La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA Mediterranea DI REGGIO CALABRIA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA A.A. 2008/2009 Modulo di Valutazione economica dei piani SSD ICAR 22 Docente: dott.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA Mediterranea DI REGGIO CALABRIA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA A.A. 2008/2009 Modulo di Valutazione economica dei piani SSD ICAR 22 Docente: dott."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA Mediterranea DI REGGIO CALABRIA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA A.A. 2008/2009 Modulo di Valutazione economica dei piani SSD ICAR 22 Docente: dott. Francesco Calabrò

2 IL GIUDIZIO DI CONVENIENZA Leconomia è la scienza che studia la condotta umana come una relazione tra scopi e mezzi scarsi applicabili a usi alternativi (Robbins), o, in altri termini, leconomia può essere considerata la scienza delle scelte.

3 LA SOCIETA POST-MODERNA Lyotard (1979) individua il tratto distintivo della società contemporanea nella crisi dellidea di Modernità rapporto nuovo delluomo con la storia e con i valori e i progetti ideologici (pensiero debole): pur perdendo il loro valore assoluto, mantengono una validità contingente Vattimo (1985)

4 LA COMPLESSITA crisi della modernità crisi dello stato nazionale / emergere di regionalismi flussi migratori dai sud del mondo società pluralista, multiculturale e multietnica, costituita da insiemi di gruppi ad omogeneità contingente (Sartori, 1997) la complessità come cifra che caratterizza il momento decisionale.

5 DEMOCRAZIA E TEORIA DELLE SCELTE Trasferimento della sovranità popolare dai cittadini ai propri rappresentanti Struttura di preferenze costituita da un insieme di principi etici e di interessi economici (Kelsen, 1955).

6 COMPLESSITA E DECISIONI La struttura di preferenze determina linsieme degli obiettivi dellazione politica e, di conseguenza, le scelte.

7 DEMOCRAZIA E TEORIA DELLE SCELTE rappresentatività delle decisioni nodo cruciale ai fini del mantenimento del vincolo associativo

8 Contemporaneità come complessità Alcune questioni di fondo: società multiculturale democrazia e rappresentanza sostenibilità dello sviluppo globalizzazione e competitività

9 SVILUPPO SOSTENIBILE La Commissione mondiale per lambiente e lo sviluppo, presieduta da G. H. Bruntland, nel 1987 ha definito lo sviluppo sostenibile quello sviluppo capace di soddisfare i bisogni della attuale generazione senza compromettere il soddisfacimento dei bisogni delle future generazioni. LUnione Europea, attraverso i principi contenuti nel Trattato dellUnione, in particolare grazie alle modifiche apportate ad Amsterdam nel 1997, assume come proprio questo modello di sviluppo.

10 SVILUPPO SOSTENIBILE Sviluppo a tre dimensioni: economica ambientale sociale

11 I fattori critici per la competitività dei Sistemi Locali di Sviluppo: sistema delle infrastrutture ricerca orientata pubblica amministrazione

12 La Pubblica Amministrazione nei processi di sviluppo locale: crea le condizioni per lo sviluppo orienta e seleziona le scelte dei privati sceglie e realizza gli interventi di interesse pubblico privi di sufficiente redditività

13 Il riformismo degli anni 90 La legge 142/1990: decentramento amministrativo La legge 241/1990: semplificazione amministrativa

14 Lera nuovo intervento pubblico: public management intervento programmato

15 Il modo in cui viene strutturato lintervento pubblico, le operazioni e le fasi in cui si articola, gli attori che intervengono, le valutazioni necessarie, costituiscono la cosiddetta teoria del programma; nella formulazione proposta da Rossi e Freeman (1999) essa si distingue in: teoria dellimpatto, che indaga su come un programma possa produrre dei risultati, cioè sui legami tra la strategia adottata e i benefici attesi teoria del processo, che descrive le modalità di attuazione del programma. A sua volta la teoria del processo si articola in: piano organizzativo, nel quale sono individuate le modalità di utilizzazione delle risorse; piano di utilizzazione dei servizi, che contiene le indicazioni circa la somministrazione agli utenti dei servizi previsti dal programma.

16 Scelte pubbliche – alcuni aspetti significativi: scelta tra opzioni alternative distribuzione dellutilità fra gruppi sociali struttura delle preferenze individuali principio di razionalità

17 Teoria del programma concertazione e partecipazione valutazione e monitoraggio

18 Le trasformazioni del territorio: lurbanistica concertata, i programmi complessi

19 Il processo di costruzione di una policy: momento decisionale implementazione delle azioni giudizio finale

20 Il processo valutativo nelle politiche pubbliche:

21 Funzioni della valutazione (Bentivegna, 1996) miglioramento dellefficacia delle policies legittimazione delle scelte stimolo alla partecipazione

22 I beni economici e i giudizi di convenienza le valutazioni multidimensionali: multicriteria e multiobiettivi

23 Programma del corso di valutazione economica dei piani Anno accademico Introduzione: Elementi di Teoria della decisione Concetto di Razionalità Le valutazioni Multicriteriali Scale di valutazione Indicatori Tecniche di valutazione: Analytic Hierarchy Process (AHP) Analitytic Network Process (ANP) Community Impact Evaluation (CIE) Elementi di logica Fuzzy e delle reti neurali. Perequazione urbanistica. Seminari

24 Teoria delle decisioni e razionalità

25


Scaricare ppt "UNIVERSITA Mediterranea DI REGGIO CALABRIA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA A.A. 2008/2009 Modulo di Valutazione economica dei piani SSD ICAR 22 Docente: dott."

Presentazioni simili


Annunci Google