sensemaking: il gioco del mondo Tutto è scrittura, ossia fabula. Ma a che ci serve la verità che tranquillizza lonesto proprietario? La nostra verità possibile deve essere invenzione, ossia scrittura, letteratura, pittura, scultura, agricultura, pescicultura, tutte le ture di questo mondo. I valori, le ture, la santità, una tura, la società, una tura, lamore, nientaltro che tura, la bellezza, tura delle ture (p.362)

23 Sensemaking: il gioco del mondo Invece dell'indice e della prefazione si trova una tavola d'orientamento: "A modo suo questo libro è molti libri, ma soprattutto è due libri. Il primo, lo si legge come abitualmente si leggono i libri, e finisce con il capitolo 56. (...) Il secondo, lo si legge cominciando dal capitolo 73 e seguendo l'ordine indicato a piè pagina d'ogni capitolo...". Segue la tabella dell'ordine di lettura dei capitoli che è, tanto per darne un'idea: , e così via. Cortazar lascia al lettore la scelta del percorso da seguire: lettura lineare nel primo caso, lettura articolata e zig-zagante (ma guidata) nel secondo Ogni paragrafo è infatti numerato, dal numero 1 al numero 155. E al termine di ogni paragrafo c'è un numerino che indica una possibile continuazione, nel caso non si voglia procedere con quella sequenziale.. Esattamente quel che si può fare oggi con internet: questo libro è una rete di moduli più o meno autonomi che si possono leggere con differenti sequenzialità. Il risultato è che la trama prende vita nella testa del lettore, ma a quella stessa trama ogni lettore ci arriva per vie differenti.

24 Sensemaking: il gioco del mondo Cortazar dà alle stampe il suo corposo romanzo (circa 500 pagine) nel Il titolo è: "Rayouela". Cortazar dà alle stampe il suo corposo romanzo (circa 500 pagine) nel Il titolo è: "Rayouela". "Rayouela", che in spagnolo vuol dire "rete", "ragnatela", viene pubblicato in Italia nel 1969 da Einaudi nella traduzione di Flaviarosa Nicoletti Rossini con il titolo "Il gioco del mondo". Non s'era ancora nell'era digitale (quasi) di massa. Altrimenti, il titolo italiano, forse, sarebbe stato diverso. "Rayouela", che in spagnolo vuol dire "rete", "ragnatela", viene pubblicato in Italia nel 1969 da Einaudi nella traduzione di Flaviarosa Nicoletti Rossini con il titolo "Il gioco del mondo". Non s'era ancora nell'era digitale (quasi) di massa. Altrimenti, il titolo italiano, forse, sarebbe stato diverso. Se vogliamo adesso passare a parlare de "Il gioco del mondo" con la terminologia che siamo soliti adottare quando parliamo di scrittura ipertestuale, potremo ben dire, io credo, che il lettore è invitato a creare lui stesso i collegamenti, i "link", le connessioni tra le centinaia di frammenti di cui il testo si compone. Cortazar, come Borges, Dick, Perec, Calvino, attua dunque già, nel testo a stampa, ciò che oggi vediamo realizzato con l'ipertesto elettronico Se vogliamo adesso passare a parlare de "Il gioco del mondo" con la terminologia che siamo soliti adottare quando parliamo di scrittura ipertestuale, potremo ben dire, io credo, che il lettore è invitato a creare lui stesso i collegamenti, i "link", le connessioni tra le centinaia di frammenti di cui il testo si compone. Cortazar, come Borges, Dick, Perec, Calvino, attua dunque già, nel testo a stampa, ciò che oggi vediamo realizzato con l'ipertesto elettronico

25 Riferire laccaduto è inconcepibile e vano, o piuttosto è possibile soltanto come invenzione. Marias

26 Esercizi di stile Raymond Queneau, 1947 Traduzione di Umberto Eco (1983)

27 Notazioni Sulla S. in unora di traffico. Un tipo di circa 26 anni, cappello floscio con una cordicella al posto del nastro, collo troppo lungo, come se glielo avessero tirato. La gente scende. Il tizio in questione si arrabbia con un vicino. Gli rimprovera di spingerlo ogni volta che passa qualcuno. Tono lamentoso, con pretese di cattiveria. Non appena vede un posto libero vi si butta. Due ore più tardi lo incontro alla Cour de Rome, davanti alla Gare Saint-Lazare. E con un amico che gli dice "dovresti far mettere un bottone in più al soprabito. Gli fa vedere dove (alla sciancratura) e perchè.

28 Partita doppia Nel mezzo della giornata e a mezzodì mi trovavo e salii sulla piattaforma e balconata posteriore di un autobus e di un tram a cavalli autopropulso affollato e pressocché brulicante di umani viventi della linea S che va dalla Contrescarpe a Champerret. Vidi e rimarcai un giovinotto non anziano, assai ridicolo e non poco grottesco, dal collo magro e dalla gola scarnita, cordicella e laccetto intorno al feltro e cappello. Dopo uno spingi-spingi e un schiaccia- schiaccia, quello affermò e asserì con voce e tono lacrimoso e piagnucoloso che il suo vicino e sodale di viaggio sintenzionava e singegnava volontariamente e a bella posta di spingerlo e importunarlo ogni qual volta si scendesse uscendo o si salisse entrando. Questo detto e dopo aver aperto bocca, ecco che si precipita ed affanna verso uno scranno e sedile vergine e disoccupato. Due ore dopo e centoventi minuti più tardi, lo reincontro e lo ritrovo alla Cour de Rome a cospetto della Gare Saint-Lazare, mentre è e si trova con un amico e contubernale che gli insinua di, e lo incita a, far applicare e assicurare un bottone e bocciolo dosso al suo mantello e ferraiuolo.

29 Raddoppiare per Potenziare Una ricchissima serie di esempi di questa modalità di giocare con lambiguità delle parole la troviamo in Hamlet. Ne ricordo solo alcuni fra i più noti: The flash and outbreak of a fiery mind The flash and outbreak of a fiery mind (Il baleno e lirruzione di un animo infiammato, II, i, 33) The slings and arrows of outrageus fortune The slings and arrows of outrageus fortune (I proiettili e i dardi della fortuna, III,i, 58) The whips and scorns of time The whips and scorns of time (Le frustate e i dileggi del tempo, III, i,70). (Le frustate e i dileggi del tempo, III, i,70).

30 In questi casi, chiosa Empson, basterebbe sempre una sola delle due parole per comunicare il senso. Ma attraverso la duplicazione, che non è mai gratuita, il senso di volta in volta si arricchisce di echi, di sottintesi, di rimandi ad altre parti dellopera o a segreti doppi sensi. Frank Kermode ha sviluppato questo approccio con leccellente analisi dellAmleto contenuta nel suo volume sul linguaggio di Shakespeare (pubblicato in Italia da Bompiani). Egli dimostra come lopera sia dominata dallossessione per i raddoppiamenti di ogni genere, in particolare dalluso della figura nota come endiadi. In senso letterale, essa significa luno attraverso il due e possiamo illustrarla con espressioni quali law and order (legge e ordine).

31 Non solo, ma il raddoppiamento influisce anche sulla struttura dellAmleto. Ci sono coppie di personaggi: Cornelio e Voltemando, due ambasciatori che pronunciano (insieme) solo dieci parole; e gli indistinguibili Rosenkrantz e Guildenstern. Il teatro nel teatro è un doppio inquietante dellAmleto, e la pantomima lo è del teatro. Il ruolo del vendicatore è raddoppiato (Laerte e Fortebraccio)…, eccetera: gli esempi sono numerosissimi. LAmleto è stato paragonato ad un grandioso gioco di specchi in cui ogni verso, ogni personaggio, ogni particolare della trama si riflettono, raddoppiandosi, incessantemente luno nellaltro: nella sua versione cinematografica, K. Branagh fa svolgere gran parte dellazione nel grande salone centrale della reggia di Elsinore, dalle pareti coperte di specchi, che si infrangeranno solo alla fine, con lirruzione dei soldati di Fortebraccio. Tramite luso di tutti questi strumenti poetici, la vision di Shakespeare ne risulta ampliata, fortificata, potenziata.

32 Litoti Non sera in pochi a spostarci. Un tale, al di qua della maturità, e che non sembrava un mostro dintelligenza, borbottò per un poco con un signore che a lato si sarebbe comportato in modo improprio. Poi si astenne e rinunciò a restar in piedi. Non fu certo il giorno dopo che mi avvenne di rivederlo: non era solo e si occupava di moda. Litote: figura retorica che consiste nell'attenuare apparentemente un concetto che si esprime negando il suo contrario: sostanzialmente, con tale artificio, gli si dà maggior risalto; p.e. è una litote dire che "una merce non è a buon mercato", per significare che "costa molto"; analogamente, dire che una persona "non si distingue per la sua onestà", significa che "è assai disonesta".

33 Sorprese Comeravamo schiacciati su quella piattaforma! E come non era ridicolo e vanesio quel ragazzo! E che ti fa? Non si mette a discutere con un poveretto che - sai la pretesa, il giovinastro! - lo avrebbe spinto? E non ti escogita niente po po di meno che andar svelto a occupare un posto libero? Invece di lasciarlo a una signora! Due ore dopo, indovinate chi ti incontro davanti alla Gare Saint-Lazare? Ve la do a mille da indovinare! Ma proprio lui, il bellimbusto! Che si faceva dar consigli di moda! Da un amico! Stento ancora a crederci!

34 Ignoranza Io proprio non so cosa vogliono da me. Va bene, ho preso la S verso mezzogiorno. Se c'era gente? Certo, a quell'ora. Un giovanotto dal cappello floscio? Perché no? Io vado mica a guardare la gente nelle palle degli occhi. Io me ne sbatto. Dice, una specie di cordoncino intrecciato? Intorno al cappello? Capisco, una curiosità come un'altra, ma io queste cose non le noto. Un cordoncino... Boh. E avrebbe litigato con un altro signore? Cose che capitano. E dovrei averlo rivisto dopo, un'ora o due più tardi? Non posso negarlo. Capita ben altro nella vita. Guardi, mi ricordo che mio padre mi raccontava sempre che...

35 Volgare Aho! Annavo a magnà e te monto su quer bidone de la Esse - e 'an vedi? - nun me vado a incoccià con 'no stronzo con un collo cche pareva un cacciavite, e 'na trippa sur cappello? E quello un se mette a baccaglià con st'artro burino perchè - dice - je' acciacca er ditone? Te possino! Ma cche voi, ma cchi spinge? e certo che spinge! chi, io? ma va a magnà er sapone! 'Nzomma, meno male che poi se va a sede. E bastasse! Sarà du' ore dopo, chi s'arrivede? Lo stronzo, ar Colosseo, che sta a complottà con st'artro quà che se crede d'esse er Chistian Dior, er Missoni, che so, er Mister Facis, li mortacci sui! E metti un bottone de quà, e sposta un bottone de là, a acchittate così alla vitina, e ancora un po' ce faceva lo spacchetto, che era tutta 'na froceria che nun te dico. Ma vaffanculo! E bastasse! Sarà du' ore dopo, chi s'arrivede? Lo stronzo, ar Colosseo, che sta a complottà con st'artro quà che se crede d'esse er Chistian Dior, er Missoni, che so, er Mister Facis, li mortacci sui! E metti un bottone de quà, e sposta un bottone de là, a acchittate così alla vitina, e ancora un po' ce faceva lo spacchetto, che era tutta 'na froceria che nun te dico. Ma vaffanculo!

36 Altri esempi di tono e punti di vista EsitazioniPrecisazioniSvolgimento Lettera ufficiale Comunicato stampa AmpollosoInterrogatorioCommedia….

37 Sogno Mi pareva che tutto intorno fosse brumoso e biancastro tra presenze multiple e indistinte, tra le quali si stagliava tuttavia abbastanza netta la figura di un uomo giovane, il cui collo troppo lungo sembrava manifestarne da solo il carattere vile e astioso. Il nastro del suo cappello era sostituito da una cordicella intrecciata. Poco dopo ecco che discuteva con un individuo che intravvedevo in modo impreciso e poi - come colto da sùbita paura - si gettava nell'ombra di un corridoio. Un altro momento me lo mostra mentre procede in pieno sole davanti alla Gare Saint-Lazare. È con un amico che gli dice: «Dovresti far mettere un bottone in più al soprabito». Un altro momento me lo mostra mentre procede in pieno sole davanti alla Gare Saint-Lazare. È con un amico che gli dice: «Dovresti far mettere un bottone in più al soprabito». A questo punto mi sono svegliato. A questo punto mi sono svegliato.

38 Esercitazione Il luogo Il luogo Il personaggio Il personaggio Lazione Lazione Due ore dopo Due ore dopo


Scaricare ppt "Introduzione allo Humanistic management Marco Minghetti Lezione 13 Pavia Ottobre – Novembre 2006."

Presentazioni simili


Annunci Google