La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PROTOCOLLO D INTESA SULLA SICUREZZA DEL CANTIERE NUOVO OSPEDALE ALBA-BRA IL PROTOCOLLO D INTESA SULLA SICUREZZA DEL CANTIERE NUOVO OSPEDALE ALBA-BRA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PROTOCOLLO D INTESA SULLA SICUREZZA DEL CANTIERE NUOVO OSPEDALE ALBA-BRA IL PROTOCOLLO D INTESA SULLA SICUREZZA DEL CANTIERE NUOVO OSPEDALE ALBA-BRA."— Transcript della presentazione:

1 IL PROTOCOLLO D INTESA SULLA SICUREZZA DEL CANTIERE NUOVO OSPEDALE ALBA-BRA IL PROTOCOLLO D INTESA SULLA SICUREZZA DEL CANTIERE NUOVO OSPEDALE ALBA-BRA Ospedale Alba- Bra Ing. Francesco Popolo Coordinatore per la sicurezza in fase di Esecuzione Responsabile Ente Sicurezza Cantieri Maire Engineering S.p.A. Dr.ssa Santina Bruno Direttore S.Pre.S.A.L. ASL 18 Alba- Bra

2 Superficie mq Volumetria m 3 Spesa complessiva 145 milioni di cui 119,5 per lavori Da 40 a 200 operai/die per 5 anni 4 dicembre 2005: il taglio del nastro e l'apertura del cantiere IL CANTIERE DEL NUOVO OSPEDALE

3 Il settore delle costruzioni continua a mantenere alti indici infortunistici sia di frequenza che di gravità Il settore delle costruzioni è al primo posto per numero di malattie professionali indennizzate dallINAIL E un cantiere complesso dove operano contemporaneamente, per molto tempo, diverse ditte e un elevato numero di lavoratori Presenza di lavorazioni tradizionalmente rischiose PERCHÉ CONSIDERARE IL CANTIERE DEL NUOVO OSPEDALE UN PROBLEMA DI SALUTE PRIORITARIO?

4 SICUREZZA, VALORE PRIORITARIO NELLORGANIZZAZIONE DIMPRESA ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA DI SICUREZZA IN CANTIERE INFORMAZIONE, FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO DELLE MAESTRANZE RAPPRESENTANZA DEI LAVORATORI SORVEGLIANZA SANITARIA DEI LAVORATORII INDIVIDUAZIONE DEI PUNTI CRITICI NEL PERCORSO DELLA SICUREZZA CONDIVISIONE DELLE SOLUZIONI TRA TUTTI GLI ATTORI DELLA PREVENZIONE ADEGUATA AZIONE DI CONTROLLO COME AFFRONTARLO?

5 Il Concessionario per la costruzione e la gestione del Nuovo Ospedale, Il Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione (C.S.E.), La Direzione Provinciale del Lavoro di Cuneo (D.P.L.) in coordinamento anche con l INAIL, e INPS Il Servizio di Medicina del Lavoro dellASL n.17, con funzioni di riferimento per la prov. Di Cuneo IL Comitato Paritetico Territoriale per la prevenzione degli infortuni della Provincia di Cuneo (CPT) LAzienda Sanitaria Locale n.18 Alba – Bra, che partecipa allaccordo con i seguenti Servizi: - il Responsabile Unico del Procedimento della A.S.L. 18 (RUP) - il Servizio di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro dellASL 18 (S.Pre.S.A.L.) - lUfficio di Staff alla Direzione Generale per la realizzazione del Nuovo Ospedale PROTOCOLLO DI INTESA TRA I SEGUENTI SOGGETTI:

6 IL PROTOCOLLO DINTESA SULLA SICUREZZA IN CANTIERE COORDINATORE ESECUTIVO DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO CN ASL 18 ALBA- BRA ALBA- BRA COMITATO PARITETICO TERRITORIALE CN CONCESSIONARIO M.G.R. VERDUNO 2005 MEDICINA DEL LAVORO ASL 17 *

7 LA FORMAZIONE Sottoporre i lavoratori ad un test di ingresso Offrire ai lavoratori una formazione aggiuntiva a quella di sicurezza peculiari del cantiere del Nuovo Ospedale Prevedere momenti di formazione straordinaria nei casi in cui emergano deficit formativi, sulla base dei risultati dei test di ingresso Verificare che le imprese, prima di entrare in cantiere, abbiano ottemperato agli obblighi formativi nei confronti delle maestranze AZIONI PRIORITARIE COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI CUNEO

8 IL COORDINAMENTO RLS R.L.S. TERRITORIALI R.L.S. IMPRESA PRINCIPALE R.L.S. IMPRESE APPALTATRICI COMMISSIONE COORDINAMENTO R.L.S. DATORI DI LAVORO DATORI DI LAVORO C.S.E.

9 LA SORVEGLIANZA SANITARIA INCONTRI TRA MEDICI COMPETENTI, ORGANO DI VIGILANZA E SERVIZIO SOVRAZONALE DI MEDICINA DEL LAVORO DELLASL n.17 PER DIRIMERE EVENTUALI CRITICITA CONNESSE ALLA SORVEGLIANZA SANITARIA VERIFICA DELLA QUALITA DELLE PRESTAZIONI LINGRESSO DEI LAVORATORI IN CANTIERE E SUBORDINATO AL RILASCIO DEL GIUDIZIO DI IDONEITA LAVORATIVA E ALLA VERIFICA DELLA REGOLARITA DEGLI ADEMPIMENTI DI LEGGE (vaccinazione Antitetanica)

10 PIANO DI VIGILANZA PROGRAMMATA E COORDINATA - DEFINIRE LE MODALITA OPERATIVE CHE GARANTISCANO LEFFICACIA, LA UNIFORMITA E LA CONTINUITA DEGLI INTERVENTI DA PARTE DEI VARI ENTI 1.Orientare lattività di vigilanza verso problemi prioritari e fasi di lavoro critiche; 2.Individuare i rischi gravi di infortunio e di tecnopatia durante la realizzazione dellopera e promuoverne la rimozione mediante gli strumenti normativi a disposizione degli organi di vigilanza; 3.Garantire la costanza nel tempo dei controlli per tutta la durata dellopera; 4.Favorire lomogeneità dei criteri di controllo sullopera; - PREVEDERE AZIONI DI VALUTAZIONE DI QUALITA E DI EFFICACIA DELLATTIVITA DI VIGILANZA -PROMUOVERE LA COLLABORAZIONE CON IL COMITATO PARITETICO TERRITOLIALE (C.P.T.) di CUNEO -VALORIZZARE I PRINCIPI DI TRASPARENZA DELLATTIVITA DI VIGILANZA -COORDINARE I SOGGETTI CHE, A VARIO TITOLO, SI OCCUPANO DI VIGILANZA;

11 ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE – FLUSSI PSC e POS COMMITTENTE ASL 18 Alba - Bra CONCESSIONARIO M.G.R. Verduno 2005 CSP IMPRESA PRINCIPALE M.R. S.c.a.r.l. RESPONSABILE LAVORI CSE IMPRESA ESECUTRICE Flusso affidamento lavori Flusso affidamento incarichi

12 LUNIONE DEI PROCESSI DI VERIFICA DEI REQUISITI DI IMPRESA L Idoneità tecnico professionale dellimpresa attraverso le procedure per la gestione dellaffidamento lavori CAPACITA DI OPERARE IN SICUREZZA CAPACITA TECNICO ECONOMICHE FORTE SINERGIA TRA I PROCESSI ESALTAZIONE DEI REQUISITI SULLA SICUREZZA OTTIMIZZAZIONE OUTPUT DOCUMENTALE la capacità di valutare i rischi e di individuare le misure di protezione in relazione allopera da eseguire è un requisito tecnico professionale che limpresa deve possedere. È ormai prassi consolidata nella gestione dellassegnazione lavori, che limpresa concorrente produca documentazione attestante da un lato la sua situazione economica e dallaltro le sue qualità tecnico operative, questo al fine di garantire il buon esito dei lavori.

13 Comunicazione di inizio lavori o nuova fase lavorativa Dimostrazione documentale dei documenti presentati in sede di offerta LE FASI TEMPORALI Invito – Richiesta d Offerta Presentazione dOfferta Negoziazione - Aggiudicazione Atti preliminari allInizio Lavori Documenti tecnici: elaborati progettuali, Capitolati dappalto speciali e generali, specifiche tecniche, Piano di Sicurezza e Coordinamento Imprese Esecutrici invitate Impresa Principale Presentazione della Dichiarazione dellImpresa sullIdoneità tecnico professionale Impresa PrincipaleImprese Esecutrici candidate Imprese Esecutrici selezionate RdL sentito CSE, DDL Impresa Principale, Documenti integrativi Sicurezza Cantieri CSE Impresa Esecutrice individuata Impresa Principale * * *

14 ATTI PRELIMINARI ALLINIZIO LAVORI ACCESSO MAESTRANZE E MEZZI IN CANTIERE IMPRESA ESECUTRICE INDIVIDUATA DIRETTORE TECNICO DI CANTIERE IMP.PRINC. ELENCO PERSONALE ELENCO MEZZI IMPRESA PRINCIPALE NUOVO OSPEDALE ALBA - BRA Impresa _____________________________________________ IDENTIFICATIVI MEZZO Tipo _______________________________________________ Targa _______________________________________________ Telaio _______________________________________________ Altro _______________________________________________ di proprietà a nolo Firma Autorizzativa___________________________________________ Impresa Appaltante di riferimento ___________________________________________________________ IMPRESA PRINCIPALE NUOVO OSPEDALE ALBA - BRA Impresa si appartenenza Fotografia Impresa Appaltante di riferimenti Firma autorizzativa (COGNOME) (NOME)

15 Lo scopo del PdS non è soltanto quello di avere un mero elenco degli obblighi normativi, ma di pianificare le procedure e/o istruzioni operative: in attuazione di quanto la normativa vigente pone in capo al CSE; secondo quanto prevede il protocollo dintesa sulla sicurezza del cantiere stilato in accordo con lASL 18; garantendo una flessibilità nel tempo, necessaria per i continui mutamenti del cantiere. …così come il PSC è uno strumento di programmazione che indica le procedure da seguire affinché le lavorazioni siano eseguite in sicurezza - Dati riassuntivi (Pagina di guardia, documentazione di riferimento, definizioni/acronimi e sigle di abbreviazione); - Scopo e campo di applicazione; - Organizzazione del CSE- Organigramma del cantiere; - Pianificazione delle attività del CSE; - Modelli per la gestione delle attività del CSE LE ATTIVITA DEL CSE Il Piano di Sorveglianza redatto dal CSE prima dellinizio delle lavorazioni è lo strumento di programmazione che rende efficaci le attività del CSE stesso…

16 ATTIVITA DEL CSE SECONDO IL PROTOCOLLO D INTESA VERIFICA DEI DOCUMENTI rilasciati dalle imprese per La qualificazione e lidoneità tecnico professionale REDAZIONE delle indicazioni metodologiche per la redazione uniforme del POS VERIFICA DELLA FORMAZIONE programma di formazione in collaborazione con il Comitato Paritetico Territoriale SORVEGLIANZA SANITARIA Incontri tra i Medici Competenti nelle periodiche riunioni di coordinamento * VERIFICA SISTEMA ACCESSI GRADUALITA dei provvedimenti per mancato rispetto delle norme REPORT MENSILE Audit e sopralluoghi ORDINI di SERVIZIO SICUREZZA


Scaricare ppt "IL PROTOCOLLO D INTESA SULLA SICUREZZA DEL CANTIERE NUOVO OSPEDALE ALBA-BRA IL PROTOCOLLO D INTESA SULLA SICUREZZA DEL CANTIERE NUOVO OSPEDALE ALBA-BRA."

Presentazioni simili


Annunci Google